Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Terapia ormonale, pro e contro: un rapporto aggiornato

Un rapporto aggiornato sui benefici e sui rischi della terapia ormonale sostitutiva (HRT) ha dimostrato che estrogeni più progestinico ed estrogeno riducono il rischio di fratture ma aumentano il rischio di ictus, malattia della colecisti, incontinenza urinaria e eventi tromboembolici. Estrogeni più progestinici aumentano le probabilità di sviluppare il cancro al seno e probabilmente la demenza, mentre l’estrogeno da solo riduce il rischio di cancro al seno.

Questa recensione, scritta da ricercatori dell’Oregon Health & Science University e Providence Cancer Center, e pubblicata su Annals of Internal Medicine, è stata condotta per aiutare la USPSTF (US Preventive Services Task Force) a emettere le sue nuove raccomandazioni sulla terapia ormonale.

Come informazioni di base, i ricercatori hanno spiegato che la terapia ormonale della menopausa per prevenire le malattie croniche non è raccomandata oggi, a causa dell’alto rischio di eventi avversi gravi.

I ricercatori hanno iniziato ad aggiornare le prove relative a quanto sia efficace la terapia ormonale nel ridurre il rischio di sviluppare condizioni croniche, oltre a studiare l’impatto e la gravità degli effetti avversi. Volevano anche vedere quali potrebbero essere i risultati tra le femmine in diversi sottogruppi.

Hanno raccolto e analizzato i dati di MEDLINE (gennaio 2002 – novembre 2011), il Cochrane Central Register per Controlled Database of Systematic Reviews (fino a settembre 2011), Scopus e alcuni altri elenchi di riferimento. Hanno anche esaminato studi randomizzati, controllati con placebo, di terapia ormonale sostitutiva (terapia ormonale sostitutiva) che era stata pubblicata in lingua inglese dal 2002 – le prove erano tutte incentrate sulla prevenzione delle condizioni croniche.

Hanno studiato un elenco ristretto di 9 prove che hanno soddisfatto i loro criteri di inclusione – le prove sono state valutate come di buona qualità.

Di seguito sono riportati alcuni dei risultati di questo studio:

  • Estrogeni più terapia progestinica
    fratture ridotte (46 in meno per 10.000 anni-donna)
    aumento del carcinoma mammario invasivo (8 in più per 10.000 anni-donna)
    aumento della trombosi venosa profonda (12 in più per 10.000 anni-donna)
    aumento della demenza (22 in più ogni 10.000 anni-donna)
    aumento della malattia della colecisti (20 in più per 10.000 anni-donna)
    aumento della mortalità per cancro polmonare (5 in più per 10.000 anni-donna)
    aumento dell’embolia polmonare (9 in più per 10.000 anni-donna)
    aumento dell’ictus (9 in più ogni 10.000 anni-donna)
    aumento dell’incontinenza urinaria (872 in più ogni 10.000 anni-donna)
  • Terapia per estrogeni
    fratture ridotte (56 in meno per 10.000 anni-donna)
    riduzione dell’incidenza del carcinoma mammario invasivo (8 in meno per 10.000 anni-donna)
    riduzione della morte (2 in meno per 10.000 anni-donna)
    aumento dell’ictus (11 in più per 10.000 anni-donna)
    aumento della trombosi venosa profonda (7 in più per 10.000 anni-donna)
    aumento della malattia della colecisti (33 in più per 10.000 anni-donna)
    aumento dell’incontinenza urinaria (1271 in più ogni 10.000 anni-donna)

Non ci sono state differenze consistenti nei risultati relativi alle condizioni o all’età della comorbidità.

Lo studio non ha esaminato la conformità (aderenza), alcuni rischi di esito e alcuni altri regimi.

In un abstract nella stessa rivista, gli autori hanno concluso:

“Estrogeni più progestinici ed estrogeni da soli hanno ridotto il rischio di fratture ma aumentato rischio di ictus, eventi tromboembolici, malattia della colecisti e incontinenza urinaria.Estogeno più progestinico aumentato rischio di cancro al seno e probabile demenza, considerando che l’estrogeno da solo ha ridotto il rischio di cancro al seno.”
Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: