Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Social media: come influenza la nostra salute mentale e il nostro benessere?

Nel 1971 fu consegnata la prima email. Più di 40 anni dopo, i social media hanno conquistato il mondo. I siti di social networking, come Facebook e Twitter, sono ora utilizzati da 1 su 4 persone in tutto il mondo. Tale attività può sembrare innocua, ma alcuni ricercatori suggeriscono che i social media possono influenzare la nostra salute mentale e il nostro benessere.

Nel 2012, è stato riportato uno studio che suggerisce che l’uso di Facebook può alimentare l’ansia e aumentare il senso di inadeguatezza di una persona.

Uno studio più recente, condotto dallo psichiatra sociale Ethan Cross dell’Università del Michigan, ha rilevato che l’uso di Facebook può persino renderci infelici.

“In superficie, Facebook fornisce una risorsa inestimabile per soddisfare il fondamentale bisogno umano di connessione sociale”, afferma Kross. “Ma piuttosto che migliorare il benessere, abbiamo scoperto che l’uso di Facebook predice il risultato opposto – lo indebolisce”.

Ma tali affermazioni sono esagerate? O dovremmo limitare il nostro uso dei social media? guarda le prove.

Cos’è un social media?

In sostanza, i social media definiscono una serie di siti Internet che consentono alle persone di tutto il mondo di interagire. Questo può avvenire attraverso discussioni, foto, video e audio.

Facebook è il principale sito di social networking, con oltre 1,2 miliardi di utenti attivi al mese ogni mese. La popolarità del sito è seguita da vicino da MySpace, Twitter, LinkedIn e Bebo.

Screenshot di Facebook

Le ultime statistiche mostrano che circa il 42% degli adulti online utilizza più siti di social network. Forse non sorprendentemente, la maggior parte degli utenti di social media ha meno di 30 anni, anche se il numero di utenti anziani è in aumento. Circa il 45% degli utenti di Internet di età pari o superiore a 65 anni usa Facebook, aumentando dal 35% nel 2012.

In media, gli americani hanno trascorso 7,6 ore al mese utilizzando i social media, con la maggior parte delle persone che accedono ai social network attraverso i telefoni cellulari.

Ma cosa ci attrae per i social media?

Verso la fine degli anni ’80, negli Stati Uniti è stato lanciato il primo provider di servizi Internet dial-up commerciale (ISP). La tecnologia Internet è certamente avanzata negli ultimi 25 anni, tanto che le parole “dial-up” fanno rabbrividire la maggior parte della gente.

Naturalmente, una delle principali attrazioni per la connessione a Internet era, ed è ancora, la possibilità di connettersi meglio con il mondo che ci circonda. Ad esempio, Internet ci ha permesso di inviare e-mail in alternativa alla tempestiva procedura di invio di lettere per posta. I social media si sono basati su questa premessa.

Questa è la dichiarazione di missione di Facebook:

“La missione di Facebook è dare alle persone il potere di condividere e rendere il mondo più aperto e connesso: le persone usano Facebook per rimanere in contatto con amici e familiari, per scoprire cosa succede nel mondo e per condividere ed esprimere ciò che conta per loro. “

Questo riassume ciò che la maggior parte dei siti di social networking cerca di raggiungere, e non c’è dubbio che il pubblico generale è caduto nel mondo dei social media, forse un po ‘troppo.

Dipendenza da social media

Le statistiche recenti mostrano che il 63% degli utenti americani di Facebook accede al sito ogni giorno, mentre il 40% degli utenti accede più volte al giorno.

Tutti noi abbiamo le nostre ragioni per usare i social media. Ad alcuni di noi piace sfogliare gli aggiornamenti di stato e le foto degli altri, mentre altri usano i siti per sfogare le proprie emozioni. Ma secondo il dottor Shannon M. Rauch, della Benedictine University di Mesa, in Arizona, uno dei motivi principali per cui utilizziamo i social media è l’autodistruzione e il sollievo dalla noia.

“Pertanto, i social media stanno fornendo un rinforzo ogni volta che una persona accede”, dice.

“Per coloro che pubblicano aggiornamenti di stato, i rinforzi continuano a venire sotto forma di commenti di supporto e” Mi piace “. E naturalmente sappiamo che i comportamenti che vengono costantemente rinforzati verranno ripetuti, quindi diventa difficile per una persona che ha sviluppato questa abitudine semplicemente smettere. “

Questo comportamento può portare alla dipendenza da Facebook. In realtà, tale comportamento è così comune che i ricercatori hanno creato una scala psicologica per misurare la dipendenza da Facebook: la Berge Facebook Addiction Scale (BFAS).

La scala, sviluppata dalla Dott.ssa Cecile Andraessen e colleghi dell’Università di Bergen in Norvegia, utilizza sei criteri per misurare la dipendenza da Facebook. Queste includono affermazioni come “trascorri molto tempo a pensare a Facebook e pianifichi come usarlo” e “usi Facebook per dimenticare problemi personali”. I ricercatori dicono che segnare “spesso” o “molto spesso” su quattro dei sei criteri indica la dipendenza da Facebook.

Ciò che è interessante è che i ricercatori hanno scoperto che le persone che sono più ansiose e socialmente insicure hanno maggiori probabilità di utilizzare il sito di social networking.

L’anno scorso, riportato su uno studio che ha fornito una potenziale spiegazione per la dipendenza da Facebook “fama”.

Il gruppo di ricerca, guidato da Dar Meshi della Freie Universität in Germania, ha scoperto che le persone che hanno ottenuto un feedback positivo su Facebook hanno mostrato una maggiore attività nel nucleo accumbens del cervello – una regione associata all’elaborazione di “ricompensa”. Questa attività più forte è correlata a un maggiore uso di Facebook.

Da questi studi, sembra che molti utenti che sono dipendenti da Facebook utilizzano il sito come un modo per attirare l’attenzione e aumentare la loro autostima. Ma questo comportamento può avere effetti negativi sulla salute mentale e sul benessere?

Gli impatti negativi dei social media

Nel 2012, Anxiety UK ha condotto un sondaggio sull’uso dei social media e sui suoi effetti sulle emozioni.

Il sondaggio ha rilevato che il 53% dei partecipanti ha dichiarato che i siti di social media hanno cambiato il loro comportamento, mentre il 51% di questi ha affermato che il cambiamento è stato negativo.

ragazza infelice che utilizza computer

Coloro che hanno affermato che le loro vite sono state aggravate dall’uso dei social media hanno riferito di sentirsi meno sicuri quando hanno confrontato i loro risultati contro i loro amici.

“Questo problema ha sicuramente attirato l’attenzione recente”, afferma il dott. Rauch. “Sappiamo che molte persone nei siti di social media spesso presentano versioni idealizzate delle loro vite, portando altri a fare confronti sociali verso l’alto, che possono portare a emozioni negative”.

Inoltre, il sondaggio ha rivelato che due terzi dei partecipanti hanno segnalato difficoltà a rilassarsi e dormire dopo aver usato i siti, mentre il 55% ha dichiarato di sentirsi “preoccupato o a disagio” quando non era in grado di accedere ai propri account sui social media.

In uno studio più recente, condotto dal Dr. Rauch e colleghi, il team ha scoperto che l’interazione sociale sui siti di social media, in particolare Facebook, può avere un impatto negativo sugli incontri faccia a faccia per le persone che hanno già alti livelli di ansia.

Un’altra preoccupazione riguardante l’uso dei social media è il cyber bullismo. Come affermato in precedenza, la maggior parte degli utenti di social network ha meno di 30 anni e la maggior parte di questi sono adolescenti.

Secondo Enough Enough (EIE) – un’organizzazione che mira a rendere l’uso di Internet più sicuro per bambini e famiglie – il 95% degli adolescenti che usano i social media ha assistito a forme di cyberbullismo sui social network e il 33% è stato vittima del cyber bullismo.

Ma il dott. Rauch ritiene che non sia puramente l’uso dei social media che sta andando fuori controllo, ma il nostro bisogno di essere connessi elettronicamente in ogni momento.

Lei aggiunge:

“Penso che i genitori dovrebbero essere consapevoli che i loro figli adolescenti vivono in un momento in cui sono costantemente” attivi “e connessi.

Incoraggerei qualsiasi genitore a esplorare modi per incoraggiare o addirittura delegare il tempo “fuori”, non solo lontano dai siti di social media, ma lontano dai dispositivi. Questo è probabilmente un buon consiglio per tutti noi. “

Facebook potrebbe essere utilizzato per migliorare la salute mentale e il benessere?

Sebbene molti studi indichino gli impatti negativi dei social media sulla salute mentale e il benessere, alcuni ricercatori affermano che potrebbero avere l’effetto opposto. I siti di social networking potrebbero essere uno strumento utile per identificare le persone con problemi di salute mentale.

L’anno scorso, ha riportato uno studio di ricercatori dell’Università del Missouri, secondo il quale l’attività di Facebook può essere un indicatore della salute psicologica di una persona.

Ragazza con il cellulare

Il team ha scoperto che le persone che condividevano meno immagini sul sito comunicavano meno frequentemente, avevano un profilo più lungo e meno amici di Facebook, ed erano più propensi a sperimentare l’anedonia sociale – l’incapacità di incontrare la felicità da attività normalmente divertenti, come parlare con amici.

Un altro studio, dell’University of California San Diego (UCSD), suggerisce che l’uso dei social media può persino diffondere felicità. Il team di ricerca, guidato da James Fowler della School of Medicine di UCSD, ha rilevato che gli aggiornamenti di stato felici incoraggiano altri utenti a pubblicare lievi aggiornamenti di stato.

“Il nostro studio suggerisce che le persone non stanno semplicemente scegliendo altre persone come loro da associare, ma addirittura causando il cambiamento delle espressioni emotive dei propri amici”, afferma Fowler.

“Abbiamo abbastanza potere in questo set di dati per mostrare che le espressioni emotive si diffondono online e anche che le espressioni positive si diffondono più del negativo.”

Infatti, i ricercatori ritengono che questa diffusione virale della felicità sia così forte che, se ingrandita, potrebbe innescare una “epidemia di benessere”.

“Se un cambiamento emotivo in una persona si diffonde e provoca un cambiamento in molti, allora potremmo essere notevolmente sottovalutando l’efficacia degli sforzi per migliorare la salute mentale e fisica”.

Complessivamente, sembra che gli effetti esatti dei social media sulla nostra salute mentale e sul nostro benessere restino visibili. Ma una cosa è certa; è improbabile che il nostro utilizzo di siti di social networking svanisca in qualsiasi momento.

Like this post? Please share to your friends: