Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Sulfasalazina può invertire la malattia epatica anche per i bevitori pesanti

La sulfasalazina, un farmaco economico attualmente utilizzato per l’artrite e la IBD (malattia infiammatoria intestinale) può invertire le cicatrici associate alla cirrosi epatica, affermano gli scienziati dell’Università di Newcastle, nel Regno Unito. I medici avevano sempre pensato che la fibrosi – cicatrici associate alla cirrosi – fosse irreversibile. Questo nuovo studio sugli animali ha dimostrato che il danno può essere invertito con Sulfhasalazina.

Nel Regno Unito, circa il 10% della popolazione adulta ha problemi al fegato, principalmente a causa del consumo eccessivo di alcolici e dell’obesità / sovrappeso.

Il fegato ha myofibrobrlasts epatico, queste sono cellule che creano tessuto cicatriziale quando l’organo è ferito. I miofibrobralati epatici producono proteine ​​che rendono più difficile la decomposizione del tessuto cicatriziale. In un fegato sano le cicatrici scompaiono gradualmente e quelle nuove sane li sostituiscono. Ciò non accade quando il tessuto epatico è malato e il tessuto cicatriziale si diffonde.

Gli scienziati hanno scoperto che la sulfasalazina impedisce al miofibrobralastico epatico di produrre la proteina che protegge le cellule del tessuto cicatriziale. In altre parole, aiuta il tessuto cicatriziale a sciogliersi gradualmente.

Se gli studi sull’uomo mostrano risultati simili, potrebbe significare trattare e sottoporre i pazienti a Sulphasalazina piuttosto che sottoporli a un trapianto di fegato. Gli scienziati dicono che inizieranno le prove con forti bevitori che non bevono più, ma i cui fegati non sono in grado di riprendersi da soli.

Questo farmaco potrebbe essere una manna per gli alcolizzati che hanno smesso di bere. Anche un recupero apparentemente piccolo del 10% può fare un’enorme differenza per la salute generale del paziente e la qualità della vita, affermano i ricercatori.

I ricercatori dicono che la sulfasalazina potrebbe dimezzare il tasso di mortalità per cirrosi nel Regno Unito. Il trattamento costerebbe £ 10 ($ 18,50) a settimana.

Alcuni fatti sulla cirrosi

– Responsabile di 1,4 milioni di morti all’anno in tutto il mondo
– Responsabile di 5.000 – 10.000 decessi all’anno nel Regno Unito
– Gli stadi iniziali sono privi di sintomi (quindi il danno si accumula inosservato)
– Non esiste attualmente alcuna cura. L’unico trattamento di stadio finale è un trapianto di fegato
– Le cause più comuni sono l’epatite C (a livello globale) e il consumo eccessivo di alcol (paesi sviluppati)
– La Scozia ha tassi particolarmente alti tra i paesi sviluppati

Scritto da: Christian Nordqvist
Redattore: Notizie mediche oggi

Like this post? Please share to your friends: