Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Troppo manganese può causare infezioni cardiache fatali

Un nuovo studio suggerisce che, se consumato in eccesso, il manganese dietetico può causare un’infezione del cuore con il batterio, che è anche noto come “stafilococco d’oro”.

bottiglia di integratori di manganese

Il manganese è un minerale essenziale che, se consumato eccessivamente, può essere tossico. Il minerale può essere trovato in abbondanza in verdure a foglia come spinaci e cavoli, così come nel tè, ananas e noci.

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista suggerisce che il manganese dietetico eccessivo può anche portare a un’infezione fatale del cuore. L’infezione in questione è causata dal batterio, che è anche conosciuto come “stafilococco” o “stafilococco d’oro”.

Staph è la principale causa di infezioni della pelle come foruncoli e foruncoli e, a volte, il batterio può causare infezioni del sangue potenzialmente fatali o polmonite.

Staph è anche la principale causa di endocardite infettiva o batterica. Ciò si verifica quando, dopo essere entrato nel flusso sanguigno, viene portato al cuore e si deposita in una valvola cardiaca o nel rivestimento interno della camera cardiaca.

L’autore senior del nuovo studio è Eric Skaar, Ph.D., che è Ernest W. Goodpasture Professore di Patologia, Microbiologia e Immunologia presso il Vanderbilt University Medical Center di Nashville, TN.

Il manganese può causare infezioni cardiache

Il professor Skaar ha detto che lui e i suoi colleghi hanno analizzato “l’impatto di molteplici carenze di metallo e eccesso di infezione” nei topi.

Hanno nutrito un gruppo di topi tre volte più manganese rispetto alla quantità normale, e un altro gruppo di topi è stato nutrito con una dieta normale. Il team ha scoperto che “solo il manganese in eccesso ha avuto un effetto sulla suscettibilità alle infezioni”.

La maggior parte dei topi che hanno ricevuto manganese in eccesso sono morti a seguito di un’infezione da stafilococco.

“Siamo rimasti sorpresi perché ci aspettavamo che la carenza di metallo avesse un impatto sulla suscettibilità, non sull’eccesso di metallo”, ci ha detto il professor Skaar.

I ricercatori hanno presentato un meccanismo esplicativo per i loro risultati, che coinvolge il cosiddetto burst reattivo dell’ossigeno del sistema immunitario, noto anche come burst ossidativo o respiratorio.

L’esplosione ossidativa è un processo chiave della capacità innata del corpo di difendersi dai batteri. Durante questo periodo, le specie reattive dell’ossigeno, o le molecole contenenti ossigeno, vengono rilasciate rapidamente da diversi tipi di cellule immunitarie.

Il professor Skaar spiega che nel caso di un’infezione da stafilococco, in condizioni normali, “i neutrofili [un tipo di globuli bianchi] versano nel sito di infezione e fanno esplodere i batteri con specie reattive dell’ossigeno”.

Tuttavia, l’eccessivo manganese sembra contrastare questo processo. Una chiave proteica per assorbire l’eccesso di manganese e altri metalli sembrava essere inattiva nei cuori dei topi nutriti con troppo manganese.

Questa proteina è chiamata calprotectina. Fa parte della linea di difesa antimicrobica del sistema immunitario e il suo ruolo è di tenere i batteri lontani dai nutrienti, inibendone la crescita.

Implicazioni cliniche dei risultati

“[Nel nostro studio] stiamo usando un livello di metallo che potrebbe essere ragionevolmente incontrato dagli esseri umani, e alcune popolazioni di pazienti che sono a maggior rischio di infezione sono esposte a livelli comparabili di manganese”, ha spiegato il Prof. Skaar.

Egli osserva che questi pazienti che hanno maggiori probabilità di contrarre un’infezione da stafilococco e sviluppare endocardite hanno anche avuto livelli anormalmente elevati di manganese tissutale in studi precedenti.

Queste persone includono tossicodipendenti che iniettano droghe per via endovenosa, persone con disturbi del fegato e pazienti che hanno seguito una dieta per via endovenosa per un lungo periodo di tempo.

“È sorprendente che un singolo cambiamento nella dieta possa inattivare uno dei rami più potenti della difesa immunitaria innata e portare a infezioni fatali”, ha detto il professor Skaar.

In futuro, lui e il suo team hanno in programma di esaminare in modo più approfondito perché il cuore, in particolare, è soggetto a infezioni fatali da stafilococco.

“Il corpo umano svolge un ottimo lavoro nel regolare i livelli di nutrienti e una dieta tradizionale occidentale contiene molti minerali. L’idea di nutrienti super-dosatori deve essere attentamente valutata”.

Prof. Eric Skaar

Like this post? Please share to your friends: