Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Stanchezza: perché sono così stanco e cosa posso fare al riguardo?

L’affaticamento è un problema comune che comporta uno stato fisico e mentale di essere estremamente stanchi.

L’affaticamento fisico e mentale sono diversi, ma spesso si verificano insieme. L’esaurimento fisico a lungo termine può anche portare all’affaticamento mentale.

Uno scarso sonno può portare alla fatica se in corso, e secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), 1 su 3 americani dicono di non dormire abbastanza. Il National Heart, Lung and Blood Institute (NHLBI) consiglia di dormire da 7 a 8 ore al giorno per gli adulti di età superiore ai 18 anni.

Cattivo sonno è associato a una varietà di problemi medici e condizioni di salute. Questi includono:

  • diabete
  • alta pressione sanguigna
  • malattia del cuore
  • obsesity
  • depressione

La mancanza di sonno può impedire a una persona di adempiere ai propri compiti abituali. Può rendere difficile alzarsi dal letto la mattina. Quando colpisce la sicurezza, per esempio, sulla strada, diventa un problema di salute pubblica. Nei casi più gravi, una persona può mostrare segni simili a quello di uno stato intossicato.

Fatti veloci sulla fatica:

Ecco alcuni punti chiave sulla fatica. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • La stanchezza può essere dovuta a una varietà di condizioni mediche e problemi di salute.
  • Alcune cause possono includere anemia, patologie tiroidee, diabete, malattie polmonari e cardiache e avere recentemente dato alla luce.
  • Se una condizione di salute, come il diabete, viene diagnosticata e gestita correttamente, la stanchezza può andare via.
  • Una dieta salutare e un’attività fisica regolare possono aiutare a ridurre la fatica per molte persone.

tipi

La stanchezza può rendere difficile rimanere svegli o alzarsi al mattino.

Esistono diversi tipi di affaticamento.

Affaticamento fisico: una persona trova fisicamente difficile fare le cose che fa normalmente o che erano soliti fare, ad esempio salire le scale. Include debolezza muscolare. La diagnosi può comportare un test di forza.

Affaticamento mentale: una persona trova più difficile concentrarsi sulle cose e rimanere sul compito. La persona può sentirsi assonnata o avere difficoltà a rimanere sveglia durante il lavoro.

Sonnolenza o stanchezza?

La sonnolenza può accadere quando una persona non ha abbastanza sonno di buona qualità, o quando c’è una mancanza di stimolazione. Può anche essere un segno di una condizione medica che interferisce con il sonno, come apnea del sonno o sindrome delle gambe di riposo.

La sonnolenza tipica è più probabile che sia a breve termine. Sonnolenza e sonnolenza possono spesso essere risolti ottenendo un sonno regolare e costante.

L’affaticamento, in particolare l’affaticamento cronico, è solitamente legato a una condizione medica oa un problema di salute. Potrebbe anche essere la sua condizione cronica nota come encefalomielite mialgica (ME) o sindrome da stanchezza cronica (CFS).

Le cause

La fatica è associata a molte condizioni di salute.

1) Problemi di salute mentale

Può derivare da stress, lutto e dolore, disordini alimentari, abuso di alcool, abuso di droghe, ansia, trasloco, noia e divorzio. Può verificarsi con la depressione clinica, sia a causa della depressione stessa, sia a causa di problemi associati, come l’insonnia.

2) Motivi endocrini e metabolici

Condizioni come la gravidanza, la malattia di Cushing, la malattia renale, i problemi elettrolitici, il diabete, l’ipotiroidismo, l’anemia e le patologie epatiche possono portare a fatica.

3) Farmaci e farmaci

Alcuni antidepressivi, antiipertensivi, statine, steroidi, antistaminici, farmaci di astinenza, sedativi e anti-ansia farmaci possono causare affaticamento. Anche i cambiamenti delle dosi o l’interruzione dei farmaci possono essere una causa.

4) Condizioni cardiache e polmonari

La polmonite, aritmie, asma, broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), malattia valvolare cardiaca, malattia coronarica, insufficienza cardiaca congestizia, malattia da reflusso gastroesofageo, reflusso acido e malattie intestinali inflammoatory (IBD) può causare stanchezza, tra molti altri cuore, polmone e digestiva malattie.

5) Problemi di sonno

Lavorare fino a tardi, il lavoro a turni, il jet lag, l’apnea notturna, la narcolessia, l’insonnia e l’esofagite da reflusso possono portare a una mancanza di sonno e affaticamento.

6) Sostanze chimiche e sostanze

Carenze vitaminiche, carenze minerali, avvelenamento e consumo di troppe bevande contenenti caffeina o alcolici possono disturbare il sonno normale, soprattutto se consumati troppo vicino al momento di coricarsi.

7) Varie malattie, condizioni, stati e trattamenti

Cancro, chemioterapia, encefalomielite mialgica (ME), radioterapia, sindrome da stanchezza cronica (CFS), fibromialgia, lupus sistemico, artrite reumatoide, obesità, massiccia perdita di sangue e indebolimento del sistema immunitario possono tutti causare affaticamento.

L’affaticamento può anche essere un segno di infezione. Alcune infezioni che causano stanchezza estrema includono la malaria, la tubercolosi (TB), mononucleosi infettiva, il citomegalovirus (CMV), infezione da HIV, l’influenza e l’epatite, tra molti altri.

8) Dolore cronico

I pazienti con dolore cronico spesso si svegliano spesso durante la notte. Di solito si svegliano stanchi e riposati, incapaci di dormire bene. La combinazione di dolore e mancanza di sonno può causare stanchezza e stanchezza persistenti.

Alcune malattie e condizioni in cui il dolore è il sintomo principale, come la fibromialgia, possono anche essere legate ad altre condizioni, come l’apnea notturna. Questo peggiora ulteriormente la sazietà della stanchezza. In uno studio sulla fibromialgia e sul sonno, metà delle persone con fibromialgia ha avuto apnea notturna.

9) Essere sovrappeso o sottopeso

Essere in sovrappeso aumenta il rischio di affaticamento, per vari motivi. Questi includono dover portare un peso maggiore, essendo più probabilità di avere dolori articolari e muscolari, e di essere più probabilità di avere una condizione in cui la fatica è un sintomo comune, come il diabete o l’apnea del sonno.

Allo stesso modo, una persona sottopeso può stancarsi facilmente a seconda della causa della loro condizione.Disturbi alimentari, cancro, malattie croniche e una tiroide iperattiva, possono tutti causare perdita di peso con eccessiva stanchezza e faiturismo.

10) Attività troppo o troppo poco

Una persona che si sente affaticata non può esercitare, e la mancanza di esercizio fisico può causare ulteriore affaticamento. La mancanza di esercizio può alla fine causare il decondizionamento, rendendo più difficile e faticoso svolgere un compito fisico.

L’affaticamento può colpire anche individui sani dopo un’attività mentale o fisica intensa e prolungata. Lavorare o stare svegli per lunghe ore senza sosta, specialmente durante la guida, aumenta il rischio di errori e incidenti. Le statistiche hanno dimostrato che, tra i conducenti di autobus e camion, le ore più lunghe di rimanere svegli portano a maggiori incidenti automobilistici.

È importante non guidare mentre si è assonnati. Un’indagine condotta dal CDC ha rilevato che circa 1 conducente su 25 di età pari o superiore a 18 anni si era addormentato mentre guidava nei precedenti 30 giorni.

Sintomi

Il sintomo principale della fatica è l’esaurimento con attività fisica o mentale. La persona non si sente rinfrescata dopo aver riposato o dormito. Può essere difficile svolgere attività quotidiane, tra cui lavoro, faccende domestiche e cura degli altri.

I segni e i sintomi della fatica possono essere fisici, mentali o emotivi.

Segni e sintomi comuni associati all’affaticamento possono includere:

Dolori corporei possono essere un segno di stanchezza.

  • muscoli doloranti o doloranti
  • apatia e mancanza di motivazione
  • sonnolenza diurna
  • difficoltà nel concentrare o imparare nuovi compiti
  • problemi gastrointestinali come gonfiore, dolore addominale, stitichezza e diarrea
  • mal di testa
  • irritabilità e umore
  • tempo di risposta rallentato
  • problemi di visione, come sfocatura

I sintomi tendono a peggiorare dopo lo sforzo. Possono comparire alcune ore dopo l’attività o l’esercizio, o forse il giorno successivo.

Diagnosi

La diagnosi può essere difficile, perché le cause e i sintomi sono vari e non specifici.

Il medico può porre domande relative a:

  • la qualità della fatica
  • i modelli della stanchezza, ad esempio, le ore del giorno in cui i sintomi sono peggiori o migliori e se un pisolino aiuta
  • qualità del sonno compreso stato emotivo, schemi di sonno e livelli di stress

Una persona può aiutare tenendo un registro delle ore totali dormite ogni giorno e quanto spesso si svegliano durante il sonno.

Il medico eseguirà un esame fisico per verificare eventuali segni di malattia e chiedere al paziente quali farmaci sta utilizzando. Altri fattori da considerare includono infezioni presenti o recenti e eventi che possono scatenare la fatica, come il parto, l’intervento chirurgico o il recupero da una grave lesione o malattia.

Il medico chiederà anche le abitudini di vita, compresa la dieta, l’uso di caffeina, l’uso di droghe, il consumo di alcol, il lavoro e il sonno.

Test diagnostici

Questi possono aiutare a diagnosticare una causa sottostante. A seconda degli altri sintomi, potrebbero essere necessari test delle urine, scansioni di immagini, questionari sulla salute mentale e analisi del sangue.

I test possono aiutare a escludere cause fisiche, come infezioni, problemi ormonali, anemia, problemi al fegato o problemi ai reni. Il medico può ordinare uno studio del sonno per escludere un disturbo del sonno.

Se viene diagnosticata una malattia, quella malattia sarà curata. Il controllo del diabete, ad esempio, può aiutare a risolvere il problema della stanchezza.

Trattamento

Per trattare con successo la fatica, è necessario prima trovare la causa sottostante. Alcuni esempi potrebbero essere:

  • anemia
  • apnea notturna
  • glicemia scarsamente controllata
  • tiroide iperattiva o iperattiva
  • un’infezione
  • obesità
  • depressione
  • un ritmo cardiaco anormale

Un trattamento appropriato per la condizione può aiutare ad alleviare la fatica.

Yoga, CBT e consapevolezza per la fatica

In uno studio, i partecipanti hanno riferito che affaticamento, ansia e depressione sono diminuiti, mentre la qualità della vita è migliorata in quelli con sclerosi multipla (SM) sottoposti a 2 mesi di allenamento di meditazione mentale.

Uno studio sui benefici dello yoga ha trovato alcuni miglioramenti dei sintomi di stanchezza e qualità del sonno nei sopravvissuti al cancro. Il programma di 4 settimane comprendeva posture, meditazione, respirazione e altre tecniche.

Uno studio del 2017 ha esaminato i benefici della terapia cognitivo comportamentale (CBT), della consapevolezza e dello yoga sul trattamento dei disturbi del sonno nei pazienti con cancro della mammella. I ricercatori hanno riferito che coloro che hanno partecipato alla CBT sembravano avere il maggior miglioramento nel sonno, con diminuzione dell’affaticamento, depressione e ansia, insieme a una migliore qualità della vita.

I risultati degli studi sulla consapevolezza e sullo yoga non erano chiari, ma sembravano mostrare un leggero miglioramento o almeno alcuni benefici, in generale.

Trattamento domiciliare

Ecco alcuni consigli per superare la fatica.

Dormire

Il sonno di qualità è una parte importante della gestione della fatica. Per praticare una buona igiene del sonno:

  • Cerca di andare a letto e svegliati alla stessa ora ogni giorno, anche nei giorni di riposo.
  • Impostare la temperatura della camera da letto a un livello confortevole. Il dispositivo di raffreddamento potrebbe essere migliore. La National Sleep Foundation raccomanda una temperatura ambiente compresa tra 60 e 67 ° F.
  • Assicurati che la stanza sia buia e silenziosa.
  • Evita il tempo di schermatura un’ora prima di dormire, poiché la luce e i suoni provenienti da uno schermo TV o computer possono stimolare l’attività cerebrale, influenzando la qualità del sonno.
  • Evitare di mangiare entro 90 minuti o 2 ore prima di andare a letto.
  • Quando l’ora di andare a letto si avvicina, rallenta fisicamente e mentalmente. Avere una routine costante Un bagno caldo o l’ascolto di una musica rilassante può aiutarti a liberare la mente dai pensieri stressanti e preoccupanti prima di andare a dormire.

Anche tenere un diario del sonno può aiutare.

Mangiare e bere abitudini

La dieta può influenzare quanto ci sentiamo stanchi o energici.

Ecco alcuni suggerimenti:

  • Mangia piccoli pasti frequenti durante il giorno.
  • Mangiare spuntini a basso contenuto di zucchero.
  • Evita il cibo spazzatura e segui una dieta ben bilanciata.
  • Consuma molta frutta e verdura fresca.
  • Bere bevande alcoliche e contenenti caffeina con moderazione, o per niente. Evitare la caffeina nel pomeriggio e alla sera.

Una dieta moderata e ben bilanciata può portare a una salute migliore e un sonno migliore.

Attività fisica

Un’attività fisica regolare può aiutare a ridurre l’affaticamento migliorando il sonno. Tuttavia, coloro che non sono stati fisicamente attivi per qualche tempo dovrebbero introdurre gradualmente l’esercizio. Un medico o un terapista sportivo può aiutare. Esercizio durante l’ora del giorno che è più produttivo per te.

Prenditi una pausa dalla guida

Il CDC esorta le persone a conoscere i segnali premonitori della sonnolenza sulla strada.

Se un conducente si accorge che sta facendo una delle cose seguenti, dovrebbe fermarsi e fare un pisolino o cambiare i driver.

  • sbadigliando e battendo le palpebre
  • non ricordando le ultime miglia che hanno guidato
  • manca un’uscita
  • alla deriva attraverso la corsia
  • guidando su una striscia rumorosa
  • avere problemi a rimanere concentrati

Se la stanchezza e la sonnolenza influiscono sulla tua vita quotidiana e nessuno di questi suggerimenti funziona, dovresti consultare un medico.

Like this post? Please share to your friends: