Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Terapia adiuvante: cosa è necessario sapere

Quando a qualcuno viene diagnosticato un cancro, un medico le presenta con un piano di trattamento che spiega i loro prossimi passi.

A volte, il loro medico raccomanderà un trattamento aggiuntivo dopo aver completato il trattamento primario, più spesso un intervento chirurgico o una radioterapia. Questo è chiamato terapia adiuvante. Viene dato per ridurre il rischio di ritorno del cancro. La terapia neo-adiuvante è una terapia somministrata prima del trattamento primario per aiutarla ad uccidere o rimuovere il cancro in modo più efficace.

I tipi di terapia adiuvante variano in base ai tipi di cancro per cui sono utilizzati, così come i pazienti stessi. Gli specialisti del cancro offrono una panoramica di ciò che le persone hanno bisogno di sapere sulla terapia adiuvante.

Tipi di terapia adiuvante

Farmaco chemioterapico

Oggi ci sono diversi tipi di terapia adiuvante. La Mayo Clinic descrive i trattamenti contro il cancro più comunemente usati:

  • Chemioterapia: la chemioterapia è un trattamento per il cancro che utilizza farmaci per uccidere le cellule tumorali trattando tutte le cellule. È tradizionalmente dato attraverso la vena del paziente, ma ci sono anche alcune pillole per chemioterapia sul mercato.
  • Terapia ormonale: la terapia ormonale blocca la produzione di alcuni ormoni nel tentativo di fermare il loro effetto sul cancro. Non tutti i tumori sono sensibili agli ormoni, quindi i medici analizzeranno prima ogni caso per vedere se può trarre beneficio da questo tipo di terapia adiuvante.
  • Radioterapia: la radioterapia uccide le cellule cancerose utilizzando un fascio di energia ad alta potenza, simile a una radiografia. Aiuta a indirizzare il sito del cancro originale e l’area circostante. La radioterapia può essere somministrata internamente o esternamente.
  • Terapia mirata: la terapia mirata funziona in modo simile alla chemioterapia per uccidere le cellule tumorali. La differenza principale e più importante è che si concentra solo sulle cellule tumorali invece di trattare l’intero corpo.
  • Immunoterapia: l’immunoterapia è un trattamento emergente per il cancro che mostra risultati promettenti. Usando il sistema immunitario del corpo, l’immunoterapia lavora per uccidere le cellule tumorali usando il sistema di difesa naturale del corpo.

Per quali tipi di cancro viene utilizzata la terapia adiuvante?

La terapia adiuvante è più vantaggiosa per gli stadi avanzati o per i tumori aggressivi. Il dott. Patrick Kupelian ha spiegato che questi tumori potrebbero avere strutture intorno a loro, come tumori, o sono associati ad un alto rischio di avere cellule tumorali in altre parti del corpo.

Il Dr. Kupelian è Vice Presidente degli affari clinici nel settore dei sistemi oncologici presso Varian Medical Systems. Delinea una lista di tumori che sono comunemente trattati con terapia adiuvante:

  • Tumori al cervello
  • Cancro alla testa e al collo
  • Cancro al seno
  • Cancro ai polmoni
  • Cancro alla gola e allo stomaco
  • Cancro del pancreas
  • Cancro colorettale
  • Cancro alla prostata
  • Cancro cervicale
  • Tumore endometriale
  • Cancro ovarico
  • Cancro alla vescica
  • Cancro ai testicoli

Per chi è la terapia adiuvante?

Il medico scrive le note mentre il paziente stringe le mani insieme

La terapia adiuvante non è per tutti. Qualsiasi trattamento per il cancro è estremamente oneroso e non tutti i pazienti saranno fisicamente in grado di gestire un trattamento aggiuntivo. Per questo motivo, è importante che le persone discutano le loro opzioni con un medico.

Gli esperti di cancro affermano che il candidato ideale per la terapia adiuvante trarrà beneficio dal trattamento extra, abbastanza da superare gli svantaggi dei potenziali effetti collaterali e l’inconveniente del trattamento in corso.

“Un esempio [di un buon candidato] sarebbe un giovane malato di cancro al seno [che ha avuto] la diffusione del cancro a un gran numero di linfonodi nell’ascella o nell’ascella”, afferma il dott. Kupelian.

“La chirurgia viene eseguita per rimuovere il tumore all’interno della mammella e i linfonodi nell’ascella.Questo paziente è ancora ad alto rischio di avere il tumore di ritorno sia all’interno dei restanti mammari / linfonodi e diffuso ad organi come il cervello, polmone, o ossa.

Dopo l’intervento, al paziente viene somministrata radioterapia adiuvante al seno e ai linfonodi (per ridurre la possibilità che il tumore ritorni al seno e ai linfonodi), oltre alla chemioterapia adiuvante (per ridurre la possibilità che il tumore ritorni negli organi come il cervello, i polmoni o le ossa). “

Dr. Kupelian

Inoltre, è importante che le persone siano abbastanza sane da gestire la terapia adiuvante, aggiunge la dottoressa Hanna Luu, specialista in cancro al seno e CEO di OncoGambit, un servizio basato sul web che crea piani personalizzati per il trattamento del cancro.

“Un paziente ideale per il trattamento adiuvante è un paziente con un rischio da moderato ad alto di recidiva del cancro, senza altre gravi malattie, come malattie cardiache o epatiche, e con una buona performance status”, ha detto il Dr. Luu. “Determiniamo lo stato delle prestazioni del paziente utilizzando il sistema di valutazione denominato ECOGPerformance Status.”

Dr. Luu delinea i diversi gradi assegnati ai pazienti in base alla loro salute e capacità attuali:

Grado 0: completamente attivo, in grado di svolgere tutte le attività

Grado 1: Ristretto in attività fisicamente faticosa ma ambulatoriale ed efficiente per svolgere lavori domestici leggeri, lavoro d’ufficio

Grado 2: ambulatoriale e capace di auto-cura ma incapace di svolgere qualsiasi attività lavorativa

Grado 3: in grado di esercitare solo una limitata cura di sé, confinato a letto o seduto più del 50 percento delle ore di veglia

Grado 4: completamente disabile, non può portare con sé nessuna cura di sé, totalmente confinata al letto o alla sedia

Gli effetti collaterali della terapia adiuvante dipendono dal tipo di trattamento che viene somministrato alle persone. Possono persino essere intensificati a seconda del loro attuale stato di salute e di altri trattamenti che sono già stati dati.

Capire il trattamento permetterà alle persone di prepararsi per questo. La chemioterapia, ad esempio, può richiedere mesi per essere completata e lascerà i pazienti impossibilitati a prendersi cura di se stessi in quel momento.

Alcuni preparativi dovrebbero essere fatti in modo che le persone abbiano un sostegno aggiuntivo a casa e durante i loro trattamenti.Potrebbero anche aver bisogno di perdere la scuola o il lavoro.

Melissa Thompson, una recente sopravvissuta al cancro al seno e rappresentante del Comitato consultivo per la famiglia e il paziente al Memorial Sloan-Kettering Cancer Center, è passata attraverso la chemioterapia dopo una doppia mastectomia solo poche settimane dopo aver dato alla luce il suo primo figlio. Ha offerto consigli su come prepararsi per la terapia adiuvante per altri pazienti.

“La chemioterapia è solo un capitolo di una storia molto più ampia, al momento sembra che non finisca mai.Come gli effetti della chemioterapia sono cumulativi, ogni giorno che passa si sente più difficile fisicamente e psicologicamente. o quelli che ci sono dentro, sappi che alla fine c’è una luce alla fine del tunnel e con ciò arriveranno vita e ottimismo “.

Melissa Thompson

Le persone dovrebbero parlare regolarmente al proprio team per i tumori su come si sentono durante e dopo il loro trattamento primario. Questo aiuta il team ad assicurarsi di classificare il cancro in modo accurato.

È importante per le persone chiedere informazioni sui potenziali effetti collaterali e su quali preparativi generali devono essere fatti per l’interruzione della loro vita. Se la terapia adiuvante è troppo per qualcuno, il medico dovrebbe sapere prima di intraprendere ulteriori passi nel loro piano di trattamento.

Ci sono alternative?

Non esiste una vera alternativa alla terapia adiuvante. Si basa sul rischio che il cancro ritorni in ciascun caso. I medici possono raccomandare trattamenti di terapia adiuvante meno intensi rispetto ad altri, ma è una decisione che deve essere presa in base a ciascuna situazione personale.

Frutta e verdura

Ci sono, tuttavia, alcune cose che le persone possono fare per aumentare le loro possibilità di sopravvivenza. Uno stile di vita sano basato su una buona alimentazione e un’attività regolare può aiutare le persone con cancro a vivere più a lungo.

“Attualmente non ci sono alternative alla terapia adiuvante, ma le terapie complementari possono essere raccomandate per i pazienti”, ha spiegato il dott. Luu. “Anche se i dati sono limitati, una dieta composta da 80% di frutta e verdura e un esercizio moderato che include 300 minuti di attività a settimana ha dimostrato di migliorare la sopravvivenza nei pazienti oncologici, compresi quelli con stadi avanzati”.

“La meditazione, lo yoga e l’agopuntura possono alleviare alcuni degli effetti collaterali associati al trattamento, quindi gli operatori sanitari spesso incoraggiano i pazienti a partecipare a queste attività”.

Like this post? Please share to your friends: