Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Tamiflu e Relenza esaminano le domande sull’efficacia contro l’influenza

Tamiflu e Relenza sono farmaci comunemente usati per la prevenzione e il trattamento dell’influenza negli adulti e nei bambini. La ricerca passata ha acclamato i farmaci per ridurre i ricoveri ospedalieri e le complicanze a causa del virus. Ma nell’ultima Cochrane Review, recentemente pubblicata, i ricercatori dicono che non ci sono prove concrete a supporto di tali affermazioni.

Tamiflu (oseltamivir) e Relenza (zanamivir) sono classi di farmaci noti come inibitori della neuraminidasi. Entrambi i farmaci sono pensati per prevenire e ridurre i sintomi dell’influenza impedendo al virus dell’influenza di diffondersi all’interno del corpo.

Al momento, Tamiflu è usato per combattere l’influenza in pazienti di 2 settimane di età e più anziani i cui sintomi non sono durati più di 2 giorni. Può essere usato per prevenire l’influenza in pazienti di età pari o superiore a 1 anno. Relenza è utilizzata per combattere l’influenza in pazienti di età pari o superiore a 7 anni e può essere utilizzata per la prevenzione dell’influenza nei pazienti di età pari o superiore ai 5 anni.

Secondo i ricercatori coinvolti in questa ultima revisione, tra cui il dott. Carl Heneghan dell’Università di Oxford nel Regno Unito e il dott. Peter Doshi dell’Università della Maryland School of Pharmacy negli Stati Uniti, entrambi i farmaci sono accumulati per essere utilizzati contro la stagionalità e la pandemia influenza. Ad esempio, gli Stati Uniti hanno speso oltre 1,3 miliardi di dollari in riserve di antivirali influenzali.

Questo stoccaggio si è basato su raccomandazioni internazionali e nazionali di organismi come l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). Ma su cosa si basano le loro raccomandazioni?

Uomo con l'influenza

Il team dice che per il CDC europeo, le raccomandazioni sull’inibitore della neuraminidasi si basavano su un riassunto dei benefici e dei danni portati dall’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA), mentre altre raccomandazioni si basavano sui risultati delle sperimentazioni dei produttori di farmaci, come GlaxoSmithKline ( GSK).

Nel 2009, i ricercatori di Cochrane hanno cercato di verificare la sicurezza e l’efficacia degli inibitori della neuraminidasi. Tuttavia, i produttori di droghe si sono rifiutati di fornire pieno accesso ai dati delle sperimentazioni cliniche dei farmaci, che hanno ostacolato i loro sforzi.

Ciò ha sollevato dubbi sul fatto che i rischi e i benefici degli antivirali influenzali siano stati riportati con precisione e se debbano essere stoccati per il trattamento dell’influenza stagionale e pandemica nei bambini e negli adulti.

Nel 2012, ha riportato una storia che spiega come stavano facendo pressione su Roche – i produttori di Tamiflu – per rilasciare dati di prova per il farmaco.

Avendo ora accesso ai dati di studi clinici originali, i ricercatori sono stati in grado di analizzare 20 rapporti interni completi sugli effetti del Tamiflu e 26 rapporti sugli effetti di Relenza. In totale, i rapporti includevano oltre 24.000 persone.

I risultati mettono in discussione i benefici e i rischi degli antivirali influenzali

Sulla revisione dei benefici di Tamiflu, i ricercatori hanno scoperto che il farmaco ha portato a un più rapido sollievo dei sintomi influenzali solo per mezza giornata (da 7 giorni a 6,3 giorni), rispetto a un farmaco placebo.

Tamiflu non ha ridotto ricoveri ospedalieri o complicanze da influenza gravi – come polmonite, bronchite, sinusite o infezione all’orecchio – negli adulti o nei bambini.

I ricercatori hanno scoperto che il farmaco aumentava la nausea e il vomito negli adulti e nei bambini del 4% e del 5%, rispettivamente. Quando il Tamiflu veniva usato per la prevenzione dell’influenza, c’era un aumento dell’1% nel rischio di eventi psichiatrici. Questi effetti non sono stati riportati nelle pubblicazioni iniziali degli studi clinici.

Inoltre, il team ha scoperto che Tamiflu ha impedito ad alcune persone di produrre abbastanza anticorpi per combattere l’infezione influenzale.

Commentando questi risultati, il dott. David Tovey, redattore capo di Cochrane, afferma:

“Inizialmente pensato per ridurre le ospedalizzazioni e le gravi complicanze dell’influenza, la revisione evidenzia che Tamiflu non ha dimostrato di farlo, e sembra anche portare a effetti dannosi che non sono stati completamente riportati nelle pubblicazioni originali. Questo dimostra l’importanza di assicurare che i dati di prova sono trasparenti e accessibili. “

I risultati sono stati simili per Relenza. Il farmaco è stato trovato per ridurre la durata dei sintomi influenzali da 6,6 giorni a 6 giorni negli adulti – l’equivalente di 14,4 ore – rispetto a un farmaco placebo. Nessun effetto significativo è stato trovato nei bambini.

Il team non ha trovato prove che Relenza riduce il rischio di complicanze influenzali o rischio di ospedalizzazione.

‘Raccomandazioni per Tamiflu e Relenza dovrebbero essere riviste’

Sulla base delle loro scoperte, i ricercatori dicono che le raccomandazioni sull’uso di Tamiflu e Relenza per la prevenzione o il trattamento dell’influenza dovrebbero essere riviste.

“L’approvazione e l’uso di farmaci non possono più basarsi su informazioni distorte o mancanti. Rischiamo troppo nella salute e nell’economia della nostra popolazione”, affermano gli autori.

Sottolineano che questa revisione Cochrane aggiornata è la prima a basarsi solo su studi clinici e commenti del regolatore, il che significa che i risultati sono “molto più ricchi”.

“Esortiamo le persone a non fidarsi delle prove pubblicate da sole o su commenti di decisori sanitari in conflitto, ma a visualizzare le informazioni per se stesse”, aggiungono.

In un editoriale collegato alle recensioni, la dott.ssa Tovey, insieme all’editor Fiona Godlee e all’editor clinico Elizabeth Loder, osservano che i risultati di questa revisione sottolineano la necessità di rendere disponibili tutti i dati degli studi clinici per i farmaci attualmente in utilizzare in modo che tutte le informazioni possano essere attentamente valutate.

“Gli sforzi eccezionali dei revisori di Cochrane hanno raggiunto ciò che avrebbe dovuto essere una questione di routine – l’esame indipendente dei dati delle sperimentazioni cliniche”, aggiungono.

“Hanno dimostrato con maggiore chiarezza che mai che il sistema attuale è rotto.Ci sono ancora battaglie sostanziali da combattere prima di avere un sistema di valutazione ed emulazione della droga che sia veramente al servizio dei pazienti e dell’interesse pubblico “.

Like this post? Please share to your friends: