Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Tutto ciò che devi sapere sull’ipersalivazione

L’ipersalivazione, nota anche come scialorrea o ptyalismo, è quando una persona ha troppa saliva in bocca. Può provocare saliva dalla bocca che si riversa sul labbro inferiore, noto come sbavando.

A seconda della causa, l’ipersalivazione può essere costante o intermittente. Può anche essere temporaneo o cronico. Spesso, può causare una persona ansia sociale.

Cos’è l’ipersalivazione?

La donna sporge la lingua.

L’ipersalivazione non è una malattia, ma di solito è un sintomo di un’altra condizione di base. Questi altri fattori possono variare da cause facilmente trattate e comuni a malattie rare.

La saliva è un liquido chiaro prodotto dalle ghiandole salivari in bocca. Inumidisce il cibo e aiuta a deglutire. Contiene inoltre enzimi che aiutano la digestione.

La saliva può aiutare a guarire le ferite e rimuovere i germi dalla bocca, oltre a prevenire la secchezza e fungere da barriera contro irritanti e tossine.

In media, una persona sana produce tra 0,75 e 1,5 litri di saliva ogni giorno. I picchi di produzione di saliva quando una persona sta mangiando e sono al minimo durante il sonno.

Troppa saliva può causare problemi di parlare e mangiare, oltre a labbra screpolate e infezioni della pelle. Ipersalivazione e sbavare possono anche causare ansia sociale e diminuzione dell’autostima.

Le cause

Dentiere.

Ipersalivazione può essere il risultato di:

  • produzione eccessiva di saliva
  • l’incapacità di ingoiare o di eliminare la saliva dalla bocca in modo efficace
  • difficoltà a tenere la bocca chiusa

Le cause di eccessiva produzione di saliva, che porta a un’ipersalivazione, includono:

  • nausea mattutina o nausea durante la gravidanza
  • infezioni del seno, della gola o del peritonsillare
  • morsi di ragno velenoso, veleno rettile e funghi velenosi
  • dentiera
  • ulcere, infiammazione o dolore in bocca
  • scarsa igiene orale
  • infezioni gravi come rabbia o tubercolosi
  • dolore grave o improvviso
  • rigurgito di saliva durante il bruciore di stomaco
  • fratture della mascella o dislocazione

La difficoltà a deglutire o pulire la saliva dalla bocca può essere causata o associata ad alcune condizioni di base, tra cui la sindrome di Down, l’autismo, la SLA, l’ictus e il morbo di Parkinson. Se una persona ha anche una disfunzione sensoriale, potrebbe non rendersi conto che sta sbavando.

Cause di incapacità di tenere la bocca chiusa, che può risultare in sbavando, includono scarso controllo neuromuscolare dei muscoli intorno alla bocca. La paralisi cerebrale è un esempio di una tale condizione.

Difficoltà a mantenere la saliva in bocca può anche essere dovuta a:

  • pessimo controllo della testa e delle labbra
  • una bocca costantemente aperta
  • sensazione tattile alterata
  • una lingua allargata o scarsa mobilità della lingua
  • scarso allineamento dei denti
  • blocco nasale

L’ipersalivazione può anche derivare da condizioni non mediche, come vedere, odorare o assaggiare il cibo, o anche solo pensare al cibo. Può anche essere causato da chewing gum o da sentimenti di eccitazione e ansia.

Sintomi

I sintomi di ipersalivazione includono sbavando, sputi e deglutizione eccessiva.

Altri sintomi correlati includono:

  • labbra screpolate
  • ammorbidire e danneggiare la pelle intorno alla bocca
  • infezione della pelle intorno alla bocca
  • alito cattivo
  • disidratazione
  • disturbo del linguaggio
  • polmonite
  • scarso senso del gusto

L’ipersalivazione e la sbavatura possono anche causare complicazioni psicologiche e ansietà sociale, nonché influire sulla loro capacità di mangiare o parlare.

Le persone che soffrono di ipersalivazione hanno più probabilità di inalare saliva, cibo o liquidi nei polmoni, che può portare ad una polmonite da aspirazione. Ciò può accadere quando i riflessi di vomito e tosse sono compromessi.

Diagnosi

Lo scopo della diagnosi di ipersalivazione è individuare la causa sottostante e quindi raccomandare il miglior trattamento disponibile per ogni persona colpita. Una diagnosi è importante, in quanto alcune delle potenziali cause di ipersalivazione hanno gravi complicanze.

Per diagnosticare un’ipersalivazione, un medico può includere un esame di:

  • la bocca, i denti e la pelle circostante
  • controllo della lingua, capacità di deglutizione e stabilità della mandibola
  • tonsille e vie aeree nasali
  • vigilanza e stato emotivo
  • idratazione, fame e postura della testa

Un medico di solito riterrà necessario valutare altri criteri, tra cui:

  • condizioni mediche esistenti e farmaci in corso
  • come e quando si verifica un’ipersalivazione
  • la quantità di saliva extra prodotta
  • indipendentemente dal fatto che il problema sia costante o intermittente
  • eventuali effetti negativi sulla vita quotidiana

Una volta stabilita la causa dell’ipersalivazione, un medico può tenere conto dei seguenti fattori quando raccomanda un trattamento:

  • gravità e complicanze
  • età e stato mentale
  • se l’ipersalivazione è cronica o temporanea
  • condizioni neurologiche associate
  • la possibilità di miglioramento

Trattamento e gestione

Logoterapia.

Affrontare l’ipersalivazione consiste nel trattare la condizione sottostante che la causa, oltre a gestire gli effetti immediati dell’eccesso di saliva in bocca.

A seconda della causa, il trattamento può includere alcuni tipi di terapie, farmaci e rimedi casalinghi. In casi estremi, la chirurgia può essere presa in considerazione.

Terapia: questo può includere la modificazione comportamentale e la logopedia. Le persone che soffrono di ipersalivazione possono trarre beneficio dall’assistenza con la postura e il controllo della testa. Possono anche apprendere tecniche per la chiusura delle labbra, un migliore controllo della lingua e la deglutizione.

Farmaco: l’obiettivo della medicazione per l’ipersalivazione è ridurre la produzione di salvia. Può essere usato un farmaco anticolinergico, sebbene abbia una serie di effetti collaterali, tra cui sonnolenza, irrequietezza, irritabilità, ritenzione urinaria, stitichezza e arrossamento. Il trattamento può anche includere un beta-bloccante o una tossina botulinica (Botox).

Rimedi casalinghi: bere molta acqua può ridurre la produzione di saliva. La spazzolatura dei denti e il risciacquo con collutorio possono anche asciugare temporaneamente la bocca.

La gestione efficace dell’ipersalivazione e il conseguente sbavare possono migliorare la fiducia e l’autostima di una persona.

prospettiva

Alcune cause di ipersalivazione possono risolversi nel tempo senza trattamento. Tali cause includono gravidanza, ansia e lesioni minori.

Altre cause possono porre sfide mediche più serie. Questa categoria include cause neurologiche e disturbi nervosi.

Se le cause croniche sono la causa, il trattamento può includere la gestione permanente dell’ipersalivazione di una persona.

Like this post? Please share to your friends: