Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Tutto ciò che devi sapere sul colera

Il colera è una malattia infettiva epidemica acuta. È caratterizzato da diarrea acquosa, estrema perdita di liquidi ed elettroliti e grave disidratazione. Può essere fatale.

È causato dal batterio.

Nonostante sia facile da curare, si stima che il colera colpisca tra i 3 ei 5 milioni di persone ogni anno e causa oltre 100.000 morti in tutto il mondo.

A causa della grave disidratazione, i tassi di mortalità sono elevati se non trattati, soprattutto tra bambini e neonati. La morte può verificarsi in adulti altrimenti sani in poche ore. Coloro che si riprendono di solito hanno un’immunità a lungo termine contro la reinfezione.

Il colera era prevalente negli Stati Uniti nel 1800, ma ora è raro perché esistono sistemi sanitari e condizioni di vita ben sviluppati.

Quando si viaggia in Asia, in Africa e in alcune parti dell’America Latina, tuttavia, le persone hanno bisogno di proteggersi dal colera avendo in anticipo vaccinazioni appropriate, bevendo solo acqua bollita o da una bottiglia sigillata e seguendo le buone pratiche di lavaggio delle mani.

Cos’è il colera?

[Mal di stomaco]

La causa del colera è l’infezione da parte dei batteri. Questi batteri furono scoperti nel 1883.

Il batteriologo tedesco Robert Koch (1843-1910), studiò la malattia durante un’epidemia in Egitto. Ha trovato un batterio nell’intestino di coloro che erano morti di colera, ma non poteva né isolare l’organismo né infettare animali con esso.

Più tardi quell’anno, Koch andò in India, dove riuscì a isolare i batteri. Scoprì che prosperavano nella biancheria umida e sporca e nella terra umida e nelle feci dei pazienti affetti dalla malattia.

i batteri vivono in acque poco profonde e salate su microscopici crostacei. Possono anche esistere come colonie di biofilm che ricoprono la superficie dell’acqua, piante, pietre, conchiglie e oggetti simili, e possono vivere tra le uova dei moscerini, che fungono da riserva per i batteri del colera.

I ceppi tossici dei batteri del colera producono un veleno che scatena la diarrea violenta negli esseri umani.

Quando i batteri entrano nelle aree in cui vivono gli esseri umani, possono rapidamente causare gravi epidemie. I cambiamenti climatici, la perdita di popolazione e il miglioramento dei servizi igienico-sanitari possono porre fine a un’epidemia.

Sintomi

Solo circa 1 su 20 infezioni da colera sono gravi e un’alta percentuale di persone infette non presenta sintomi.

Se compaiono i sintomi, lo faranno tra 12 ore e 5 giorni dopo l’esposizione. Variano da lieve o asintomatico a grave.

In genere includono:

  • grandi volumi di diarrea acquosa esplosiva, a volte chiamata “sgabelli di acqua di riso” perché può sembrare acqua che è stata usata per lavare il riso
  • vomito
  • crampi alle gambe

Una persona con colera può perdere rapidamente liquidi, fino a 20 litri al giorno, così possono verificarsi gravi disidratazioni e shock.

I segni di disidratazione includono:

  • pelle flaccida
  • occhi infossati
  • bocca asciutta
  • diminuzione della secrezione, per esempio, meno sudorazione
  • battito cardiaco veloce
  • bassa pressione sanguigna
  • vertigini o stordimento
  • rapida perdita di peso

Lo shock può portare al collasso del sistema circolatorio. È una condizione pericolosa per la vita e un’emergenza medica.

Le cause

[alloggi poveri e servizi igienico-sanitari]

I batteri del colera penetrano nel corpo attraverso la bocca, spesso in cibo o acqua contaminata da scarti umani, a causa della scarsa igiene e igiene.

Possono anche entrare mangiando frutti di mare crudi o non completamente cotti, in particolare molluschi originari di ambienti estuari, come ostriche o granchi.

Le verdure scarsamente pulite irrigate da fonti d’acqua contaminate sono un’altra fonte comune di infezione.

In situazioni in cui i servizi igienico-sanitari sono gravemente sfidati, come nei campi profughi o nelle comunità con risorse idriche estremamente limitate, una singola vittima colpita può contaminare tutta l’acqua per un’intera popolazione.

Diagnosi

Un medico può sospettare il colera se un paziente ha diarrea acquosa grave, vomito e rapida disidratazione, specialmente se ha recentemente viaggiato in un luogo che ha una storia recente di colera, o scarsa igiene, o se ha recentemente consumato molluschi.

Un campione di feci verrà inviato a un laboratorio per il test, ma se si sospetta il colera, il paziente deve iniziare il trattamento anche prima che i risultati tornino.

Trattamento

Normalmente è la disidratazione che porta alla morte per colera, quindi il trattamento più importante è dare una soluzione di idratazione orale (ORS), nota anche come terapia orale di reidratazione (ORT).

Il trattamento consiste in grandi volumi d’acqua mescolati con una miscela di zucchero e sali.

Le miscele preconfezionate sono disponibili in commercio, ma la distribuzione diffusa nei paesi in via di sviluppo è limitata dal costo, quindi vengono spesso utilizzate ricette ORS fatte in casa, con ingredienti domestici comuni.

Casi gravi di colera richiedono la sostituzione di fluidi per via endovenosa. Un adulto che pesa 70 chilogrammi avrà bisogno di almeno 7 litri di liquidi per via endovenosa.

Gli antibiotici possono ridurre la durata della malattia, ma l’OMS non raccomanda l’uso massiccio di antibiotici per il colera, a causa del crescente rischio di resistenza batterica.

I farmaci anti-diarrea non sono usati perché impediscono che i batteri vengano espulsi dal corpo.

Con un’adeguata cura e trattamento, il tasso di mortalità dovrebbe essere intorno all’1 per cento.

Prevenzione

Il colera è spesso diffuso attraverso il cibo e a causa della scarsa igiene. Alcune semplici misure possono ridurre il rischio di contrarre il colera.

[lavarsi le mani]

Quando si viaggia in zone in cui la malattia è endemica, è importante:

  • Mangia solo frutta che hai sbucciato.
  • Evitare insalate, pesce crudo e verdure crude.
  • Assicurarsi che il cibo sia ben cotto.
  • Assicurati che l’acqua sia imbottigliata o bollita e che sia sicura da consumare.
  • Evita il cibo da strada, poiché può portare colera e altre malattie.

I viaggiatori dovrebbero conoscere il colera prima di visitare un paese in cui è prevalente.

Gli individui dovrebbero rivolgersi immediatamente al medico se hanno sintomi come crampi alle gambe, vomito e diarrea mentre si trovano in una comunità in cui la malattia esiste.

Vaccino contro il colera

Attualmente ci sono tre vaccini contro il colera raccomandati dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Questi sono Dukoral, Shanchol ed Euvichol.

Tutti e tre richiedono due dosi per dare una protezione completa.

Dukoral deve essere assunto con acqua pulita e fornisce circa il 65 percento di protezione per 2 anni. Shanchol ed Euvichol non devono essere presi con l’acqua e forniscono una protezione del 65% per 5 anni. Tutti i vaccini offrono una protezione superiore più vicina al momento in cui vengono somministrati.

Fattori di rischio

Le persone più a rischio di consumare cibo o acqua infette con l’inclusione:

  • persone che lavorano nel settore sanitario e curano le persone con il colera
  • soccorritori che rispondono alle epidemie di colera
  • le persone che viaggiano in aree in cui il colera può ancora essere trasmesso che non seguono le precauzioni di igiene e sicurezza alimentare

Le epidemie di colera diffuse spesso si verificano a causa di forniture d’acqua contaminate da rifiuti umani e venditori ambulanti.

Le seguenti persone sono anche a rischio di una reazione più grave rispetto ad altre:

  • persone con achlorydia, una condizione che rimuove l’acido cloridrico dallo stomaco
  • individui con gruppo sanguigno O
  • persone che hanno condizioni mediche croniche
  • quelli senza accesso a ORT e altri servizi medici

Misure igieniche efficaci possono aiutare a ridurre il rischio presentato dal colera.

Like this post? Please share to your friends: