Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Smettere di fumare entro il 40 Ripristina l’aspettativa di vita quasi normale

La durata della vita di un fumatore tende ad essere dieci anni più breve di quella di un non fumatore. Ma i fumatori che hanno smesso di fumare per il loro 40esimo compleanno possono vivere fino a quando non hanno preso l’abitudine, secondo una nuova analisi del sondaggio sulla salute e dei dati sui decessi degli Stati Uniti.

Prabhat Jha, un professore alla Scuola di salute pubblica della Lana presso l’Università canadese di Toronto, e colleghi, scrivono dei loro risultati nel numero online del 24 gennaio del New England Journal of Medicine, NEJM.

Jha, che è anche a capo del Center for Global Health Research dell’Ospedale San Michele di Toronto, afferma in una dichiarazione:

“Smettere di fumare prima dei 40 anni, e preferibilmente ben prima dei 40 anni, restituisce quasi tutto il decennio di vita perduta dal fumo continuo”.

Tuttavia, questo non è assolutamente un modo per dire che è sicuro fumare fino a quel momento e poi fermarsi, dice Jha, che aggiunge:

“Gli ex fumatori hanno ancora un rischio maggiore di morire prima di quelli che non hanno mai fumato, ma il rischio è piccolo rispetto all’enorme rischio per chi continua a fumare”.

Youtube video: “Smettere di fumare prima dei 40 anni”, St. Michael’s Hospital

Studio unico

Lo studio conferma recenti prove da Gran Bretagna, Giappone e Stati Uniti secondo cui il fumo tende a prendere dieci anni di distanza dalla vita delle persone, ovunque vivano nel mondo.

Ma è unico nel fatto che considera i rischi del fumo e i guadagni di smettere di fumare in un campione rappresentativo della popolazione americana, al contrario di gruppi come infermieri o volontari che tendono ad essere più sani.

È anche una delle prime indagini sul fumo nella generazione di donne che hanno preso l’abitudine quando erano giovani e hanno continuato a dedicarsi all’età adulta.

Per il loro studio, Jha e colleghi hanno usato storie di cessazione del fumo da oltre 200.000 uomini e donne di 25 anni e più che sono stati intervistati tra il 1997 e il 2004 come parte del National Health Interview Survey, che copre un’ampia sezione del pubblico americano ogni anno .

Utilizzando i certificati di morte, hanno poi correlato i dati del sondaggio alle cause di decessi avvenuti entro la fine del 2006 e calcolato i rischi per i fumatori, rispetto a quelli che non avevano mai fumato. Hanno anche preso in considerazione altri fattori che possono influenzare i rischi, come l’obesità, il livello di istruzione, l’età e il consumo di alcol.

Youtube video: “Donne che fumano come uomini, muoiono come uomini”, St. Michael’s Hospital

I risultati

I risultati complessivi hanno mostrato che per le persone di età compresa tra i 25 ei 79 anni, il tasso di morte per qualsiasi causa tra i fumatori correnti era circa tre volte quello tra coloro che non avevano mai fumato.

La maggior parte delle morti extra tra i fumatori sono dovute a malattie che possono essere causate dal fumo.

“La probabilità di sopravvivere dai 25 ai 79 anni era circa il doppio in quelli che non avevano mai fumato come nei fumatori attuali”, scrivono theauthors, che aggiungono:

“L’aspettativa di vita è stata accorciata di più di 10 anni tra gli attuali fumatori, rispetto a coloro che non si sono mai mossi”.

Hanno anche scoperto che i fumatori che hanno smesso di fumare tra i 35 ei 44 anni hanno guadagnato circa 9 anni di vita, mentre quelli che hanno lasciato tra 45 e 54 anni hanno guadagnato 6 anni.

Per le donne, il rischio di morire per cause legate al fumo è del 50% superiore a quello suggerito negli studi effettuati negli anni ’80.

“Le donne che fumano come uomini, muoiono come uomini”, dice Jha.

Enorme problema globale

La maggior parte degli 1,3 miliardi di fumatori del mondo vive in paesi a basso e medio reddito. Mentre in molti paesi ad alto reddito più della metà delle persone che hanno mai fumato hanno smesso, smettere di fumare è ancora raro nelle nazioni più povere.

Se le attuali tendenze continuano, il fumo ucciderà 1 miliardo di persone nel 21 ° secolo. Nel 20 ° secolo ha ucciso 100 milioni.

Jha, che consiglia i governi di tutto il mondo per quanto riguarda il controllo delle malattie, afferma che la tassazione è il modo più efficace per convincere gli adulti a smettere di fumare e impedire ai bambini di iniziare.

I fondi del National Institutes of Health, del Canadian Institutes of Health Research e del progetto Disease Control Priorities-3 di Bill e Melinda Gates Foundation hanno contribuito a finanziare lo studio.

Video Youtube: “Modelli di fumo globali”, St. Michael’s Hospital

Clicca qui per suggerimenti su come dare UpSmoking.

Scritto da Catharine Paddock PhD

Like this post? Please share to your friends: