Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Solo 20 minuti di esercizio fisico sufficienti a ridurre l’infiammazione, lo studio rileva

Una nuova ricerca aggiunge alla lunga lista di benefici per la salute derivanti dalla regolare attività fisica. Solo 20 minuti di esercizio fisico potrebbero avere effetti anti-infiammatori, secondo un nuovo studio.

[gambe di un corridore]

I benefici per la salute a lungo termine dell’esercizio fisico sono numerosi; essi comprendono la riduzione del rischio di malattie cardiovascolari, il miglioramento del metabolismo e il controllo del peso, oltre a rafforzare in generale il cuore, i muscoli e le ossa.

Secondo il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti, una dose regolare di attività fisica riduce anche la pressione sanguigna e riduce il rischio di diabete di tipo 2 e alcune forme di cancro.

Una nuova ricerca, pubblicata sulla rivista, indaga i benefici di sessioni di allenamento di 20 minuti sul sistema immunitario del corpo.

I ricercatori della University of California-San Diego School of Medicine – guidato da Suzi Hong, Ph.D., del Dipartimento di Psichiatria e il Dipartimento di Medicina di Famiglia e Sanità Pubblica – hanno ipotizzato che l’esercizio fisico potrebbe migliorare la risposta anti-infiammatoria del corpo da attivazione del sistema nervoso simpatico.

Il sistema nervoso simpatico aiuta ad aumentare la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e la frequenza respiratoria. L’esercizio fisico attiva questo sistema per aiutare il corpo a stare al passo.

Durante questo periodo, il corpo rilascia ormoni come adrenalina e norepinefrina nel sangue, che attivano i recettori adrenergici delle cellule immunitarie.

Analizzando la risposta immunitaria del corpo all’esercizio

Più specificamente, i ricercatori hanno testato l’ipotesi che una singola sessione di 20 minuti di esercizio sarebbe stata sufficiente per innescare l’attivazione simpatico-adrenergica, che, a sua volta, avrebbe soppresso la produzione di citochine monocitiche.

I monociti sono un tipo di globuli bianchi, o cellule immunitarie, che aiutano a combattere batteri e infezioni. Le citochine sono un tipo di proteina che aiuta altre cellule a diventare le cosiddette cellule effettrici, che a loro volta uccidono le cellule cancerose o infette.

Il TNF è una di queste citochine. Il TNF può indurre differenziazione cellulare e proliferazione, ma anche la morte cellulare, compresi quelli cancerosi. TNF ha anche proprietà pro-infiammatorie, che aiutano l’organismo a portare le sue cellule infiammatorie al sito della lesione, creando una risposta immunologica.

L’infiammazione è una parte necessaria della risposta immunitaria del corpo, ma troppa infiammazione può portare alla malattia. L’infiammazione cronica può contribuire a diabete, obesità, celiachia, artrite, fibromialgia o malattie intestinali come il morbo di Crohn o la colite ulcerosa.

Per testare la loro ipotesi, i ricercatori hanno chiesto a 47 partecipanti di camminare su un tapis roulant per 20 minuti a una velocità di intensità regolata per adattarsi al livello di forma fisica di ogni individuo. Hong e il team hanno prelevato campioni di sangue dai partecipanti sia prima che immediatamente dopo le sessioni di allenamento.

Un minimo di 20 minuti di esercizio riduce l’infiammazione

I risultati hanno rivelato che una sessione di 20 minuti di esercizio moderato può avere effetti anti-infiammatori.

Lo studio ha confermato l’ipotesi dei ricercatori. Sembra che l’esercizio produca una risposta cellulare antinfiammatoria, che potrebbe essere vista nella riduzione del TNF delle citochine.

“Il nostro studio ha rilevato che una sessione di circa 20 minuti di esercizio moderato su tapis roulant ha provocato una diminuzione del 5% nel numero di cellule immunitarie stimolate che producono TNF”, afferma Hong.

Sebbene i benefici antinfiammatori dell’attività fisica siano già noti ai ricercatori, spiega Hong, questo studio spiega il processo in modo più dettagliato.

“Sapere cosa stabilisce i meccanismi regolatori delle proteine ​​infiammatorie in movimento può contribuire allo sviluppo di nuove terapie per il numero schiacciante di individui con condizioni infiammatorie croniche, tra cui quasi 25 milioni di americani che soffrono di malattie autoimmuni”, aggiunge Hong.

L’autore principale sottolinea inoltre l’importanza di questo studio per le persone con ridotta forza o mobilità che hanno l’impressione che l’esercizio fisico debba essere estremamente intenso per essere efficace.

“Il nostro studio mostra che una sessione di allenamento in realtà non deve essere intensa per avere effetti anti-infiammatori: venti minuti a mezz’ora di esercizio moderato, inclusa la camminata veloce, sembra essere sufficiente. Sentirsi come un allenamento deve essere al massimo il livello di esercizio prolungato può intimidire chi soffre di malattie infiammatorie croniche e può trarre grande beneficio dall’attività fisica “.

Suzi Hong

Scopri perché l’allenamento del fine settimana può essere altrettanto efficace quanto essere attivo ogni giorno.

Like this post? Please share to your friends: