Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Tutto ciò che devi sapere sulla febbre Dengue

La febbre dengue, nota anche come febbre fratturosa, è una infezione trasmessa dalle zanzare che può portare ad una grave malattia simil-influenzale. È causato da quattro diversi virus e diffuso dalle zanzare.

I sintomi vanno da lievi a gravi. I sintomi gravi includono la sindrome da dengue shock (DSS) e la febbre emorragica dengue (DHF). Questi di solito richiedono il ricovero in ospedale.

Al momento non ci sono vaccini. Il miglior metodo di prevenzione è evitare le punture di zanzara. Il trattamento è possibile se la diagnosi si verifica prima che il paziente sviluppi DSS o DHF.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) stimano che 400 milioni di persone sono infettate ogni anno.

La febbre dengue è rara negli Stati Uniti (Stati Uniti), ma circa 100 casi sono segnalati ogni anno, soprattutto tra le persone che viaggiano da fuori. Le epidemie si sono verificate in Texas, Florida e Hawaii.

Fatti veloci sulla febbre dengue

Ecco alcuni punti chiave sulla dengue. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • La dengue viene trasmessa dalle zanzare e, che si trovano in tutto il mondo.
  • Circa 2,5 miliardi di persone, ovvero il 40% della popolazione mondiale, vivono in aree dove esiste il rischio di trasmissione della dengue.
  • La dengue è endemica in almeno 100 paesi in Asia, nel Pacifico, nelle Americhe, in Africa e nei Caraibi.
  • I sintomi di solito iniziano da 4 a 7 giorni dopo la puntura di zanzara e in genere durano da 3 a 10 giorni.
  • Efficace trattamento è possibile se una diagnosi clinica è fatta presto.

segni e sintomi

Le zanzare diffondono la febbre dengue.

I sintomi variano a seconda della gravità della malattia.

Lieve febbre dengue

I sintomi possono comparire fino a 7 giorni dopo essere stati morsi dalla zanzara che trasporta il virus.

Loro includono:

  • muscoli e articolazioni doloranti
  • eruzione del corpo che può scomparire e poi riapparire
  • febbre alta
  • intenso mal di testa
  • dolore dietro gli occhi
  • vomito e nausea

I sintomi di solito scompaiono dopo una settimana e la dengue lieve raramente comporta complicanze gravi o fatali.

Dengue hemorrhagic febbre

Inizialmente, i sintomi del DHF possono essere lievi, ma gradualmente peggiorano in pochi giorni. Così come i sintomi di lieve dengue, ci possono essere segni di emorragia interna.

Una persona con febbre emorragica di dengue può sperimentare:

  • sanguinamento dalla bocca, dalle gengive o dal naso
  • pelle umida
  • danno alla linfa e ai vasi sanguigni
  • sanguinamento interno, che può portare a vomito nero e feci, o feci
  • un numero inferiore di piastrine nel sangue
  • stomaco sensibile
  • piccole macchie di sangue sotto la pelle
  • impulso debole

Senza un trattamento tempestivo, il DHF può essere fatale.

Sindrome da shock dengue

Il DSS è una forma grave di dengue. Può essere fatale.

Oltre ai sintomi di lieve dengue, la persona può sperimentare:

  • intenso mal di stomaco
  • disorientamento
  • ipotensione improvvisa, o un rapido calo della pressione sanguigna
  • sanguinamento pesante
  • vomito regolare
  • vasi sanguigni che perdono liquido

Senza trattamento, questo può portare alla morte.

Trattamento

La dengue è un virus, quindi non esiste un trattamento o una cura specifica. Tuttavia, l’intervento può aiutare, a seconda di quanto sia grave la malattia.

Per le forme più lievi, il trattamento include:

Prevenire la disidratazione: una febbre alta e vomito possono disidratare il corpo. La persona dovrebbe bere acqua pulita, idealmente imbottigliata piuttosto che acqua del rubinetto. I sali di reidratazione possono anche aiutare a sostituire liquidi e minerali.

Antidolorifici come Tylenol o paracetamolo: possono aiutare a ridurre la febbre e alleviare il dolore.

I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come l’aspirina o l’ibuprofene, non sono consigliati, poiché possono aumentare il rischio di emorragia interna.

Le forme più gravi di dengue possono richiedere:

  • supplementazione di liquidi per via endovenosa (IV), o gocciolamento, se la persona non può prendere liquidi per via orale
  • trasfusione di sangue, per pazienti con grave disidratazione

Il ricovero permetterà che l’individuo sia adeguatamente monitorato, nel caso i sintomi peggiorino.

Le cause

Ci sono quattro virus dengue (DENV) che causano la febbre dengue. Sono tutti diffusi da una specie di zanzara conosciuta come, e più raramente dalla zanzara.

I virus sono passati dalle scimmie agli umani tra 100 e 800 anni fa, secondo il CDC, ma il dengue è rimasto un problema minore fino alla metà del XX secolo.

è nato in Africa, ma oggigiorno si trova nelle aree tropicali di tutto il mondo, specialmente nelle aree della popolazione umana.

Il virus viene trasmesso da una zanzara infetta a un essere umano. Una zanzara morde una persona infettata dal virus della dengue e il virus viene trasmesso quando la zanzara morde qualcun altro.

È possibile avere la febbre dengue più di una volta. Una seconda infezione comporta un rischio maggiore di sviluppare una forma più dura.

Aree ad alto rischio

La febbre dengue è più comune nelle aree subtropicali e tropicali, come il Centro e il Sud America, parti dell’Africa, parti dell’Asia, dei Caraibi e del Pacifico.

La maggior parte dei casi di dengue nei cittadini statunitensi si verificano a Porto Rico, nelle Isole Vergini statunitensi, a Samoa e Guam, dove il virus è endemico.

Le regioni ad alto rischio sono:

  • America centrale e meridionale
  • i Caraibi
  • l’Asia tropicale, compreso il Bangladesh, l’Indonesia e parti della Cina
  • Australia del Nord

A differenza della malaria, la dengue può accadere sia nelle aree urbane che nelle aree rurali, ma la ricerca pubblicata nel 2011 ha suggerito che è più comune nelle aree rurali.

Diagnosi

I segni e i sintomi della febbre dengue sono simili ad alcune altre malattie, come la febbre tifoide e la malaria. Questo a volte può ritardare una diagnosi accurata.

Il medico valuterà i sintomi e l’anamnesi medica e di viaggio della persona e potrà ordinare alcuni esami del sangue per confermare la diagnosi.

Prevenzione

Nessun vaccino può proteggere contro la febbre dengue.Solo evitando le punture di zanzara può impedirlo.

Chiunque vive o viaggia in un’area a rischio può utilizzare diversi modi per evitare di essere morso.

Se passi del tempo in una regione tropicale, usa zanzariere trattate con insetticida.

Abbigliamento: ridurre la quantità di pelle esposta indossando pantaloni lunghi, camicie a maniche lunghe e calze, infilando le gambe dei pantaloni in scarpe o calze e indossando un cappello.

Repellenti antizanzare: utilizzare un repellente con almeno il 10 percento di concentrazione di dietiltoluamide (DEET) o una concentrazione più elevata per lunghezze più lunghe di esposizione. Evitare l’uso di DEET sui bambini piccoli.

Trappole e zanzariere: le reti trattate con insetticida sono più efficaci, altrimenti la zanzara può mordere la rete se la persona è in piedi accanto ad essa. L’insetticida ucciderà le zanzare e altri insetti e respingerà gli insetti dall’entrare nella stanza.

Schermi per porte e finestre: le barriere strutturali, come schermi o reti, possono tenere lontane le zanzare.

Evita i profumi: saponi e profumi molto profumati possono attirare le zanzare.

Attrezzatura da campeggio: tratta vestiti, scarpe e attrezzatura da campeggio con permetrina o acquista vestiti che sono stati pretrattati.

Tempi: cerca di evitare di essere fuori all’alba, al tramonto e prima serata.

Acqua stagnante: la zanzara si riproduce in acqua pulita e stagnante. Controllare e rimuovere l’acqua stagnante può aiutare a ridurre il rischio.

Per ridurre il rischio di riproduzione di zanzare in acqua stagnante:

  • rovesciare secchi e annaffiatoio e riporli al riparo in modo che l’acqua non si accumuli
  • rimuovere l’acqua in eccesso dalle piastre del vaso
  • strofinare i contenitori per rimuovere le uova di zanzara
  • allentare il terreno dalle piante in vaso, per evitare la formazione di pozzanghere sulla superficie
  • assicurati che gli scaricatori di schiuma non siano bloccati e non posizionare piante in vaso e altri oggetti su di essi
  • utilizzare trappole per canalizzazioni non perforate, installare valvole anti-zanzare e coprire le trappole che vengono utilizzate raramente
  • non mettere recipienti sotto un condizionatore d’aria
  • cambia l’acqua in vasi di fiori ogni secondo giorno e macchia e risciacqua l’interno del vaso
  • impedire alle foglie di bloccare tutto ciò che potrebbe causare l’accumulo di pozzanghere o acqua stagnante

Quando fai campeggio o fai un picnic, scegli un’area lontana dall’acqua naturale.

Like this post? Please share to your friends: