Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Studio suggerisce il diabete di tipo 2 causato dall’accumulo di grasso tossico

Un numero schiacciante di americani vive con il diabete e molti altri con prediabete. Anche se l’obesità è un fattore di rischio per questa condizione, una nuova ricerca suggerisce che potrebbe essere solo un certo tipo di grasso che produce il diabete di tipo 2.

[Primo piano delle mani della donna che controllano i suoi livelli di insulina con il correttore dell'insulina]

Oltre 29 milioni di americani, ovvero il 9,3% della popolazione degli Stati Uniti, vivono con il diabete, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Il diabete di tipo 2 rappresenta il 90-95% di tutti questi casi.

Nel diabete di tipo 1, i pazienti non producono abbastanza insulina ormonale. Nel diabete di tipo 2, anche se il corpo produce insulina, non può usarlo correttamente.

L’insulina è secreta dal pancreas quando rileva l’assunzione di zucchero. L’insulina consente alle cellule di accettare il glucosio, che viene poi processato dalle cellule e trasformato in energia.

Nei pazienti la cui insulina non viene somministrata in modo efficace, il glucosio non viene assimilato dalle cellule ma invece si accumula nel sangue. Il diabete si verifica quando i livelli di zucchero nel sangue sono anormalmente alti.

Anche se essere sovrappeso o obesi è un fattore di rischio comune per il diabete, i ricercatori hanno sottolineato che il diabete può ancora verificarsi in persone con un peso sano.

Ricerche precedenti hanno rilevato che il 12% delle persone con diagnosi di diabete tra il 1990-2011 aveva un peso normale. La stessa ricerca indica che una volta diagnosticati, i partecipanti di peso normale avevano più probabilità di morire di diabete rispetto ai loro coetanei più pesanti.

Motivi per questo erano sconosciuti, fino ad ora. Una nuova ricerca potrebbe aver messo in luce non solo il motivo per cui le persone con un peso sano sono ancora soggette al diabete di tipo 2, ma anche perché alcune persone sono più suscettibili di altre.

Potrebbe essere che un certo tipo di grasso è ciò che rende le persone inclini al diabete di tipo 2, indipendentemente dal loro peso.

Le ceramidi hanno innescato la resistenza all’insulina, il diabete nei topi

L’autore senior Scott Summers, Ph.D., presidente della University of Utah Dipartimento di nutrizione e fisiologia integrativa, ritiene che potrebbe essere una classe tossica di metaboliti dei grassi chiamata ceramidi che causa il diabete di tipo 2.

La nuova ricerca di Summer e team mostra che un accumulo di ceramidi impedisce al tessuto grasso di funzionare normalmente nei topi.

Quando mangiamo troppo, parte del grasso in eccesso viene immagazzinato o bruciato per produrre energia. Ma per alcune persone, il grasso in eccesso si trasforma in ceramidi.

“Le ceramidi influiscono sul modo in cui il corpo gestisce i nutrienti, compromettono il modo in cui il corpo risponde all’insulina e anche come brucia calorie”.

Scott Summers, Ph.D.

Quando troppi ceramidi si accumulano nel tessuto grasso, il corpo raggiunge un “punto critico”, come dice Summers. Il tessuto grasso smette di funzionare correttamente e il grasso si riversa nei vasi sanguigni, nel cuore o continua a danneggiare i tessuti periferici.

Le ceramidi sono state precedentemente collegate al diabete da almeno tre diversi meccanismi: causano la morte delle cellule beta pancreatiche, aumentano la resistenza all’insulina e riducono l’espressione del gene dell’insulina.

Il nuovo studio sottolinea ulteriormente il ruolo delle ceramidi nella creazione di resistenza all’insulina.

L’aggiunta di ceramidi extra alle cellule di grasso nei topi li rendeva insulino-resistenti e incapaci di bruciare calorie. Al contrario, i topi con meno ceramidi non sviluppavano alcuna resistenza all’insulina.

I topi con eccessiva ceramidi avevano anche maggiori probabilità di sviluppare diabete e malattie del fegato grasso.

I risultati dello studio sono stati pubblicati nell’ultimo numero di.

Implicazioni per ulteriori ricerche

Questo studio suggerisce che alcune persone sono predisposte a trasformare il grasso in eccesso in ceramidi anziché in calorie.

“[La ricerca] suggerisce che alcune persone magre avranno il diabete o la malattia del fegato grasso se qualcosa come la genetica innesca l’accumulo di ceramide”, ha detto l’autore principale Bhagirath Chaurasia, professore associato presso la University of Utah.

Summers sottolinea che alcuni paesi asiatici hanno un tasso di diabete più alto rispetto agli Stati Uniti, anche se il tasso di obesità è relativamente basso.

Il diabete è già stato collegato a determinate razze / etnie, con afro-americani, ispanici, nativi americani, alcuni asiatici e nativi hawaiani o altri isolani del Pacifico che sono particolarmente a rischio per il diabete di tipo 2, secondo il CDC.

“Alcune persone non sono fatte per trattare i grassi alimentari”, afferma Summers. “Non è solo quanto mangi, perché alcune persone possono mangiare molto e conservano tutto il grasso in modo efficace e rimangono in salute”.

Di conseguenza, gli scienziati stanno ora esaminando le mutazioni genetiche che potrebbero rendere le persone predisposte all’accumulo di ceramidi.

Secondo i ricercatori, i livelli di ceramide predicono l’esistenza del diabete negli uomini meglio dell’obesità. I pazienti a Singapore che hanno ricevuto un intervento di bypass gastrico, sebbene tutti obesi, avevano diversi livelli di ceramidi nel loro corpo. Quelli con livelli più bassi non avevano il diabete di tipo 2, mentre quelli con diagnosi di malattia avevano livelli più alti di metaboliti tossici.

Summers sta attualmente lavorando per sviluppare farmaci che potrebbero inibire la sintesi di ceramide.

“Bloccando la produzione di ceramide, potremmo essere in grado di prevenire lo sviluppo del diabete di tipo 2 o altre condizioni metaboliche, almeno in alcune persone”, aggiunge Chaurasia.

Leggi la scoperta di una proteina potrebbe essere mirata a invertire la resistenza all’insulina

Like this post? Please share to your friends: