Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Troppe proteine ​​nella mezza età “cattive come il fumo”

Due nuovi studi concludono che un basso apporto di proteine ​​può rappresentare la chiave per una vita lunga e sana, almeno fino alla vecchiaia. Sottolineano inoltre la necessità di esaminare non solo le calorie quando decidono cosa costituisce una dieta sana, ma anche da dove provengono queste calorie, ad esempio se le proteine ​​sono di origine animale o vegetale.

Un altro dato fondamentale è il suggerimento che mentre una dieta ricca di proteine ​​può a breve termine aiutare le persone a perdere peso e grasso corporeo, a lungo termine può nuocere alla salute e alla riduzione del peso.

Entrambi gli studi sono pubblicati sulla rivista.

Il primo studio è stato condotto da Valter Longo, un professore dell’Università della California del Sud, che conta la longevità e la biologia cellulare tra le sue aree di competenza.

Lui e colleghi hanno dimostrato che l’elevato consumo di proteine ​​è legato all’aumento del rischio di cancro, diabete e morte negli adulti di mezza età, sebbene questo non fosse il caso per gli anziani che possono trarre beneficio da un moderato consumo di proteine. Inoltre, l’effetto è molto ridotto quando la proteina proviene da fonti vegetali.

Il secondo studio è stato condotto da Stephen Simpson, un professore dell’Università di Sydney in Australia, il cui gruppo lavora nell’interfaccia tra fisiologia, ecologia e comportamento. Dagli studi sui topi, lui e i suoi colleghi autori hanno concluso che le diete a basso contenuto di proteine ​​e gli alti carboidrati sono legati alle durate più lunghe.

Entrambi gli studi suggeriscono che non sono solo le calorie, ma anche la composizione della dieta – in particolare gli intervalli di quantità e tipo di proteine ​​- che possono determinare la lunghezza e la salute di una vita.

Il prof. Longo dice:

“Abbiamo studiato organismi semplici, topi e umani, e forniamo prove convincenti che una dieta ricca di proteine ​​- in particolare se le proteine ​​derivano da animali – è quasi un brutto culo per la salute”.

La dieta ad alto contenuto proteico ha avuto il più alto rischio, tranne che negli anziani

Nel loro studio, il Prof. Longo e colleghi hanno analizzato i dati su oltre 6.800 adulti americani che hanno preso parte al National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) III, un’indagine nazionale statunitense che valuta salute e dieta.

Hanno scoperto che:

Burger mangiato

  • I partecipanti di 50 anni e più che hanno affermato di aver mangiato una dieta ricca di proteine ​​sono stati quattro volte più moralmente malati di cancro o diabete, e il doppio delle probabilità di morire per qualsiasi causa, nei successivi 18 anni.
  • Coloro che consumavano quantità moderate di proteine ​​avevano una probabilità tripla di morire di cancro.
  • Questi effetti sono stati ridotti o scomparsi del tutto tra i partecipanti il ​​cui alto contenuto proteico era principalmente a base vegetale.
  • Tuttavia, in soggetti di età pari o superiore a 65 anni, l’effetto era pressoché opposto: un’elevata assunzione di proteine ​​legata a un rischio ridotto del 60% di morire di cancro e un rischio ridotto del 28% di morire per ogni evenienza, con effetti simili per l’assunzione moderata di proteine.

I ricercatori hanno definito una dieta ad alto contenuto proteico come una dieta in cui almeno il 20% dei calori è prodotto da proteine.

L’ormone della crescita, il danno agli aminoacidi, la capacità di processare le proteine ​​possono essere fattori chiave

Il team suggerisce, a causa di prove da altri studi, che l’ormone della crescita e il fattore di crescita IGF-1 possano essere responsabili di questi effetti, come spiega il Prof. Longo:

“In particolare, l’attività di questi fattori, ma anche il peso corporeo, diminuisce naturalmente con l’invecchiamento, il che potrebbe spiegare perché le persone anziane non solo non hanno beneficiato, ma sembravano fare peggio se facevano una dieta a basso contenuto proteico”.

Gli esperimenti sulle cellule hanno suggerito che gli aminoacidi di cui sono fatte le proteine ​​possono ridurre la protezione cellulare e aumentare il danno al DNA, entrambi i quali potrebbero spiegare perché l’assunzione di proteine ​​è legata al cancro.

Inoltre, esperimenti condotti su topi hanno dimostrato che la capacità del corpo di processare le proteine ​​diminuisce con l’ingestione.

I ricercatori hanno provato 25 diete diverse in centinaia di topi

Nel secondo studio, il Prof. Simpson e il suo gruppo hanno sperimentato gli effetti di 25 diverse diete su centinaia di topi per vedere come diverse quantità e tipi di proteine, grassi e carboidrati hanno assunto l’apporto energetico, la salute metabolica, l’invecchiamento e la durata della vita.

Hanno scoperto che:

  • I topi con diete ricche di proteine ​​e basso contenuto di carboidrati avevano ridotto l’assunzione di cibo e i livelli inferiori di grasso corporeo, ma erano anche morti prima e avevano una salute cardiometabolica peggiore.
  • I topi con diete povere di proteine ​​e ad alto contenuto di grassi avevano la salute più scarsa e una vita più breve.
  • I topi viventi più sani e più lunghi erano quelli con diete ricche di carboidrati e bassa inproteina, nonostante l’aumento di assunzione di cibo e l’aumento dei livelli di grasso corporeo.
  • Una dieta a basso contenuto calorico non ha aumentato la durata della vita – il che è contrario alle prove di studi precedenti su topi, altri animali, lieviti e vermi che mostrano una riduzione della quantità di calorie per tutta la vita purché integrata con sostanze nutritive essenziali.

Il prof. Simpson dice:

“Abbiamo dimostrato esplicitamente perché è che le calorie non sono tutte uguali – dobbiamo guardare da dove provengono le calorie e come interagiscono.Questa ricerca ha enormi implicazioni per il cibo che mangiamo, il grasso corporeo, il cuore e il metabolismo salute, e in definitiva la durata delle nostre vite. “

Lui ei suoi colleghi suggeriscono che la dieta ideale per una vita lunga e sana è quella con un numero moderato di proteine ​​di alta qualità, basso contenuto di grassi e alto contenuto di carboidrati complessi.

Nel frattempo, di recente sono venuti a conoscenza di uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Granada, in Spagna, che ha scoperto che le diete ad alto contenuto proteico possono aumentare il rischio di malattie renali.

Like this post? Please share to your friends: