Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Tutto ciò che devi sapere sull’ipertensione

L’ipertensione è un altro nome per l’ipertensione arteriosa. Può portare a gravi complicazioni e aumenta il rischio di malattie cardiache, ictus e morte.

La pressione sanguigna è la forza esercitata dal sangue contro le pareti dei vasi sanguigni. La pressione dipende dal lavoro svolto dal cuore e dalla resistenza dei vasi sanguigni.

Le linee guida mediche definiscono l’ipertensione come una pressione del sangue superiore a 130 oltre 80 millimetri di mercurio (mmHg), secondo le linee guida emesse dall’American Heart Association (AHA) nel novembre 2017.

Circa 85 milioni di persone negli Stati Uniti hanno la pressione alta.

Ipertensione e malattie cardiache sono preoccupazioni per la salute globale. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) suggerisce che la crescita dell’industria alimentare trasformata abbia avuto un impatto sulla quantità di sale nelle diete in tutto il mondo e che questo abbia un ruolo nell’ipertensione.

Dati rapidi sull’ipertensione:

    Ecco alcuni punti chiave sull’ipertensione. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

    • La pressione arteriosa normale è 120 oltre 80 mm di mercurio (mmHg), ma l’ipertensione è superiore a 130 oltre 80 mmHg.
    • Le cause acute di ipertensione includono lo stress, ma può accadere da solo o può derivare da una condizione di base, come la malattia renale.
    • L’ipertensione non gestita può portare ad un infarto, ictus e altri problemi.
    • I fattori di stile di vita sono il modo migliore per affrontare l’ipertensione.

    Trattamento

    Controlli sanitari regolari sono il modo migliore per monitorare la pressione sanguigna.

    Mentre la pressione sanguigna è meglio regolata attraverso la dieta prima che raggiunga lo stadio di ipertensione, c’è una vasta gamma di opzioni di trattamento.

    Le regolazioni dello stile di vita sono il trattamento standard di prima linea per l’ipertensione.

    Esercizio fisico regolare

    I medici raccomandano che i pazienti con ipertensione si impegnino in 30 minuti di esercizio aerobico dinamico a intensità moderata. Questo può includere camminare, fare jogging, andare in bicicletta o nuotare in 5-7 giorni della settimana.

    Riduzione dello stress

    Evitare lo stress, o sviluppare strategie per gestire lo stress inevitabile, può aiutare con il controllo della pressione sanguigna.

    L’uso di alcol, droghe, fumo e cibo malsano per far fronte allo stress aumenterà i problemi di ipertensione. Questi dovrebbero essere evitati.

    Il fumo può aumentare la pressione sanguigna. Smettere di fumare riduce il rischio di ipertensione, malattie cardiache e altri problemi di salute.

    farmaci

    Le persone con pressione sanguigna superiore a 130 su 80 possono usare i farmaci per trattare l’ipertensione.

    I farmaci vengono in genere avviati uno alla volta a basse dosi. Gli effetti collaterali associati ai farmaci antipertensivi sono generalmente minori.

    Alla fine, è generalmente necessaria una combinazione di almeno due farmaci antipertensivi.

    Una gamma di tipi di farmaci è disponibile per aiutare a ridurre la pressione sanguigna, tra cui:

    • diuretici, inclusi tiazidi, clortalidone e indapamide
    • beta-bloccanti e alfa-bloccanti
    • bloccanti dei canali del calcio
    • agonisti centrali
    • inibitore adrenergico periferico
    • vasodilatatori
    • inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE)
    • bloccanti del recettore dell’angiotensina

    La scelta del farmaco dipende dall’individuo e dalle altre condizioni che possono avere.

    Chiunque prenda farmaci antipertensivi dovrebbe essere sicuro di leggere attentamente le etichette, soprattutto prima di assumere qualsiasi medicinale da banco (OTC), come i decongestionanti.

    Questi possono interagire con i farmaci usati per abbassare la pressione sanguigna.

    Le cause

    La causa dell’ipertensione è spesso sconosciuta.

    Circa 1 caso su 20 di ipertensione è l’effetto di una condizione o di un farmaco di base.

    La malattia renale cronica (CKD) è una causa comune di ipertensione perché i reni non filtrano i liquidi. Questo eccesso di liquidi porta all’ipertensione.

    Fattori di rischio

    Un certo numero di fattori di rischio aumentano le possibilità di avere ipertensione.

    • Età: l’ipertensione è più comune nelle persone di età superiore ai 60 anni. Con l’età, la pressione arteriosa può aumentare costantemente mentre le arterie diventano più rigide e più strette a causa dell’accumulo di placca.
    • Etnia: alcuni gruppi etnici sono più inclini all’ipertensione.
    • Dimensioni e peso: essere sovrappeso o obesi è un fattore di rischio chiave.
    • Uso di alcol e tabacco: consumare grandi quantità di alcol regolarmente può aumentare la pressione sanguigna di una persona, così come il tabacco da fumo.
    • Sesso: il rischio per la vita è lo stesso per uomini e donne, ma gli uomini sono più inclini all’ipertensione in giovane età. La prevalenza tende ad essere più alta nelle donne anziane.
    • Condizioni di salute esistenti: malattie cardiovascolari, diabete, malattia renale cronica e livelli elevati di colesterolo possono portare all’ipertensione, specialmente quando le persone invecchiano.

    Altri fattori che contribuiscono includono:

    • inattività fisica
    • una dieta ricca di sale associata a cibi elaborati e grassi
    • basso contenuto di potassio nella dieta
    • uso di alcool e tabacco
    • alcune malattie e farmaci

    Può anche contribuire una storia familiare di pressione alta e mal gestito.

    Di seguito è riportato un modello 3-D di ipertensione, che è completamente interattivo.

    Esplora il modello utilizzando il mouse o il touchscreen per comprendere meglio l’ipertensione.

    segni

    La pressione sanguigna può essere misurata con uno sfigmomanometro o con un misuratore di pressione sanguigna.

    Avere la pressione alta per un breve periodo può essere una risposta normale a molte situazioni. Lo stress acuto e l’esercizio intenso, ad esempio, possono elevare brevemente la pressione sanguigna in una persona sana.

    Per questo motivo, una diagnosi di ipertensione richiede normalmente diverse letture che mostrano l’ipertensione nel tempo.

    La lettura sistolica di 130 mmHg si riferisce alla pressione mentre il cuore pompa il sangue attorno al corpo. La lettura diastolica di 80 mmHg si riferisce alla pressione mentre il cuore si rilassa e si riempie di sangue.

    Le linee guida AHA 2017 definiscono i seguenti intervalli di pressione sanguigna:

    Sistolica (mmHg)

    Diastolica (mmHg)

    Pressione sanguigna normale

    Meno di 120

    Meno di 80

    elevato

    Tra 120 e 129

    Meno di 80

    Ipertensione di stadio 1

    Tra 130 e 139

    Tra 80 e 89

    Ipertensione di stadio 2

    Almeno 140

    Almeno 90

    Crisi ipertensiva

    Oltre 180

    Oltre 120

    Se la lettura mostra una crisi ipertensiva quando si esegue la pressione sanguigna, attendere 2 o 3 minuti e quindi ripetere il test.

    Se la lettura è uguale o superiore, si tratta di un’emergenza medica.

    La persona deve cercare l’attenzione immediata presso l’ospedale più vicino.

    Sintomi

    Una persona con ipertensione non può notare alcun sintomo ed è spesso definita “killer silenzioso”. Anche se non viene rilevato, può causare danni al sistema cardiovascolare e agli organi interni, come i reni.

    Controllare regolarmente la pressione del sangue è vitale, in quanto di solito non ci sono sintomi per renderti consapevole della condizione.

    Si sostiene che l’ipertensione provoca sudorazione, ansia, problemi di sonno e arrossire. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, non ci saranno sintomi.

    Se la pressione sanguigna raggiunge il livello di una crisi ipertensiva, una persona può sperimentare mal di testa e sangue dal naso.

    complicazioni

    L’ipertensione a lungo termine può causare complicanze attraverso l’aterosclerosi, dove la formazione della placca provoca il restringimento dei vasi sanguigni. Ciò peggiora l’ipertensione, poiché il cuore deve pompare più forte per consegnare il sangue al corpo.

    L'ipertensione aumenta il rischio di una serie di problemi di salute, tra cui un attacco di cuore.

    L’aterosclerosi correlata all’ipertensione può portare a:

    • insufficienza cardiaca e attacchi cardiaci
    • un aneurisma o un rigonfiamento anormale nella parete di un’arteria che può esplodere, provocando gravi emorragie e, in alcuni casi, la morte
    • insufficienza renale
    • ictus
    • amputazione
    • retinopatie ipertensive negli occhi, che possono portare alla cecità

    Una regolare analisi della pressione arteriosa può aiutare le persone a evitare le complicazioni più gravi.

    Dieta

    Alcuni tipi di ipertensione possono essere gestiti attraverso lo stile di vita e le scelte dietetiche, come impegnarsi in attività fisica, ridurre l’uso di alcool e tabacco ed evitare una dieta ricca di sodio.

    Ridurre la quantità di sale

    L’assunzione media di sale è tra 9 grammi (g) e 12 g al giorno nella maggior parte dei paesi del mondo.

    L’OMS raccomanda di ridurre l’assunzione a meno di 5 g al giorno, per contribuire a ridurre il rischio di ipertensione e problemi di salute correlati.

    Ciò può giovare alle persone con e senza ipertensione, ma quelle con ipertensione ne trarranno maggior beneficio.

    Moderare il consumo di alcol

    Il consumo moderato o eccessivo di alcool è legato all’aumento della pressione sanguigna e all’aumento del rischio di ictus.

    L’American Heart Association (AHA) raccomanda un massimo di due drink al giorno per gli uomini e uno per le donne.

    Il seguente conterà come una bevanda:

    • 12 once (oz.) Bottiglia di birra
    • 4 once. di vino
    • 1,5 once di spiriti a prova di 80
    • 1 oncia. di spiriti 100-prova

    Un operatore sanitario può aiutare le persone che hanno difficoltà a ridurre.

    Mangiare più frutta e verdura e meno grassi

    Si consiglia alle persone che hanno o che sono a rischio di pressione alta di mangiare il meno possibile di grassi saturi e totali.

    Consigliato invece sono:

    • alimenti integrali e ricchi di fibre
    • una varietà di frutta e verdura
    • fagioli, legumi e noci
    • pesce ricco di omega 3 due volte a settimana
    • oli vegetali non tropicali, ad esempio olio d’oliva
    • pollame e pesce senza pelle
    • latticini a basso contenuto di grassi

    È importante evitare grassi trans, oli vegetali idrogenati e grassi animali e mangiare porzioni di dimensioni moderate.

    Gestire il peso corporeo

    L’ipertensione è strettamente correlata all’eccesso di peso corporeo e la riduzione del peso è normalmente seguita da un calo della pressione arteriosa. Una dieta sana ed equilibrata con un apporto calorico che corrisponda alle dimensioni, al sesso e al livello di attività dell’individuo aiuterà.

    La dieta DASH

    Il National Heart Lung and Blood Institute (NHLBI) statunitense raccomanda la dieta DASH per le persone con pressione alta. DASH, o “Approcci dietetici per fermare l’ipertensione”, è stato appositamente progettato per aiutare le persone ad abbassare la pressione sanguigna.

    È un piano alimentare flessibile ed equilibrato basato su studi di ricerca sponsorizzati dall’Istituto, secondo il quale la dieta:

    • abbassa la pressione alta
    • migliora i livelli di grassi nel sangue
    • riduce il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari

    C’è un libro di cucina scritto dal NHLBI chiamato con idee di cucina per aiutare a raggiungere questi risultati.

    Alcuni dati suggeriscono che l’uso di integratori probiotici per 8 settimane o più può essere di beneficio alle persone con ipertensione.

    tipi

    L’ipertensione arteriosa che non è causata da un’altra condizione o malattia è chiamata ipertensione primaria o essenziale. Se si verifica come risultato di un’altra condizione, è chiamata ipertensione secondaria.

    L’ipertensione primaria può derivare da molteplici fattori, tra cui il volume del plasma sanguigno e l’attività degli ormoni che regolano il volume e la pressione del sangue. È anche influenzato da fattori ambientali, come lo stress e la mancanza di esercizio fisico.

    L’ipertensione secondaria ha cause specifiche ed è una complicazione di un altro problema.

    Può derivare da:

    • diabete, a causa di entrambi i problemi renali e danni ai nervi
    • malattie renali
    • feocromocitoma, un raro cancro di una ghiandola surrenale
    • Sindrome di Cushing, che può essere causata da farmaci corticosteroidi
    • iperplasia surrenale congenita, una malattia delle ghiandole surrenali secernenti il ​​cortisolo
    • ipertiroidismo o ghiandola tiroide iperattiva
    • iperparatiroidismo, che influenza i livelli di calcio e fosforo
    • gravidanza
    • apnea notturna
    • obesità
    • CKD

    Trattare la condizione sottostante dovrebbe vedere un miglioramento della pressione sanguigna.

    Like this post? Please share to your friends: