Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Tutto ciò che devi sapere sull’epatite C

L’epatite C è una malattia del fegato contagiosa e virale. È la più comune malattia trasmessa per via ematica negli Stati Uniti e la maggior parte delle persone con epatite C non si rende conto di averlo.

La malattia si diffonde attraverso il contatto sangue-sangue, e principalmente con l’uso di farmaci iniettabili. Vi sono immunizzazioni contro l’epatite A e B, ma non C. Per prevenire l’infezione, è necessario evitare l’esposizione al virus dell’epatite C (HCV).

Se il virus non si risolve entro sei mesi, l’infezione diventa cronica e curabile solo con i farmaci. L’HCV può provocare cicatrici, cirrosi, cancro al fegato e, in alcuni casi, morte. Ci sono, tuttavia, nuovi farmaci che possono curare l’infezione da epatite C cronica.

Questo articolo si concentrerà specificamente sui sintomi, le cause e i trattamenti dell’epatite C nelle forme croniche e acute. Coloro che desiderano saperne di più sui diversi tipi di epatite troveranno qui maggiori informazioni.

Dati rapidi sull’epatite C

  • L’epatite C (HCV) è un tipo di infezione virale del fegato e può verificarsi come acuta o cronica.
  • L’HCV acuta può causare disagio addominale, nausea, affaticamento e febbre. HCV cronica può portare a cicatrici più gravi del fegato e tumori del fegato.
  • L’HCV è la più comune malattia del sangue negli Stati Uniti (USA) e viene principalmente trasferita per via endovenosa. Il sesso non sicuro e il contatto con il sangue infetto possono anche diffondere l’HCV.
  • Gli antivirali ad azione diretta (DAA) sono ora prescritti per il trattamento dell’HCV. Sono molto efficaci ma possono costare oltre $ 100.000 per un corso di tre mesi.
  • L’HCV è prevenibile attraverso il sesso sicuro ed evitando i farmaci iniettabili.

Cos’è l’epatite C?

Virus HCV

L’epatite è un’infiammazione del fegato. Ci sono diversi ceppi di epatite virale. I tipi più comuni sono A, B e C.

L’HCV è la più diffusa malattia ematica negli Stati Uniti (Stati Uniti). Circa 2,7-3,9 milioni di persone hanno un’infezione cronica da HCV.

Il virus invade le cellule del fegato e causa gonfiore e disfunzione.

Non c’è vaccinazione per HCV. La presenza di anticorpi HCV nel sistema immunitario non fornisce un’immunità protettiva a lungo termine allo stesso modo di un vaccino. Il sistema immunitario non detiene alcun record permanente di anticorpi HCV.

Una persona può essere reinfettata da un diverso ceppo del virus.

Sintomi

L’HCV spesso non presenta sintomi nella sua fase acuta. Tuttavia, la condizione può degenerare in uno stadio cronico in cui possono svilupparsi complicanze potenzialmente fatali.

Epatite acuta C

L’infezione acuta da HCV viene raramente diagnosticata a causa della mancanza di sintomi definitivi. Viene spesso definito un’epidemia silenziosa. Il periodo di tempo medio dall’esposizione a sintomi evidenti è tra 4 e 15 settimane.

Durante questo periodo acuto, i sintomi non sembreranno diversi da quelli causati da qualsiasi altra sindrome virale. Le persone con HCV acuta sperimenteranno:

  • disagio addominale
  • nausea
  • febbre
  • dolori articolari
  • fatica
  • ittero, raramente
  • sgabelli color argilla, raramente

Epatite cronica C

L’HCV diventa cronica quando il virus rimane nel sangue per sei mesi dopo il periodo di infezione acuta. Se la presenza di virus HCV viene rilevata nei test almeno due volte in questo periodo, viene confermata una diagnosi cronica.

L’infezione non si risolverà se non trattata con farmaci.

La maggior parte delle persone non ha sintomi con infezione cronica da HCV. Alcuni possono sperimentare episodi in corso di dolore addominale, stanchezza persistente e articolazioni doloranti.

Dopo 25 o 30 anni, questa infezione cronica può comportare significative cicatrici o fibrosi del fegato. Se l’intero fegato diventa sfregiato, questo può progredire in cirrosi, insufficienza epatica ed eventualmente cancro al fegato.

La salute generale dell’individuo infetto e del suo fegato determinerà quanto rapidamente si verificheranno il danno e la possibile progressione verso la cirrosi. Il genotipo del virus ha meno ruolo rispetto alla salute fisica della persona con HCV.

Non è fino a quando il fegato è sull’orlo del collasso che l’entità del danno da HCV è evidente.

Cause e fattori di rischio

Uomo sfocato dopo aver iniettato droghe

Il virus HCV provoca l’epatite C. Il virus viene trasmesso attraverso il contatto sangue-sangue.

I virus sono inattivi finché non entrano nella cellula vivente di un host. Dirigeranno quindi l’hardware della cella per fare copie di se stessi. L’infezione cronica da HCV consiste di milioni, o forse miliardi, di copie del virus che circolano all’interno del corpo.

Perché si verifichi un’infezione sangue-sangue, il sangue di una persona infetta deve entrare nel corpo di qualcuno che non è infetto. Il principale fattore di rischio per l’infezione da HCV è la condivisione di aghi o attrezzature utilizzate per iniettare farmaci.

L’HCV non viene trasmesso attraverso contatti casuali, goccioline respiratorie, condivisione di cibo, baci o punture di zanzara.

Un granello di sangue così piccolo che non è visibile ad occhio nudo può contenere centinaia di particelle di virus dell’epatite C. Pulire un ago con alcool, sciacquarlo con acqua e sapone e lasciare asciugare l’ago e la siringa per diversi giorni non ucciderà il virus.

Una volta che il virus viene iniettato nel corpo, anche se in una sola occasione, si è verificata esposizione e l’infezione è possibile. L’iniezione di droghe provoca circa il 67 percento dei casi globali.

I Centers for Disease Control (CDC) hanno identificato i fattori che portano al maggior rischio di esposizione all’HCV. Questi includono:

  • essere nato tra il 1945 e il 1965
  • ricevere trasfusioni o trapianti di organi prima del 1992
  • usando o avendo usato farmaci iniettabili
  • emofilia
  • emodialisi a lungo termine
  • esposizione ad un ago stick, specialmente per le persone che lavorano nel settore sanitario
  • HIV
  • ottenere un tatuaggio in un’impostazione non regolata
  • comportamenti sessuali a rischio, come i rapporti non protetti con un tossicodipendente per via endovenosa
  • essere nato da una madre con infezione da HCV
  • essere incarcerato
  • una storia di uso quotidiano di alcol a lungo termine
  • malattia epatica inspiegabile
  • droghe snortanti

Le persone a rischio a causa di questi fattori possono ricevere uno screening per escludere l’HCV.

Test e diagnosi

L’HCV è spesso trascurato o scambiato per una malattia virale meno grave. È raro che l’infezione sia diagnosticata durante la fase acuta.

Il sistema immunitario di una persona infetta da HCV risponde all’infezione e, nel solo 20 percento dei casi, cancella il virus senza assistenza. Il restante 80 percento dei casi diventerà cronico e può diventare possibile diffondere l’HCV agli altri senza saperlo.

I test di screening sono disponibili per le persone che i CDC hanno determinato sono a rischio. Le persone possono eseguire il test per l’HCV utilizzando un semplice esame del sangue chiamato schermo anticorpale HCV.

Esiste un test rapido approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) che fornisce risultati in 20 minuti. Altrimenti, il sangue viene prelevato da una vena e processato in un laboratorio. Un test negativo significa che la persona non è stata esposta. Un test positivo significa che la persona è stata esposta all’HCV, ma non necessariamente prova un’infezione in corso.

Tutti i risultati positivi degli anticorpi anti HCV porteranno a un secondo esame del sangue chiamato HCV RNA (PCR). Questo test dimostrerà se il virus è ancora presente.

Una persona con PCR positiva dovrebbe vedere uno specialista del fegato o un fornitore addestrato a trattare l’HCV.

È importante notare che il test degli anticorpi positivi rimarrà sempre positivo, indipendentemente dal fatto che il virus sia ancora presente.

Una volta confermata l’infezione cronica, il genotipo del virus viene stabilito mediante test. Questo determinerà il tasso di guarigione percentuale, la durata del trattamento e i farmaci preferiti.

In alcuni casi, può essere raccomandata una biopsia epatica per valutare la gravità della malattia, mettere in scena il grado di fibrosi e valutare l’entità del danno epatico.

Trattamento

Il trattamento dell’HCV rimuove i virus dal corpo.

Farmaci sul tavolo

L’attuale trattamento per l’epatite C cronica è una combinazione di farmaci.

La scelta del farmaco e la durata del trattamento dipendono dal genotipo del virus. Il genotipo 1a è il più diffuso negli Stati Uniti e attualmente ci sono diverse opzioni terapeutiche raccomandate che utilizzano una combinazione di potenti farmaci antivirali.

Gli antivirali ad azione diretta (DAA) sono i nuovi agenti disponibili per il trattamento dell’HCV. Questi farmaci agiscono prendendo di mira specifici passaggi nel ciclo vitale dell’HCV per interrompere la riproduzione delle cellule virali.

Prima della disponibilità di DAA, il trattamento per HCV cronica era lungo e scomodo, con tassi di guarigione inferiori all’ideale. Ora i tassi di guarigione sono superiori al 90 percento. La durata media del trattamento è compresa tra 8 e 12 settimane. I farmaci sono ben tollerati e gli effetti collaterali più comuni sono mal di testa e affaticamento.

Tuttavia, i nuovi farmaci per HCV possono costare fino a $ 100.000. Verificare con il proprio assicuratore se coprono la terapia combinata DAA e quali informazioni necessitano per approvare la copertura.

È la migliore linea d’azione per trattare l’HCV cronica prima che il paziente sviluppi complicazioni o progredisca in circostanze potenzialmente letali

Mentre continuano gli studi, lo screening basato sul rischio, la prevenzione dell’esposizione e l’arrivo di trattamenti ben tollerati, le prospettive per prevenire gravi complicanze epatiche e curare le persone che hanno un’infezione cronica da virus dell’epatite C non sono mai andate meglio.

Prevenzione

Prevenire l’HCV implica limitare l’esposizione al virus in prima istanza.

Poiché l’HCV può essere trasmesso solo attraverso il sangue per l’esposizione al sangue infetto, il primo modo per prevenire la diffusione dell’HCV è non condividere gli aghi ed evitare ogni contatto con il sangue di altre persone.

Una volta identificati, le persone infette da HCV dovrebbero ricevere entrambi i vaccini contro l’epatite A e B, e apportare modifiche allo stile di vita per promuovere la salute ottimale del fegato.

L’obesità, il fumo, il diabete e il consumo di alcol possono accelerare il tasso di cicatrici epatiche. È importante che tutti gli individui con infezione da HCV mantengano una buona salute. Ciò comporta:

  • evitando o smettendo di fumare
  • mantenimento del peso ideale
  • gestione di problemi di salute coesistenti
  • astenendosi da tutti gli alcolici

Porta via

L’HCV è un’infezione persistente con complicanze potenzialmente fatali.

Negli ultimi anni, i farmaci sono diventati più efficaci nel trattamento del virus e il recupero è più probabile. Il trattamento può avvenire anche con meno effetti collaterali di prima.

Questo trattamento è costoso, quindi assicurati di partecipare a screening regolari per l’HCV. Poiché non ci sono spesso sintomi significativi per i primi sei mesi, la maggior parte dei 2.9-3.7 milioni di persone negli Stati Uniti con HCV non sa di essere cronicamente infetti.

Like this post? Please share to your friends: