Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

‘Tutti sentiamo voci nelle nostre teste’, ma perché? Studio indaga

Secondo il nuovo studio pubblicato sulla rivista, il cervello tratta di parlare all’interno delle nostre teste essenzialmente come se stesse parlando a voce alta, il che potrebbe aiutare a spiegare condizioni come la schizofrenia.

testa con le bolle di discorso intorno ad esso

Passiamo molto tempo ad ascoltare noi stessi parlare dentro le nostre teste. Ascoltiamo la nostra voce interiore ogni volta che leggiamo un libro, decidiamo cosa mangiare a pranzo, o immaginiamo in che modo avremo la nostra visione durante un incontro.

In realtà, le stime suggeriscono che trascorriamo almeno un quarto delle nostre ore di veglia per la nostra voce interiore.

Ma come fa il cervello a distinguere tra la voce interiore e la voce esterna che emette i suoni che gli altri ascoltano?

Gli strumenti che esplorano quest’area dell’elaborazione del cervello potrebbero essere molto utili per migliorare la nostra comprensione dei disturbi che coinvolgono “sentire le voci”, come la schizofrenia.

Schizofrenia e allucinazioni

La schizofrenia è una malattia mentale a lungo termine, grave e invalidante che colpisce circa l’1,1 per cento degli adulti negli Stati Uniti. Nella maggior parte dei casi, i sintomi iniziano nella tarda adolescenza o nella prima età adulta.

Il disturbo disturba il pensiero, le emozioni, la percezione e il comportamento, rendendo difficile andare d’accordo con le persone, mantenere un lavoro e gestire la vita quotidiana. Gli esperti suggeriscono che questa malattia altamente complessa sia probabilmente una raccolta di diversi disturbi.

Un sintomo comune della schizofrenia è “allucinazioni verbali uditive” o udire voci che altre persone non sentono. Per un po ‘di tempo, è stato ipotizzato che queste allucinazioni siano il risultato di problemi con il linguaggio interiore.

“Questo studio”, spiega il primo autore dello studio Thomas Whitford, professore associato presso la School of Psychology presso l’Università del New South Wales in Australia, “fornisce gli strumenti per indagare su questa ipotesi, una volta non verificabile”.

“La copia Efference smorza la risposta cerebrale”

Quando pronunciamo i nostri pensieri ad alta voce, il nostro cervello invia istruzioni che dicono alle corde vocali, alla lingua e alle labbra come muoversi per produrre il suono desiderato. Quando ciò accade, il cervello fa anche una copia delle istruzioni. Questo è noto come “copia efference”.

La copia efference consente alle regioni del cervello che elaborano il suono di prevedere ciò che stanno per ricevere. Se la copia efference corrisponde ai suoni che effettivamente ascoltiamo quando parliamo, allora la risposta all’elaborazione del suono è più attenuata.

“La copia efference smorza la risposta del cervello alle vocalizzazioni auto-generate”, dice il Prof. Whitford, “dando meno risorse mentali a questi suoni, perché sono così prevedibili”.

Spiega questo effetto con un altro esempio: provare a solleticare noi stessi è molto più delicato di quando lo fa qualcun altro. Quando proviamo a solleticarci, il cervello produce una copia efferente delle istruzioni alle dita, permettendogli di predire le sensazioni esatte, risultando in una risposta un po ‘smorzata.

Ma se qualcun altro fa il solletico, non c’è copia di riferimento, e l’atto imprevedibile – anche se coinvolge le stesse sensazioni – crea una risposta più grande nel cervello e la sensazione di essere solleticati.

Il linguaggio interiore fa copie efferenti?

Lo scopo del nuovo studio era di scoprire se il cervello fa o meno una copia efference per il discorso interiore nello stesso modo in cui lo fa per le parole pronunciate ad alta voce.

Il team ha reclutato 42 volontari sani e ha utilizzato l’elettroencefalografia (EEG) per monitorare la loro attività cerebrale mentre ascoltavano il parlato vocale in cuffia.

Mentre ascoltavano, i partecipanti dovevano produrre lo stesso suono o un suono diverso nella loro testa al suono che potevano sentire.

Le registrazioni EEG hanno mostrato che uno specifico tipo di risposta cerebrale era “smorzato” quando il suono del discorso interno era uguale a quello esterno. Tuttavia, quando il suono del parlato interno non corrispondeva a quello esterno, lo smorzamento non si verificava – la risposta era molto più grande.

I ricercatori concludono che questo indica che il cervello fa una copia efference per il discorso interno nello stesso modo in cui lo fa per il parlato esterno.

Suggeriscono che il metodo che hanno usato nello studio potrebbe essere utile per esplorare ciò che accade nel cervello durante le allucinazioni verbali uditive.

“Tutti sentiamo voci nelle nostre teste, forse il problema sorge quando il nostro cervello non è in grado di dire che siamo noi a produrle”.

Prof. Thomas Whitford

Like this post? Please share to your friends: