Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Tutto ciò che devi sapere sul reiki

Il Reiki è una forma di terapia alternativa comunemente indicata come guarigione energetica. È emerso in Giappone alla fine del 1800 e si dice che implichi il trasferimento di energia universale dai palmi dei professionisti al loro paziente.

La guarigione energetica è stata usata per secoli in varie forme. I sostenitori dicono che funziona con i campi di energia intorno al corpo.

Alcune polemiche circondano il Reiki, perché è difficile dimostrarne l’efficacia con mezzi scientifici. Tuttavia, molte persone che ricevono il Reiki dicono che funziona, e la sua popolarità sta aumentando. Una ricerca su Google per il termine attualmente restituisce non meno di 68.900.000 risultati.

Un sondaggio del 2007 mostra che, negli Stati Uniti (Stati Uniti), 1,2 milioni di adulti hanno provato il Reiki o una terapia simile almeno una volta nell’anno precedente. Si ritiene che oltre 60 ospedali offrano servizi Reiki ai pazienti.

Fatti veloci su Reiki

Ecco alcuni punti chiave su Reiki. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • Il Reiki è una forma di terapia energetica.
  • Nonostante lo scetticismo in alcuni ambienti, sta diventando sempre più popolare.
  • Implica il trasferimento di energia ponendo le mani.
  • I sostenitori del Reiki dicono che può trattare molte condizioni e stati emotivi.
  • Piccoli studi dimostrano che il Reiki può ridurre leggermente il dolore, ma nessuno studio ha dimostrato che sia efficace nel trattamento di eventuali malattie.
  • Alcuni ospedali in America e in Europa offrono il Reiki, ma raramente l’assicurazione lo copre.

Cos’è il Reiki?

Nel Reiki, il praticante trasferisce energia ponendo le mani sopra o sul paziente.

La parola “Reiki” significa “atmosfera misteriosa, segno miracoloso”. Viene dalle parole giapponesi “rei” (universale) e “ki” (energia vitale). Il Reiki è un tipo di guarigione energetica.

La guarigione energetica si rivolge ai campi energetici attorno al corpo.

Secondo i praticanti, l’energia può ristagnare nel corpo dove c’è stata una ferita fisica o forse un dolore emotivo. Col tempo, questi blocchi energetici possono causare malattie.

La medicina energetica ha lo scopo di aiutare il flusso di energia e rimuovere i blocchi in modo simile all’agopuntura o alla digitopressione. Migliorare il flusso di energia intorno al corpo, ad esempio i professionisti, può consentire il rilassamento, ridurre il dolore, accelerare la guarigione e ridurre altri sintomi di malattia.

Il Reiki esiste da migliaia di anni. La sua forma attuale fu sviluppata per la prima volta nel 1922 da un buddista giapponese di nome Mikao Usui, che secondo quanto riferito avrebbe insegnato a 2000 persone il metodo Reiki durante la sua vita. La pratica si diffuse negli Stati Uniti attraverso le Hawaii negli anni ’40 e poi in Europa negli anni ’80.

Viene comunemente indicato come guarigione delle mani o guarigione pratica.

Cosa succede in una sessione di Reiki?

Il Reiki si svolge al meglio in un ambiente tranquillo, ma può essere portato ovunque. Il paziente siederà su una sedia comoda o si sdraierà su un tavolo, completamente vestito. Potrebbe esserci o meno musica, a seconda delle preferenze del paziente.

Il praticante posiziona le mani leggermente sopra o sopra aree specifiche della testa, degli arti e del busto usando forme di mani diverse, per un tempo compreso tra 2 e 5 minuti. Le mani possono essere posizionate su 20 diverse aree del corpo.

Se c’è una ferita particolare, come una bruciatura, le mani possono essere tenute appena sopra la ferita.

Mentre il praticante tiene le mani leggermente sopra o sopra il corpo, avviene il trasferimento di energia. Durante questo periodo, le mani del praticante possono essere calde e formicolio. Ogni posizione della mano viene mantenuta finché il praticante non percepisce che l’energia ha cessato di fluire.

Quando il praticante sente che il calore, o l’energia, nelle loro mani si è attenuata, rimuoveranno le loro mani e potrebbero metterli su una diversa area del corpo.

Alcune tecniche Reiki

Le tecniche coinvolte hanno nomi come:

  • centraggio
  • radura
  • splendente
  • estraendo energie nocive
  • infondendo
  • levigando e rastrellando l’aura

Alcuni praticanti di Reiki useranno i cristalli e le bacchette di guarigione dei chakra, perché scoprono che questi possono consentire la guarigione o proteggere una casa dall’energia negativa.

Tuttavia, Annie Harrington, presidente della Federazione del Reiki del Regno Unito (Regno Unito), ha detto:

“Il Reiki non si basa su nessun altro strumento al di fuori del praticante.Non usiamo cristalli, polveri o bacchette come regola generale.Tuttavia, uno dei vantaggi della guarigione Reiki è la guarigione a distanza (dove il Reiki viene inviato su diverse miglia) quindi, molti praticanti userà i cristalli per aiutare con le vibrazioni di energia “.

Le sessioni possono durare tra i 15 ei 90 minuti. Il numero di sessioni varia a seconda di ciò che un cliente desidera realizzare. Alcuni clienti preferiscono avere una sessione mentre altri hanno una serie di sessioni per lavorare su un particolare problema.

Benefici alla salute

Secondo i praticanti, gli effetti curativi sono mediati incanalando l’energia universale nota come qi, pronunciato “chi”. In India, questo è noto come “prana”. Questa è la stessa energia coinvolta nell’esercizio del Tai Chi. È l’energia della forza vitale che alcuni credono ci circonda.

Si dice che questa energia permei il corpo. Gli esperti di Reiki sottolineano che, mentre questa energia non è misurabile dalle moderne tecniche scientifiche, può essere avvertita da molti che vi si sintonizzano.

Si suppone che il Reiki aiuti il ​​rilassamento, assista i naturali processi di guarigione del corpo e sviluppi il benessere emotivo, mentale e spirituale.

Si dice anche che induca un profondo rilassamento, aiuti le persone a far fronte alle difficoltà, alleviare lo stress emotivo e migliorare il benessere generale.

Le persone che ricevono il Reiki lo descrivono come “intensamente rilassante”.

Le condizioni che il Reiki è stato usato per aiutare a trattare includono:

  • cancro
  • malattia del cuore
  • ansia
  • depressione
  • dolore cronico
  • infertilità
  • disturbi neurodegenerativi
  • autismo
  • Morbo di Crohn
  • sindromi da fatica

Secondo l’Università del Minnesota, i pazienti che hanno subito una sessione di Reiki possono dire:

  • “Mi sento molto aggiornato e sembra che stia pensando in modo più chiaro.”
  • “Penso di essermi addormentato.”
  • “Non posso credere a quanto le tue mani sono calde!”
  • “Mi sento più rilassato che dopo un massaggio.”
  • “Il mio mal di testa è sparito.”

I malati di cancro che hanno il Reiki dicono di sentirsi meglio dopo. Questo può essere perché li aiuta a rilassarsi. Un altro motivo, secondo il Cancer Research U.K. potrebbe essere che il terapeuta trascorre del tempo con loro e li tocca. Ciò ha un effetto calmante sui pazienti che possono essere sopraffatti dalla terapia invasiva, dalla paura e dallo stress.

Gli individui segnalano esperienze diverse. Alcuni dicono che le mani del praticante diventano calde, altre riportano il raffreddamento delle mani e alcune persone sentono le onde pulsanti. I rapporti più comuni sono di rilascio di stress e rilassamento profondo.

Diventando un praticante Reiki

Non è necessario alcun addestramento, istruzione o esperienza precedente per accedere all’allenamento Reiki o al “processo di attivazione”. In questo processo, che si dice sia una “potente esperienza spirituale”, si dice che il maestro trasferisca l’energia di sintonizzazione e le tecniche di guarigione nello studente.

La formazione Reiki varia, ma la maggior parte degli studenti apprende:

  • le energie intorno al corpo
  • come lavorare con l’energia di guarigione
  • l’etica di lavorare con i clienti

La preparazione alla sintonizzazione include il digiuno da 2 a 3 giorni, la meditazione, la concentrazione sulla natura e il rilascio di emozioni negative.

Ci sono tre livelli di maestria. Coloro che raggiungono il livello di “Maestro” possono insegnare agli altri e sono in grado di guarire a distanza, come una forma di preghiera.

Il potere curativo del Reiki: qual è la prova?

Mentre il Reiki cresce in popolarità, le domande rimangono.

Il Reiki afferma di consentire il rilassamento, ridurre il dolore, accelerare la guarigione e migliorare alcuni sintomi, ma pochi risultati della ricerca supportano eventuali benefici per la salute specifici. È stato criticato per aver sostenuto di curare malattie senza prove scientifiche. Alcuni hanno descritto le sue affermazioni come fraudolente.

I critici dicono che vola di fronte alla nostra attuale comprensione delle leggi della natura. I sostenitori rispondono che i benefici del benessere e dello stress ridotto sono reali ma difficili da misurare con uno studio scientifico.

Gli scienziati osservano che manca una ricerca di alta qualità sulla sua efficacia. Nessuno studio ha ancora dimostrato che è più efficace di un placebo, dicono.

Una revisione della letteratura pubblicata nel 2008 ha concluso che non c’erano prove sufficienti per supportare il Reiki come trattamento efficace per qualsiasi condizione e che il suo valore non è stato dimostrato.

Nel 2015 è stata pubblicata una recensione di studi sul Reiki e sul trattamento dell’ansia e della depressione. Gli investigatori hanno concluso che c’erano “prove insufficienti per dire se il Reiki è utile o meno per le persone di età superiore a 16 anni con ansia o depressione o entrambi”. Dei pochi studi che erano stati fatti, la maggior parte erano di bassa qualità, con piccole dimensioni del campione, nessuna revisione da parte dei pari o nessun gruppo di controllo.

Nel frattempo, la ricerca pubblicata ha suggerito che consentire ai pazienti in dialisi, ad esempio, di trarre beneficio dal “tocco di guarigione” può essere utile, specialmente se offerto gratuitamente dai volontari. La riduzione del dolore può essere solo lieve, ma non è traumatica, non nuoce e consente ai pazienti di sentirsi “facendo qualcosa” da soli per alleviare il dolore.

Più recentemente, Annie Harrington ha detto che la Federazione Reiki U.K ha attualmente un “documento di grandi dimensioni che cataloga molti studi di ricerca”. Forse queste scoperte, che sono state studiate dalla Federazione e dal Consiglio Integrativo e Naturale per la Salute Naturale del Regno Unito (CNHC), aiuteranno a portare Reiki più in là nel mainstream.

Problemi normativi: è ora di cambiare?

Le autorità di regolamentazione a volte chiedono ai siti Web di Reiki di modificare le proprie informazioni per conformarsi agli standard legali. I siti che vendono prodotti Reiki possono presentare un disclaimer legale, affermando che i prodotti non sono un dispositivo medico e non sono destinati all’uso nella diagnosi, nella cura o nella prevenzione delle malattie.

Nel Regno Unito, la Advertising Standards Agency (ASA) ha respinto le affermazioni secondo cui il Reiki può curare una serie di malattie in diverse occasioni.

Judy Kosovich, in uno studio pubblicato da, chiede un “nuovo look” al regolamento della medicina energetica. Pur accettando che gli organismi di regolamentazione esistono per proteggere il pubblico, lei sostiene che c’è ancora molto su come funziona il corpo che non è compreso o descritto dalla scienza.

Reiki è dannoso?

Il Centro nazionale degli Stati Uniti per la salute complementare e integrativa (NCCIH) afferma che il Reiki “non è stato chiaramente dimostrato essere utile per qualsiasi scopo relativo alla salute”. Tuttavia, aggiungono che non sembra avere effetti dannosi.

La principale preoccupazione sembra essere che le persone con gravi problemi di salute possono optare per il Reiki e altre terapie complementari invece di una moderna medicina rigorosamente testata. Tuttavia, è improbabile che utilizzarlo insieme ad altri trattamenti sia pericoloso.

In effetti, il tatto da solo, con o senza “energia universale”, sembra avere una serie di benefici, dalla costruzione della fiducia al miglioramento del benessere generale.

Kosovich sottolinea che i costosi trattamenti convenzionali attualmente disponibili hanno spesso gravi effetti avversi e possono o meno funzionare. Molte persone, quindi, vorrebbero la libertà di scegliere un’alternativa.

Dove posso trovare il Reiki?

Il Reiki sta crescendo in popolarità. Sembra indurre sentimenti di benessere e sembra comportare un rischio minimo di danni.

Di conseguenza, il Reiki è ora disponibile in alcuni importanti ospedali. Alcuni fornitori di servizi medici, come gli ospizi, possono offrire gratuitamente, forniti da volontari, come parte delle cure palliative.

Una sessione di Reiki privata può costare da $ 30 a $ 100, e di solito non è coperta da assicurazione.

Chiunque stia cercando un professionista Reiki qualificato e qualificato dovrebbe cercare attentamente, dal momento che ci sono pochi regolamenti che disciplinano questo campo. Può aiutare a chiedere a un praticante la loro formazione ed esperienza.

Il Reiki non è un trattamento alternativo per problemi medici, ma una terapia aggiuntiva che può aiutare a guarire e aumentare la sensazione di benessere.

È sempre meglio discutere di eventuali terapie alternative prima con un medico.

Like this post? Please share to your friends: