Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Superare la resistenza della leptina nella battaglia contro l’obesità

Come la leptina, un ormone che regola il metabolismo e il peso corporeo interagisce con un importante recettore cerebrale, ha fornito ai ricercatori dell’Università del Michigan informazioni sui possibili modi di combattere l’obesità, i disordini metabolici e alcune malattie infiammatorie, dice un rapporto pubblicato su Molecular Cell in Ottobre 2012.

La leptina è stata scoperta nel 1995 e da allora è di grande interesse per gli scienziati che cercano nuovi trattamenti per il diabete di tipo 2 e l’obesità. La leptina, come l’insulina, è un ormone. Fa parte di una rete di ormoni regolatori che controllano il modo in cui l’energia viene consumata e consumata nel corpo. La resistenza alla leptina o la sua mancanza sono state associate all’obesità.

La resistenza alla leptina può verificarsi per un numero di ragioni differenti; gli autori li descrivono come “ragioni complesse”. A volte, la resistenza alla leptina è causata da un malfunzionamento del recettore della leptina del cervello.

Acquisendo una migliore comprensione di come interagiscono la leptina e il suo recettore, i ricercatori ritengono che saranno in grado di trovare nuovi trattamenti per i disturbi metabolici e l’obesità. La struttura del complesso di segnalazione tra la leptina e i suoi recettori non è stata studiata correttamente, spiegano gli autori.

Georgios Skiniotis ha utilizzato la microscopia elettronica per ottenere la prima immagine della leptina e del suo recettore che interagisce. Ha scoperto che il recettore della leptina è simile ad altri recettori della stessa famiglia. Ha spiegato che questo potrebbe aiutare i ricercatori a trovare nuovi obiettivi per il trattamento delle condizioni legate agli ormoni.

Skiniotis ha detto:

“È emozionante non solo perché potrebbe essere d’aiuto nello sviluppo di nuovi farmaci, ma ora comprendiamo meglio il design e i meccanismi di segnalazione attraverso questa classe di recettori, il che ci porta a un’intera nuova serie di domande intriganti”.
Nel diario, Skiniotis e la squadra spiegano come il recettore è formato da due gambe incernierate girevoli, che continuano a ruotare fino a quando non entrano in contatto con la leptina. Quando la leptina si lega al recettore, le gambe diventano rigide.

Non appena la leptina si lega al recettore e le due gambe diventano rigide, inviano un segnale alla Janus-kinase, un enzima. L’inibizione della Janus-kinasi potrebbe aiutare a migliorare diverse condizioni legate all’infiammazione o disturbi metabolici, come il diabete di tipo 2, l’artrite reumatoide e la psoriasi. I pazienti con psoriasi hanno livelli più elevati di leptina. Diversi farmaci sono stati studiati per i trattamenti relativi alle chinasi di Junus.

Il direttore dell’Istituto di scienze della vita, Alan Saltiel, spiega che il lavoro di Skiniotis può aprire la strada alla ricerca su una serie di malattie e condizioni.

Saltiel ha detto:

“Questo studio può aiutare a risolvere un problema importante con cui abbiamo lottato per qualche tempo”, ha detto. “Dato che la leptina è un maestro regolatore dell’appetito, capire perché la resistenza ai suoi effetti si sviluppa nell’obesità è stato un grosso ostacolo alla scoperta di nuovi farmaci per l’obesità e il diabete.Possono essere il primo passo per sviluppare un quadro chiaro di come la leptina possa legarsi al suo recettore nel superare la resistenza alla leptina “.
La leptina è stata ampiamente studiata. Di seguito sono riportati alcuni esempi di alcuni risultati:

  • È stata identificata una via di segnalazione nel cervello che può indurre una resistenza alla leptina cellulare, un problema che mina la capacità del corpo di riconoscere che è pieno e dovrebbe smettere di mangiare.
  • Le femmine con livelli elevati di leptina hanno meno sintomi depressivi. Questa relazione inversa non è associata a BMI (indice di massa corporea), i ricercatori hanno trovato.
  • Una mancanza di leptina contribuisce all’amenorrea ipotalamica. Trattare le donne con una forma sintetica di leptina può ripristinare la fertilità e ridurre il rischio di fratture ossee nelle donne molto magre.
  • Un aumento dei livelli di leptina può favorire le neoplasie del colon-retto attivando le cellule staminali del cancro del colon-retto. In altre parole, la leptina può promuovere il cancro del colon-retto.
  • Mangiare troppo fruttosio può provocare la resistenza alla leptina.

Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: