Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Tutto ciò che devi sapere sulla cirrosi

La cirrosi epatica descrive una condizione in cui il tessuto cicatriziale sostituisce gradualmente le cellule epatiche sane.

È una malattia progressiva, che si sviluppa lentamente per molti anni. Se è permesso continuare, l’accumulo di tessuto cicatriziale può eventualmente arrestare la funzionalità epatica.

Per sviluppare la cirrosi, è necessario che si verifichi un danno continuo a lungo termine per il fegato. Quando il tessuto epatico sano viene distrutto e sostituito da tessuto cicatriziale, la condizione diventa seria, perché può iniziare a bloccare il flusso di sangue attraverso il fegato.

Questo articolo spiega i sintomi, le cause e i trattamenti della cirrosi epatica, comprese le informazioni sulle complicanze.

Sintomi

sangue che viene testato in un laboratorio

I sintomi non sono comuni durante le prime fasi della cirrosi.

Tuttavia, man mano che il tessuto cicatriziale si accumula, viene compromessa la capacità del fegato di funzionare correttamente. Possono presentarsi i seguenti segni e sintomi:

  • i capillari sanguigni diventano visibili sulla pelle dell’addome superiore.
  • fatica
  • insonnia
  • prurito della pelle
  • perdita di appetito
  • perdita di peso corporeo
  • nausea
  • dolore o tenerezza nella zona in cui si trova il fegato
  • palme rosse o macchiate
  • debolezza

I seguenti segni e sintomi possono manifestarsi con il progredire della cirrosi epatica:

  • battito cardiaco accelerato
  • cambiamenti di personalità
  • gengive sanguinanti
  • Massa persa nel corpo e nella parte superiore delle braccia
  • difficoltà nel trattamento di droghe e alcol
  • confusione
  • vertigini
  • accumulo di liquidi su caviglie, piedi e gambe, noto come edema
  • la perdita di capelli
  • maggiore suscettibilità alle ecchimosi
  • ittero o ingiallimento della pelle, bianco degli occhi e lingua
  • perdita di desiderio sessuale
  • problemi di memoria
  • febbre più frequenti e aumento del rischio di infezione
  • crampi muscolari
  • epistassi
  • dolore alla spalla destra
  • affanno
  • le feci diventano nere e catramose o molto pallide.
  • l’urina diventa più scura.
  • vomito di sangue
  • problemi con camminare e mobilità

Il tessuto epatico è sostituito da tessuto cicatriziale fibroso. Possono anche formarsi noduli rigenerativi. Questi sono grumi che appaiono mentre il fegato cerca di guarire il danno.

Trattamento

Se la cirrosi viene diagnosticata precocemente, il danno può essere minimizzato trattando la causa sottostante o le varie complicazioni che si presentano.

Trattamento per la dipendenza da alcol: è importante che il paziente smetta di bere se la sua cirrosi è causata dal consumo regolare e prolungato di alcolici. In molti casi, il medico raccomanderà un programma di trattamento per il trattamento della dipendenza da alcol.

Farmaci: al paziente possono essere prescritti farmaci per controllare il danno alle cellule del fegato causato dall’epatite B o C.

Controllo della pressione nella vena porta: il sangue può “fare il backup” nella vena porta che fornisce il sangue al fegato, causando l’ipertensione nella vena porta. Di solito vengono prescritti farmaci per controllare l’aumento della pressione in altri vasi sanguigni. L’obiettivo è prevenire gravi emorragie. Segni di sanguinamento possono essere rilevati tramite un’endoscopia.

Se il paziente vomita sangue o passa sgabelli sanguinosi, probabilmente hanno varici esofagee. È necessaria l’urgente assistenza medica. Le seguenti procedure possono aiutare:

Banding: una piccola banda viene posizionata attorno alla base delle varici per controllare il sanguinamento.

Scleroterapia con iniezione: dopo un’endoscopia, una sostanza viene iniettata nelle varici, che innesca un coagulo di sangue e tessuto cicatriziale da formare. Questo aiuta a arginare l’emorragia.

Un tubo Sengstaken-Blakemore con un palloncino: un palloncino si trova all’estremità del tubo. Se l’endoscopia non arresta il sanguinamento, il tubo scende nella gola del paziente e nello stomaco. Il pallone è gonfiato. Questo mette pressione sulle varici e ferma l’emorragia.

Shunt portosistemico intraepatico transgiugale (TIPSS): se le terapie sopra menzionate non bloccano l’emorragia, un tubo metallico viene passato attraverso il fegato per unirsi al portale e alle vene epatiche, creando una nuova via per il flusso del sangue. Questo riduce la pressione che stava causando le varici.

Altre complicazioni sono gestite in diversi modi:

Infezioni: al paziente verranno somministrati antibiotici per tutte le infezioni che si presentano.

Screening per il cancro del fegato: i pazienti con cirrosi hanno un rischio molto più elevato di sviluppare il cancro al fegato. Il medico può raccomandare regolari esami del sangue e scansioni di immagini.

Encefalopatia epatica o livelli elevati di tossine nel sangue: i farmaci possono aiutare a trattare livelli eccessivi di tossine nel sangue.

In alcuni casi, il danno causato dalla cirrosi copre la maggior parte del fegato e non può essere invertito. In questi casi, la persona potrebbe aver bisogno di un nuovo fegato trapiantato. Può essere necessario del tempo per trovare un donatore adatto e questa procedura viene spesso consigliata solo come ultima risorsa.

prospettiva

Il tasso di sopravvivenza di una persona con cirrosi epatica dipende dalla gravità della cicatrizzazione.

Uno studio di follow-up di 15 anni su 100 persone in Norvegia con cirrosi alcolica grave ha mostrato che il 71% delle persone nello studio ha vissuto per 5 anni dopo la diagnosi e il 90% ha vissuto per 15 anni.

Il consumo di alcol continuato e l’età avanzata erano legati a un più alto tasso di mortalità nelle persone con cirrosi.

Questo è uno studio limitato, ma dimostra che la cirrosi è una condizione grave che riduce gravemente l’aspettativa di vita e altera la qualità della vita.

La cirrosi è responsabile di 12 decessi in ogni 100.000 membri della popolazione degli Stati Uniti.

fasi

La cirrosi viene classificata su una scala denominata punteggio Childs-Pugh come segue:

  • A: relativamente delicato
  • B: moderato
  • C: Severo

I medici classificano anche la cirrosi come compensata o decompensata. La cirrosi compensata significa che il fegato può funzionare normalmente nonostante il danno. Un fegato con cirrosi scompensata non può svolgere correttamente le sue funzioni e di solito causa gravi sintomi.

Piuttosto che essere visti nei suoi stadi, la cirrosi è spesso vista come una fase finale della malattia del fegato.

Le cause

versando un bicchiere di vodka

Le cause comuni di cirrosi sono:

  • abuso di alcol a lungo termine
  • infezione da epatite B e C.
  • malattia del fegato grasso
  • metalli tossici
  • malattie genetiche

L’epatite B e C insieme sono considerate le principali cause di cirrosi. Altre cause includono:

Bere regolarmente troppo alcol

Le tossine, compreso l’alcol, sono metabolizzate dal fegato. Tuttavia, se la quantità di alcol è troppo alta, il fegato sarà sovraccaricato di lavoro e le cellule del fegato possono eventualmente danneggiarsi.

I bevitori pesanti, regolari ea lungo termine hanno molte più probabilità di sviluppare cirrosi, rispetto ad altre persone sane. In genere, il consumo di alcol deve essere sostenuto per almeno 10 anni perché si sviluppi la cirrosi.

Ci sono generalmente tre fasi della malattia del fegato indotta dall’alcool:

  1. Fegato grasso: questo comporta un accumulo di grasso nel fegato.
  2. Epatite alcolica: si verifica quando le cellule del fegato si gonfiano.
  3. Circa il 10-15% dei forti bevitori svilupperà successivamente la cirrosi.

Epatite

L’epatite C, un’infezione trasmissibile per via ematica, può danneggiare il fegato e portare infine alla cirrosi. L’epatite C è una causa comune di cirrosi nell’Europa occidentale, nel Nord America e in molte altre parti del mondo. La cirrosi può anche essere causata da epatite B e D.

Steatoepatite non alcolica (NASH)

La NASH, nelle sue fasi iniziali, inizia con l’accumulo di troppo grasso nel fegato. Il grasso causa infiammazione e cicatrici, con conseguente possibile cirrosi in seguito.

La NASH è più probabile che si verifichi in persone che sono obese, pazienti diabetici, quelli con alti livelli di grasso nel sangue e persone con pressione alta.

Epatite autoimmune

Il sistema immunitario della persona attacca gli organi sani del corpo come se fossero sostanze estranee. A volte il fegato viene attaccato. Alla fine, il paziente può sviluppare cirrosi.

Alcune condizioni genetiche

Ci sono alcune condizioni ereditarie che possono portare alla cirrosi, tra cui:

  • Emocromatosi: il ferro si accumula nel fegato e in altre parti del corpo.
  • La malattia di Wilson: il rame si accumula nel fegato e in altre parti del corpo.

Blocco dei dotti biliari

Alcune condizioni e malattie, come il cancro dei dotti biliari o il cancro del pancreas, possono bloccare i dotti biliari, aumentando il rischio di cirrosi.

Sindrome di Budd-Chiari

Questa condizione causa coaguli di sangue nella vena epatica, il vaso sanguigno che trasporta il sangue dal fegato. Ciò porta all’ampliamento del fegato e allo sviluppo di vasi collaterali.

Altre malattie e condizioni che possono contribuire alla cirrosi includono:

  • fibrosi cistica
  • colangite sclerosante primitiva, o indurimento e cicatrizzazione dei dotti biliari
  • galattosemia, o incapacità di trattare gli zuccheri nel latte.
  • schistosomiasi, un parassita che si trova comunemente in alcuni paesi in via di sviluppo
  • atresia biliare o dotti biliari mal formati
  • malattia da accumulo di glicogeno, o problemi nella conservazione e rilascio di energia vitale per la funzione cellulare

Diagnosi

Poiché ci sono raramente sintomi nella fase iniziale della malattia, la cirrosi viene spesso diagnosticata quando il paziente viene sottoposto a test per altre condizioni o malattie.

Chiunque abbia i seguenti sintomi dovrebbe consultare immediatamente il proprio medico:

  • febbre con brividi
  • mancanza di respiro
  • vomito di sangue
  • sgabelli scuri o catramosi
  • episodi di sonnolenza o confusione

Un medico esaminerà il paziente e si sentirà intorno all’area del fegato per determinare se è ingrandito. Al paziente verrà chiesto della loro storia medica e stile di vita, compreso il bere.

I seguenti test possono anche essere ordinati:

  • Esame del sangue: misura il buon funzionamento del fegato. Se i livelli di alanina transaminasi (ALT) e aspartato transaminasi (AST) sono elevati, il paziente può avere epatite.
  • Test di imaging: è possibile utilizzare ecografie, TC o risonanze magnetiche per vedere se il fegato è ingrandito e rilevare eventuali cicatrici o noduli.
  • Biopsia: un piccolo campione di cellule epatiche viene estratto ed esaminato al microscopio. La biopsia può confermare la cirrosi e la sua causa.
  • Endoscopia: il medico inserisce un tubo lungo e sottile con una luce e una videocamera alla fine passa attraverso l’esofago e nello stomaco. Il dottore osserva i vasi sanguigni gonfiati chiamati varici che possono essere un segno di cirrosi.

complicazioni

La cirrosi può portare a diverse altre condizioni, alcune delle quali sono pericolose per la vita. Questi includono:

Ascite o edema: l’ascite è un accumulo di liquido nell’addome e l’edema è un accumulo di liquido nelle gambe. Possono essere trattati con una dieta a basso contenuto di sale e pillole d’acqua. Nei casi più gravi, il liquido potrebbe dover essere drenato ripetutamente. Talvolta è necessario un intervento chirurgico.

Varici e ipertensione portale: si tratta di grandi vene gonfie nell’esofago e nello stomaco. Possono aumentare la pressione in un vaso sanguigno chiamato vena porta che trasporta il sangue dalla milza e dall’intestino al fegato. Le varici possono rompersi, causando gravi perdite di sangue e coaguli.

Encefalopatia epatica: si riferisce a livelli elevati di tossine nel sangue in cui il fegato non riesce più a filtrarli tutti.

Carcinoma epatocellulare: questo è il tipo più comune di cancro al fegato. È la terza causa di mortalità per cancro in tutto il mondo.

Sindrome epatopulmonare (HPS): I medici definiscono HPS come una combinazione di malattia del fegato, vasi sanguigni dilatati nei polmoni e anomalie nello scambio di gas. È collegato ad un aumento del tasso di mortalità delle persone in attesa di un trapianto di fegato.

Disturbi della coagulazione: la cirrosi può causare problemi di coagulazione del sangue, con conseguenti sanguinamenti e coaguli potenzialmente fatali.

Prevenzione

Si consiglia vivamente di rispettare i limiti alcolici giornalieri e settimanali raccomandati per evitare la cirrosi. Si prega di fare riferimento alle seguenti informazioni utili dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) sul bere con moderazione.

Gli individui che hanno la cirrosi dovrebbero evitare completamente l’alcol. L’alcol accelera la progressione della malattia.

Per evitare di contrarre l’epatite B e C, assicurarsi di adottare le seguenti precauzioni:

  • Usa un preservativo quando fai sesso.
  • Non condividere gli aghi quando si iniettano farmaci.
  • Le persone a rischio di contrarre l’epatite B, come operatori sanitari, assistenti sociali e personale di polizia, possono essere vaccinate

Poiché la cirrosi non può essere invertita o riparata quando raggiunge un certo stadio, la prevenzione è spesso considerata la migliore forma di trattamento.

Se vuoi comprare i preservativi, allora c’è un’eccellente selezione online con migliaia di recensioni dei clienti.

Abbiamo scelto gli articoli collegati in base alla qualità dei prodotti ed elencato i pro e i contro di ciascuno per aiutarti a determinare quale funzionerà meglio per te. Collaboriamo con alcune delle aziende che vendono questi prodotti, il che significa che Healthline UK e i nostri partner potrebbero ricevere una parte dei ricavi se si effettua un acquisto utilizzando un link (s) di cui sopra.

Like this post? Please share to your friends: