Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Trombosi venosa profonda ed embolia polmonare

La trombosi venosa profonda è una condizione medica grave ma prevenibile in cui si verificano coaguli di sangue, di solito nelle vene della parte inferiore della gamba, della coscia, del bacino e talvolta delle braccia. È curabile, ma può causare malattie, disabilità e morte.

Spesso è sottodiagnosticato, quindi è importante cercare assistenza medica se compaiono i sintomi.

Embolia polmonare (PE) è spesso associata a trombosi venosa profonda (TVP). In PE, i coaguli di sangue dalla TVP si staccano dalle pareti delle vene e viaggiano attraverso il cuore fino alle arterie polmonari. Se si verifica un PE, i polmoni e altri organi possono essere danneggiati e può verificarsi la morte.

Queste condizioni possono verificarsi quando il coagulo di sangue si trova nelle vene profonde della regione pelvica o della coscia. Coaguli di sangue che si formano nelle vene più vicino alla superficie della pelle, nota come trombosi venosa superficiale, non risultano in PE. È anche possibile avere un PE senza DVT.

Fattori di rischio

[coaguli di cellule del sangue]

Chiunque può sviluppare DVT e PE. Molti fattori possono contribuire, ma avere più fattori contemporaneamente può aumentare la probabilità che si verifichi un coagulo di sangue.

Alcuni fattori comuni che possono aumentare il rischio di TVP e EP includono:

  • Lesione a una vena causata da una frattura, un infortunio muscolare o un intervento chirurgico maggiore
  • Flusso sanguigno lento o mancanza di flusso sanguigno a causa di riposo a letto, movimento limitato, seduta e gambe incrociate per lungo tempo e paralisi
  • Aumento degli estrogeni dalla terapia ormonale sostitutiva con pillole anticoncezionali o gravidanza
  • Trattamenti contro il cancro e il cancro
  • Una storia personale o familiare di disturbi della TVP e della PE o della coagulazione
  • Obesità
  • Cateteri venosi centrali
  • Vene varicose
  • Insufficienza venosa negli arti inferiori.

Sintomi

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie stimano che fino a 900.000 persone negli Stati Uniti sono affette da TVP, PE o entrambi, anche se il numero esatto non è noto. Le donne hanno maggiori probabilità di essere colpite da EP rispetto agli uomini. Poiché chiunque può soffrire di TVP e EP, è importante conoscere i segnali e i sintomi premonitori.

[embolia polmonare]

Una persona con TVP non può avere alcun sintomo, ma se un paziente manifesta qualche sintomo ed è anche esposto ai fattori di rischio sopra menzionati, dovrebbe cercare assistenza medica il prima possibile.

I sintomi includono:

  • Una sensazione di crampi al polpaccio
  • Gonfiore, dolore e tenerezza alle estremità, specialmente da un lato
  • Rossore della pelle solitamente associato al gonfiore, al dolore e alla tenerezza descritti sopra.

Un PE può manifestarsi con o senza sintomi di TVP. PE può essere estremamente serio. Se si verifica uno dei seguenti segni di EP, il paziente deve consultare immediatamente un medico:

  • Respirazione difficoltosa
  • Battito cardiaco irregolare o accelerato
  • Dolore al petto o fastidio, di solito provocato da respiri profondi
  • Tossendo sangue
  • Pressione sanguigna bassa, svenimento e sensazione di testa leggera
  • Aumento dell’ansia o del nervosismo.

Diagnosi

Se un paziente contatta il medico con i sintomi della TVP o della PE, verrà sottoposto a test e il medico farà una diagnosi. I medici di solito usano test di diagnostica per immagini che non sono invasivi o scomodi.

Un esame ecografico venoso può individuare i coaguli di sangue nelle vene e può essere eseguita una scansione TC del torace a velocità rapida per individuare i coaguli di sangue nelle arterie polmonari.

Un altro test che identifica il modo in cui l’ossigeno viene trasferito ai polmoni è una scansione VQ per i polmoni.

La risonanza magnetica è meno comune in questi casi, ma possono essere utilizzati per valutare le vene nella pelvi.

Un test del sangue chiamato test D-dimero può essere fatto per determinare se vi è una eccessiva coagulazione del sangue nel corpo. Se è negativo, la probabilità di avere un DVT o PE è molto bassa. Tuttavia, un test positivo non indica necessariamente un problema serio, in quanto potrebbe riferirsi a qualcosa di semplice come la coagulazione del sangue in una ferita della pelle.

Gli esami del sangue possono essere fatti anche per rilevare lo stato protrombotico, noto anche come disturbo della coagulazione. Questi test sono molto costosi e i risultati possono richiedere diversi giorni. Normalmente, vengono utilizzati solo se un paziente ha una TVP o PE e vi è preoccupazione per un disturbo della coagulazione, o se un paziente viene sottoposto a screening per un disturbo della coagulazione perché ha una storia familiare di TVP o EP.

Trattamento

È molto importante prendere e trattare la TVP prima che diventi PE. Un medico discuterà e prescriverà una strategia di trattamento che dovrebbe ridurre la capacità del sangue di coagularsi.

Gli anticoagulanti, o anticoagulanti, sono i farmaci più comunemente prescritti per i pazienti affetti da TVP o EP. Fanno due cose. Riducono la capacità del sangue di coagularsi e impediscono l’espansione dei coaguli di sangue esistenti.

Tuttavia, i fluidificanti del sangue non spezzano i coaguli di sangue esistenti. Interrompono solo il processo di coagulazione in modo che il corpo possa abbattere i coaguli attraverso i suoi normali meccanismi.

I pazienti possono assumere farmaci anticoagulanti sotto forma di pillole, un’iniezione o per via endovenosa. Di solito i pazienti sono istruiti a continuare i farmaci per via orale per circa 6 mesi, ma ogni persona è diversa.

I fattori che influenzano il trattamento comprendono:

  • Gravidanza nelle donne
  • Rischio di coaguli di sangue a breve termine e rischi a lungo termine
  • Storia di coaguli di sangue
  • Altre malattie preesistenti.

I pazienti che non sono in grado di assumere fluidificanti del sangue a causa di un alto rischio di sanguinamento possono aver bisogno di un filtro per la grotta della vena. Questo filtro è inserito in una grande vena nell’addome chiamata Vena Cava inferiore per catturare i coaguli di sangue prima che possano causare PE. Il rovescio della medaglia è che non impediscono la formazione di nuovi coaguli di sangue e talvolta i coaguli possono passare intorno al filtro attraverso vene più piccole o formare sul filtro, staccarsi e raggiungere comunque i polmoni.

Nei casi gravi di TVP, un chirurgo vascolare ha due opzioni.Uno è quello di accedere alla vena interessata e rimuovere il coagulo di sangue in un intervento chirurgico noto come trombectomia. L’altro consiste nel somministrare farmaci trombolitici o “trituratori” al sito della TVP per provare a dissolverlo.

Anche il trattamento per il PE coinvolge solitamente anticoagulanti come descritto sopra per il trattamento della TVP.

In caso di EP in pericolo di vita, il medico può prescrivere farmaci trombolitici, che distruggono i coaguli di sangue. Questo può essere pericoloso, in quanto può portare a sanguinamento in altre parti del corpo, come il cervello e il tratto gastrointestinale. I medici devono decidere caso per caso di somministrare questo farmaco.

In rari casi, un chirurgo può aver bisogno di rimuovere il coagulo di sangue dai polmoni in una procedura nota come embolectomia. Questa è anche una procedura molto rischiosa, e sarebbe usata solo come ultima risorsa.

Prevenzione

Le persone possono ridurre il rischio di sviluppare TVP e EP rimanendo in buona salute e gestendo il loro peso, evitando uno stile di vita sedentario e parlando con un medico se c’è una storia familiare di disturbi della coagulazione.

Alcune semplici regole possono aiutare a prevenire la TVP e i coaguli di sangue.

Questi includono:

  • Fare pause di attività se si è seduti per un lungo periodo di tempo, ad esempio oltre 4 ore. Su un aereo, i passeggeri possono camminare su e giù per il corridoio ogni 2 ore
  • Muoversi il più possibile, anche se limitato al riposo a letto
  • Fare esercizi seduti come la gamba solleva, stringendo e allentando i muscoli delle gambe e facendo sollevare tallone e punta
  • Indossare e calze a compressione
  • Usando farmaci anticoagulanti, se appropriato.

Le persone con una famiglia o una storia personale di coaguli di sangue dovrebbero prestare attenzione a segni e sintomi che potrebbero indicare TVP o EP. È importante continuare a muoversi ed evitare di stare fermi per lunghi periodi di tempo, per ridurre le possibilità di DVT e PE che si verificano.

Like this post? Please share to your friends: