Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Troppa TV durante l’infanzia ha un prezzo da adolescente

Un recente studio ha esaminato gli effetti a lungo termine del guardare troppa televisione da bambino. Sorprendentemente, l’impatto potrebbe essere misurato nelle abitudini alimentari, nel peso e nel comportamento dei bambini da adolescenti.

Bambino che guarda la televisione

Paradossalmente, in questo mondo moderno dal ritmo frenetico in cui viviamo, gli umani sono sempre più inclini a sedersi per lunghi periodi di tempo fissando gli schermi.

Questo spostamento di abitudini è considerato da molti un impatto negativo sui nostri figli.

Anche se la maggior parte dei genitori cerca di limitare la quantità di tempo sullo schermo che i loro figli hanno, il numero sempre crescente di schermi per famiglia lo rende sempre più impegnativo.

Ad esempio, circa 1 bambino su 3 negli Stati Uniti ha un televisore in camera da letto e quasi la metà di tutti i bambini guarda la televisione o i DVD per quasi 2 ore al giorno.

Tempo sullo schermo e risultati negativi

Le prove stanno aumentando il tempo che lo schermo ha un impatto negativo sui bambini mentre si sviluppano. Poiché guardare la TV è sedentaria sia fisicamente che mentalmente, la connettività può essere disturbata nel cervello del bambino in rapido sviluppo. Inoltre, ha il potenziale per impostare abitudini negative per la vita futura – scegliendo attività più semplici e meno impegnative su passatempi sfidanti fisicamente o mentalmente, per esempio.

Gli studi hanno rivelato che l’aumento del tempo di schermatura per i più piccoli e i bambini dell’asilo aumenta il rischio di avere un indice di massa corporea più alto (BMI) e circonferenza della vita quando entrano nel primo grado. Altri studi hanno rilevato che la circonferenza della vita e la forma fisica sono influenzate negativamente dal momento che i bambini entrano in quarta elementare.

A seguito di questi risultati, nell’ottobre 2016, l’American Academy of Pediatrics ha ridotto le linee guida per la visione televisiva nei bambini di età compresa tra 2-5 anni a non più di 1 ora al giorno.

Sebbene sia poco dibattuto che l’eccesso di visione televisiva abbia conseguenze negative per la salute, l’impatto della prima visione televisiva sul comportamento del bambino durante l’adolescenza è meno noto. È stata questa direzione che ha recentemente preso una squadra di ricercatori canadesi. In particolare, erano interessati ai risultati dello stile di vita, come le prestazioni scolastiche e le scelte dietetiche.

I ricercatori sono stati guidati dalla prof.ssa Linda Pagani e dalla dottoranda Isabelle Simonato, della School of Psychoeducation presso l’Université de Montréal in Canada. Hanno preso i dati dal Quebec Longitudinal Study of Child Development.

L’effetto della prima visione televisiva sugli adolescenti

In totale, circa 2000 ragazzi e ragazze nati a Quebec nel 1997-1998 sono stati coinvolti nello studio. I bambini erano stati seguiti dall’età di 5 mesi.

I genitori hanno riferito abitudini televisive mentre crescevano, poi, quando i bambini hanno raggiunto l’età di 13 anni, hanno auto-segnalato abitudini alimentari e comportamenti a scuola. Il Prof. Pagani spiega perché questo studio è particolarmente utile, dicendo: “Non si sa molto su quanto l’eccessiva esposizione allo schermo nella prima infanzia si relaziona con le scelte di vita nell’adolescenza”.

“Questa coorte di nascita è l’ideale, perché i bambini sono nati prima di smartphone e tablet e prima che le indicazioni pediatriche fossero pubblicizzate per i genitori: stavano allevando i loro figli con la TV e vedendola come innocua. Questo rende il nostro studio molto naturale, senza linee guida o interferenze esterne – un enorme vantaggio. “

Come previsto, ci sono stati effetti misurabili dell’aumento del tempo della TV sulle abitudini quando i bambini sono entrati nella loro adolescenza. I risultati del team sono stati pubblicati all’inizio del mese sul giornale.

Ogni ora aggiuntiva di visione della TV all’età di 2 anni prevedeva abitudini alimentari significativamente peggiori all’età di 13 anni. Consumavano carni e salumi più preparati, patatine fritte, pane bianco, bevande morbide e alla frutta, sport e bevande energetiche, dolci o snack salati e dessert.

I bambini che guardavano più TV avevano più probabilità di saltare la colazione nei giorni di scuola a 13 anni.

Inoltre, questi bambini avevano meno probabilità di fare uno sforzo nel loro primo anno di scuola superiore, che ha avuto un effetto negativo sulle prestazioni e l’ambizione. A 2 anni, ogni ora aggiuntiva spesa per guardare la televisione al giorno prevedeva un aumento del 10% del BMI all’età di 13 anni.

In che modo la TV ha un tale effetto?

Simonato ritiene che sia la natura sedentaria del guardare la TV che potrebbe essere la causa di alcuni dei risultati. Spiega: “Abbiamo ipotizzato che quando i bambini guardano troppa TV li incoraggia ad essere sedentari, e se imparano a preferire attività di svago senza sforzo in un’età molto giovane, probabilmente non penseranno molto a quelli non di svago, come la scuola , quando sono più grandi. “

“Questo studio ci dice che le abitudini eccessive dello stile di vita iniziano nella prima infanzia e sembrano persistere per tutto il corso della vita: un’esistenza senza sforzo crea rischi per la salute”.

Prof. Linda Pagani

“Per la nostra società”, continua il prof. Pagani, “ciò significa un maggiore carico sanitario associato all’obesità e alla mancanza di fitness cardiovascolare.

La forza di questo studio sta nella profondità dei dati. Poiché il team ha avuto accesso a una miriade di informazioni sulla vita familiare dei bambini, potrebbero controllare altri fattori che potrebbero aver avuto un ruolo, come parametri socioeconomici e fattori psicologici.

Erano persino in grado di rimuovere l’influenza delle abitudini del tempo sullo schermo all’età di 13 anni, consentendo loro di avere una visione chiara degli effetti di guardare la TV da bambino.

Il prof. Pagani offre alcune informazioni sul modo in cui i genitori usano gli schermi come strumento quando altre forme di interazione potrebbero essere utili. Spiega: “Nella scuola materna, i genitori usano il tempo sullo schermo come ricompensa e come distrazione, stabilendo un tranquillo” ozioso “in un momento di apprendimento in cui i bambini potrebbero effettivamente imparare l’autocontrollo”.

“Usando la distrazione”, aggiunge, “come ricompensa per aiutare i bambini a comportarsi in situazioni in cui dovrebbero imparare l’autocontrollo, li imposta su una traiettoria in cui cercheranno distrazioni di fronte alle richieste di sforzo cognitivo.

“Ricompensazione della distrazione e scarso sforzo mentale anche se l’intrattenimento influenzerà in seguito l’impegno di un giovane a scuola e la perseveranza nei loro studi”.

I ricercatori concordano con le raccomandazioni dell’American Academy of Pediatrics: ridurre il tempo di proiezione a non più di 1 ora ogni giorno per i bambini di 2-5 anni è il miglior consiglio.

Gli autori dello studio ritengono che ciò “garantirà traiettorie evolutive sane nell’adolescenza”.

Like this post? Please share to your friends: