Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Solo 30 minuti di esercizio leggero ogni giorno possono portare benefici alla salute

Un nuovo studio del Karolinska Institutet di Stoccolma, in Svezia, suggerisce che la sostituzione del tempo trascorso seduto con l’attività fisica ad intensità luminosa può portare benefici alla salute più di quanto si pensasse in precedenza.

camminando attraverso la foresta

Nella rivista, gli autori riportano come la sostituzione di appena mezz’ora di seduta ogni giorno con le faccende domestiche, a piedi, in piedi o un’attività a bassa intensità simile sia collegata a un rischio ridotto del 24% di morte per malattia cardiovascolare.

Queste nuove scoperte potrebbero essere una piacevole sorpresa, specialmente per coloro che ritengono che solo l’attività fisica di intensità moderata o vigorosa possa fare una differenza considerevole.

Lo studio è particolarmente significativo perché ha valutato “oggettivamente” i livelli di attività fisica utilizzando i rilevatori di movimento piuttosto che i self-report dei partecipanti.

“Precedenti studi”, afferma la leader dello studio, la dott.ssa Maria Hagströmer, docente presso il Dipartimento di Neurobiologia, Scienze della cura e società, “ha chiesto ai partecipanti i livelli di attività fisica, ma questo può portare a errori di segnalazione poiché è difficile ricordare esattamente per quanto tempo si è seduti e in movimento “.

Lo studio conferma anche che la sostituzione del tempo sedentario con un’attività fisica di intensità moderata o più elevata ha un effetto ancora maggiore sulla riduzione delle morti legate a malattie cardiovascolari.

‘Evitare l’inattività’ è anche importante

Il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti spiega che “per sostanziali benefici per la salute” gli adulti dovrebbero impegnarsi in almeno 150 minuti a settimana di esercizio aerobico di intensità moderata, preferibilmente distribuiti durante la settimana in periodi di almeno 10 minuti alla volta . Suggeriscono “camminare o giocare a ritmo sostenuto” come esempi.

Alternative a questo sono 75 minuti a settimana di esercizio aerobico ad intensità vigorosa o una miscela equivalente sia moderata che vigorosa. Danno “jogging o giri di nuoto” come esempi di attività a intensità intensa.

Ancora più beneficio deriva dall’aumento del tempo trascorso nell’attività fisica aerobica, nonché da esercizi di potenziamento muscolare che “coinvolgono tutti i principali gruppi muscolari” in almeno 2 giorni alla settimana.

Le linee guida statunitensi affermano inoltre che dovremmo mirare a “evitare l’inattività”, sottolineando che “[A] i dulti che partecipano a qualsiasi attività fisica ottengono alcuni benefici per la salute”. Si potrebbe quindi essere perdonati per aver supposto che questi benefici sarebbero piuttosto piccoli, data la piccola quantità di spazio dedicata a questo consiglio.

Le nuove scoperte possono portare conforto a coloro la cui reazione alle linee guida formali è: “Riesco a malapena a trovare il tempo per fare il bucato e spazzare il cortile, non importa allenarsi per 2,5 ore alla settimana!”

Bene, sembra che il tempo passato a fare le faccende quotidiane invece di sedersi fa la differenza – e questa differenza è più grande di quanto pensassimo.

I ricercatori avevano confermato i pericoli di una seduta prolungata in uno studio precedente che dimostrava che, rispetto alla seduta per meno di 6,5 ore al giorno, sedersi per più di 10 ore al giorno era legato a un rischio 2,5 volte maggiore di morte prematura.

Lo studio ha utilizzato i dati dell’accelerometro

Per lo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati su 851 uomini e donne che hanno preso parte allo studio svedese Attitude Behavior and Change.

I dati sull’attività fisica sono stati raccolti utilizzando gli accelerometri Actigraph ei dati sulle morti e le cause di morte sono stati raccolti dai registri svedesi per un follow-up medio di 14,2 anni.

Durante il follow-up, 79 dei partecipanti morirono – 24 per malattie cardiovascolari, 27 per cancro e 28 per “altre cause”.

Quando hanno analizzato i dati relativi all’attività contro le morti e le cause di morte, i ricercatori hanno scoperto che l’attività fisica ad intensità luminosa era legata a una significativa riduzione del 24% del rischio di morte per malattie cardiovascolari e all’11% di riduzione del rischio di morte per tutte le cause.

La sostituzione del tempo sedentario con soli 10 minuti di attività di intensità moderata o intensa ogni giorno era legata a un rischio ridotto del 38% di morte per malattia cardiovascolare, mentre 30 minuti al giorno erano legati a una riduzione del 77%.

“Non sono state riscontrate riduzioni statisticamente significative per la mortalità per cancro”, notano gli autori.

“Questo è uno studio unico, dal momento che siamo stati in grado di analizzare un gran numero di persone con misure oggettive dell’attività fisica fino a 15 anni”.

Dr. Maria Hägstromer

Like this post? Please share to your friends: