Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Trapianto di pancreas: uso, cosa aspettarsi e recupero

Un trapianto di pancreas sostituisce il pancreas di una persona quando non può più produrre insulina. Un pancreas sano che produce insulina viene trapiantato da un donatore deceduto.

Il primo trapianto di pancreas fu nel 1966. Tuttavia, non fu fino agli anni ’90 che questo tipo di trapianto fu ampiamente accettato dai medici.

Per cosa è un trapianto di pancreas?

organo umano per trapianto

Il pancreas è la fonte di insulina nel corpo umano. Nelle persone con diabete di tipo 1, il pancreas non è in grado di produrre insulina.

Avere un trapianto di pancreas consente alle persone con diabete di tipo 1 di mantenere i loro livelli di zucchero nel sangue normalmente senza ricevere insulina extra o di dover effettuare il monitoraggio intensivo tipico della cura del diabete.

Esistono tre tipi di trapianto di pancreas:

  • Solo trapianto di pancreas: questo viene eseguito su persone che hanno il diabete di tipo 1 ma senza problemi ai reni.
  • Trapianto simultaneo di reni e pancreas: questo viene fatto su una persona che ha il diabete di tipo 1 e la malattia renale allo stadio terminale.
  • Pancreas dopo trapianto di rene: questo è il momento in cui viene eseguito un trapianto di rene, da donatore vivente. Il trapianto di pancreas da un donatore deceduto si verifica più tardi quando un organo diventa disponibile.

Chi ha bisogno di un trapianto di pancreas?

Un trapianto di pancreas è un’opzione per le persone con diabete di tipo 1 che non riescono a controllare la loro condizione con l’insulina o la medicina diabetica orale. L’intervento è appropriato solo per le persone con diabete di tipo 1.

Le persone con diabete di tipo 1 che potrebbero trarre beneficio da un trapianto di pancreas includono coloro che:

  • potrebbe regolarmente svenire
  • visitare regolarmente il pronto soccorso a causa del loro livello di zucchero nel sangue
  • avere livelli medi di zucchero nel sangue non controllati
  • è necessario che un caregiver sia presente costantemente in caso di emergenza, nonostante l’uso di terapie mediche raccomandate

Nel 2016, è stato riferito che una donna del Regno Unito era diventata la prima persona al mondo a ricevere un trapianto di pancreas a causa di una grave fobia degli aghi che le impediva di iniettare l’insulina.

La fobia della donna era così grave che si sarebbe agitata in modo incontrollabile e avrebbe vomitato durante il tentativo di somministrare l’insulina che aveva bisogno di controllare il diabete di tipo 1.

I medici erano preoccupati di raccomandare un trapianto di pancreas perché non soddisfaceva i soliti criteri. Alla fine, tuttavia, è stato giudicato un caso speciale e un trapianto era giustificato.

Cosa aspettarsi

Chirurghi, medici e infermieri

Negli Stati Uniti, ci sono circa 1.200 persone in attesa di un trapianto di pancreas. Circa 2.200 altri sono in attesa di un trapianto combinato di rene e pancreas.

Secondo la National Kidney Foundation, il tempo medio di attesa per un trapianto simultaneo di rene e pancreas è di 3 anni. Secondo Johns Hopkins, i trapianti di pancreas da soli o il pancreas dopo i trapianti di rene in genere hanno tempi di attesa di oltre 2 anni.

Prima che siano abbinati a un donatore, una persona interessata ad avere un trapianto di pancreas sarà vista da un team di esperti. Questo può includere chirurghi, endocrinologi, nefrologi e assistenti sociali. Questi esperti si assicureranno che un trapianto sia l’opzione giusta per loro.

Ci sono diversi test medici che una persona dovrà sottoporsi come parte del processo di valutazione. Di solito ci vorranno 1-2 mesi.

Alcune persone sono in grado di accedere a un trapianto di pancreas tramite Medicare.

Una persona che ha bisogno di un trapianto di pancreas deve essere abbinata a un donatore con lo stesso tipo di sangue di loro.

Un test chiamato crossmatch viene anche utilizzato per confrontare gli anticorpi del donatore e del ricevente. Questo test aiuta a determinare se la partita è adatta.

Durante il trapianto, un taglio viene effettuato al centro della parte superiore del corpo del paziente. Durante l’operazione, l’equipe chirurgica farà in modo che il sangue continui a fluire nelle arterie e gli enzimi digestivi dal flusso intestinale fuori dal sistema del paziente. L’operazione dura circa 4-6 ore.

Successivamente, il paziente viene trasferito all’unità di trapianto e rimarrà in ospedale per recuperare per circa 2 settimane.

Rischi di chirurgia del pancreas

L’infezione è un rischio nei trapianti di pancreas come in tutti i tipi di chirurgia maggiore.

Il gonfiore del pancreas è comune nei giorni successivi al trapianto. Questo è noto come pancreatite.

La pancreatite si risolve normalmente dopo alcuni giorni. In alcuni casi, tuttavia, potrebbe essere necessario inserire le provette nella pancia della persona per drenare il liquido in eccesso dal pancreas del donatore.

Nei giorni successivi all’intervento, una persona è anche a rischio di sviluppare coaguli di sangue. Questi possono impedire al pancreas del donatore di funzionare correttamente.

Il rischio di sviluppare un coagulo di sangue può essere ridotto assumendo farmaci per fluidificare il sangue. Se si forma un coagulo all’interno del nuovo pancreas, potrebbe essere necessario rimuovere il coagulo con un’ulteriore operazione.

C’è anche il rischio che il corpo possa rifiutare il pancreas del donatore. Il sistema immunitario può attaccare l’organo trapiantato se lo identifica come corpo estraneo. Il rifiuto può avvenire giorni, settimane, mesi e talvolta anni dopo il trapianto.

Signora ammalata in bagno

I sintomi che il pancreas donatore viene rifiutato includono quanto segue:

  • avere una pancia dolorante e gonfia
  • febbre
  • vomito
  • brividi e dolori
  • fatica
  • mancanza di respiro
  • caviglie gonfie

Una persona che ha ricevuto un trapianto di pancreas dovrà assumere farmaci chiamati immunosoppressori per il resto della loro vita. Gli immunosoppressori aiutano a prevenire il rigetto del corpo del nuovo pancreas.

Gli immunosoppressori possono indebolire il sistema immunitario e causare effetti collaterali. Questi effetti collaterali includono:

  • una suscettibilità alle infezioni
  • mani tremanti
  • difficoltà a dormire
  • alta pressione sanguigna
  • la perdita di capelli
  • sbalzi d’umore
  • aumento di peso
  • mal di stomaco
  • eruzione cutanea
  • ossa indebolite

Alcune persone che assumono immunosoppressori possono anche essere ad aumentato rischio di alcuni tipi di cancro.

Tuttavia, gli esperti riferiscono che le persone che hanno subito un trapianto di pancreas generalmente preferiscono assumere questi medicinali per dover iniettare l’insulina e monitorare costantemente i loro livelli di zucchero nel sangue.

Di conseguenza, un trapianto di pancreas di successo può migliorare la qualità della vita di chi ha il diabete di tipo 1.

Like this post? Please share to your friends: