Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Tutto ciò che devi sapere sull’influenza suina

L’influenza suina è una malattia dei suini che può, in rari casi, essere trasmessa agli esseri umani. È una malattia respiratoria altamente contagiosa causata da uno dei tanti virus influenzali A.

La malattia si diffonde tra i suini per contatto diretto e indiretto, aerosol e da maiali infetti ma che non presentano sintomi. In molte parti del mondo, i maiali vengono vaccinati contro l’influenza suina.

Più comunemente, l’influenza suina è del sottotipo influenzale H1N1. Tuttavia, i virus dell’influenza suina possono talvolta derivare da altri sottotipi, come H1N2, H3N1 e H3N2.

L’epidemia di influenza suina che ha colpito l’uomo nel 2009 è stata del sottotipo H1N1. È importante notare che, sebbene si sia sviluppato nei suini, il virus pandemico del 2009 non era completamente derivato dai suini. Il virus contiene una combinazione di geni influenzali di uccelli, maiali e tipi di influenza umana.

Fatti veloci sull’influenza suina:

Ecco alcuni punti chiave sull’influenza suina.

  • L’influenza suina era normalmente del sottotipo influenzale H1N1. Tuttavia, dal 2017, il sottotipo H3N2 è diventato il ceppo dominante.
  • Il modo più comune per un essere umano di prendere l’influenza suina è attraverso il contatto con un maiale.
  • Esiste attualmente un vaccino per l’influenza suina che è incluso nei normali colpi di influenza stagionale.
  • I sintomi dell’influenza suina comprendono tosse, brividi e dolori, simili all’influenza stagionale.

Sintomi

L'influenza suina si diffonde agli esseri umani principalmente attraverso il contatto con i maiali infetti.

I sintomi dell’influenza suina negli esseri umani sono abbastanza simili a quelli dell’influenza regolare e includono:

  • dolori muscolari
  • brividi
  • tosse
  • mal di testa
  • gola infiammata
  • febbre
  • stanchezza

Meno comunemente, una persona con influenza suina può sperimentare vomito e diarrea

I sintomi possono essere gestiti con trattamenti simili a quelli dell’influenza regolare. Tuttavia, un medico dovrebbe esaminare il paziente per la conferma dell’influenza suina e consigliare come alleviare i sintomi individuali.

Vaccino

È stato prodotto un vaccino per proteggere gli esseri umani dal ceppo H1N1 dell’influenza suina. Questo è stato introdotto in seguito a una pandemia di influenza suina nel 2009 e nel 2010.

Lo stato dell’influenza suina è cambiato da una pandemia a un tipo stagionale di influenza umana. Il vaccino specializzato è stato ora sostituito da più generali vaccini antinfluenzali stagionali.

Le persone che hanno più di 10 anni richiedono solo un colpo del vaccino. La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti raccomanda due vaccini per bambini di età inferiore a quattro settimane.

Le persone con allergia all’uovo e bambini con asma grave sono a rischio di reazione avversa a questo vaccino e dovrebbero discutere lo scatto con un operatore sanitario. Esistono regimi speciali progettati per aiutare i corpi di persone che hanno esperienza di queste reazioni ad accettare il vaccino.

Trattamento

Ci sono alcuni farmaci disponibili che possono trattare efficacemente l’influenza suina.

I due trattamenti principali sono adamantani, tra cui amantadina e rimantadina, e farmaci che inibiscono la proteina dell’influenza neuraminidasi, come oseltamivir e zanamivir.

Tuttavia, la maggior parte delle persone con l’influenza suina guarisce completamente senza bisogno di cure mediche.

Le cause

Ci sono solo alcune cause dell’influenza suina negli esseri umani. Loro sono:

Contatto con maiali infetti: questo è il modo più comune di contrarre l’influenza suina. Qualsiasi contatto con i maiali infetti rende più probabile la trasmissione.

Contatto con esseri umani infetti: questo è un modo molto meno comune di prendere l’influenza suina, ma è un rischio, specialmente per coloro che sono in stretto contatto con una persona infetta.

Nei casi in cui gli umani hanno infettato altri umani, è stato necessario un contatto ravvicinato con la persona infetta, e si è verificato quasi sempre in gruppi chiusi di persone.

Fattori di rischio

Alcune persone sono più a rischio di contrarre l’influenza suina rispetto ad altre; Compreso:

  • persone di età superiore ai 65 anni
  • bambini sotto i 5 anni
  • persone con malattie croniche
  • donne incinte
  • adolescenti che ricevono terapia aspirina a lungo termine
  • chiunque abbia un sistema immunitario compromesso

Diagnosi

L’influenza suina viene per lo più diagnosticata notando i sintomi.

Esiste anche un rapido test chiamato test rapido dell’influenza che può aiutare a identificare l’influenza suina. Tuttavia, questi variano in termini di efficacia e possono mostrare un risultato negativo anche se l’influenza è presente. Test più accurati sono disponibili in laboratori più specializzati.

Tuttavia, in modo simile all’influenza stagionale, i sintomi sono spesso lievi e autodeterminati. La maggior parte delle persone non riceve un test per l’influenza suina in quanto il trattamento sarebbe lo stesso, indipendentemente dal risultato.

Se i sintomi sono lievi, è estremamente improbabile che venga trovata alcuna connessione con l’influenza suina, anche se il virus è presente.

Rimedi casalinghi

Poiché non esiste una cura singola nota, è possibile prendere provvedimenti a casa per prevenire l’influenza suina e ridurre i sintomi se una persona contratta il virus.

Questi includono:

  • lavarsi le mani regolarmente con sapone
  • dormire molto
  • esercitando spesso
  • gestire lo stress
  • bere liquidi
  • mangiare una dieta equilibrata
  • evitando di toccare superfici che potrebbero avere il virus

Non avvicinarti alle persone che sono malate. Assicurati di stare lontano dalla folla se c’è un’epidemia di influenza suina nella tua zona.

Come ridurre la diffusione dell’infezione?

Se una persona è infetta, è importante che seguano queste regole per prevenire qualsiasi ulteriore diffusione:

  • Limitare il contatto con altre persone.
  • Non andare a lavoro o a scuola.
  • Quando si tossisce o si starnutisce coprire la bocca con un fazzoletto. Se non ci sono tessuti disponibili, coprire la bocca e il naso.
  • Metti i tessuti usati in un bidone della spazzatura.
  • Lavare le mani e il viso regolarmente.
  • Mantieni pulite tutte le superfici che vengono toccate.
  • Segui tutte le istruzioni dei medici.

I fatti

È ancora perfettamente sicuro mangiare prodotti a base di carne di maiale, a patto che vengano cucinati correttamente.

I virus dei suini occasionalmente causano focolai di infezione umana.

Poiché i sintomi dell’influenza suina sono simili a quelli dell’influenza stagionale, l’influenza suina nell’uomo spesso non viene rilevata. Se viene trovato, è normalmente durante la sorveglianza dell’influenza stagionale.

Esempi di influenza suina che infettano gli esseri umani

Dopo l’implementazione dell’IHR (2005) dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) nel 2007, sono stati notificati casi di influenza suina negli Stati Uniti e in Spagna. Tra marzo e aprile 2009, casi umani di influenza suina (H1N1) sono stati segnalati per la prima volta in California e in Texas.

Altri stati hanno anche riferito casi più tardi. Un numero significativo di casi umani durante lo stesso periodo sono stati segnalati anche in Messico – a partire da appena a Città del Messico, ma poi in varie parti del paese.

Altri casi sono stati segnalati in Canada, Europa e Nuova Zelanda, principalmente da persone che sono state in Messico.

Posso mangiare carne di maiale e prodotti a base di carne di maiale?

Se la carne suina ei prodotti alimentari a base di maiale sono stati gestiti correttamente, la trasmissione dell’influenza suina all’uomo non è possibile. Cucinare carne di maiale ad una temperatura di 160 ° F (70 ° C) uccide il virus.

Carne di maiale e prodotti a base di carne di maiale sono sicuri da mangiare.

Dove sono stati infettati i maiali con l’influenza suina?

Poiché l’infezione dell’influenza suina tra i suini non è una malattia internazionalmente soggetta a denuncia, non è completamente chiaro. L’infezione dell’influenza suina tra i suini è nota per essere endemica negli Stati Uniti.

Le epidemie si sono verificate anche in altre parti del Nord America, Sud America, Europa, Africa, Cina, Giappone e altre parti dell’Asia.

C’è il rischio di un’altra pandemia?

Le persone che non sono in stretto contatto con i maiali generalmente non hanno immunità ai virus dell’influenza suina. È meno probabile che siano in grado di prevenire un’infezione virale. Se il virus infetta abbastanza persone in una determinata area, il rischio di una pandemia influenzale è significativamente maggiore.

È molto difficile prevedere quale impatto avrà un’altra pandemia di influenza suina sulla popolazione umana globale. Ciò dipenderebbe dall’aggressività del virus, dall’immunità esistente tra gli esseri umani, dalla tensione alla base della pandemia e da una serie di altri fattori.

Gli attuali vaccini funzionano contro l’influenza suina?

L’influenza suina è ora inclusa nei colpi di influenza stagionale.

I virus dell’influenza si adattano e cambiano continuamente. L’OMS dice che ha bisogno di accedere a quanti più virus possibili in modo da poter isolare il candidato più appropriato per un vaccino.

I vaccini attuali sono efficaci contro molti ceppi di influenza suina.

Like this post? Please share to your friends: