Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Sintomi del periodo: tutto ciò che devi sapere

Le donne sperimentano un ciclo mensile di sanguinamento in cui il rivestimento dell’utero viene versato e rilasciato attraverso la vagina. Questo è indicato come le mestruazioni o un periodo.

Il più delle volte, il primo periodo mestruale è vissuto da ragazze di età compresa tra 8 e 15 anni e possono iniziare come cicli irregolari di sanguinamento. L’età media di inizio delle mestruazioni negli Stati Uniti è 12 anni.

Il ciclo mestruale è controllato dagli ormoni del corpo. Ogni ormone ha un ruolo vitale nelle mestruazioni e un lavoro specifico.

  • Ormone luteinizzante e ormone follicolo-stimolante: questi due ormoni sono responsabili del rilascio di uova e della produzione di estrogeni e progesterone.
  • Estrogeni e progesterone: durante il ciclo mestruale questi ormoni sono responsabili dell’ispessimento del rivestimento dell’utero. Questo è essenziale nel fornire sostanze nutritive a un embrione impiantato.

[Dolore mestruale]

Inoltre, il progesterone è responsabile per l’ispessimento del muco cervicale e l’aumento della temperatura. Sia l’estrogeno che il progesterone causano gonfiore e sensibilità al seno. Se non si è verificata alcuna gravidanza, questi ormoni diminuiscono e si verifica il sanguinamento mestruale.

Per la maggior parte delle donne, il loro periodo si ripeterà ogni 28 giorni. Tuttavia, i cicli da 21 a 35 giorni sono anche normali nelle donne adulte. Gli adolescenti possono sperimentare cicli più irregolari che vanno dai 21 ai 45 giorni.

I periodi di solito durano 3-7 giorni e variano nella quantità di perdita di sangue. Hanno anche una gravità da lieve, moderata e pesante in quantità.

Alcune donne possono avere condizioni mediche che hanno un impatto negativo sul loro ciclo mestruale. Queste condizioni includono la malattia dell’ovaio policistico, i fibromi uterini e l’endometriosi.

Sintomi mestruali

Non tutte le donne sperimenteranno gli stessi sintomi premestruali. I sintomi comuni includono:

  • Gonfiore al seno e tenerezza
  • Tensione
  • gonfiore
  • Acne
  • Gambe, schiena o crampi allo stomaco
  • Sindrome premestruale

Sindrome premestruale

Alcune donne riferiscono di aver sentito i sintomi della sindrome premestruale, anche nota come PMS. Questa condizione molto comune può includere sintomi come:

  • Oscillazioni e cambiamenti dell’umore
  • Insonnia
  • Vertigini
  • gonfiore
  • Ritiro sociale
  • Difficoltà di concentrazione
  • Tenerezza del seno
  • Stanchezza

Questi sintomi possono variare di intensità. Altri sintomi possono includere dolori articolari o muscolari, mal di testa, ritenzione di liquidi, stitichezza e diarrea.

La sindrome premestruale può essere causata da alcune condizioni come cambiamenti nei livelli di ormone o serotonina.

Disturbo disforico premestruale

Alcune donne sperimentano una forma grave di sindrome premestruale nota come disturbo disforico premestruale o PMDD. La PMDD può portare ai seguenti sintomi:

[vertigini mal di testa]

  • Depressione
  • Sbalzi d’umore
  • Rabbia
  • Ansia
  • Sentimenti di essere sopraffatti
  • Difficoltà di concentrazione
  • Irritabilità
  • Tensione

Le persone dovrebbero parlare con il proprio medico per la valutazione e il trattamento se ritengono che potrebbero essere affetti da PMDD. La depressione può essere una causa alla base di PMDD.

Problemi del ciclo mestruale

A volte, alcune donne possono avere problemi con il loro ciclo mestruale. I problemi comunemente riscontrati includono:

  • Amenorrea: termine per descrivere la mancanza di un periodo in una ragazza all’età di 15 anni o assenza di sangue o dimissione in una donna mestruata per 90 o più giorni. Alcuni fattori che contribuiscono alla mancanza di un periodo includono gravidanza, allattamento al seno, alimentazione disturbi, esercizio eccessivo e stress.
  • Dismenorrea: questa è una condizione in cui una donna manifesta dolore mestruale a volte grave. Può essere causato da eccessiva prostaglandina (una sostanza chimica prodotta dal corpo), fibromi uterini o endometriosi.
  • Emorragia uterina anormale: questa condizione è descritta come qualsiasi sanguinamento vaginale che non è correlato a un periodo mestruale. Questo tipo di sanguinamento può includere sanguinamento tra periodi, sanguinamento dopo il sesso, eventuali perdite vaginali, sanguinamento mestruale intenso o prolungato e sanguinamento postmenopausale.

Alcune donne possono confondere i sintomi delle mestruazioni con i primi sintomi della gravidanza, in quanto possono essere simili. Questi includono un periodo mancato, tensione mammaria o gonfiore, nausea, un bisogno più frequente di urinare e stanchezza.

All’inizio della gravidanza, alcune donne sperimenteranno anche ciò che viene definito come sanguinamento da impianto, causato dall’embrione che si attacca alla parete uterina. Il sanguinamento mestruale può essere previsto circa 10-14 giorni dopo il concepimento.

Se il sanguinamento si verifica 6-12 giorni dopo l’ovulazione, l’emorragia dell’impianto può essere la causa. Può essere descritto come una macchia chiara, marrone rispetto al flusso rosso vivo di un periodo mestruale. Nella maggior parte dei casi, il sanguinamento da impianto è breve e non richiede alcun trattamento.

Se qualcuno pensa di poter essere incinta nonostante un test di gravidanza negativo, dovrebbe parlare con un operatore sanitario per la valutazione. Possono beneficiare di un esame del sangue per valutare la gravidanza.

Quando chiamare un dottore

È importante che le persone parlino con un operatore sanitario se sono preoccupate per qualsiasi sintomo. Alcune indicazioni per parlare con un medico includono:

  • Sanguinamento uterino anormale
  • Mancanza di un periodo di 15 anni, nessuna mestruazione entro 3 anni dallo sviluppo del seno o mancanza di sviluppo del seno all’età di 13 anni
  • Mancanza di sanguinamento per più di 90 giorni
  • Sanguinamento irregolare
  • Sanguinamento mestruale di durata superiore a 7 giorni, che si verificano più di 21 giorni o meno di 35 giorni
  • Emorragia vaginale pesante che richiede una modifica del tampone o del tampone ogni 1-2 ore
  • Sanguinamento tra i periodi o forte dolore mestruale
  • Segni di sindrome da shock tossico, un’infezione batterica più comunemente associata all’uso di tamponi

I sintomi di shock tossico includono:

  • Febbre superiore a 102 ° F
  • Dolore muscolare
  • Diarrea
  • vomito
  • Vertigini
  • svenimenti
  • Un’eruzione cutanea simile a una solarizzazione
  • Gola infiammata
  • Occhi iniettati di sangue.

Lo shock tossico è un’emergenza medica e richiede cure mediche immediate.

Trattare i sintomi premestruali

I sintomi premestruali influenzano le donne in modo diverso. Il trattamento di questi sintomi dipenderà dalla loro gravità. La Mayo Clinic raccomanda un regolare esercizio fisico, riducendo lo stress e modificando la dieta.

I cambiamenti dietetici includono:

  • Mangiare pasti più piccoli e più frequenti
  • Limitare l’assunzione di sale, caffeina e alcol
  • Mangiare più frutta, verdura, cereali integrali e cibi ricchi di calcio.

Inoltre, l’applicazione di impacchi caldi nella parte inferiore della pancia può fornire sollievo dai crampi. Altri sintomi mestruali, come quelli nella sindrome premestruale, possono essere trattati con una varietà di farmaci come:

[contraccettivi]

  • Inibitori selettivi dell’assorbimento della serotonina (SSRI) come fluoxetina, paroxetina e sertralina
  • Farmaci antiinfiammatori non steroidei (FANS) come ibuprofene o naprossene
  • Diuretici come lo spironolattone
  • Contraccettivi ormonali

Un operatore sanitario fornirà istruzioni sull’uso dei farmaci.

Terapie alternative che possono offrire qualche sollievo includono il trattamento con l’agopuntura e l’uso di alcuni integratori. I supplementi includono calcio, magnesio, vitamina E, gingko, zenzero, agrifoglio, olio di primula e erba di San Giovanni.

È importante notare che potrebbero esserci interazioni con determinati supplementi e altri farmaci. L’erba di San Giovanni ridurrà l’efficacia dei contraccettivi orali se assunta insieme a loro. È fondamentale che le persone parlino con il proprio medico prima di iniziare qualsiasi corso di erbe o integratori.

Chiunque abbia domande sul proprio periodo o su qualsiasi sintomo che potrebbero provare dovrebbe parlare con un operatore sanitario.

Like this post? Please share to your friends: