Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Stent cerebrali per ridurre il rischio di ictus hanno l’effetto opposto

Gli stent cerebrali, che sono posizionati per aprire un’arteria bloccata e sono progettati per prevenire ictus in individui ad alto rischio, in realtà aumentano considerevolmente il rischio di ictus e decessi, i ricercatori hanno riportato nel NEJM (New England Journal of Medicine, dopo aver completato un multi- Centro studi clinici I pazienti che hanno ricevuto stent cerebrali sono risultati avere il doppio del tasso di ictus e morte rispetto a quelli senza stent, hanno scritto gli autori.

Questo significativo aumento del rischio di ictus ha indotto l’Istituto Nazionale di Malattie Neurologiche e Ictus a interrompere l’iscrizione al processo nell’aprile 2011.

Il NIH (National Institutes of Health) ha allertato i medici e il pubblico in generale sui risultati del processo. Ciò probabilmente modificherà in modo significativo le decisioni terapeutiche, con i medici che raccomandano ai pazienti di subire cambiamenti nello stile di vita e assumere determinati farmaci ipertensivi, che fluidificano il sangue e che abbassano il colesterolo.

Il processo ha coinvolto 450 pazienti in 50 centri negli Stati Uniti. Tutti avevano avuto recentemente un ictus o sintomi simili a quelli temporanei legati a un considerevole restringimento di un’arteria maggiore nel cervello. Quando un’arteria cerebrale si restringe, l’apporto di sangue al cervello scende, il che aumenta significativamente il rischio di ulteriori ictus.

Sono stati tutti prescritti farmaci che fluidificano il sangue e hanno ricevuto terapie aggressive per il controllo della pressione arteriosa e dei livelli di colesterolo nel sangue. 225 di loro sono stati scelti casualmente per ricevere gli stent cerebrali.

Gli autori riportano che:

  • I pazienti con stent
    Il 15% ha avuto un secondo ictus o è deceduto entro 30 giorni dall’inizio del trattamento.
    Il 20,5% ha avuto un ictus o è deceduto entro un periodo di follow up di quasi un anno.
  • I pazienti non-stent
    Meno del 6% ha avuto un secondo ictus o è morto entro 30 giorni dall’inizio del trattamento.
    L’11,5% ha avuto un ictus o è deceduto entro un periodo di follow up di quasi un anno.

L’investigatore co-principale Colin P. Derdeyn, MD, Scuola di Medicina dell’Università di Washington a St. Louis, ha dichiarato:

“Le complicanze sul lato dello stent erano più alte di quanto ci aspettassimo: ulteriori ricerche potrebbero identificare gruppi specifici di pazienti che potrebbero trarre beneficio da questi stent, ma per ora sembra che siamo in grado di salvare più vite lavorando aggressivamente per abbassare la pressione sanguigna e colesterolo. “
Gli autori dicono che ora stanno cercando di scoprire cosa sta causando ai pazienti con stent un aumento dell’ictus e dei tassi di mortalità. Suggeriscono che i coaguli si formino sugli stent e poi si distacchino. Un’altra possibilità potrebbe essere il danneggiamento dei vasi sanguigni quando lo stent è installato.

Negli Stati Uniti, l’ictus è la quarta principale causa di morte. Oltre 50.000 dei 750.000 ictus che si verificano in America ogni anno sono causati da stenosi. La stenosi si riferisce al restringimento o al blocco dei vasi sanguigni causato dall’accumulo di coaguli e placche. Gli individui con diabete, ispanici, asiatici-americani e afro-americani hanno un rischio maggiore di stenosi rispetto ad altre persone.

Il sistema Gateway-Wingspan, una tecnologia che consente al chirurgo di aprire un’arteria cranica bloccata inserendovi un palloncino e gonfiandolo, è l’unico dispositivo approvato dalla FDA dedicato alle arterie bloccate nel cervello. Il palloncino viene gonfiato, dopo di che viene inserito lo stent per mantenere l’arteria aperta.

Mark Chimowitz, MBChB, della Medical University of South Carolina di Charleston, e Derdeyn hanno deciso di determinare quali rischi e quali benefici potrebbero derivare dal Gateway-Wingspan in uno studio clinico randomizzato. Hanno progettato lo stenting contro una gestione medica aggressiva per prevenire l’ictus ricorrente nella stenosi intracranica.

Derdeyn dice:

“Uno studio precedente ha rilevato che i livelli di pressione sanguigna e colesterolo elevati in questo gruppo di pazienti erano fortemente associati a un aumentato rischio di ictus. Abbiamo sviluppato protocolli di” gestione medica aggressiva “che chiedevano ai medici di lavorare sodo per portare la pressione sanguigna e il colesterolo nei range di sicurezza Abbiamo anche monitorato regolarmente i pazienti per vedere se questi obiettivi erano stati raggiunti. “
Lo studio umano è iniziato nel 2008.

Derdeyn, che è anche direttore dello Stroke and Cerebrovascular Center al Barnes-Jewish Hospital e della School of Medicine, ha dichiarato:

“Abbiamo accettato solo pazienti le cui stenosi bloccavano il 70% o più di un’arteria, quindi si trattava di un gruppo ad alto rischio. Anche se eravamo selettivi in ​​questo senso, non abbiamo studiato la natura dei blocchi – per esempio, quanto di il blocco era solo la placca e quanta parte era coagulo di sangue su una placca, questi pazienti possono avere diversi rischi di ictus con stenting “.
Hanno aggiunto che quel tipo di informazione che è potenzialmente ottenibile attraverso le moderne tecniche di scansione, potrebbe aiutare i ricercatori e altri medici che si occupano di questi pazienti a piani di trattamento più mirati.

Coloro che sono già stati trattati verranno seguiti per altri 24 mesi.

Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: