Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Trattamento IBS di successo con olio di menta piperita, antispasmodici e fibre

Secondo uno studio pubblicato su bmj.com, i medici dovrebbero raccomandare i trattamenti con fibre, antispastici e olio di menta piperita per la sindrome dell’intestino irritabile (IBS). Recenti prove dell’efficacia di questi trattamenti dovrebbero anche portare a cambiamenti nelle linee guida nazionali che specificano come gestire l’IBS.

Interessante tra il 5% e il 20% della popolazione, l’IBS è una condizione che causa dolore addominale e movimenti irregolari. Attualmente, è difficile trattare IBS perché wedo non sa esattamente cosa lo causa. Le terapie usuali consistono in fibre integrative, probiotici, antidepressivi, ipnoterapia e lassativi. Tuttavia, questa informazione sul trattamento ha portato alla promozione di trattamenti complementari e alternativi da parte di organismi internazionali e nazionali. Un esempio di ciò è la recente pubblicazione delle linee guida del National Institute of Healthand ClinicalExcellence (NICE) sulla gestione di IBS.

Sono state studiate terapie per trattare l’IBS come fibre, antispastici e olio di menta piperita, ma la loro efficacia non è stata dimostrata a causa di conclusioni contrastanti e di errori nell’analisi. Per chiarire ulteriormente gli effetti dei trattamenti, il Dott. Alex Ford (McMaster University, Ontario, Canada) e colleghi hanno condotto una revisione e una meta-analisi di studi randomizzati. Gli studi – per un totale di oltre 2500 pazienti adulti con IBS – hanno confrontato fiber, antispasmodico e olio di menta piperita con placebo o nessun trattamento

I ricercatori hanno scoperto che tutte e tre le terapie erano efficaci con IBS rispetto al placebo o nessun trattamento. Per prevenire i sintomi dell’IBS in un paziente, 11 persone dovevano essere trattate con fibra, 5 con antispastici, o 2,5 con olio di menta piperita. Inoltre, non sono stati riscontrati effetti avversi gravi associati ai trattamenti.

Nei dodici documenti (591 pazienti in totale) che hanno analizzato la fibra, la fibra insolubile come la crusca non è risultata utile, mentre la fibra di afafula (fibra solubile) è stata trovata riducente in modo significativo. C’erano 22 studi con 1.778 pazienti che si concentravano su vari fenomeni spasmodici. I ricercatori hanno scoperto che ipertensione IBS sono i sintomi di IBS più efficaci. La Hyoscine, estratta dall’albero di sughero, è anche raccomandata dagli autori come terapia antispasmodica di prima linea nell’assistenza primaria.

Secondo quattro studi condotti su 392 pazienti, l’olio di menta piperita sembra essere il trattamento più efficace tra i tre.

Sebbene questi trattamenti siano efficaci, sicuri e disponibili al banco, sono stati trascurati dopo l’introduzione di farmaci più nuovi e costosi. Poiché tutti e tre i trattamenti sono stati mostrati come terapie potenzialmente efficaci per IBS, “Le attuali linee guida nazionali per la gestione della condizione dovrebbero essere aggiornate per includere questi dati”, concludono gli autori.

Un commento di accompagnamento scritto dal professor Roger Jones (King’sCollege London) sostiene che i risultati di questo studio dovrebbero “risvegliare l’interesse nella farmacoterapia della sindrome dell’intestino irritabile e stimolare ulteriori ricerche”. Aggiunge, tuttavia, che “Nessuno di questi dati, naturalmente, annulla l’importanza di fare una diagnosi” alcolica “nella sindrome dell’intestino irritabile – che tenga conto di fattori fisici, psicologici e sociali – e di pianificare un approccio integrato al trattamento, che si occupa di tutti questi fattori. “

Effetto di fibre, antispastici e olio di menta piperita nella sindrome da intestino irritabile: revisione sistematica e meta-analisi
Alexander C Ford, Nicholas J Talley, Brennan M R Spiegel, Amy EFoxx-Orenstein, Lawrence Schiller, Eamonn M M Quigley, Paul Moayyedi
BMJ (2008). 337: a2313
doi: 10.1136 / bmj.a2313
Clicca qui per visualizzare il sito web del journal

Scritto da: Peter M Crosta

Like this post? Please share to your friends: