Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Supplementi di calcio e vitamina D possono aumentare il rischio di polipi

L’analisi dei dati di un ampio studio ha dimostrato che l’uso di integratori di calcio – con e senza vitamina D – può aumentare il rischio di sviluppare determinati tipi di polipi o escrescenze precancerose nel colon o nel retto fino a 10 anni dopo l’assunzione di integratori .

supplementi di vitamina D di calcio

I dati provengono da uno studio clinico randomizzato che ha testato l’uso di supplementi di calcio e vitamina D per prevenire i polipi colorettali.

I ricercatori, che riportano le loro scoperte sulla rivista, raccomandano che ora vengano fatti ulteriori studi per convalidare i loro risultati.

Se i risultati fossero confermati, tuttavia, gli autori dello studio ritengono che avranno “importanti implicazioni” per lo screening e la prevenzione del cancro del colon-retto.

Precedenti studi sull’effetto degli integratori di calcio e vitamina D sulla prevenzione dei polipi hanno dato risultati incoerenti.

Il cancro del colon-retto è una malattia in cui proliferano le cellule anormali e danno luogo a crescite anomale nel colon o nel retto, che insieme formano l’intestino crasso o l’intestino.

L’American Cancer Society (ACS) stima che negli Stati Uniti nel 2017, ci sono stati 95.520 casi di cancro al colon di nuova diagnosi e 39.910 di cancro del retto, e che 27.150 uomini e 23.110 donne sono decedute per una di queste malattie.

Il cancro inizia come un polipo

Il cancro colorettale di solito inizia come un polipo, che è una crescita non cancerosa che si sviluppa nel rivestimento del colon o del retto. I polipi crescono molto lentamente, spesso impiegando fino a 20 anni per formare.

Esistono diversi tipi di polipi, a seconda della loro forma, dimensione e caratteristiche del tessuto. Il tipo più comune, che di solito viene definito come un adenoma, è un polipo adenomatoso.

Il nuovo studio, condotto da ricercatori di diversi centri di ricerca statunitensi, si è concentrato su un altro tipo di polipo noto come polipi seghettati – che, sebbene non così comuni come i polipi adenomatosi, si ritiene abbiano lo stesso rischio di diventare cancerogeni.

Mentre lo screening colonoscopico regolare con rimozione di polipi sospetti è il modo ideale per ridurre i tassi di cancro del colon-retto dal punto di vista clinico, l’implementazione dell’intera popolazione è limitata nella pratica per vari motivi, tra cui “aderenza, accesso e spesa subottimali”.

Pertanto, come hanno osservato gli autori del nuovo studio, “Oltre allo screening, la chemioprevenzione con vari agenti è stata frequentemente studiata come mezzo per ridurre l’incidenza del [cancro del colon-retto] e dei suoi precursori.”

I vari agenti che sono stati studiati includono aspirina, acido folico, antinfiammatori non steroidei non aspirina e, come nel caso del nuovo studio, calcio e vitamina D.

Rischio maggiore con l’integrazione di calcio

La nuova analisi ha utilizzato i dati di una prova di chemioprevenzione di calcio e vitamina D recentemente completata in 2.259 pazienti di età compresa tra 45 e 75 anni. I partecipanti avevano già avuto almeno un polipo adenomatoso colorettale rimosso durante uno screening di base e dovevano avere una colonscopia di follow-up in 3-5 anni.

Una volta esclusi i soggetti con una storia familiare di tumore del colon o del retto, malattia infiammatoria dell’intestino o altre gravi condizioni, il resto è stato assegnato in modo casuale a quattro gruppi di trattamento.

Il primo ha ricevuto supplementi di calcio giornalieri, il secondo ha ricevuto supplementi giornalieri di vitamina D, il terzo ha ricevuto entrambi gli integratori e il quarto gruppo non ha ricevuto alcun integratore.

Tutti i gruppi sono rimasti nella fase di trattamento fino alla successiva colonscopia di screening in 3-5 anni. Dopo la seconda colonscopia, seguì la fase di osservazione, durante la quale non vi fu alcuna integrazione.

Questa fase si concluse con una terza colonscopia di screening, che ebbe luogo 6-10 anni dopo l’inizio della supplementazione.

I risultati della colonscopia alla fine della fase di trattamento hanno mostrato che né la vitamina D né il calcio né entrambi sembravano influenzare l’incidenza dei casi di polipi seghettati.

Tuttavia, i risultati della terza colonscopia – che è stata eseguita circa 6-10 anni dopo l’inizio dell’integrazione – hanno rivelato una maggiore incidenza di polipi seghettati nei pazienti che assumevano calcio, da solo o con vitamina D.

Nessun legame di questo tipo è stato trovato per la vitamina D da solo. Le donne e le persone che fumavano erano quelle ad alto rischio di polipi seghettate dall’assunzione di integratori di calcio.

Gli autori dello studio osservano che, sebbene i dati utilizzati provenissero da un ampio trial randomizzato, i loro risultati provenivano da un’analisi secondaria e alcuni dei risultati potrebbero essere avvenuti per caso. Quindi, concludono che:

“Si raccomandano ulteriori studi per confermare questi risultati, che possono avere importanti implicazioni per lo screening e la prevenzione del [cancro del colon-retto].”

Nel frattempo, suggeriscono che le persone che hanno o hanno mai avuto polipi seghettati precancerosi – in particolare donne e coloro che fumano – potrebbero preferire evitare l’assunzione di supplementi di calcio e vitamina D.

Like this post? Please share to your friends: