Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Ti senti ansioso? I vostri batteri intestinali potrebbero essere la causa

Tutti noi sperimentiamo l’ansia in un punto o nell’altro; sia fino a un colloquio di lavoro o un primo appuntamento, spesso la sensazione nervosa nell’intestino prende piede. È interessante notare che un nuovo studio suggerisce che quando si tratta di ansia, l’intestino potrebbe svolgere un ruolo chiave.

un'illustrazione di batteri intestinali

I ricercatori hanno scoperto che l’assenza di batteri intestinali nei topi ha alterato l’espressione dei microRNA (miRNA) nelle regioni del cervello che svolgono un ruolo nell’ansia e nella depressione.

Il coautore dello studio Dr. Gerard Clarke, dell’APC Microbiome Institute presso l’University College Cork nella Repubblica d’Irlanda, e colleghi hanno recentemente riportato le loro scoperte sulla rivista.

Questo non è il primo studio a suggerire un legame tra batteri intestinali e ansia. Uno studio riportato nel 2015, ad esempio, ha rilevato che lo stress nella prima infanzia può alterare i batteri intestinali in un modo che può aumentare il rischio di ansia in età avanzata.

Ma quali sono i meccanismi che sottendono il possibile legame tra batteri intestinali e ansia? Il nuovo studio del Dr. Clarke e del team aiuta a fare luce.

Batteri intestinali e miRNA

Per raggiungere le loro scoperte, i ricercatori hanno analizzato gruppi di topi che avevano tre diverse condizioni batteriche intestinali:

  • Topi privi di germi, che non avevano batteri intestinali dovuti ad essere allevati in un ambiente privo di microrganismi
  • Ex topi privi di germi, che erano stati colonizzati con batteri intestinali in età avanzata
  • Topi con normali batteri intestinali, che erano stati allevati nelle loro condizioni abituali

Il team osserva che i topi allevati in condizioni prive di germi hanno maggiori probabilità di sviluppare sintomi di ansia, depressione, problemi di socialità e disfunzioni cognitive.

Come parte dello studio, il team ha esaminato in che modo l’assenza di batteri intestinali ha interessato i miRNA nel cervello dei roditori. I miRNA sono minuscole molecole di RNA che regolano l’espressione genica.

Nello specifico, i ricercatori hanno cercato di individuare quali miRNA erano presenti nell’amigdala e nella corteccia prefrontale dei topi in ogni condizione di batteri intestinali.

Rispetto ai topi tradizionali, i ricercatori hanno scoperto che i topi privi di germi hanno mostrato differenze in 103 miRNA nell’amigdala – che è la regione del cervello coinvolta nell’elaborazione emotiva – e 31 cambiamenti nei miRNA nella corteccia prefrontale – che è la regione del cervello coinvolta nel comportamento, nella pianificazione e nel controllo degli impulsi, tra le altre funzioni.

È importante sottolineare che quando i ricercatori hanno introdotto batteri nell’intestino dei topi privi di germi in età avanzata, alcune delle differenze nei miRNA all’interno dell’amigdala e della corteccia prefrontale sono scomparse.

Come tale, il team ipotizza che sia necessario un microbioma intestinale sano per la normale regolazione del miRNA.

“I microbi dell’intestino sembrano influenzare i miRNA nell’amigdala e nella corteccia prefrontale”, afferma il dottor Clarke. “Questo è importante perché questi miRNA possono influenzare i processi fisiologici che sono fondamentali per il funzionamento del sistema nervoso centrale e nelle regioni del cervello, come l’amigdala e la corteccia prefrontale, che sono fortemente implicati nell’ansia e nella depressione”.

Un percorso per gli psicobiotici?

Inoltre, i ricercatori hanno valutato il cervello di ratti adulti i cui batteri intestinali erano stati indeboliti con antibiotici.

Hanno scoperto che i miRNA di questi ratti erano paragonabili a quelli dei topi privi di germi. Ciò indica che, nonostante i normali batteri intestinali nella prima infanzia, i cambiamenti dei batteri intestinali nell’età adulta possono influenzare la diversità dei miRNA in modo da alimentare l’ansia.

Sono necessari ulteriori studi prima che il team possa trarre conclusioni definitive sul legame tra batteri intestinali e ansia.

Detto questo, i ricercatori ritengono che potrebbero essersi imbattuti in un potenziale trattamento per i disturbi d’ansia, che attualmente colpiscono più di 40 milioni di adulti negli Stati Uniti.

“Questa è una ricerca allo stadio iniziale, ma la possibilità di ottenere l’impatto desiderato sui miRNA in specifiche regioni cerebrali, mirando al microbiota intestinale, ad esempio usando gli psicobiotici, è una prospettiva allettante”.

Dr. Gerard Clarke

Like this post? Please share to your friends: