Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Tutto ciò che devi sapere sul neuroma acustico

Il neuroma acustico è un tumore benigno che colpisce i nervi che vanno dall’orecchio interno al cervello. I nervi responsabili dell’udito e dell’equilibrio sono impediti di funzionare correttamente, causando perdita dell’udito e tinnito (ronzio nelle orecchie).

Nelle fasi successive, il neuroma acustico può interessare i nervi del cervelletto e del tronco cerebrale e può aumentare la pressione nel cervello, che può essere pericolosa per la vita.

Il neuroma acustico è anche noto come neurinoma acustico, schwannoma vestibolare e tumore uditivo.

Uno strato di cellule, chiamate cellule di Schwann, copre quasi tutti i nervi sani. Le cellule di Schwann forniscono isolamento e supporto per gli impulsi nervosi; se cominciano a moltiplicarsi troppo rapidamente, si verifica il neuroma acustico. Tra 2.000 e 3.000 nuovi casi vengono diagnosticati ogni anno negli Stati Uniti, o circa 10 per milione di persone.

Fatti veloci sul neuroma acustico

  • Il neuroma acustico è un tumore benigno che colpisce l’orecchio interno.
  • I sintomi più comuni includono perdita dell’udito e acufene.
  • Ci sono molte opzioni di trattamento, tra cui la chirurgia.

Trattamento

Il trattamento per il neuroma acustico dipende da diversi fattori, tra cui l’età del paziente e la salute generale, nonché la posizione e le dimensioni del tumore. In alcuni casi, è raccomandata un’attesa vigile e, se il tumore è piccolo o a crescita lenta, non è possibile intraprendere ulteriori azioni.

Le opzioni di trattamento includono:

Radiochirurgia stereotassica: il medico può erogare le radiazioni esattamente sul tumore senza doverlo inserire nel paziente. Una testata leggera è attaccata al cuoio capelluto del paziente, che è stato intorpidito. Il tumore è localizzato precisamente con l’aiuto di scansioni di immagini – le scansioni aiutano a determinare dove esattamente applicare i raggi di radiazione. Il paziente può sperimentare rigidità del collo e nausea.

Rimozione microchirurgica – questo comporta la rimozione di un tumore attraverso un’incisione nel cranio. È effettuato sotto anestesia generale. In circa il 95 percento dei casi, la chirurgia controlla il tumore. Se il tumore è molto piccolo e il danno ai nervi è minimo, l’udito può essere salvato e i sintomi migliorano.

Raramente i frammenti del tumore possono essere lasciati indietro se il chirurgo ritiene che possa esserci il rischio di danni ai nervi. Se questo è il caso, la radioterapia può essere utilizzata per finirli.

Radioterapia – la radioterapia può essere utilizzata al posto della chirurgia convenzionale, per ridurre le dimensioni o limitare la crescita del tumore. A volte viene utilizzato dopo l’intervento chirurgico, per rimuovere eventuali tracce residue del tumore. La radiazione è attentamente mirata per minimizzare il danno al tessuto sano che circonda il tumore.

Radiochirurgia: questo tipo di trattamento eroga le radiazioni direttamente al tumore. Scansioni di immagini vengono utilizzate per localizzare il tumore. Una cornice è attaccata al cuoio capelluto del paziente per ottenere questo trattamento, che può causare rigidità o nausea.

Monitoraggio e risonanza magnetica – poiché molti neuromi acustici non crescono, il monitoraggio continuo può significare che il trattamento non è richiesto. In questo caso, le scansioni MRI (risonanza magnetica) possono determinare la crescita del tumore.

Dopo l’intervento, un medico controllerà il recupero del paziente e verificherà la ricomparsa dei sintomi.

Potenziale per la perdita dell’udito

Alcuni pazienti hanno un grado di perdita uditiva permanente dopo l’intervento chirurgico. Questo di solito dipende dalla dimensione del tumore. Il rischio è maggiore se un tumore supera 1,5 centimetri.

Se un paziente ha neurofibromatosi di tipo 2 e se i tumori si sono sviluppati su entrambi i nervi acustici, il paziente potrebbe non essere in grado di sentire con entrambe le orecchie dopo l’intervento.

In questo caso, i medici preferiscono ritardare l’intervento il più a lungo possibile.

Sintomi

Primo piano di un orecchio femminile

La posizione del tumore nell’orecchio interno significa che ci sono una serie di potenziali sintomi. Questi includono:

  • Perdita dell’udito – uno dei primi sintomi di un neuroma acustico è la perdita dell’udito graduale in un orecchio, mentre l’udito nell’altro orecchio rimane normale. La perdita dell’udito unilaterale si verifica nel 90% dei pazienti con questa condizione.
  • Acufene: oltre l’80% dei pazienti presenta anche tinnito o tintinnio nell’orecchio interessato.
  • Mal d’orecchi – in alcuni casi potrebbe esserci un mal d’orecchi.
  • Vertigini, perdita di equilibrio e vertigini – la persona può provare questi sintomi è il tumore è interessato l’orecchio interno.
  • Perdita di sensibilità – se un grande tumore sviluppa e comprime una parte del tronco cerebrale, i nervi cranici locali possono essere colpiti. Il nervo trigemino può essere influenzato, portando alla perdita di sensibilità su un lato del viso e della bocca. La metà posteriore della lingua potrebbe perdere il senso del gusto.
  • Mal di testa – tumori più grandi possono aumentare la pressione nel cervello, portando a mal di testa, vomito e coscienza alterata.
  • Problemi di visione – in rari casi si verificano occasionalmente problemi di visione.

Il neuroma acustico è un tumore a crescita lenta, ma senza trattamento può spingere contro le strutture vitali del cervello e diventare un pericolo per la vita.

Classificazione delle dimensioni del neuroma acustico

I tumori sono classificati come piccoli quando hanno dimensioni inferiori a 1,5 centimetri, medie quando sono da 1,5 a 2,5 centimetri e grandi se misurano 2,5 centimetri o più. Una persona con un piccolo tumore potrebbe non manifestare sintomi, ma questo non è sempre il caso. Dipende da dove si trova il tumore.

Le cause

Grafico genealogico

La causa esatta del neuroma acustico non è chiara. Secondo l’American Hearing Research Foundation, circa il 95% dei casi è sporadico, senza causa nota.

I fattori di rischio sembrano includere:

  • Età: la maggior parte delle persone sviluppa neuromi acustici di età compresa tra i 30 ei 60 anni.
  • Storia familiare di neurofibromatosi di tipo 2 – circa il 5% delle persone con neuroma acustico hanno neurofibromatosi di tipo 2 (NF-2), in cui una persona sviluppa neuromi acustici su entrambi i nervi uditivi.
  • Esposizione alle radiazioni – c’è una piccola possibilità che l’esposizione a basse dosi di radiazioni alla testa e al collo durante l’infanzia possa aumentare il rischio.

Alcuni studi hanno suggerito che potrebbe essere correlato all’utilizzo del cellulare o all’esposizione a lungo termine a forti rumori, ma altre ricerche non lo hanno confermato.

Diagnosi

Se un medico sospetta un neuroma acustico, può richiedere una risonanza magnetica o TC della testa.

Per escludere altre cause di vertigini, perdita dell’udito o vertigini, il paziente può sottoporsi a un test dell’udito, un test di equilibrio e un test per la funzione del tronco cerebrale.

Altre condizioni con sintomi simili a quelli del neuroma acustico includono meningioma, malattia di Meniere, neurite e aterosclerosi.

complicazioni

Ci sono diverse complicazioni del neuroma acustico, tra cui:

  • La perdita dell’udito – questo può compromettere la qualità della vita dell’individuo, portando a problemi lavorativi e sociali. A volte, la perdita dell’udito persiste dopo il trattamento.
  • Impatto sullo stile di vita – vertigini e perdita di equilibrio possono rendere difficili le attività quotidiane.
  • Paralisi facciale – Se il nervo facciale del paziente, che è molto vicino al nervo acustico, viene danneggiato durante l’intervento, possono verificarsi paralisi facciali, dove il viso si riduce su un lato. Inghiottire e parlare chiaramente può essere difficile.
  • Idrocefalo – un grosso tumore può premere contro il tronco cerebrale. Questo può interferire con il flusso di fluido tra il midollo spinale e il cervello. Come il liquido si accumula nella testa, può portare a idrocefalo.

Non c’è modo di prevenire il neuroma acustico, ma gli scienziati stanno studiando i modi di usare la terapia genica per controllare la sovrapproduzione di cellule di Schwann.

Like this post? Please share to your friends: