Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Svolta demenza? Il gioco di allenamento del cervello “riduce significativamente il rischio”

Uno studio recente è stato salutato come una “svolta” nella prevenzione della demenza, dopo aver scoperto che un esercizio di allenamento del cervello può ridurre il rischio della malattia di oltre un quarto.

un uomo più anziano che usa un laptop

Lo studio – che ha seguito più di 2.800 adulti più anziani per un decennio – rivela come l’intervento di formazione del cervello noto come “formazione sulla velocità di elaborazione” abbia ridotto il rischio di demenza dei partecipanti del 29%.

L’intervento è stato sviluppato dal Dr. Karlene Ball, dell’Università di Alabama a Birmingham, e dal Dr. Dan Roenker, della Western Kentucky University di Bowling Green, ei risultati dello studio sono stati recentemente pubblicati sulla rivista.

La demenza è un termine generico per il declino delle funzioni cognitive – come l’apprendimento, la memoria e il ragionamento – che compromette la capacità di una persona di eseguire le attività quotidiane.

La forma più comune di demenza è la malattia di Alzheimer, che rappresenta circa il 60-80% di tutti i casi.

Si stima che la demenza colpisca circa 47 milioni di persone in tutto il mondo. Entro il 2030, questo numero è destinato a salire a 75 milioni.

Una ricchezza di ricerche ha indicato che le persone possono proteggersi contro il declino cognitivo e la demenza attraverso l’allenamento del cervello.

Gli scienziati ora sanno che il cervello può adattarsi ai cambiamenti a qualsiasi età e che tali aggiustamenti possono essere benefici o dannosi. Questo processo è noto come “neuroplasticità”. L’allenamento cerebrale mira a rafforzare le connessioni neurali in modo tale da mantenere o aumentare il funzionamento cognitivo.

Per indagare ulteriormente su questa associazione, dott. Ball, Roenker e colleghi hanno lanciato l’Advanced Cognitive Training in Vital Elderly (ACTIVE) Study, che è il più grande studio di formazione cognitiva fino ad oggi.

Lo studio ACTIVE

Finanziato in parte dal National Institute of Health (NIH), lo studio ha incluso un totale di 2.802 adulti dagli Stati Uniti con un’età media di 74 anni.

I partecipanti sono stati randomizzati a uno dei tre gruppi di allenamento del cervello o ad un gruppo di controllo, i cui membri non hanno ricevuto un addestramento cognitivo.

Al primo gruppo sono state fornite istruzioni sulle strategie per aumentare la memoria, le seconde hanno ricevuto istruzioni sulle strategie per migliorare le capacità di ragionamento e il terzo gruppo ha ricevuto una formazione sulla velocità di elaborazione individuale, che è stata sviluppata dai ricercatori.

La formazione sulla velocità di elaborazione è un compito che mira a migliorare l’attenzione visiva dell’utente – cioè la velocità e l’accuratezza con cui una persona può identificare e ricordare gli oggetti di fronte a loro.

La formazione sulla velocità di elaborazione coinvolge un gioco per computer chiamato “Double Decision”, in cui all’utente viene chiesto di individuare un oggetto, come un’auto, al centro del loro sguardo, identificando contemporaneamente un oggetto nella loro visione periferica, ad esempio come un segnale stradale. Mentre il gioco procede, all’utente viene concesso meno tempo per individuare ogni oggetto e i distrattori vengono aggiunti allo schermo per renderlo più impegnativo.

Durante le prime 6 settimane di studio, ogni gruppo di formazione del cervello ha ricevuto 10 sessioni di allenamento, ciascuna delle quali è durata per circa 60-75 minuti. A 11 e 35 mesi, i sottogruppi di ciascun gruppo di allenamento del cervello hanno anche ricevuto fino a quattro sessioni di allenamento “di richiamo”.

Tutti i gruppi di studio sono stati sottoposti a valutazioni cognitive e funzionali dopo le prime 6 settimane, nonché a 1, 2, 3, 5 e 10 anni. È stata anche valutata l’incidenza della demenza tra i soggetti durante il follow-up a 10 anni.

Il rischio di demenza è diminuito del 29%

I ricercatori hanno scoperto che l’incidenza della demenza era più alta nel gruppo di controllo, al 10,8%.

Tra i partecipanti che hanno completato almeno 15 sessioni di allenamento della memoria e del ragionamento, l’incidenza della demenza è stata del 9,7% e del 10,1%, rispettivamente.

Ma i soggetti che hanno completato la formazione sulla velocità di elaborazione sono risultati avere un’incidenza significativamente più bassa di demenza, al 5,9 per cento.

Il team ha calcolato che l’addestramento sulla velocità di elaborazione ha comportato un rischio ridotto del 29% di demenza in 10 anni e che ciascuna sessione di allenamento aggiuntiva era associata a un rischio di demenza inferiore del 10%.

“Quando abbiamo esaminato la dose-risposta”, osserva l’autore dello studio principale Jerri Edwards, Ph.D., della University of South Florida a Tampa, “abbiamo scoperto che chi si è allenato di più ha ricevuto un maggiore beneficio protettivo”.

I ricercatori spiegano che la formazione sulla velocità di elaborazione ha dimostrato significativi benefici per la funzione cognitiva in 18 studi clinici fino ad oggi. In combinazione con i loro ultimi risultati, i ricercatori sono fiduciosi che questa forma di allenamento del cervello può ridurre il rischio di demenza. Il team dice:

“Abbiamo dimostrato che una forma specifica di allenamento cognitivo, velocità di elaborazione, ha ridotto il rischio di demenza negli adulti anziani inizialmente ben funzionanti seguiti fino a 10 anni.Questo è il primo rapporto di un intervento che riduce significativamente il rischio di demenza”.

Detto questo, i ricercatori sottolineano che sono necessari ulteriori studi per determinare perché la formazione sulla velocità di elaborazione è efficace per il funzionamento cognitivo, mentre altre forme di allenamento del cervello non lo sono.

“Abbiamo anche bisogno di indagare su quale sia la quantità appropriata di allenamento per ottenere i migliori risultati e anche i tempi di intervento sono importanti”, aggiunge Edwards.

“I dati esistenti”, aggiunge, “indicano che l’allenamento della velocità è efficace tra gli anziani con e senza lieve deficit cognitivo, ma è importante capire che questo è preventivo per ridurre il rischio di demenza e non è un trattamento per la demenza”.

“La nostra ricerca in corso sta esaminando questo intervento tra le persone con malattia di Parkinson e altri tipi di interventi cognitivi”, conclude Edwards.

Like this post? Please share to your friends: