Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Sintomi di stanchezza cronica innescati da nervi, affaticamento muscolare

È ben noto che i sintomi della sindrome da stanchezza cronica possono essere peggiorati con l’attività fisica. Ora, un nuovo studio potrebbe far luce sul motivo per cui, dopo aver trovato la fatica cronica, le riacutizzazioni possono essere attivate da un muscolo da lieve a moderato e da uno sforzo nervoso.

[Una donna che fa una gamba solleva l'esercizio]

L’autore principale Dr. Peter Rowe, della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora, MD, e colleghi ritengono che le loro scoperte indichino alcune forme di terapia fisica come trattamento efficace per la sindrome da affaticamento cronico (CFS).

I ricercatori hanno recentemente pubblicato le loro scoperte sulla rivista.

Definita anche encefalomielite mialgica (ME), la CFS viene definita come affaticamento persistente che non può essere alleviato con il sonno o il riposo e che è esacerbato dall’attività fisica o mentale.

Oltre alla grave stanchezza, i sintomi della CFS possono includere dolori muscolari, scarsa memoria e concentrazione, dolori articolari, mal di testa, linfonodi teneri nel collo o nelle ascelle, mal di gola e problemi di sonno.

Diagnosticare la CFS è complicato; i medici non sanno che cosa causa la condizione, e al momento non ci sono test per il disturbo. Inoltre, poiché i sintomi della CFS sono simili a tanti altri disturbi, la condizione spesso viene trascurata.

Il trattamento per la CFS può essere altrettanto difficile della diagnosi; non ci sono attualmente farmaci approvati per la condizione, in gran parte perché non si sa quale sia la causa del disturbo.

Tuttavia, Dr. Rowe e colleghi ritengono che forme specifiche di terapia fisica potrebbero essere una possibile opzione di trattamento, dopo aver trovato alcuni movimenti del corpo possono provocare sintomi della condizione.

Nel lavoro precedente, il dottor Rowe e il coautore dello studio Rick Violand, un fisioterapista, hanno notato che in alcuni pazienti con CFS, le manovre corporee che mettono a dura prova la colonna vertebrale, i nervi oi muscoli sembravano causare alcuni sintomi della malattia, compresa la fatica e l’insicurezza mentale.

“Pensavamo che ciò riflettesse un meccanismo di provocazione sintomatica fondamentalmente importante e in precedenza non riconosciuto”, ha detto il dott. Rowe.

Supina gamba dritta innalzare i sintomi della CFS

Per indagare ulteriormente le loro osservazioni, i ricercatori hanno condotto uno studio clinico che ha coinvolto 60 persone con CFS e 20 senza la condizione.

I partecipanti hanno completato un aumento della gamba dritta in posizione supina o un sollevamento di una gamba finta per 15 minuti. Nel sollevamento supino della gamba dritta, una persona si distende sulla schiena mentre si alza e tiene una gamba; l’esercizio è progettato per tendere muscoli e nervi.

Ogni 5 minuti durante l’attività di 15 minuti, i soggetti hanno auto-riferito qualsiasi dolore al corpo, vertigini, mal di testa e problemi di concentrazione. Ai partecipanti è stato inoltre richiesto di segnalare tali sintomi 24 ore dopo l’attività.

Il team ha scoperto che i pazienti con CFS che hanno completato il rialzo della gamba dritta supina hanno riferito di aver sperimentato più dolore corporeo e difficoltà di concentrazione durante l’attività, rispetto ai pazienti CFS che hanno completato il sollevamento della gamba simulata.

Inoltre, 24 ore dopo, i pazienti con CFS che hanno completato il rialzo della gamba dritta supina hanno riportato una sensazione di testa vuota più intensa e sintomi più poveri in generale, rispetto ai pazienti CFS che hanno fatto l’esercizio fittizio.

Tra i soggetti che hanno completato il sollevamento della gamba dritta in posizione supina, quelli con CFS hanno riferito di aver riscontrato più sintomi durante l’attività e 24 ore dopo, rispetto ai soggetti senza CFS.

Sulla base delle loro scoperte, i ricercatori suggeriscono che anche il nervo lieve e moderato e la tensione muscolare potrebbero essere sufficienti a scatenare i sintomi della CFS.

“Se semplicemente sollevando la gamba di qualcuno con CFS in misura tale da produrre un ceppo da lieve a moderato è in grado di provocare i sintomi, sforzi muscolari prolungati o eccessivi oltre il normale range di movimento che si verificano durante le attività quotidiane potrebbero anche produrre riacutizzazioni sintomatiche. “

Co-autore dello studio Kevin Fontaine, Ph.D., University of Alabama a Birmingham

La terapia fisica può essere un trattamento fattibile per i sintomi della CFS

ha chiesto al dott. Rowe cosa si tratta di nervi e affaticamento muscolare che potrebbero scatenare sintomi di CFS.

“Il nostro obiettivo era stabilire il potenziale per il nervo / sforzo muscolare per aggravare i sintomi cardinali di ME / CFS, ma [lo studio] non è stato progettato per esaminare i meccanismi del perché potrebbe farlo”, ci ha detto.

“Sappiamo che una manovra di sollevamento della gamba dritta mette la trazione sui muscoli e sui nervi periferici dell’arto inferiore, così come sulle radici dei nervi spinali inferiori, sulle meningi e sulla catena del sistema nervoso simpatico”, ha proseguito.

“Inoltre, può imporre una spinta verso il basso sul midollo spinale, ma in questo momento non è chiaro come tale sforzo meccanico possa tradursi in sintomi”.

Mentre è necessaria un’ulteriore ricerca sul legame tra il nervo e sforzo muscolare e CFS, il team ritiene che i risultati indicano la terapia fisica come un possibile trattamento per i sintomi della CFS.

“Il nostro studio ha stabilito che la presenza di sensibilità neuromuscolare al ceppo è un altro meccanismo potenzialmente curabile per l’aggravamento dei sintomi e forse una ragione per la persistenza della ME / CFS in alcuni pazienti”, ha detto il Dr. Rowe.

“Abbiamo dimostrato in studi precedenti che il ceppo neuromuscolare e il limitato range di movimento possono essere presenti in altre aree del corpo e che queste aree di movimento limitato potrebbero dover essere trattate con forme specifiche di terapia fisica prima che le persone possano tollerare un esercizio più regolare.

Questo deve essere studiato più formalmente, ma suggerisce una via molto pratica per affrontare i sintomi “.

Dr. Peter Rowe

Dr.Rowe ha detto che lui e il suo team ora pianificano di replicare le loro scoperte usando “strumenti di misurazione più precisi” e una dimensione del campione più ampia, che renderà più facile individuare i meccanismi sottostanti di come il nervo e la tensione muscolare possano scatenare i sintomi della CFS.

Leggi di uno studio che suggerisce che i batteri intestinali alterati potrebbero causare la CFS.

Like this post? Please share to your friends: