Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Storia del diabete: trattamenti passati e nuove scoperte

Il diabete è una condizione caratterizzata da alti livelli di zucchero nel sangue. Colpisce milioni di persone in tutto il mondo. La ricerca sul diabete è in corso ma il diabete è semplice da gestire per la maggior parte delle persone.

Da quando il diabete è stato scoperto, ci sono stati enormi miglioramenti nel modo in cui viene trattato. Questo articolo esamina la storia del diabete e come sono stati sviluppati questi trattamenti.

Il diabete colpisce i livelli di zucchero nel sangue

uno schema del pancreas

Il corpo riceve energia dallo zucchero (glucosio), che è suddiviso dal cibo che le persone mangiano. Il diabete colpisce l’insulina. L’insulina è un ormone prodotto nel pancreas che aiuta nel processo di utilizzo di questo zucchero in modo efficiente.

Le persone con diabete di tipo 1 non producono insulina. Le persone che hanno il diabete di tipo 2 producono insulina, ma il loro corpo non è in grado di usarlo in modo efficiente.

Quando una persona ha il diabete, la mancanza di insulina o l’incapacità del corpo di usarla correttamente, fa sì che lo zucchero rimanga nel sangue piuttosto che entrare nelle cellule per essere usato per produrre energia. Questo eccesso di zucchero nel sangue risulta in livelli di zucchero nel sangue superiori al normale.

Avere alti livelli di zucchero nel sangue per un periodo prolungato può causare problemi gravi e persino mortali. Tuttavia, ci sono molti modi in cui la condizione può essere gestita in modo tale da evitare questi problemi.

Scienza precoce intorno al diabete

Comprendere la storia del diabete e come è stato trattato per la prima volta può aiutarci ad apprezzare quanto bene sia compreso e gestito oggi.

Scoperta del diabete

Il nome completo per il diabete è il diabete mellito. Questo termine deriva dalla parola greca “diabete” (per sifonare o passare attraverso) e la parola latina “” (miele o dolce).

Il primo uso del termine “diabete” può essere fatto risalire ad Apollonio di Menfi intorno al 250 aC. La prima registrazione inglese del diabete in un testo medico avvenne intorno al 1425. Nel 1675, Thomas Willis aggiunse la parola “mellito” perché le persone con diabete avevano un’urina dal sapore dolce.

Nel 1776, Matthew Dobson fu in grado di confermare che l’urina delle persone con diabete aveva un sapore dolce perché conteneva zucchero in eccesso. Ne dedusse quando notò una sostanza simile a zucchero bruno nelle urine.

Dobson notò anche che il diabete si rivelò fatale in alcune persone, mentre in altre era una condizione cronica. Questa è la prima volta che viene identificata una netta differenza tra il diabete di tipo 1 e il diabete di tipo 2.

Trattamenti precoci per il diabete

I primi medici greci consigliavano l’esercizio, se possibile, a cavallo. Credevano che questo avrebbe ridotto il bisogno di minzione in eccesso.

Altre opzioni di trattamento includevano il sovralimentazione con il vino, che si pensava potesse aiutare a compensare la perdita di liquidi.

Sfortunatamente, questi modi di gestire il diabete non erano particolarmente efficaci. A causa della mancanza di un trattamento adeguato, le persone con diabete hanno avuto gravi problemi di salute.

Scoperta del pancreas

Joseph von Mering

Nel 1889, Joseph von Mering e Oskar Minkowski scoprirono il ruolo del pancreas nel diabete. Dopo aver rimosso il pancreas dai cani, scoprirono che gli animali sviluppavano tutti i segni e i sintomi del diabete. Tuttavia, anche loro morirono poco dopo.

Questa scoperta ha aiutato gli scienziati a comprendere il ruolo che il pancreas svolge nei livelli regolatori di zucchero nel sangue.

Nel 1910, Sir Edward Albert Sharpey-Schafer fece un altro passo avanti. Scoprì che il diabete era causato dalla mancanza di una certa sostanza chimica prodotta dal pancreas.

Sharpey-Schafer ha chiamato questa insulina chimica, che deriva dalla parola latina “.” Questo significa isola e si riferisce alle cellule produttrici di insulina nel pancreas, conosciute come le isole di Langerhans.

Trattamenti nel 1900

Tra il 1900-1915 furono proposti diversi trattamenti per il diabete. Trattamenti precoci inclusi:

  • la cura dell’avena, che consisteva nel mangiare 8 once di fiocchi d’avena mescolati con 8 once di burro ogni 2 ore
  • la dieta del latte
  • la cura del riso
  • terapia della patata
  • oppio
  • sovralimentazione per reintegrare i liquidi persi e aumentare il peso, sintomi che hanno sperimentato molte persone con diabete

Non è stato fino al 1921 che la gestione del diabete si è spostata oltre queste terapie basilari e in gran parte inefficaci. In quest’anno, Sir Frederick Grant Banting e Charles Herbert Best hanno dimostrato come trattare il diabete con insulina.

Banting e Best sono stati in grado di invertire il diabete nei cani. Lo fecero iniettandoli con un estratto delle isole pancreatiche di cani sani.

Successivamente, insieme a James Collip e John Macleod, hanno estratto e purificato l’insulina prelevata dalle mucche e l’ha usata per curare le persone con diabete.

Produzione di massa di insulina

Nel gennaio 1922, Leonard Thompson 14 anni divenne la prima persona a ricevere un’iniezione di insulina per curare il diabete. Thompson visse altri 13 anni con la condizione prima di soccombere alla polmonite.

Sempre nel 1922, l’azienda farmaceutica Eli Lilly fece un accordo per produrre insulina di massa nel Nord America. Ciò ha causato la diffusione dell’insulina e del suo utilizzo in tutto il mondo, aiutando molte persone con diabete a gestire meglio la loro condizione.

Comprendere la resistenza all’insulina

Nel 1936, Sir Harold Percival (Harry) Himsworth pubblicò alcune ricerche che differenziano il diabete di tipo 1 e di tipo 2.

Ha teorizzato che molte persone non erano carenti di insulina, ma invece avevano insulino-resistenza. È ormai noto che l’insulino-resistenza è un fattore che causa il diabete di tipo 2. Deriva da una combinazione di insulino-resistenza e alterata funzione delle cellule beta.

La ricerca sull’insulina è continuata. Nel 1982, è stata creata un’insulina umana biosintetica nota come humulina. Humulin è identico nella struttura dell’insulina umana.

La produzione di massa è iniziata per questa nuova forma di insulina e è stata venduta in molti paesi diversi. Fu a questo punto che il trattamento del diabete decollò davvero.

Reflolux, noto anche come Accu-Chek, è stato introdotto nel 1983 come metodo per monitorare accuratamente la glicemia. Il 1986 ha visto l’introduzione del sistema di consegna della penna per insulina e nel 1993 sono entrati in commercio compresse istantanee di glucosio.

Trattamento moderno

 Credito immagine: PD-US </ br>“></p> <p align=Negli ultimi anni, ci sono stati ulteriori progressi nella cura del diabete. Questi includono l’introduzione di analoghi dell’insulina e lo sviluppo di nuovi modi per somministrare l’insulina.

Analoghi dell’insulina

Nel 1996, la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato lispro (Humalog), la prima insulina sintetica umana.

L’insulina sintetica umana è identica per struttura all’insulina che si trova naturalmente nel corpo. Le persone con diabete le iniettano sotto la pelle.

L’insulina lispro inizia a funzionare circa 15 minuti dopo l’iniezione e continua a funzionare per 2-4 ore. L’insulina glargine (Toujeo) è a lunga durata d’azione, inizia a funzionare diverse ore dopo l’iniezione e dura fino a 24 ore.

Sebbene sia un’opzione di trattamento valida, l’insulina sintetica umana non funziona bene come l’insulina naturale perché si aggrega quando viene iniettata. Ciò significa che ci vuole più tempo per assorbire.

Non è in grado di lavorare in sincronia con le esigenze del corpo. Effetti collaterali sfavorevoli significano che non è prescritto per molte persone con diabete.

Gli effetti collaterali includono:

  • inizio ritardato dell’azione
  • tempo di punta variabile
  • durata variabile dell’azione

Gli analoghi dell’insulina sono stati sviluppati per imitare il modello naturale di rilascio dell’insulina. Ciò che distingue questi analoghi è che contengono piccoli cambiamenti strutturali o di amminoacidi. Questi danno risultati più desiderabili quando una persona diabetica li inietta sotto la pelle. Una volta assorbiti, agiscono sulle cellule come l’insulina umana e possono essere assorbiti in modo più prevedibile.

Pompe per insulina

Gli anni ’90 portarono pompe per insulina esterne e analoghi dell’insulina addizionali, che presentavano una serie di benefici, tra cui:

  • risultati migliori
  • meno reazioni
  • più flessibilità
  • più facile gestione del trattamento

Attualmente, ci sono oltre 300 analoghi che consentono ai medici e alle persone con diabete di personalizzare al meglio i loro piani di trattamento.

Ricerca continua

Sebbene i piani di trattamento abbiano fatto molta strada dalla scoperta del diabete, la ricerca è ancora in corso.

I ricercatori dell’Ospedale di Ottawa e dell’Università di Ottawa stanno esplorando il ruolo di una proteina che uccide i batteri chiamata peptide antimicrobico di catelicidina (CAMP).

La proteina che uccide i batteri è stata trovata nel pancreas, dove i batteri non sono solitamente presenti. Gli scienziati stanno cercando di capire il legame tra il CAMP e il diabete di tipo 1, ma pensano che la proteina possa aiutare con la produzione di insulina.

L’American Diabetes Association (ADA) ha finanziato una serie di progetti di ricerca, tra cui uno che sta tentando di identificare il possibile innesco per il diabete di tipo 1. Un altro notevole progetto di ricerca sta studiando la connessione tra lo stress e il diabete di tipo 2.

Inoltre, secondo, la ricerca e lo sviluppo di un pancreas bionico è in corso. Attualmente, non esiste una cura per il diabete di tipo 1. Sarebbe comunque un importante passo avanti, se gli scienziati riuscissero a capire cosa provoca il sistema immunitario ad attaccare le proprie cellule di insulina.

Il diabete può essere curato Tuttavia, può causare ulteriori problemi di salute se non è ben gestito. Secondo l’ADA nel 2012, 29,1 milioni di americani o il 9,3% della popolazione aveva il diabete. Quindi, il continuo miglioramento nel modo di trattare e, infine, prevenire, il diabete rimane importante.

Like this post? Please share to your friends: