Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Tutto ciò che devi sapere sulla paralisi del sonno

La paralisi del sonno è la sensazione di non essere in grado di muoversi, né all’inizio del sonno né al risveglio.

I sensi e la consapevolezza dell’individuo sono intatti, ma possono sentirsi come se ci fosse una pressione su di loro, o come se stessero soffocando.

Può essere accompagnato da allucinazioni e intensa paura.

La paralisi del sonno non è pericolosa per la vita, ma può causare ansia. Può accadere insieme ad altri disturbi del sonno, come la narcolessia.

Inizia spesso durante l’adolescenza e può diventare frequente durante gli anni ’20 e ’30. Non è un rischio serio.

Fatti veloci sulla paralisi del sonno

Ecco alcuni punti chiave sulla paralisi del sonno. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • La paralisi del sonno è più probabile che si verifichi durante l’adolescenza.
  • Gli episodi durano da pochi secondi a qualche minuto.
  • Lo stress, il jet lag, la privazione del sonno e il disturbo di panico possono scatenarlo.
  • L’incapacità di muoversi o parlare è una caratteristica essenziale e potrebbero esserci allucinazioni.
  • Non è fisicamente dannoso e può essere prevenuto.

Cos’è la paralisi del sonno?

[Paralisi nel sonno]

La paralisi del sonno è una parasonnia o un evento indesiderato associato al sonno.

Accade subito dopo essersi addormentato o al risveglio al mattino, nel tempo tra veglia e sonno.

Gli episodi sono spesso accompagnati da esperienze ipnagogiche, che sono allucinazioni visive, uditive e sensoriali.

Questi si verificano durante la transizione tra il sonno e la veglia, e rientrano costantemente in una delle tre categorie:

  • Intruso: ci sono suoni di maniglie delle porte che si aprono, passi strascicati, un uomo ombra, o il senso di una presenza minacciosa nella stanza.
  • Incubo: sensazione di pressione sul petto, difficoltà a respirare con la sensazione di essere soffocato, strangolato o sessualmente aggredito da un essere malevolo. L’individuo crede che stiano per morire.
  • Motore vestibolare: un senso di rotazione, caduta, fluttuazione, volo, fluttuazione sul proprio corpo o un altro tipo di esperienza extracorporea.

L’esperienza della paralisi del sonno è stata documentata per secoli. Le persone di culture diverse hanno esperienze simili.

La paralisi del sonno è breve e non pericolosa per la vita, ma la persona può ricordarla come ossessionante e terrificante.

Le cause

Mentre dorme, il corpo si rilassa e i muscoli volontari non si muovono. Questo impedisce alle persone di ferirsi a causa della recitazione dei sogni. La paralisi del sonno comporta un’interruzione o una frammentazione del ciclo del sonno a movimento rapido (REM).

[Stress di paralisi del sonno]

Il corpo si alterna tra il rapido movimento degli occhi (REM) e il movimento oculare non rapido (NREM).

Un ciclo REM-NREM dura circa 90 minuti e la maggior parte del tempo trascorso a dormire è in NREM. Durante NREM, il corpo si rilassa. Durante il REM, gli occhi si muovono rapidamente, ma il corpo è rilassato. I sogni si verificano in questo momento.

Nella paralisi del sonno, la transizione del corpo da o verso il sonno REM non è sincronizzata con il cervello. La coscienza della persona è sveglia, ma il loro corpo rimane nello stato di sonno paralizzato.

Le aree del cervello che rilevano le minacce sono in uno stato più elevato e troppo sensibili.

I fattori che sono stati collegati alla paralisi del sonno includono:

  • narcolessia
  • sonno irregolare, dovuto, ad esempio, al jet lag o al lavoro a turni
  • dormire sulla schiena
  • una storia familiare di paralisi del sonno

La paralisi del sonno può essere un sintomo di problemi medici come depressione clinica, emicrania, apnea ostruttiva del sonno, ipertensione e disturbi d’ansia.

segni e sintomi

Segni e sintomi includono:

  • incapacità di muovere il corpo quando si addormenta o al risveglio, dura per secondi o diversi minuti
  • essere coscientemente sveglio
  • non essere in grado di parlare durante l’episodio
  • avere allucinazioni e sensazioni che causano paura
  • sentendo la pressione sul petto
  • avendo difficoltà a respirare
  • sentendosi come se la morte si stesse avvicinando
  • sudorazione
  • avendo mal di testa, dolori muscolari e paranoia

Ogni giorno suoni, sensazioni e altri stimoli non minacciosi che il cervello normalmente ignora diventano sproporzionatamente significativi.

Diagnosi

[Esercizio paralisi del sonno]

La paralisi del sonno non è normalmente considerata una diagnosi medica, ma se i sintomi sono preoccupanti, può essere una buona idea consultare un medico.

L’attenzione medica può essere d’aiuto quando:

  • la paralisi del sonno avviene regolarmente
  • c’è ansia di andare a dormire o difficoltà ad addormentarsi
  • l’individuo si addormenta improvvisamente o si sente insolitamente assonnato durante il giorno

Improvvisamente addormentarsi durante il giorno potrebbe essere un segno di narcolessia, una rara malattia cerebrale che fa sì che una persona si addormenti o perda il controllo muscolare in momenti inaspettati o inappropriati.

Se sono presenti stress o ansia, affrontarli può aiutare ad alleviare i sintomi.

Suggerimenti per dormire meglio

Non esiste un trattamento specifico per la paralisi del sonno, ma la gestione dello stress, il mantenimento di un programma di sonno regolare e l’osservazione di buone abitudini di sonno possono ridurre la probabilità di paralisi del sonno.

Le strategie per migliorare l’igiene del sonno includono:

  • mantenere costanti l’ora di andare a dormire e il tempo di sveglia, anche nei giorni festivi e nei fine settimana
  • assicurando un ambiente di sonno confortevole, con biancheria da letto e indumenti da notte adeguati e una camera da letto pulita, buia e fresca
  • riducendo l’esposizione alla luce la sera e utilizzando le luci notturne per i viaggi in bagno di notte
  • ottenere una buona esposizione diurna durante le ore di veglia
  • non lavorare o studiare in camera da letto
  • evitando il sonnellino dopo le 15:00 e per più di 90 minuti
  • non mangiare una cena pesante, o mangiare entro 2 ore dall’andare a letto
  • non dormire con le luci o la televisione accesa
  • astenendosi dalla sera con alcol o prodotti a base di caffeina
  • esercizio quotidiano, ma non entro 2 ore prima di coricarsi
  • compresa un’attività calmante nel rituale della buonanotte, come leggere o ascoltare musica rilassante
  • lasciando telefoni e altri dispositivi fuori dalla camera da letto
  • mettere da parte l’elettronica almeno 1 ora prima di andare a letto

Le seguenti misure aggiuntive possono aiutare:

  • gestire qualsiasi depressione o disturbo d’ansia
  • ridurre l’assunzione di stimolanti
  • praticare la meditazione o la preghiera normale
  • non dormire sulla schiena

Comprendere la fisiologia del sonno e il meccanismo per la paralisi del sonno è un passo importante per superarlo.

Lo stress continuo e l’interruzione del ciclo del sonno possono avere gravi implicazioni sulla salute. Abitudini di sonno salutari non sono solo necessarie per la gestione della paralisi del sonno, ma per la salute e il benessere generale.

Like this post? Please share to your friends: