Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Trapianto di cellule pancreatiche: una svolta per il diabete di tipo 1?

I risultati di uno studio clinico di fase 3 sono stati salutati come una “svolta” nel trattamento del diabete di tipo 1, dopo aver scoperto che il trapianto di cellule insulari – gruppi di cellule nel pancreas che contengono cellule produttrici di insulina – impediva potenzialmente la vita pericolosa riduzioni di zucchero nel sangue tra i pazienti con la malattia.

[Una donna con diabete che misura la glicemia]

Il coautore dello studio Dr. Xunrong Luo, professore associato di medicina e chirurgia alla Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago, IL, afferma che il trapianto di cellule insulari è un’opzione di trattamento valida per i pazienti affetti da diabete di tipo 1 con sangue gravemente basso livelli di glucosio o ipoglicemia.

Inoltre, il team dice che i risultati suggeriscono che il trapianto di cellule isolanti potrebbe eliminare la necessità di una terapia insulinica permanente per le persone con diabete di tipo 1.

I ricercatori hanno pubblicato di recente i loro risultati in un diario dell’American Diabetes Association.

Il diabete di tipo 1 rappresenta circa il 5% di tutti i casi di diabete negli Stati Uniti. Si verifica quando le cellule beta all’interno delle isole del pancreas non sono in grado di produrre insulina – l’ormone che regola i livelli di glucosio nel sangue promuovendo il trasporto del glucosio dal sangue verso altre cellule, dove viene utilizzato per l’energia.

Gli individui con diabete di tipo 1 richiedono un trattamento per tutta la vita con insulina, sia attraverso più iniezioni giornaliere con una penna per insulina, siringhe o una pompa di insulina, che aiuta a regolare la glicemia.

Tuttavia, anche con il trattamento, alcune persone con diabete di tipo 1 continuano a manifestare fluttuazioni dei livelli di zucchero nel sangue.

Ipoglicemia e le sue complicazioni potenzialmente letali

L’ipoglicemia si verifica quando il livello di zucchero nel sangue scende a livelli anormalmente bassi, normalmente al di sotto di 70 mg / dl. I primi segni premonitori dell’ipoglicemia comprendono tremori, sudorazione, confusione, visione offuscata / alterata e affaticamento.

Tuttavia, alcune persone potrebbero non avvertire alcun segnale di allarme – una condizione nota come inconsapevolezza dell’ipoglicemia. Tali soggetti hanno maggiori probabilità di sviluppare gravi complicazioni a causa dell’ipoglicemia, tra cui convulsioni, coma e morte.

“Anche con la migliore cura, circa il 30% delle persone con diabete di tipo 1 non sono a conoscenza di pericolosi livelli di glicemia”, osserva il Dr. Griffin P. Rodgers, direttore dell’Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Rene ( NIDDK), che ha contribuito a finanziare il nuovo studio.

Mentre i sistemi di monitoraggio continuo del glucosio o le terapie comportamentali possono prevenire tali complicazioni per alcuni pazienti affetti da diabete di tipo 1 che soffrono di grave ipoglicemia, non tutti ne traggono beneficio.

Ciò evidenzia la necessità di trattamenti alternativi, e il dottor Luo e colleghi ritengono di averne identificato uno: il trapianto di cellule delle isole.

Come funziona il trapianto di isole?

Per il loro studio, i ricercatori hanno arruolato 48 pazienti con diabete di tipo 1 che, nonostante ricevessero cure da un esperto di diabete o endocrinologo, hanno avuto una continua consapevolezza dell’ipoglicemia e spesso hanno avuto complicazioni di conseguenza.

Tutti i pazienti sono stati sottoposti ad almeno un trapianto di cellule insulari. Ciò comporta l’impianto di cellule di isole pancreatiche sane da un donatore deceduto nel ricevente.

La procedura di trapianto è minimamente invasiva; le cellule dell’isolotto donatore sono purificate, trasformate e infuse nella vena porta del destinatario – la nave che trasporta il sangue dall’intestino al fegato – attraverso un piccolo catetere che viene inserito nell’addome del ricevente.

Una volta completato il trapianto, le cellule beta all’interno delle cellule degli isolotti impiantati iniziano a produrre insulina subito dopo. Tuttavia, ci vuole più tempo affinché le nuove isole dell’isolotto diventino pienamente funzionanti. Fino ad allora, i pazienti dovranno continuare la terapia insulinica per il controllo della glicemia.

In questo studio, i soggetti che stavano ancora assumendo insulina 75 giorni dopo il trapianto iniziale subirono un secondo trapianto. Un secondo trapianto è stato richiesto per 25 partecipanti, mentre un soggetto è stato sottoposto a tre trapianti.

“Una nuova era di terapie innovative per il diabete di tipo 1”

I livelli di glucosio nel sangue, la consapevolezza ipoglicemica e l’incidenza di gravi eventi ipoglicemici tra i partecipanti sono stati valutati 1 e 2 anni dopo il trapianto.

Dopo 1 anno, i ricercatori hanno scoperto che l’88% dei partecipanti aveva livelli di glucosio quasi normali, la loro consapevolezza ipoglicemica era stata ripristinata e non avevano avuto gravi eventi ipoglicemici. Questi risultati persistevano per il 71% dei partecipanti 2 anni dopo il trapianto.

Dopo 1 anno, la terapia insulinica non era più necessaria per il 52% dei partecipanti.

Commentando i loro risultati, la dott.ssa Luo dice:

“Il trapianto di isole sta preannunciando una nuova era di terapie rivoluzionarie per il diabete di tipo 1 che non è controllata da trattamenti convenzionali.

Questi risultati rendono chiaro il caso del trapianto di isole come una valida opzione di trattamento per le persone con diabete di tipo 1 complicate da ipoglicemia grave. La nostra ricerca ha scoperto che le cellule insule trapiantate fornivano il controllo glicemico, ripristinavano la consapevolezza dell’ipoglicemia e la protezione da gravi eventi ipoglicemici. “

La necessità di farmaci immunosoppressori per tutta la vita è fonte di preoccupazione

I ricercatori osservano che cinque partecipanti hanno avuto complicanze legate al trapianto – come una ridotta funzionalità renale – mentre due partecipanti hanno avuto infezioni correlate all’immunosoppressione. Tuttavia, dicono che nessuno degli effetti collaterali ha portato alla disabilità o alla morte.

I pazienti affetti da diabete di tipo 1 sottoposti a trapianto di isole dovranno assumere farmaci immunosoppressori per il resto della loro vita al fine di evitare che il loro corpo rigetti le cellule del donatore, osservano i ricercatori.

Co-autore dello studio Dr.Tom Eggerman, responsabile scientifico del consorzio per il trapianto di isole cliniche (CIT) al NIDDK, osserva che i farmaci immunosoppressori possono causare gravi effetti collaterali.

Come tale, afferma che il trapianto di isole è solo un’opzione terapeutica ragionevole per le persone con diabete di tipo 1 che hanno grave ipoglicemia nonostante abbiano ricevuto un trattamento ottimale, o per le persone che stanno già usando farmaci immunosoppressori dopo aver subito un trapianto di rene.

Il team continuerà a monitorare i partecipanti allo studio per determinare i benefici a lungo termine del trapianto di isole e se questi superano i rischi associati all’uso di droghe immunosoppressive in corso.

Ma per ora, la co-autrice di studio, la dott.ssa Nancy D. Bridges, responsabile del reparto trapianti presso l’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive – che ha anche contribuito a finanziare lo studio – afferma che la loro ricerca rappresenta la “prima prova di abilitazione di un prodotto cellulare per il trattamento del diabete di tipo 1 “.

“La licenza è fondamentale perché garantirà la qualità, la coerenza e la sicurezza del prodotto dell’isolotto, fornirà un accesso maggiore al trapianto di isole e accelererà la ricerca continua che speriamo possa rendere questa procedura adatta per una più ampia popolazione di persone con diabete di tipo 1, “aggiunge.

All’inizio di questo mese, è stato riferito uno studio in cui i ricercatori hanno scoperto come incoraggiare le cellule beta cresciute in laboratorio a maturare in cellule funzionanti che producono insulina.

Like this post? Please share to your friends: