Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Tutto ciò che devi sapere sulla milza rotta

La milza è un organo situato nel quarto superiore sinistro dell’addome, sotto le costole. Ha le dimensioni di un pugno chiuso e svolge un ruolo vitale nel combattere le infezioni e nel filtrare il sangue. Una milza può aprirsi o rompersi durante una lesione traumatica.

Questo importante organo ha una serie di funzioni, tra cui la produzione di cellule immunitarie e anticorpi. È anche responsabile della rimozione di sangue e cellule anomale o vecchie e di corpi estranei, come batteri e virus, dal sangue.

La milza ricicla anche l’emoglobina, il componente del sangue che trasporta l’ossigeno, e immagazzina le piastrine per favorire la coagulazione del sangue.

Uno strato esterno duro ed elastico contenente fibre muscolari copre la milza. Lesioni contundenti alla milza possono causare la rottura di questo strato.

Fatti veloci sulla milza rotta

  • La causa più comune di rottura splenica è trauma contusivo all’addome.
  • La milza è l’organo addominale più a rischio durante la lesione da trauma contusivo.
  • I medici diagnosticano una rottura della milza esaminando l’addome e utilizzando uno scanner ecografico o TC, a seconda delle condizioni dell’individuo.
  • La chirurgia per rimuovere la milza non è sempre necessaria. L’osservazione e il trattamento conservativo possono essere appropriati per alcune persone.

Sintomi

Dolore addominale

I sintomi di una milza rottura sono spesso accompagnati da altri segni di lesioni causate da traumi contusivi all’addome.

Esempi di queste altre lesioni includono fratture costali, frattura pelvica e lesioni del midollo spinale.

La posizione della milza significa che le lesioni a questo organo possono causare dolore nella parte superiore sinistra dell’addome. Tuttavia, dopo una rottura, il dolore può verificarsi in altre posizioni, come la parete toracica sinistra e la spalla.

Il dolore alla spalla sinistra a causa di una rottura della milza è noto come il segno di Kehr. Questo si sente peggio quando l’individuo respira. Una milza rotta può causare dolore alla spalla sinistra perché il sanguinamento dalla milza può irritare il nervo frenico, un nervo che origina nel collo e si estende attraverso il diaframma.

La tenerezza addominale è il segno più comune di una lesione all’interno dell’addome, ma non è specifica per la lesione della milza.

Altri sintomi includono:

  • vertigini
  • confusione
  • visione offuscata
  • svenimenti
  • segni di shock, tra cui irrequietezza, ansia, nausea e pallore

Questi sintomi derivano dalla perdita di sangue e da un calo della pressione sanguigna.

Trattamento

Ci sono due tipi principali di trattamento per una milza rotta: intervento chirurgico e osservazione.

Molte persone con una milza rotta hanno gravi emorragie che richiedono un intervento immediato sull’addome. Il chirurgo aprirà l’addome e opererà con una procedura chiamata laparotomia.

Per le persone con una rottura splenica meno grave, i medici spesso usano l’osservazione anziché la chirurgia. Tuttavia, questi individui richiedono ancora un trattamento attivo e di solito hanno bisogno di una trasfusione di sangue.

Le persone che hanno una rottura splenica di basso grado e nessun segno di altre lesioni nell’addome saranno generalmente emodinamicamente stabili. Ciò significa che la pressione del sangue sarà vicina alla norma.

Fino a poco tempo fa, il trattamento per un infortunio alla milza di solito comportava la completa rimozione della milza, o splenectomia.

Un approccio non operativo alla gestione di una rottura splenica è uno sviluppo moderno nella chirurgia del trauma per adulti ed è stato adottato in seguito al suo successo nel trattamento di bambini senza chirurgia. I chirurghi di trauma usavano rimuovere regolarmente le milze quando c’era evidenza di rottura splenica.

La chirurgia è ora evitata nel 95% dei bambini e nel 60% degli adulti che hanno una rottura splenica.

Quando si esegue un intervento chirurgico, è ancora pratica comune rimuovere l’intera milza, anche se casi meno gravi possono consentire a un chirurgo di riparare una lacrima e esercitare pressione sulla milza fino a quando l’emorragia si interrompe.

Le persone che rimangono stabili sotto osservazione spesso subiscono ulteriori scansioni a scopo di monitoraggio, incluse le scansioni TC.

Quelli in condizioni stabili possono anche sottoporsi a una procedura chiamata embolizzazione splenica. La procedura mira a fermare qualsiasi sanguinamento dalla milza. Di solito questa procedura deve essere eseguita rapidamente e può aiutare a evitare la necessità di rimuovere la milza.

L’embolizzazione splenica richiede strutture e personale specializzati, tra cui un chirurgo vascolare o un radiologo interventista. Hanno bisogno di essere esperti nell’esecuzione di un certo tipo di cateterismo arterioso e nell’esecuzione di tecniche di embolizzazione.

Rimozione chirurgica della milza

Questo è noto come splenectomia. Normalmente viene eseguita durante una laparotomia di emergenza su una persona in condizioni instabili.

In alcuni casi di danno alla milza meno grave, l’organo può essere recuperato durante l’intervento chirurgico. Invece di essere completamente rimosso, può essere riparato con rimozione parziale, patch, riparazioni o punti metallici. Esistono tuttavia opportunità molto limitate per queste opzioni.

Recupero

Bevanda pre-allenamento uomo

Dopo che una milza è stata riparata o rimossa, il recupero può richiedere alcune settimane.

È importante per una persona riposare e permettere al corpo di guarire, e solo per riprendere la normale attività dopo aver ricevuto il via libera dal proprio medico curante. Le persone che praticano sport sono avvisate che possono riprendere un lieve sforzo fisico per tre mesi prima di riprendere il loro solito allenamento o regime di allenamento.

Una persona può vivere senza una milza, ma il suo ruolo nel sistema immunitario significa che la rimozione o la ferita della milza può seriamente compromettere la capacità del corpo di combattere le infezioni. Ciò significa che tutti gli individui che hanno subito una splenectomia dovrebbero essere vaccinati contro. I pazienti ad alto rischio devono essere vaccinati contro e tipo B.

Queste vaccinazioni sono in genere somministrate 14 giorni prima di una splenectomia elettiva o 14 giorni dopo l’intervento chirurgico in casi di emergenza.

I bambini che hanno subito una splenectomia potrebbero dover assumere antibiotici ogni giorno per aiutare a prevenire l’infezione. Questo può anche essere importante per le persone che hanno anche condizioni autoimmuni, come l’HIV, e per i 2 anni successivi alla rimozione della milza.

Anche dopo il recupero, è importante informare i professionisti del settore medico che non si ha più una milza in quanto ciò può influire sui trattamenti futuri.

complicazioni

La principale complicazione di una milza rotta è il sanguinamento e i problemi che ne derivano, come le cisti e i coaguli di sangue.

Il sanguinamento ritardato e la morte della milza possono anche essere il risultato di una rottura della milza. Spesso sono queste gravi complicazioni a causare un intervento chirurgico.

La diminuzione dell’attività immunitaria in seguito a splenectomia può comportare un aumento del rischio di infezione, pertanto è necessario adottare ulteriori precauzioni per prevenire le infezioni.

Le cause

La causa più comune di rottura della milza è un trauma contusivo all’addome, solitamente come conseguenza di una collisione stradale. Tuttavia, la rottura splenica può verificarsi a causa di infortuni sportivi e aggressioni fisiche.

La milza è l’organo addominale a cui è più probabile che si verifichi una lesione durante un trauma fisico.

Oltre al trauma contusivo, la rottura può derivare dall’impalamento, ad esempio da una ferita da coltello. La posizione della milza sotto le costole significa che è, tuttavia, meglio protetto dal trauma penetrante.

Gli interventi medici possono a volte causare una rottura della milza come complicazione involontaria. La lesione alla milza durante il trattamento medico è più comunemente causata dalla chirurgia addominale o dalla manipolazione endoscopica e può assumere una qualsiasi delle seguenti forme:

  • lacrima della capsula della milza
  • lacerazione dall’uso di dispositivi di retrazione
  • tensione nella milza durante la manipolazione del colon

In rari casi, una rottura splenica non è causata da lesioni. Questo tipo è noto come rottura non traumatica e solitamente deriva da una malattia della milza. A volte, una normale milza sana può rompersi, anche se questo è estremamente raro.

Altre cause che possono potenzialmente portare alla rottura includono:

  • infezioni, inclusa la malaria
  • cancri che si diffondono
  • disordini metabolici
  • malattie del sangue e delle arterie

Diagnosi

Diagnosi dell'addome

I medici di emergenza sono addestrati a sospettare una rottura della milza in qualsiasi persona coinvolta in un incidente che potrebbe aver causato lesioni al torace sinistro-inferiore o all’addome sinistro-superiore.

Cercheranno anche possibili lesioni al diaframma, al pancreas e all’intestino.

Un medico che ha motivo di sospettare una rottura della milza prima esaminerà l’addome per cercare la tenerezza o l’allargamento a causa dell’accumulo di liquidi, di solito sangue. Il medico applicherà una leggera pressione sull’addome durante questo esame.

È importante notare che una persona che si trova in ospedale a causa di un trauma può ancora avere una milza rotta anche se il suo esame addominale è insignificante.

La frequenza cardiaca e la pressione sanguigna confermeranno quali ulteriori indagini effettuare.

Il sanguinamento interno è confermato dalla bassa pressione sanguigna, da un’alta frequenza cardiaca e da un’ecografia FAST positiva. Se questi risultati indicano una rottura splenica, è necessario un intervento chirurgico addominale urgente per determinare la fonte del sanguinamento.

Un’ecografia è il metodo diagnostico più sensibile per le lesioni all’addome, anche se una scansione normale potrebbe non escludere la rottura splenica.

Nelle persone che sono emodinamicamente stabili, in genere viene utilizzata una scansione TC per determinare il grado di lesione.

Nell’impostazione del trauma di emergenza, viene eseguita un’ecografia mentre altri monitoraggio e gestione continuano senza interruzioni. Questa scansione viene eseguita in base alla valutazione mirata con il protocollo FAST (sonography for trauma), che fa parte del protocollo avanzato di supporto alla vita da trauma (ATLS) sviluppato dall’American College of Surgeons.

Un’ecografia FAST consente ai medici di eseguire la scansione del liquido in quattro aree dell’addome, incluso lo spazio intorno alla milza.

L’aspirazione peritoneale diagnostica (DPA) o il lavaggio (DPL) è un altro test diagnostico che può essere utilizzato. Il medico preleva il liquido dalla cavità addominale. Al giorno d’oggi, questo è raramente eseguito. Una milza rotta è spesso identificata da una scansione TC.

In alcuni casi, come nel caso in cui un paziente ha calcoli renali o è allergico alla sostanza di contrasto utilizzata in una TAC, un individuo stabile con una milza rottura sospetta può essere sottoposto a una risonanza magnetica. Questo può anche mostrare problemi con i tessuti molli del corpo.

fasi

La lesione splenica è classificata in base alla gravità, tenendo conto del livello di lacerazione, delle lesioni alle vene e alle arterie e della coagulazione. Il sistema di classificazione americano per la chirurgia del trauma per il trauma della milza è il seguente:

  • Grado 1: questo stadio comporta una lacrima nella capsula che va a profondità inferiore a 1 centimetro (cm) nella milza o un accumulo di sangue coagulato, noto come ematoma, sotto la capsula. L’ematoma copre meno del 10% della superficie della milza.
  • Grado 2: in questa fase si verifica uno strappo di 1-a-3-cm che non coinvolge i rami arteriosi della milza. In alternativa, sotto la capsula può verificarsi un ematoma che copre tra il 10 e il 50 percento della superficie. Questo stadio può anche comportare un ematoma inferiore a 5 cm di diametro nel tessuto dell’organo.
  • Grado 3: questa rottura a metà stadio è una lacrima più profonda di 3 cm. Può anche coinvolgere l’arteria splenica o un ematoma che copre oltre metà della superficie. Una rottura di grado 3 può anche significare che è presente un ematoma nel tessuto dell’organo che è maggiore di 5 cm o che si espande.
  • Grado 4: si tratta di una lacrima che lacera i vasi sanguigni segmentari o ilari e causa la perdita di oltre il 25 percento dell’afflusso di sangue dell’organo.
  • Grado 5: si tratta di una lacrima estremamente grave che lacera certi vasi sanguigni e causa una perdita totale di afflusso di sangue all’organo. Questo stadio può anche significare che un ematoma ha completamente distrutto la milza.

La classificazione di una milza rotta aiuta i medici a determinare se la gestione chirurgica o non operativa è indicata per il trattamento.

Like this post? Please share to your friends: