Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Tutto ciò che devi sapere sui calcoli biliari

I calcoli biliari sono pietre o noduli che si sviluppano nella cistifellea o nel dotto biliare quando certe sostanze si induriscono.

La cistifellea è una piccola sacca situata sul lato destro del corpo, sul lato inferiore del fegato. Alcune delle sostanze chimiche che esistono nella cistifellea possono solidificarsi in una grande pietra o in una più piccola.

Ci sono circa 20 milioni di americani con calcoli biliari. Uno studio ha rivelato che la prevalenza di calcoli biliari negli adulti nei paesi industrializzati è di circa il 10% e sembra in aumento.

Fatti veloci su calcoli biliari

Ecco alcuni punti chiave sui calcoli biliari. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • La cistifellea è un piccolo organo situato nella parte inferiore del fegato.
  • Le pietre si possono formare quando c’è uno squilibrio chimico nella cistifellea.
  • Le persone con sovrappeso e obesità hanno maggiori probabilità di sviluppare calcoli biliari.
  • Gli esperti ritengono che una dieta povera di grassi e ricca di fibre possa aiutare a prevenire i calcoli biliari.

Sintomi

Dolore al calcoli biliari

La maggior parte delle persone con calcoli biliari non presenta alcun sintomo. Questo perché le pietre rimangono nella cistifellea e non causano problemi.

A volte, tuttavia, i calcoli biliari possono portare alla colecistite o alla cistifellea infiammata.

Il sintomo principale è il dolore che si manifesta improvvisamente e rapidamente peggiora. Questo dolore può verificarsi sul lato destro del corpo, appena sotto le costole, tra le scapole o nella spalla destra.

Altri sintomi includono:

  • dolore sul lato destro del corpo, appena sotto le costole
  • dolore alla schiena tra le scapole
  • dolore alla spalla destra
  • nausea
  • vomito
  • sudorazione
  • irrequietezza

Trattamento

I calcoli biliari vengono trattati solo se hanno causato infiammazione della cistifellea, blocco dei dotti biliari o se si sono spostati dai dotti biliari nell’intestino.

colecistectomia

Colecistectomia significa la rimozione chirurgica della cistifellea. Questo di solito viene eseguito con un intervento chirurgico keyhole. La chirurgia della buca della serratura non è possibile per circa il 10% delle persone che necessitano di una colecistectomia aperta. Avranno invece chirurgia a cielo aperto.

Con la colecistectomia aperta viene praticato un taglio ampio nell’addome. Le persone che si sottopongono a chirurgia aperta richiedono una degenza ospedaliera più lunga e tempi di recupero. Se una cistifellea è gravemente infiammata, sarà necessario un intervento chirurgico aperto.

Per gran parte di coloro che si sottopongono a una colecistectomia, i calcoli biliari tornano entro un anno. Per aiutare a prevenire questo, molte persone con calcoli biliari sono dati acido ursosdeoxycholic, che è l’acido trovato nella bile.

L’acido urososossicolico riduce il contenuto di colesterolo della bile, rendendo meno probabile la formazione di calcoli.

Acido osssodesossicolico

Se il calcoli biliari è costituito da colesterolo, a volte può essere lentamente sciolto con acido ursodesossicolico. Questo tipo di trattamento, noto come dissoluzione, può richiedere fino a 24 mesi per essere efficace. Non è efficace quanto la chirurgia, ma a volte è l’unica scelta per le persone che non possono avere un anestetico generale.

Colangiopancreatolografia retrograda endoscopica

Quando una persona con calcoli biliari non può avere un intervento chirurgico o acido ursodesossicolico, può sottoporsi a colangiopancreatolografia retrograda endoscopica (ERCP), che richiede un anestetico locale. Una telecamera flessibile in fibra ottica, o endoscopio, entra in bocca, attraverso il sistema digestivo e nella cistifellea.

Un filo riscaldato elettricamente allarga l’apertura del dotto biliare. Le pietre vengono quindi rimosse o lasciate passare nell’intestino.

litotripsia

Le onde d’urto ultrasoniche sono mirate ai calcoli biliari, che li distruggono. Se i calcoli biliari diventano abbastanza piccoli, possono passare tranquillamente nelle feci. Questo tipo di trattamento è raro e viene utilizzato solo quando sono presenti pochi calcoli biliari.

Diagnosi

In molti casi, i calcoli biliari vengono scoperti per caso quando un individuo viene trattato per una condizione diversa. Un medico può sospettare calcoli biliari dopo un test del colesterolo, un’ecografia, un esame del sangue o anche una radiografia.

Gli esami del sangue possono essere utilizzati per cercare segni di infezione, ostruzione, pancreatite o ittero.

colangiografia

Un colorante viene o iniettato nel flusso sanguigno in modo che si concentri nei dotti biliari o nella cistifellea, oppure viene inserito direttamente nei dotti biliari utilizzando un ERCP. La tintura si presenta ai raggi X. ERCP è anche usato per localizzare e rimuovere le pietre nel dotto biliare.

Il medico sarà quindi in grado di osservare le radiografie e identificare possibili disturbi alla colecisti o ai dotti biliari, come pancreatite, cancro del pancreas o calcoli biliari. I raggi X indicheranno al medico se il colorante sta raggiungendo il fegato, i dotti biliari, l’intestino e la cistifellea.

Se il colorante non si muove in una di queste aree, generalmente significa che il calcoli biliari sta causando un blocco. Un esperto avrà un’idea migliore di dove si trova la pietra calcarea.

TAC

Questa è una radiografia non invasiva che produce immagini di sezioni trasversali all’interno del corpo umano.

Cholescintigraphy (HIDA scan)

Una piccola quantità di materiale radioattivo innocuo viene iniettata nel paziente. Questo viene assorbito dalla cistifellea, che viene quindi stimolata a contrarsi. Questo test può diagnosticare contrazioni anormali della cistifellea o un’ostruzione del dotto biliare.

Dieta

Una selezione di verdure
I vegetariani hanno un minor rischio di sviluppare calcoli biliari.

Solitamente le persone con calcoli biliari non ancora pronti per la chirurgia venivano prescritte una dieta estremamente povera di grassi per prevenire la crescita di calcoli biliari.

Recentemente è stato dimostrato che è meno utile di quanto si pensasse in precedenza, poiché una rapida perdita di peso può causare calcoli biliari.

Si raccomanda una dieta equilibrata con pasti regolari. Questo non curerà i calcoli biliari, ma può avere un impatto positivo su qualsiasi sintomo e dolore sperimentato.

Evitare cibi ricchi di grassi saturi può aiutare a ridurre il rischio di sviluppo di calcoli biliari, come burro, formaggio a pasta dura, torte e biscotti. Si ritiene che il colesterolo abbia un ruolo nella formazione di calcoli biliari.

Si possono prendere misure dietetiche per aiutare a prevenire la condizione, come mangiare più noci e consumare piccole quantità di alcol.

Le cause

I calcoli biliari si possono formare quando le sostanze chimiche nella cistifellea sono fuori equilibrio, come il colesterolo, il bilirubinato di calcio e il carbonato di calcio.

Esistono due tipi principali di calcoli biliari:

  • Calcoli biliari di colesterolo: questi possono formare se c’è troppo colesterolo nella bile. Sono il principale tipo di calcoli biliari negli Stati Uniti.
  • Calcoli biliari a pigmento: si formano quando la bile ha troppa bilirubina. Sono più comuni tra le persone con malattie del fegato, tubi infetti della bile o disturbi del sangue, come l’anemia falciforme.

Gli esperti non sono del tutto sicuri del motivo per cui alcune persone sviluppano lo squilibrio chimico nella loro cistifellea che causa calcoli biliari, mentre altri no.

Tuttavia, sappiamo che i calcoli biliari sono più comuni tra le persone con obesità, specialmente le donne. Uno studio ha rivelato che una pancia sporgente quasi raddoppia le possibilità di una donna di sviluppare calcoli biliari e la necessità di un intervento chirurgico per rimuoverli.

Fattori di rischio

Altre persone a rischio includono:

  • donne che sono state incinte
  • storia famigliare
  • persone che hanno perso di recente molto peso
  • intenzionalmente perdere peso velocemente e poi riguadagnare può aumentare il rischio degli uomini per calcoli biliari più tardi nella vita
  • donne che assumono contraccettivi orali
  • essere sedentario
  • donne sottoposte a terapia con estrogeni ad alte dosi
  • persone con un parente stretto che ha avuto calcoli biliari
  • uno studio ha rivelato che una variante genica aumenta significativamente il rischio di sviluppare calcoli biliari
  • persone il cui apporto di grassi nella dieta è alto
  • il doppio delle donne ottiene i calcoli biliari rispetto agli uomini
  • persone con più di 60 anni
  • indiani nativi americani
  • persone che assumono farmaci per abbassare il colesterolo chiamati statine
  • persone con diabete

Inoltre, la terapia ormonale sostitutiva (HRT) per le donne durante la menopausa è legata a un rischio più elevato di problemi alla cistifellea. Uno studio ha rilevato che la terapia ormonale sostitutiva somministrata da patch o gel cutanei presenta un rischio minore rispetto alla terapia ormonale sostitutiva somministrata per via orale.

Di seguito è riportato un modello 3-D di calcoli biliari, che è completamente interattivo.

Esplora il modello utilizzando il mouse o il touchscreen per comprendere meglio i calcoli biliari.

complicazioni

Se il dotto biliare o il duodeno sono bloccati dai calcoli biliari, il flusso di succhi digestivi verso il pancreas può essere bloccato. Questo può causare ittero e pancreatite acuta. Il trattamento di solito comporta la rimozione chirurgica della cistifellea.

Se è comune per le persone che hanno avuto la cistifellea rimossa per provare sensazioni di gonfiore e indigestione, specialmente quando hanno un pasto ricco di grassi. Alcuni possono passare le feci più spesso di prima.

Una persona può vivere senza la cistifellea?

Una persona può sopravvivere senza una cistifellea. Il fegato produce abbastanza bile per digerire una dieta normale. Se viene rimossa la cistifellea, la bile raggiunge l’intestino tenue dal fegato attraverso i dotti epatici, anziché essere immagazzinata nella cistifellea.

Una piccola percentuale di persone che hanno avuto la rimozione della cistifellea subirà per un po ‘delle feci più morbide e frequenti perché la loro bile scorre più spesso nell’intestino tenue.

I sintomi possibili possono verificarsi con complicazioni:

È importante riconoscere le potenziali complicanze dei calcoli biliari.

Colica biliare: quando una pietra si blocca nell’apertura della cistifellea e non passa facilmente attraverso, la contrazione della cistifellea può causare forti dolori. Quando ciò accade, un individuo può sperimentare una condizione dolorosa chiamata colica biliare.

Il dolore è sentito nella parte superiore dell’addome, ma può anche esistere nel centro o alla destra dell’addome. Il dolore è più comune circa un’ora dopo aver mangiato, soprattutto se un individuo ha avuto un pasto ricco di grassi. Il dolore sarà costante e durerà alcune ore, per poi placarsi. Alcune persone soffriranno di dolore non stop per 24 ore, mentre altri potrebbero sperimentare ondate di dolore.

Infezione: se i calcoli biliari hanno causato un’infezione alla cistifellea, la persona con questa condizione può avere la febbre e provare brividi. Nella maggior parte dei casi di infezione da calcoli biliari, le persone saranno ricoverate in ospedale per la rimozione del calcoli biliari.

Ittero: se la pietra calcarea lascia la cistifellea e rimane bloccata nel dotto biliare, può bloccare il passaggio della bile nell’intestino. La bile quindi si infiltrerà nel flusso sanguigno, causando segni di ittero.

Nella maggior parte dei casi, questa complicanza richiederà la rimozione chirurgica del calcoli biliari. Per alcune persone, il calcoli biliari alla fine passa nell’intestino.

Pancreatite: se un piccolo calcoli biliari passa attraverso il dotto biliare e blocca il dotto pancreatico, o provoca un reflusso di liquidi e bile nel dotto, un individuo può sviluppare pancreatite.

Prevenzione

Alcuni fattori che aumentano il rischio di sviluppare calcoli biliari, come età, sesso e origine etnica, non possono essere modificati.

Tuttavia, è possibile che seguire una dieta vegetariana possa ridurre il rischio di sviluppare calcoli biliari. I vegetariani hanno un rischio significativamente inferiore di sviluppare calcoli biliari, rispetto alle persone che mangiano carne.

Molti esperti affermano che una dieta a basso contenuto di grassi e ricca di frutta e verdura, tra cui un sacco di fibre alimentari, può aiutare a proteggere le persone dallo sviluppo di calcoli biliari.

Il controllo del peso corporeo può anche aiutare a prevenire la formazione di calcoli biliari. Tuttavia, la dieta accelerata e la rapida perdita di peso aumentano il rischio di sviluppare calcoli biliari. Si consiglia la moderazione.

Like this post? Please share to your friends: