Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Tutto ciò che devi sapere sulla febbre da fieno

La febbre da fieno, o rinite allergica, è una condizione comune con sintomi simili a quelli di un raffreddore. Ci possono essere starnuti, congestione, naso che cola e pressione del seno.

È causato da una reazione allergica alle sostanze presenti nell’aria, come il polline. Il periodo dell’anno accade dipende da quale sostanza, o allergene, la persona reagisce a.

Nonostante il nome, la febbre da fieno non significa che la persona sia allergica al fieno e abbia la febbre. Il fieno non è quasi mai un allergene e la febbre non è un sintomo.

La rinite allergica è la quinta malattia più comune negli Stati Uniti (Stati Uniti).

Questo articolo parla della febbre da fieno o della rinite allergica. Qui puoi leggere la rinite non allergica.

Fatti veloci sulla febbre da fieno

Ecco alcuni punti chiave sulla febbre da fieno. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • La rinite allergica, spesso chiamata febbre da fieno, può causare starnuti, naso chiuso o che cola, lacrimazione e prurito al naso, agli occhi o al palato.
  • Negli Stati Uniti, 20 milioni di persone di età pari o superiore a 18 anni sono state diagnosticate con febbre da fieno nel 2016, ovvero l’8,2% della popolazione adulta. Nove percento di bambini, o 6,1 milioni, hanno ricevuto una diagnosi.
  • La rinite allergica stagionale è più comune in primavera, estate e inizio autunno.
  • I sintomi sono generalmente causati dalla sensibilità allergica ai pollini di alberi, erba o erbacce o alle spore di muffe presenti nell’aria.
  • Il trattamento include evitare, eliminare o ridurre l’esposizione ad allergeni, farmaci e immunoterapia, o colpi di allergia.

Sintomi

La febbre da fieno è a volte, ma non sempre, legata al polline.

I sintomi possono iniziare in diversi periodi dell’anno, a seconda della sostanza a cui il paziente è allergico.

Una persona che è allergica a un polline comune avrà sintomi più gravi quando il numero di pollini è alto.

I sintomi comuni includono:

  • starnuti
  • occhi pieni di lacrime
  • prurito alla gola
  • un naso bloccato, prurito o che cola

I sintomi severi possono includere:

  • sudorazione
  • mal di testa
  • perdita dell’olfatto e del gusto
  • dolore facciale causato da seni ostruiti
  • prurito che si diffonde dalla gola al naso e alle orecchie

Alcune persone possono provare stanchezza o affaticamento, irritabilità e insonnia.

Le persone con asma possono sperimentare più respiro affannoso e dispnea nei momenti in cui i sintomi di raffreddore da fieno sono comuni.

Trattamento

Una gamma di trattamenti da banco (OTC) può aiutare a gestire la febbre da fieno. A volte, una combinazione di due o tre è la migliore. Un medico può consigliare sulle opzioni.

farmaci

Questi includono:

Spray o compresse antistaminici: OTC comunemente disponibili, questi fermano il rilascio dell’istamina chimica. Solitamente allevia efficacemente i sintomi di naso che cola, prurito e starnuti, ma non sbloccheranno i seni congestionati. Gli antistaminici più vecchi possono causare sonnolenza.

Collirio: riducono il prurito e il gonfiore agli occhi. Di solito vengono utilizzati insieme ad altri farmaci. Le gocce oculari contengono spesso cromoglicato.

Corticosteroidi nasali: questi spray trattano l’infiammazione causata dalla febbre da fieno. Offrono un trattamento a lungo termine sicuro ed efficace. Potrebbe richiedere una settimana per mostrare i benefici.

Esempi includono fluticasone (Flonase), fluticasone (Veramyst), mometasone (Nasonex) e beclometasone (Beconase).

Potrebbe esserci odore o sapore sgradevole o irritazione al naso.

Corticosteroidi orali: i sintomi gravi del raffreddore da fieno possono rispondere bene alle compresse di prednisone, prescritte da un medico. Questi sono solo per uso a breve termine. L’uso a lungo termine è legato alla cataratta, alla debolezza muscolare e all’osteoporosi.

Immunoterapia: l’immunoterapia può fornire sollievo a lungo termine desensibilizzando gradualmente il sistema immunitario agli allergeni che scatenano i sintomi. Di solito è ricevuto sotto forma di colpi di allergia o gocce sublinguali per le persone i cui sintomi sono gravi e non hanno chiarito dopo altri trattamenti.

L’immunoterapia può portare a una prolungata remissione dei sintomi allergici e può aiutare a prevenire lo sviluppo di asma e nuove allergie.

Le iniezioni sono date da un medico, ma l’immunoterapia sublinguale, o il farmaco che si scioglie sotto la lingua, può essere assunto a casa.

Terapie alternative

Terapie alternative che affermano di trattare il raffreddore da fieno includono l’agopuntura, ma i risultati dello studio non hanno confermato miglioramenti significativi.

Non sono raccomandati rimedi erboristici.

Durante la gravidanza, è importante parlare con un medico prima di assumere qualsiasi farmaco, per prevenire potenziali effetti avversi sullo sviluppo fetale.

Diagnosi

Un test di spillone può identificare ciò che sta causando la reazione allergica.

Per specificare il trattamento corretto, un medico esaminerà i sintomi e chiederà informazioni sulla storia medica personale e familiare.

Un esame del sangue o della pelle può identificare la sostanza a cui il paziente è allergico.

In un test cutaneo, la pelle viene punteggiata con una quantità minima di un allergene noto.

Un esame del sangue mostrerà il livello di anticorpi IgE. Questo sarà alto se è presente un’allergia. Il test dura circa 20 minuti.

Gli anticorpi IgE Zero indicano assenza di sensibilità, mentre 6 indica sensibilità molto alta.

Un altro test per la puntura della pelle comporta l’iniezione di un allergene sotto la pelle e il controllo di una reazione circa 20 minuti dopo.

Cos’è la febbre da fieno?

La febbre da fieno è una reazione allergica alle sostanze presenti nell’aria, come il polline.

Un’allergia si verifica quando il sistema immunitario scambia una sostanza innocua per una persona nociva e il corpo rilascia sostanze chimiche per combatterla.

Questa reazione è ciò che causa i sintomi.

Gli allergeni sono spesso sostanze comuni alle quali il sistema immunitario nella maggior parte delle persone non reagisce o reagisce solo moderatamente.

Tuttavia, alcune persone richiedono un trattamento, perché i loro sintomi rendono difficile completare le loro attività quotidiane.

Il trattamento non può eliminare i sintomi, ma può ridurre il loro impatto.

Trattamento domiciliare

Un individuo non può prevenire lo sviluppo di un’allergia, ma le persone che soffrono di raffreddore da fieno potrebbero trovare alcune strategie utili a minimizzare l’impatto.

Ecco alcuni suggerimenti:

  • Essere consapevoli del conteggio del polline durante i mesi suscettibili. Le informazioni sono disponibili tramite Internet e altri media. Il conteggio del polline tende ad essere più alto nei giorni umidi e ventosi non piovosi e durante la prima serata.
  • Tenere chiuse le porte e le finestre quando il conteggio dei pollini è alto.
  • Evitare di falciare il prato durante i mesi suscettibili, scegliere giorni a basso polline per il giardinaggio e tenere lontano dalle zone erbose quando il numero di pollini è elevato.
  • Bagnare regolarmente gli occhi con acqua fredda, per alleviare e liberare il polline.
  • Fai la doccia e cambia i vestiti dopo essere entrati in casa, quando i conteggi di pollini sono alti.
  • Usa occhiali avvolgenti per proteggere gli occhi dal polline.
  • Indossare un cappello per evitare che il polline si raccolga nei capelli e poi spruzzare sugli occhi e sul viso.
  • Assicurati che la tua auto sia dotata di un filtro antipolline e guidi con i finestrini chiusi in tempi di conteggio elevato.
  • Non avere fiori nella tua casa.
  • Mantenere tutte le superfici, i pavimenti e i tappeti il ​​più puliti possibile.
  • Scegli un aspirapolvere con un buon filtro.
  • Utilizzare biancheria da letto a prova di acaro.
  • Utilizzare un deumidificatore per prevenire la muffa.
  • Tenere lontano dal fumo di sigaretta e smettere, se sei un fumatore.
  • Lavare gli animali domestici quando arrivano in casa in un giorno di conteggio pollinico alto, o liscia la pelliccia verso il basso con un panno umido.
  • Spalare la vaselina attorno ai bordi interni delle narici, poiché aiuta a impedire il passaggio del polline.
  • Chiedi a un medico un piano, se sai che il tuo tempo sensibile è dietro l’angolo.

Le cause

La febbre da fieno si verifica quando il sistema immunitario commette un errore su una sostanza normalmente dispersa nell’aria per una minaccia.

Il corpo produce un anticorpo chiamato immunoglobulina E (IgE) per attaccare la minaccia e rilascia l’istamina chimica. L’istamina causa i sintomi.

I trigger di febbre da fieno stagionale includono polline e spore che causano solo sintomi in determinati periodi dell’anno.

Esempi di fattori scatenanti la febbre da fieno includono:

  • polline degli alberi in primavera
  • polline di graminacee in tarda primavera ed estate
  • polline di erba, soprattutto durante l’autunno
  • funghi e muffe spore, più comuni nella stagione calda

Altri fattori scatenanti includono peli di animali domestici o peli, acari della polvere, muffe e polvere di scarafaggio. Gli irritanti che possono causare sintomi di raffreddore da fieno sono fumo di sigaretta, profumi e gas di scarico diesel.

Fattori di rischio

Alcuni fattori aumentano il rischio di raffreddore da fieno.

Fattori genetici: se un parente stretto ha la febbre da fieno o un’altra allergia, il rischio è più alto.

Altre allergie o asma: le persone con altre allergie o asma hanno più probabilità di avere la febbre da fieno pure.

Genere ed età: prima dell’adolescenza, la febbre da fieno è più comune tra i ragazzi, ma dopo l’adolescenza, le femmine sono più colpite.

Data di nascita: le persone nate durante l’alta stagione pollinica hanno un rischio leggermente maggiore di sviluppare febbre da fieno.

Fumo passivo: l’esposizione al fumo di sigaretta durante i primi anni di vita aumenta il rischio di raffreddore da fieno.

Altri fattori includono essere il primogenito, proveniente da una famiglia più piccola o da una famiglia a reddito più elevato. Questi ultimi tre fattori di rischio possono essere collegati alle infezioni infantili.

Un bambino che ha avuto meno infezioni infantili può avere un rischio più elevato di problemi autoimmuni più avanti nella vita.

prospettiva

Non esiste attualmente una cura per la febbre da fieno. Tuttavia, i sintomi possono essere gestiti durante i periodi dell’anno che hanno un alto numero di pollini.

Perché il trattamento funzioni nel primo anno, il trattamento deve essere iniziato 3 mesi prima della stagione in cui si diffonde il polline.

Il trattamento continuato può avere l’effetto di ridurre i sintomi, migliorare l’immunità all’allergene e migliorare la qualità della vita. È stato dimostrato che tre anni di trattamento portano a desensibilizzazione a lungo termine contro il polline.

Tuttavia, se i sintomi non migliorano significativamente dopo un anno, il trattamento deve essere interrotto in quanto è improbabile che funzioni.

La febbre da fieno può diventare più grave, spostandosi nei polmoni e trasformandosi in asma allergico. Le persone con allergia ai pollini possono anche sviluppare maggiori probabilità di sviluppare altre allergie, come le intolleranze alimentari.

Grave febbre da fieno può anche rendere le mucose del naso più sensibili ad altre sostanze irritanti, come il fumo di sigaretta o l’aria secca. Questo può portare a sinusite.

Like this post? Please share to your friends: