Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Spirometria: cosa aspettarsi

Una spirometria è un test di funzionalità polmonare che misura quanta aria espelle una persona e quanto velocemente.

I test di funzionalità polmonare misurano quanto bene funzionano i polmoni.

È un test diagnostico basato sull’ufficio che è breve, semplice e comunemente usato.

Perché la spirometria?

Test di spirometria

Un’infermiera o un medico userà una spirometria per diagnosticare un certo numero di condizioni polmonari, tra cui:

  • Asma: infiammazione a lungo termine, gonfiore e restringimento delle vie aeree.
  • Malattia polmonare ostruttiva cronica (BPCO): un gruppo di condizioni polmonari che restringono le vie aeree e creano difficoltà nello svuotare i polmoni dell’aria.
  • Fibrosi cistica: una condizione ereditaria in cui i polmoni e gli organi digestivi si intasano di muco denso e appiccicoso.
  • Fibrosi polmonare: l’accumulo di tessuto cicatriziale nelle sacche d’aria dei polmoni, con conseguente scarsa ossigenazione del sangue.

Un medico utilizzerà la spirometria per monitorare i progressi di una persona come parte del trattamento per una condizione polmonare cronica. Può aiutare a determinare l’impatto di eventuali farmaci, incluso il modo in cui controllano la condizione.

I fumatori precedenti o attuali dovrebbero essere testati, così come le persone con più di 40 anni. Coloro che sono esposti a sostanze dannose per il polmone sul posto di lavoro, come i fumi, dovrebbero prendere in considerazione anche il controllo della loro salute polmonare.

Procedura

Il test spirometrico è un semplice test diagnostico eseguito utilizzando uno spirometro. Una persona respira nel tubo collegato allo spirometro, che registra i risultati.

Il medico chiederà a una persona eventuali farmaci respiratori che potrebbero assumere, compresi i broncodilatatori. I broncodilatatori aiutano a rilassare le vie respiratorie, allargandole e facilitando la respirazione. A una persona può essere chiesto di smettere di prenderle prima del test in modo che il loro effetto sulla respirazione possa essere testato.

Un medico può suggerire che una persona indossa abiti larghi e non mangia un pasto abbondante prima del test per aiutare il loro respiro.

Coloro che eseguono il test dovrebbero anche evitare:

  • fumare entro 24 ore dalla prova
  • esercizio estenuante
  • consumo di alcol

I seguenti passaggi si svolgono durante la procedura:

  1. Una clip è posta sul naso per chiudere le narici.
  2. La persona inspira quanta più aria possibile per riempire i polmoni.
  3. Una persona sigilla le labbra strettamente attorno alla bocca del tubo.
  4. Respirano direttamente nel tubo con la massima rapidità e forza possibile per diversi secondi.

Il test viene solitamente ripetuto almeno tre volte per garantire un risultato coerente e accurato. Il valore più alto dei tre test viene normalmente utilizzato come risultato finale. L’appuntamento potrebbe richiedere 30-90 minuti.

Il medico può somministrare un broncodilatatore che viene inalato e quindi eseguire nuovamente il test. Questo misurerebbe l’effetto che un broncodilatatore ha sulla capacità di una persona di respirare.

Potrebbe non essere possibile per il medico fornire un feedback immediato in quanto uno specialista dei polmoni, o pneumologo, dovrà fornire un’interpretazione dei risultati.

risultati

Dottore guardando i risultati dei test

La spirometria misura il flusso d’aria nel tempo. I risultati producono due valori utili nella valutazione e nel monitoraggio delle persone con funzionalità polmonare compromessa:

  • Forced Vital Capacity (FVC) è la quantità totale di aria che può essere espirata a piena capacità.
  • Il volume espiratorio forzato misurato su 1 secondo (FEV1) si riferisce al flusso d’aria durante il primo secondo dell’FVC.

Il FEV1 viene quindi diviso dal FVC per dare la proporzione di aria nei polmoni di una persona che può essere espulsa in un secondo.

Una lettura FVC inferiore al normale è un indicatore di respirazione limitata. La lettura del FEV1 aiuta i medici a determinare la gravità del problema respiratorio. Le letture basse del FEV1 segnalano un’ostruzione respiratoria più significativa.

Questa informazione può aiutare un medico a determinare i prossimi passi del trattamento. I risultati dei test spirometrici normali variano da persona a persona. I risultati medi dipendono da una varietà di fattori, tra cui età, altezza, sesso e razza.

I risultati dei test sono generalmente confrontati con la media all’interno dei vari gruppi sulla base dei dati del Terzo sondaggio nazionale sulla salute e la nutrizione (NHANES III).

Ostruttivo o restrittivo

Una malattia ostruttiva delle vie aeree è dove il restringimento delle vie aeree influenza la capacità di una persona di espirare rapidamente, ma è ancora in grado di trattenere una normale quantità di aria nei polmoni. Questo è comune con le persone con asma e BPCO.

Con una malattia polmonare restrittiva, l’assunzione di aria è ridotta perché i polmoni non sono in grado di espandersi completamente, come nella fibrosi polmonare.

Secondo i dati di NHANES III, si dice che una persona ha un difetto ostruttivo se il suo rapporto FEV1 / FVC è inferiore al 70% negli adulti, o meno all’85% nei bambini di età compresa tra 5 e 18 anni. Questo metterebbe i risultati di qualcuno al di sotto del quinto percentile.

Un medico può verificare se una condizione è reversibile attraverso i cambiamenti nei risultati di FVC / FEV1 dopo la somministrazione di un broncodilatatore. Un aumento del 12% nei risultati mostrerebbe l’efficacia di un broncodilatatore nell’invertire una condizione, come nell’asma. Alcuni sintomi non possono essere invertiti, come nella BPCO.

Un modello restrittivo negli adulti è dimostrato da un risultato FVC inferiore al quinto percentile basato sui dati NHANES III. Nei giovani di età compresa tra 5 e 18 anni, un risultato inferiore all’80% indica una condizione restrittiva nei polmoni.

Se si scopre che una persona dimostra un pattern restrittivo, è necessario eseguire una gamma completa di test di funzionalità polmonare. Avrebbero luogo per confermare una malattia polmonare restrittiva e quale forma ha la persona.

Altri metodi di prova

La spirometria è il test di funzionalità polmonare più semplice e più utilizzato, ma potrebbero essere necessari altri test per effettuare una diagnosi finale.

I test del volume polmonare sono la misura più accurata della capacità polmonare.Misurano il volume polmonare totale e vengono eseguiti con la persona seduta in una piccola stanza sigillata con pareti chiare, dove i cambiamenti di pressione all’interno consentono di determinare il volume polmonare.

Test della pulsossimetria

La capacità di diffusione polmonare determina quanto bene l’ossigeno penetra nel sangue dall’aria inalata, usando una miscela di gas contenente 0,3% di monossido di carbonio (CO). La quantità di CO lasciata nell’aria espirata dimostra quanto bene la persona possa assorbire il gas.

La respirazione eseguita in questo test è meno intensa rispetto a un test di spirometria, ma può richiedere più tempo. Il sangue può anche essere testato per trovare il livello di emoglobina che contiene. L’emoglobina influisce sull’assorbimento di ossigeno.

L’ossimetria del polso fornisce una stima dei livelli di ossigeno nel sangue mettendo una sonda sulla superficie della pelle.

Gli esami del sangue ematico misurano i livelli di un numero di gas nel sangue, come l’ossigeno e il biossido di carbonio.

I test di ossido nitrico esalato frazionato misurano la quantità di ossido nitrico nell’aria espirata di una persona.

Ulteriori metodi di test possono essere utilizzati per valutare la funzione polmonare nei neonati e nei bambini, così come quelli che non sono in grado di eseguire test spirometrici e polmonari.

Le radiografie del torace e le scansioni TC del torace possono essere utilizzate anche per vedere all’interno dei polmoni e diagnosticare determinate condizioni.

Like this post? Please share to your friends: