Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Tutto ciò che devi sapere sul fuoco di Sant’Antonio

L’herpes zoster è un’infezione virale dolorosa e può verificarsi in chiunque abbia una volta avuto la varicella.

Dopo l’iniziale infezione attiva, il virus varicella-zoster rimane inattivo nel tessuto nervoso sensoriale vicino al midollo spinale e al cervello, in attesa di riattivazione in un episodio di fuoco di Sant’Antonio.

Ogni anno negli Stati Uniti, oltre 1 milione di persone all’anno saranno colpite dal virus dell’herpes zoster, noto anche come fuoco di Sant’Antonio. Circa la metà dei casi di herpes zoster interessa persone di almeno 60 anni.

Anche se i virus dietro l’herpes zoster fanno parte della famiglia dei virus dell’herpes, non sono gli stessi virus che causano l’herpes genitale e l’herpes labiale.

Trasmissione

Molte persone con scandole si chiedono se sono contagiose. Il virus varicella-zoster, che è responsabile della varicella e del fuoco di Sant’Antonio, può essere diffuso per contatto diretto con il liquido proveniente da una piccola eruzione da blistery che si verifica con l’herpes zoster. Può causare la varicella in coloro che non sono stati precedentemente infettati con il virus della varicella zoster.

Immagine del virus di herpes zoster.

Quando una persona viene infettata dall’herpes zoster, per prima cosa avvertirà un formicolio della pelle, bruciore e intorpidimento, di solito su un lato del corpo. Dopo 2 o 3 giorni, appaiono poi grappoli di piccole vescicole piene di pus. Questi saranno circondati da una pelle rossa.

L’eruzione e le bolle normalmente continuano a comparire per 3-5 giorni.

In questo momento, la persona è contagiosa. Se un’altra persona è in contatto diretto con le vesciche, può ammalarsi.

La trasmissione avviene solo attraverso il contatto diretto con i blister e può causare la varicella in qualcuno che non è mai stato infettato dal virus. Durante il periodo che precede la comparsa delle vesciche e dopo la formazione di croste, non vi è alcun rischio di trasmissione virale.

Se le bolle sono rotte e scabbed, o se sono ben coperte, non possono diffondere il virus.

I modi per prevenire la trasmissione virale includono:

  • Coprire l’eruzione ed evitare di toccarla
  • Praticare una buona igiene delle mani lavando frequentemente entrambe le mani
  • Evitare di entrare in contatto con certe persone dopo che si sono formate vesciche

Le persone da evitare dopo la formazione di vesciche comprendono:

  • Le donne incinte che non hanno mai avuto la varicella o hanno ricevuto il colpo per questo
  • Bambini che non hanno ancora avuto la varicella o la vaccinazione
  • I bambini nati prima o quelli di basso peso alla nascita
  • Le persone con un sistema immunitario indebolito, per esempio, con l’infezione da HIV, chi riceve un trattamento per il cancro o chi ha alcuni tipi di cancro, come la leucemia o il linfoma.

Una persona con un sistema immunitario indebolito potrebbe essere qualcuno che sta assumendo farmaci immunosoppressori, quelli sottoposti a chemioterapia, quelli con HIV e quelli che hanno subito un trapianto di organi.

L’herpes zoster non può essere diffuso da una persona all’altra, ma il virus dell’herpes zoster, che causa prima la varicella e poi l’herpes zoster, può. L’infezione non può diffondersi attraverso tosse, starnuti o contatti casuali, a meno che non implichi l’eruzione cutanea.

Fattori di rischio

Ci sono alcune persone che sono a più alto rischio per lo sviluppo di herpes zoster:

  • Le persone con un sistema immunitario indebolito da condizioni come HIV, leucemia o linfoma
  • Le persone trattate con farmaci che sopprimono il sistema immunitario
  • Persone che assumono farmaci dopo aver ricevuto un trapianto
  • Persone che hanno avuto la varicella
  • Persone che hanno più di 50 anni

Le persone dovrebbero parlare con un medico di qualsiasi fattore di rischio di cui potrebbero essere preoccupati. Il medico può essere in grado di dare consigli su come ridurre il rischio.

Sintomi

Le persone che sviluppano l’herpes zoster possono sperimentare i seguenti sintomi:

Herpes zoster eritema su un torso.

  • Una striscia di vesciche su un solo lato avvolge il lato del busto, del corpo o del viso
  • Dolore, che a volte può essere intenso
  • Un’eruzione diffusa
  • Eruzione cutanea negli occhi
  • Blister pieni di liquido che scottano entro 7-10 giorni e si risolvono entro 2 o 4 settimane
  • Febbre
  • Mal di testa
  • Brividi
  • Stomaco sconvolto
  • Sensibilità al tocco o alla luce
  • pizzicore
  • Stanchezza

Molte persone che ne sono affette sperimenteranno dolore, prurito o formicolio sul sito dell’eruzione circa da 1 a 5 giorni prima dello scoppio del fuoco di Sant’Antonio. Una eruzione cutanea e un dolore possono non essere presenti durante alcuni focolai.

Complicazioni di herpes zoster

L’herpes zoster può causare gravi complicazioni.

Questi possono includere:

  • Perdita della vista causata da tegole in o vicino l’occhio
  • Infezioni oculari
  • Problemi nervosi come gonfiore del cervello, paralisi facciale, problemi di udito e problemi di equilibrio
  • Infezioni della pelle causate da batteri
  • Più raramente, può portare a polmonite e morte

Può anche verificarsi dolore prolungato, noto come nevralgia post-erpetica (PHN). PHN può causare dolore nella posizione dell’eruzione e vesciche dopo che se ne sono andati, che può essere grave. Questo dolore può essere presente per anni dopo l’eruzione.

Diagnosi e trattamento

Più comunemente, l’herpes zoster è diagnosticato sulla storia del dolore e un esame fisico. A volte, un campione del virus può essere ottenuto e testato.

Sebbene il virus del ciottolo non possa essere curato, è disponibile un trattamento medico. Ciò include l’uso di farmaci come l’aciclovir (Zovirax), il valaciclovir (Valtrex) e il famciclovir (Famvir). Questi farmaci antivirali possono ridurre la gravità dei sintomi e abbreviare la durata della malattia.

Croste di herpes zoster.

Il dolore può essere ridotto utilizzando alcuni farmaci tra cui:

  • Crema capsaicina topica, impacchi umidi, crema alla calamina e bagni di farina d’avena colloidale. C’è una selezione eccellente online con migliaia di recensioni dei clienti se si desidera acquistare crema capsaicina e lozione calamina.
  • Neurontin, o gabapentin, un farmaco usato per trattare il dolore neuropatico
  • Elavil, o amitriptilina, un antidepressivo
  • Medicazione numbing, come crema di lidocaina, gel, cerotto o spray
  • Farmaci che alterano l’umore
  • Corticosteroidi iniettati per via epidurale e anestetici locali

Vivere con un’eruzione di herpes zoster può essere reso più confortevole adottando misure per alleviare i sintomi. Mantenere le eruzioni cutanee pulite e asciutte aiuta a ridurre il rischio di contagio. Indossare abiti larghi può anche aiutare le persone a sentirsi meno a disagio durante l’attesa di una eruzione cutanea.

Prevenzione

Se una persona ha già avuto la varicella, prevenire l’herpes zoster può essere difficile, ma una persona che non ha mai avuto la varicella non otterrà l’herpes zoster.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) raccomandano che le persone con più di 60 anni siano vaccinate con il vaccino del fuoco di Sant’Antonio almeno una volta. Il colpo di varicella-zoster, noto come Zostavax o VZV, è approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) per coloro che hanno più di 50 anni.

Sebbene le persone possano ancora ottenere l’herpes zoster dopo lo sparo, la durata e la gravità del fuoco di Sant’Antonio possono essere ridotte. Ricevere il colpo può anche ridurre il rischio di sviluppare PHN.

Le persone dovrebbero parlare con il proprio medico per vedere se la vaccinazione è la scelta giusta per loro. Lo sparo dovrebbe essere evitato in quelli con un’infezione esistente, una gravidanza o un sistema immunitario indebolito.

Il CDC raccomanda anche che bambini, adolescenti e adulti ricevano la varicella in due dosi. Anche se c’è una possibilità molto piccola di essere infetto dal virus della varicella zoster nonostante la vaccinazione, il CDC riferisce che la vaccinazione potrebbe consentire sintomi di varicella più lievi se questo accade.

È importante parlare con un operatore sanitario per determinare se la vaccinazione è la decisione giusta.

La maggior parte delle persone non ha più il fuoco di Sant’Antonio dopo averlo avuto una volta.

Abbiamo scelto gli articoli collegati in base alla qualità dei prodotti ed elencato i pro e i contro di ciascuno per aiutarti a determinare quale funzionerà meglio per te. Collaboriamo con alcune delle aziende che vendono questi prodotti, il che significa che Healthline UK e i nostri partner potrebbero ricevere una parte dei ricavi se si effettua un acquisto utilizzando un link (s) di cui sopra.

Like this post? Please share to your friends: