Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Tutto ciò che devi sapere sulla febbre di Lassa

La febbre di Lassa è una malattia virale trasportata dal ratto multimamminico. I suoi sintomi sono incredibilmente vari e spesso possono essere fatali.

La malattia è endemica per un certo numero di paesi dell’Africa occidentale. Si stima che vi siano tra 100.000 e 300.000 casi di febbre di Lassa all’anno e circa 5.000 decessi dovuti alla malattia. Tuttavia, queste sono solo stime approssimative poiché la segnalazione dei casi non è coerente in tutte le aree.

In alcune aree della Liberia e della Sierra Leone, il 10-15% di tutti i ricoveri ospedalieri sono dovuti alla febbre di Lassa, che indica un impatto grave e diffuso in quelle aree.1

Recenti casi di febbre di Lassa in Germania, nei Paesi Bassi, nel Regno Unito e negli Stati Uniti nei viaggiatori delle compagnie aeree commerciali hanno dimostrato il potenziale di diffusione di questo patogeno altamente pericoloso e contagioso.

In questo articolo, tratteremo le cause, i sintomi, la diagnosi e il trattamento della febbre di Lassa.

Fatti veloci sulla febbre di Lassa

Ecco alcuni punti chiave sulla febbre di Lassa. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • La febbre di Lassa causa circa 5.000 morti all’anno
  • La febbre di Lassa viene diffusa dal ratto multimamminico
  • La Sierra Leone, la Liberia, la Guinea e la Nigeria sono le più colpite dalla febbre di Lassa
  • i ratti diffondono il virus attraverso le loro feci e l’urina
  • I sintomi della febbre di Lassa sono vari e comprendono problemi polmonari, cardiaci e neurologici
  • La diagnosi del virus Lassa può essere difficile a causa della sua vasta gamma di sintomi
  • Circa il 15% -20% dei ricoveri per la febbre di Lassa finisce con la morte
  • Solo il 20% delle infezioni causa sintomi gravi
  • Non esiste un vaccino per la febbre di Lassa attualmente disponibile.

Cos’è la febbre di Lassa?

[Visualizzazione dello schermo della febbre di Lassa]

La malattia fu scoperta per la prima volta in Nigeria quando due infermiere missionarie soccombettero al virus nel 1969. Il suo nome deriva dal villaggio di Lassa dove fu documentato per la prima volta.

La febbre di Lassa è un’infezione virale portata dal ratto multimammato, uno dei topi più comuni nell’Africa equatoriale che si trova in gran parte dell’Africa sub-sahariana.

La febbre di Lassa è prevalentemente segnalata in Sierra Leone, Liberia, Guinea e Nigeria ma, a causa dell’alta prevalenza del topo nei paesi limitrofi, anche queste aree sono a rischio.

Una volta che un topo è stato infettato, può espellere il virus nelle sue urine, potenzialmente per il resto della sua vita. Ciò rende la diffusione della malattia estremamente facile se aggiunta al fatto che questa specie, come altri ratti, cresce facilmente e vive nelle case degli uomini.

Il metodo più comune di trasmissione è il consumo o l’inalazione di urina o feci di ratto. La febbre di Lassa può anche essere diffusa attraverso tagli e piaghe aperte.

Poiché i ratti vivono all’interno e intorno all’abitazione umana, spesso entrano in contatto con i prodotti alimentari. Talvolta i ratti vengono mangiati e la malattia può essere diffusa durante la loro preparazione.

Il contatto da persona a persona è possibile tramite sangue, tessuti, secrezioni o escrezioni, ma non attraverso il tatto. La febbre di Lassa può anche essere passata tra pazienti e personale in ospedali poco attrezzati in cui la sterilizzazione e gli indumenti protettivi non sono standard.

Sintomi

I sintomi compaiono generalmente entro 1-3 settimane dopo l’infezione. Si stima che l’80% delle infezioni produca sintomi così lievi da non essere diagnosticati. Queste infezioni lievi sono caratterizzate da un malessere generale, mal di testa e una leggera febbre.

Per il 20% dei casi in cui la febbre di Lassa diventa seria, i sintomi possono includere:

  • Emorragia: nelle gengive, nel naso, negli occhi o altrove
  • Respirazione difficoltosa
  • Tosse
  • Vie aeree gonfie
  • Mal di stomaco
  • Vomito e diarrea (entrambi insanguinati)
  • Difficoltà a deglutire
  • Epatite
  • Faccia gonfia
  • Dolore al petto, alla schiena e all’addome
  • Shock
  • Perdita dell’udito (a volte permanente)
  • Ritmi cardiaci anormali
  • Ipertensione o ipotensione
  • Pericardite (un gonfiore del sacco che circonda il cuore)
  • Tremors
  • Encefalite
  • Meningite
  • Convulsioni.

La morte può verificarsi entro 2 settimane dopo l’insorgenza dei sintomi a causa di insufficienza multiorgano. Una delle complicanze più comuni della febbre di Lassa è la sordità, che si verifica in circa un terzo dei casi. La sordità varia in misura e non è necessariamente correlata alla gravità dei sintomi. La sordità causata dalla febbre di Lassa può essere permanente e totale.

Si stima che il 15% -20% dei ricoveri per la febbre di Lassa finisca in morte, anche se, in totale, solo l’1% delle infezioni termina con la morte. Le donne nel terzo trimestre di gravidanza hanno tassi di mortalità particolarmente elevati. Si stima che il 95% dei feti muoia se la madre viene infettata.2

Diagnosi

Poiché i sintomi della febbre di Lassa sono così vari, la diagnosi può essere difficile. Clinicamente, la malattia può apparire simile ad altre febbri emorragiche virali, tra cui il virus Ebola, la malaria e il tifo.

Gli unici test definitivi per la febbre di Lassa sono basati sui laboratori in cui la manipolazione dei campioni può essere pericolosa; solo le istituzioni specializzate possono condurre questi test.3

La febbre di Lassa viene generalmente diagnosticata utilizzando saggi sierologici immunoenzimatici (ELISA), che rilevano gli anticorpi IgM e IgG e gli antigeni di Lassa. La reazione a catena della trascrizione-polimerasi inversa (RT-PCR) può essere utilizzata anche nelle prime fasi della malattia.

Trattamento

[Bambino in Africa occidentale]

Se prescritto precocemente, il farmaco antivirale ribavirina si è dimostrato utile nella lotta contro il virus Lassa; ad oggi, tuttavia, il suo meccanismo di azione è ancora oggetto di dibattito.4

Durante il decorso della malattia, è importante gestire i livelli di liquidi, l’equilibrio elettrolitico, l’ossigenazione e la pressione sanguigna nel paziente.

Sfortunatamente, l’accesso alla ribavirina nelle aree più colpite dal virus Lassa è limitato. Inoltre, la ribavirina è potenzialmente tossica e teratogena (causa di mutazione), rendendola una soluzione imperfetta.5

La ribavirina non ha una capacità profilattica e, al momento, non esiste un vaccino per la febbre di Lassa. Tuttavia, il lavoro su un vaccino è in corso e alcuni farmaci stanno promettendo.

Prevenzione

L’impulso primario nella prevenzione della febbre di Lassa è una promozione generale di “igiene della comunità”. Conservare gli alimenti in contenitori a prova di roditori, tenere i rifiuti lontano da casa e tenere i gatti domestici sono le raccomandazioni principali.

Il topo è così diffuso da non poter essere sradicato realisticamente. Di conseguenza, una spinta per evitare questi roditori e dissuaderli dal condividere l’abitazione umana è vitale.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e altre organizzazioni lavorano costantemente per educare le persone che vivono in aree in cui la febbre di Lassa è una minaccia. Alle persone viene insegnato a evitare il sangue e altri fluidi corporei quando si prendono cura di parenti malati. Questa educazione si estende anche alle strutture sanitarie.

Gli standard di igiene di base, i protocolli di interramento sicuro e gli equipaggiamenti di protezione inclusi maschere e occhiali sono della massima importanza.

La lotta contro la febbre di Lassa è appena agli inizi; molto più ricerca dovrà essere effettuata se i trattamenti devono essere trovati.

Sviluppi recenti sulla malattia virale da notizie MNT

Il virus Zika ha attraversato la placenta in due casi di microcefalia in Brasile

Un nuovo studio descrive come il liquido amniotico recuperato in Brasile da due donne in gravidanza portatrici di feti diagnosticati con microcefalia mostrava evidenza di virus Zika.

Il virus chikungunya trasmesso dalle zanzare provoca grave infiammazione cerebrale

Il virus chikungunya trasmesso dalle zanzare può portare a gravi infezioni cerebrali e persino alla morte nei neonati e negli over 65, secondo i risultati pubblicati in.

Like this post? Please share to your friends: