Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Tutto ciò che devi sapere sulla marijuana (cannabis)

A livello globale, la marijuana (cannabis) è la droga illecita più comunemente usata. Classificata come sostanza controllata di Schedule 1, la marijuana è un farmaco che altera l’umore (psicoattivo) che colpisce quasi tutti gli organi del corpo.

I sondaggi mostrano che il 34,9 percento dei dodicesimi selezionatori negli Stati Uniti usano la marijuana e che quasi il 6 percento dei dodicimetrici riporta di aver usato il farmaco ogni giorno.

Secondo il National Survey on Drug Use and Health (NSDUH) del 2013, 19,8 milioni di adulti negli Stati Uniti hanno usato marijuana nel mese precedente al sondaggio e l’81% degli attuali consumatori di droghe illecite ha utilizzato marijuana.

Ci sono alcune prove che la marijuana è utile per alleviare il dolore acuto, la nausea e altre condizioni croniche. Tuttavia, ci sono anche numerosi problemi di salute.

La marijuana contiene oltre 400 sostanze chimiche; Il THC (delta-9-tetraidro-cannabinolo) è la sostanza psicoattiva chiave. I possibili effetti della marijuana includono cambiamenti di umore, pensieri suicidi e interruzioni delle normali capacità di apprendimento. Può anche produrre dipendenza, psicosi e dipendenza.

Fatti veloci sulla marijuana:

  • L’ingrediente psicoattivo primario nella marijuana è il delta-9-tetraidro-cannabinolo (THC).
  • La cannabis contiene più di 113 cannabinoidi.
  • Gli effetti dell’uso di cannabis ricreativo comprendono vertigini, sensazione di rilassamento, aumento dell’appetito e riduzione della pressione sanguigna.

Cos’è la marijuana?

Foglia di pianta di marijuana.

La marijuana è derivata dalle cime, foglie, gambi e semi secchi della pianta di Cannabis sativa (canapa).

La cannabis è stata usata per centinaia di anni dall’uomo per la fibra (canapa), gli oli di semi, i semi, le cure mediche e per il tempo libero.

Il THC agisce su specifici recettori delle cellule cerebrali chiamati cannabinoidi.

I test hanno dimostrato che il THC ha effetti da lievi a moderati nel dolore (analgesico) e può essere usato per il trattamento del dolore. Il THC altera il rilascio di neurotrasmettitore nel midollo spinale, con conseguente sollievo dal dolore.

Il composto è anche noto per stimolare l’appetito (informalmente noto come “i munchies”) e indurre uno stato rilassato, così come altri effetti sul senso dell’olfatto, dell’udito e della vista. Il THC può anche causare affaticamento. In alcune persone, il THC può ridurre l’aggressività.

Alcuni studi hanno dimostrato che il THC mostra alcune promesse per il trattamento della nausea e del vomito – potrebbe avere qualità antiemetiche che lo rendono utile per le persone sottoposte a chemioterapia o ad altri trattamenti in cui la nausea può essere un effetto collaterale.

La marijuana medica è usata per trattare il dolore cronico, la spasticità muscolare, l’anoressia, la nausea e i disturbi del sonno. La marijuana medica non è soggetta alla standardizzazione governativa, rendendo i suoi ingredienti e la sua potenza sconosciuti.

La marijuana può essere fumata, inalata attraverso il vapore, prodotta come tè, applicata come un balsamo o consumata in prodotti come brownies o barrette di cioccolato.

effetti

Marijuana e Cannabis.

Gli effetti degli oltre 113 cannabinoidi presenti nella cannabis sono in gran parte sconosciuti, ma il più potente agente psicoattivo identificato fino ad oggi è il THC.

Quando una persona fuma cannabis, il THC viene rapidamente assorbito nel flusso sanguigno, raggiungendo il cervello in pochi minuti.

Il corpo assorbe il THC più lentamente quando viene mangiato, ritardando l’inizio dell’azione fino a 2 ore e prolungando la durata dell’effetto.

Il THC e altri cannabinoidi nella marijuana sono simili ai cannabinoidi prodotti dall’organismo. Questi cannabinoidi naturali agiscono come neurotrasmettitori che inviano messaggi chimici tra le cellule nervose (neuroni) in tutto il sistema nervoso.

Questi neurotrasmettitori influenzano le aree cerebrali coinvolte nella memoria, il pensiero, la concentrazione, il movimento, la coordinazione, la percezione sensoriale e del tempo, oltre al piacere. I recettori che rispondono a questi cannabinoidi rispondono anche al THC, che può alterare e interrompere la normale funzione cerebrale.

È stato dimostrato che il THC influisce sull’ippocampo e sulla corteccia orbitofrontale, aree del cervello che controllano la creazione e l’attenzione della memoria. Il THC interrompe anche la funzione del cervelletto e dei gangli della base, influenzando negativamente l’equilibrio, la postura, la coordinazione e il tempo di reazione, il che può rendere pericoloso per una persona che usa marijuana guidare una macchina, utilizzare macchinari pesanti o praticare sport o altre attività potenzialmente attività fisiche pericolose.

Il THC stimola anche alcuni recettori dei cannabinoidi che aumentano il rilascio di dopamina, un neurotrasmettitore correlato ai sentimenti di piacere. Questo effetto, comune a molte droghe di uso improprio (tra cui eroina, cocaina, anfetamina e nicotina), può essere alla base delle sue proprietà rinforzanti e del suo uso ricreativo. L’effetto è invertito dal naloxone, un farmaco che blocca l’azione degli oppiacei; questo suggerisce un collegamento con il sistema oppioide.

Le persone usano la marijuana per ottenere una sensazione di euforia (un alto), vertigini e rilassamento. La marijuana produce anche cambiamenti nella percezione sensoriale; i colori possono sembrare più luminosi, la musica più vivida e le emozioni più profonde.

Quando la cannabis viene consumata per scopi ricreativi, sono possibili i seguenti effetti:

  • Cambiamento della percezione: la marijuana può avere lievi effetti allucinogeni, facendo apparire la realtà in modo distorto.
  • Alterazione dell’umore – alcuni potrebbero provare euforia o diventare più animati, mentre altri entrare in uno stato di rilassamento.
  • Aumento della frequenza cardiaca.
  • Riduzione della pressione sanguigna.
  • Compromissione della concentrazione e della memoria.
  • Ridotta coordinazione psicomotoria.
  • Nausea (nonostante il fatto che la cannabis possa trattare i sintomi della nausea).
  • Aumento dell’appetito
  • Respirazione più rapida.

A seconda della lunghezza e della quantità di utilizzo, la cannabis può ancora essere rilevata nelle urine per diversi mesi dopo il suo ultimo utilizzo.

rischi

Di seguito sono riportati alcuni esempi di studi e rapporti che suggeriscono o dimostrano le conseguenze negative del consumo di cannabis:

  • È molto più probabile che tu faccia a pezzi la tua auto se guidi entro 3 ore dal fumo di marijuana.
  • L’uso di cannabis potrebbe portare a disfunzioni sessuali maschili, secondo una rassegna di studi su animali.
  • Fumare la marijuana potrebbe alla fine sopprimere il sistema immunitario del corpo, rendendo l’utente più suscettibile a certi tipi di cancro e infezioni.
  • L’uso a lungo termine della marijuana potrebbe aumentare il rischio di sviluppare psicosi.
  • Rischio di malattie gengivali – uno studio ha suggerito che fumare cannabis aumenta il rischio di sviluppare malattie gengivali, indipendentemente dal fatto che l’utente fumi tabacco.
  • Ridotta funzionalità cerebrale: i ricercatori hanno scoperto che i consumatori regolari di cannabis che hanno iniziato prima dei 15 anni hanno ottenuto risultati peggiori nei test cerebrali rispetto ai loro coetanei che hanno iniziato più tardi nella vita.
  • Perdita di memoria acuta – i fumatori di potenti ceppi di cannabis (puzzola, per esempio) possono avere un maggiore rischio di perdita acuta della memoria.
  • Altera il DNA umano: uno studio britannico ha trovato prove convincenti che il fumo di cannabis danneggia il DNA umano in modo tale da rendere l’utente più suscettibile allo sviluppo del cancro.
  • Tumore ai testicoli – i maschi che usano la marijuana frequentemente oa lungo termine possono avere un rischio considerevolmente più elevato di sviluppare il cancro ai testicoli, secondo i ricercatori del Fred Hutchinson Cancer Research Center.

Dipendenza

La marijuana può creare dipendenza e l'uso a lungo termine può causare vari problemi di salute.

La cannabis, come altri analgesici, può causare dipendenza e dipendenza. Nel tempo, la continua iperstimolazione del sistema endocannabinoide può causare cambiamenti nel cervello che si traducono in dipendenza; questo è molto più probabile nelle persone che iniziano a usare marijuana da giovani e che sono utenti pesanti.

Si stima che il 9 percento delle persone che usano la marijuana diventi dipendente dal farmaco. Gli utenti adolescenti hanno il 17% di rischio di diventare dipendenti, e il 25-50% degli utenti regolari (giornalieri) diventa dipendente. L’interruzione improvvisa dalla cannabis può essere scomoda ma non pericolosa per la vita.

Ritiro di cannabis

La sindrome da astinenza inizia il secondo giorno di stop e può persistere per 2 settimane. I sintomi di sospensione includono ansia, irritabilità, insonnia, mal di stomaco e diminuzione dell’appetito. I problemi di sonno possono potenzialmente persistere oltre questo lasso di tempo.

È importante notare che la “marijuana sintetica” non è in realtà marijuana, con alcune persone che vengono ingannate nel provare K2 / Spice (un cannabinoide sintetico non verificato e illegale).

La piena portata dei rischi a lungo termine per la salute derivanti dall’uso cronico di cannabis è attualmente sconosciuta. Non c’è modo di determinare chi svilupperà serie reazioni fisiche, psicologiche o altre reazioni indesiderate.

Uso medico

Al 31 gennaio 2014, l’Istituto nazionale per l’abuso di droghe (NIDA) aveva 28 borse di ricerca attive relative alla marijuana, studiandone gli effetti in sei diverse aree di malattia. Questi includono malattia autoimmune, infiammazione, dolore, disturbi convulsivi, disturbi psichiatrici e disturbi da uso di sostanze, astinenza e dipendenza.

Alcuni studi mostrano benefici specifici di certi tipi di uso di marijuana, con la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti che attualmente ha approvato alcuni farmaci a base di THC per aumentare l’appetito e ridurre la nausea.

Il THC può anche ridurre i problemi di dolore, infiammazione e controllo muscolare, ma i farmaci non sono ancora stati approvati per queste condizioni.

Molti ricercatori stanno studiando il potenziale medicinale del cannabidiolo, un cannabinoide trovato nella marijuana che non ha effetti psicoattivi. Questo farmaco può essere utile per alleviare il dolore e l’infiammazione, controllare le crisi epilettiche e possibilmente per il trattamento di malattie mentali e dipendenze.

Altri ricercatori stanno esaminando il potenziale degli estratti di marijuana per colpire e uccidere le cellule tumorali, in particolare come trattamento aggiuntivo con radioterapia.

Like this post? Please share to your friends: