Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Troppo sale potrebbe aumentare il rischio di diabete

I ricercatori suggeriscono che il sodio – che comunemente si ingerisce attraverso il sale, o il cloruro di sodio – potrebbe aumentare il rischio di diabete di tipo 2 e diabete autoimmune latente negli adulti.

salgemma sul cucchiaio di legno

Il diabete è una condizione comune che colpisce più di 29 milioni di persone negli Stati Uniti, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Il diabete di tipo 2 rappresenta fino al 95% di tutti i casi diagnosticati ed è caratterizzato da livelli anormali di zucchero nel sangue.

Questo tipo di diabete è più spesso diagnosticato in persone di mezza età e senior. Un’altra condizione metabolica chiamata diabete autoimmune latente negli adulti (LADA) viene spesso diagnosticata erroneamente come diabete di tipo 2; appare anche più tardi nell’età adulta.

LADA è una malattia che progredisce più lentamente e inizialmente non richiede il trattamento con insulina.

Un nuovo studio condotto dal dott. Bahareh Rasouli, dell’Istituto di medicina ambientale presso il Karolinska Institutet di Stoccolma, in Svezia – in collaborazione con ricercatori di altre istituzioni svedesi e finlandesi – analizza ora l’impatto dell’assunzione di sodio sul rischio di tipo 2 diabete e LADA.

I ricercatori hanno presentato i loro risultati alla riunione annuale dell’Associazione europea per lo studio del diabete, tenutasi a Lisbona, in Portogallo.

Ogni grammo in più di sodio aumenta il rischio

La ricerca esistente aveva già suggerito che il sodio che di solito assorbiamo dalla nostra assunzione giornaliera di sale può aumentare significativamente il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Il team spiega che questo può essere dovuto al fatto che l’impatto del sodio è insulino-resistenza, ma anche perché l’eccesso di sale può portare all’ipertensione e al sovrappeso. Ma fino ad ora, nessuno studio aveva esaminato l’impatto dell’assunzione di sodio sul rischio di LADA.

“Dato il componente autoimmune della LADA”, ha spiegato il dott. Rasouli, “abbiamo ipotizzato che una dieta ricca di sale potrebbe accelerare l’autoimmunità e svolgere un ruolo nella patogenesi [sviluppo della malattia] di LADA.

“Inoltre”, ha aggiunto, “ci sono dati limitati sull’associazione tra l’assunzione di sodio e il rischio di diabete di tipo 2. Pertanto, abbiamo mirato a studiare il rischio di LADA e diabete di tipo 2 in relazione all’assunzione di sodio”.

Il dott. Rasouli e colleghi hanno analizzato i dati dello studio epidemiologico dei fattori di rischio per il diabete di tipo 2 e LADA, che è un ampio studio di coorte svedese.

Il team ha esaminato i dati di 355 persone con diagnosi di LADA e 1.166 individui con diabete di tipo 2, confrontando i risultati di questa analisi con i risultati di un gruppo sano di 1.379 individui (i controlli).

Sono stati utilizzati questionari per raccogliere informazioni sulle diete giornaliere dei partecipanti. Questi dati hanno quindi consentito al team di calcolare l’apporto calorico, nutriente e di sodio giornaliero per ogni partecipante.

Il dott. Rasouli e colleghi hanno anche preso in considerazione fattori di rischio genetici per il diabete e i partecipanti sono stati divisi in categorie “ad alto rischio” e “altro” a seconda del loro profilo genetico.

Sono state adeguate anche le variabili confondenti, tra cui età, sesso, indice di massa corporea (BMI), fumo, livelli di attività fisica e assunzione di alcol.

I ricercatori hanno scoperto che ogni grammo in più di sodio (o 2,5 grammi di sale) al giorno era collegato a un rischio del 43 per cento più elevato di diabete di tipo 2. Per LADA, ogni grammo di sodio in più ha portato ad un aumento del 73% nello sviluppo della condizione.

I partecipanti sono stati divisi in tre gruppi in base alla quantità di assunzione di sodio. Questi erano “a basso consumo” (per meno di 2,4 grammi di sodio al giorno, o fino a 6 grammi di sale), “consumo medio” (da 2,4 a 3,15 grammi di sodio, o fino a 7,9 grammi di sale) e “consumo elevato” (più di 3,15 grammi di sodio al giorno o più di 7,9 grammi di sale).

È stato osservato che le persone che rientrano nella categoria ad alto consumo avevano un rischio più elevato del 58% di sviluppare diabete di tipo 2 rispetto agli individui nel gruppo a basso consumo.

Le persone con un alto rischio genetico di diabete che avevano anche un elevato apporto giornaliero di sodio avevano una probabilità quasi quadrupla di sviluppare LADA rispetto alle persone con un basso apporto giornaliero di sodio.

Interazione tra genetica e dieta?

Sulla base di questi risultati, i ricercatori “confermano un’associazione tra l’assunzione di sodio e il diabete di tipo 2”. Aggiungono che “un’elevata assunzione di sodio può essere un fattore di rischio per LADA, specialmente nei portatori di genotipi HLA [antigene leucocitario umano] ad alto rischio”. Queste sono persone che hanno già un significativo rischio genetico di diabete.

Il Dr. Rasouli ci ha detto che lo studio aveva un limite importante: dato che la ricerca era basata su questionari, è possibile che i partecipanti abbiano erroneamente ricordato i dettagli rilevanti, portando a un bias di richiamo. Eppure, se mai, questo pregiudizio potrebbe aver portato a una sottostima degli effetti dell’assunzione di sodio sul rischio di diabete di tipo 2 e LADA.

“Il limite principale,” suggerì il dott. Rasouli, “è il disegno retrospettivo che può portare a bias di richiamo. Per minimizzare questo potenziale pregiudizio, i pazienti hanno ricevuto il questionario in prossimità della diagnosi con le istruzioni per riportare le loro abitudini alimentari / stile di vita prima della diagnosi. “

“Tuttavia, il bias di richiamo non può essere escluso: se questo potenziale errore di richiamo è avvenuto, questo ci porterebbe a sottovalutare il rischio, non a sovrastimare i risultati”, ha aggiunto.

Ha anche detto che ulteriori indagini sull’interazione tra dieta e fattori genetici nel contesto del diabete potrebbero rivelare ulteriori percorsi per affrontare la prevenzione delle malattie. Il Dr. Rasouli ha anche rivelato un interesse nel testare gli effetti della riduzione al minimo dell’assunzione di sale sulla prevenzione di questi due tipi di diabete.

“È interessante studiare il rischio di LADA e diabete di tipo 2 in relazione [all’interazione] tra assunzione di sale alimentare e fattori genetici […] Sarebbe anche interessante indagare in studi clinici controllati se una riduzione del sale alimentare l’assunzione è benefica nella prevenzione del diabete di tipo 2 e del diabete autoimmune “.

Dr. Bahareh Rasouli

Like this post? Please share to your friends: