Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Tutto ciò che devi sapere sulla polio

La poliomielite, nota anche come poliomielite e paralisi infantile, è un’infezione virale altamente contagiosa che può portare a paralisi, problemi respiratori o persino la morte.

La poliomielite può essere classificata come presente con o senza sintomi. Circa il 95 percento di tutti i casi sono asintomatici e tra il 4 e l’8 percento dei casi sono sintomatici.

Questo articolo esaminerà le cause, i sintomi e la storia della poliomielite, nonché i passaggi per l’eliminazione completa della polio.

Fatti veloci sulla polio

Ecco alcuni punti chiave sulla polio. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • La poliomielite è causata dal poliovirus.
  • La stragrande maggioranza delle infezioni da polio non presenta sintomi.
  • La polio è stata debellata in tutti i paesi del mondo ad eccezione di Nigeria, Pakistan e Afghanistan.
  • Le donne incinte sono più sensibili alla polio.
  • Circa la metà delle persone che hanno avuto la poliomielite continua a sviluppare la sindrome post-polio.

Cos’è la polio?

Jonas Salk, pioniere del vaccino antipolio, sul francobollo commemorativo degli Stati Uniti del 1999.

La polio è un’infezione virale che può causare paralisi e morte nelle sue forme più gravi.

Può diffondersi facilmente da persona a persona.

L’obiettivo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) è eradicare completamente la polio e, se questo accadrà, sarà solo la terza malattia ad essere stata battuta in questo modo, dopo il vaiolo e la peste bovina.

Nigeria, Pakistan e Afghanistan sono gli unici tre paesi in cui la polio non è stata arrestata con successo. La portata e la diffusione, tuttavia, sono state ridotte in queste aree nel tempo.

L’OMS spera di ottenere il completo eradicazione della polio entro il 2018.

Sintomi

La poliomielite, nelle sue forme più gravi, può causare paralisi e morte. Tuttavia, la maggior parte delle persone con la polio non mostra alcun sintomo o si ammala notevolmente. Quando compaiono i sintomi, differiscono a seconda del tipo di poliomelite.

La poliomielite sintomatica può essere ulteriormente suddivisa in una forma lieve, chiamata poliomielite non paralitica o abortita, e una forma grave chiamata poliuria paralitica che si verifica in circa l’1% dei casi.

Molte persone con polio non paralitico si riprendono completamente. Sfortunatamente, quelli con polio paralitico generalmente sviluppano una paralisi permanente.

Sintomi di poliomielite non paralitici

La poliomielite non paralitica, detta anche poliomielite abortiva, porta a sintomi simil-influenzali che durano pochi giorni o settimane. Questi includono:

  • febbre
  • gola infiammata
  • mal di testa
  • vomito
  • fatica
  • dolore alla schiena e al collo
  • rigidità di braccia e gambe
  • tenerezza muscolare e spasmi
  • meningite, un’infezione delle membrane che circondano il cervello

Sintomi di polio paralitico

La poliomelite paralitica colpisce solo una piccola percentuale di quelli invasi dal virus della polio. In questi casi, il virus entra nei motoneuroni dove replica e distrugge le cellule. Queste cellule sono nel midollo spinale, nel tronco cerebrale o nella corteccia motoria, che è un’area del cervello importante nel controllare i movimenti.

I sintomi della poliomielite paralitica spesso iniziano in modo simile alla poliomelite non paralitica, ma in seguito si passano a sintomi più gravi come:

  • una perdita di riflessi muscolari
  • forte dolore muscolare e spasmi
  • arti allentati o flaccidi che sono spesso peggio su un lato del corpo

La poliomelite paralitica può anche essere classificata come:

  • Polio spinale: il virus attacca i motoneuroni nel midollo spinale che causano paralisi alle braccia e alle gambe e problemi respiratori.
  • Polio bulbare: il virus colpisce i neuroni responsabili della vista, del gusto, della deglutizione e della respirazione.
  • Polio bulbospinale: il virus provoca sintomi sia di poliomielite spinale che bulbare.

Complicazioni e sindrome post polio

La sindrome post-polio descrive un gruppo di sintomi che colpiscono fino al 64% di tutti i pazienti polio. Accade diversi anni dopo che la poliomielite è passata. In media, la sindrome postpolio si verifica 35 anni dopo l’infezione.

Segni e sintomi includono:

  • dolori muscolari e articolari e debolezza che progredisce lentamente
  • atrofia muscolare o restringimento
  • esaurimento senza motivo
  • difficoltà di deglutizione e respirazione
  • sofferenza a temperature più fredde
  • problemi legati al sonno, come l’apnea
  • difficoltà di concentrazione e memoria
  • sbalzi d’umore e depressione

La sindrome post polio è una malattia lenta e progressiva. Non esiste una cura, ma non è contagiosa o contagiosa.

Diagnosi di polio

La polio viene spesso riconosciuta a causa di sintomi quali rigidità del collo e della schiena, riflessi anormali e problemi di deglutizione e respirazione. Un medico che sospetta la poliomielite eseguirà test di laboratorio per verificare la presenza di poliovirus esaminando le secrezioni della gola, i campioni di feci o il liquido cerebrospinale.

Vaccino

Ci sono due vaccini disponibili per combattere la polio:

  • poliovirus inattivato (IPV)
  • vaccino antipolio orale (OPV)

L’IPV consiste in una serie di iniezioni che iniziano 2 mesi dopo la nascita e continuano fino a quando il bambino ha 4 o 6 anni. Questa versione del vaccino è fornita alla maggior parte dei bambini negli Stati Uniti. Il vaccino è costituito da poliovirus inattivo. È molto sicuro ed efficace e non può causare la polio.

L’OPV è creato da una forma indebolita di poliovirus. Questa versione è il vaccino di scelta in molti paesi perché è a basso costo, facile da amministrare e offre un eccellente livello di immunità. Tuttavia, in casi molto rari, è noto che l’OPV ritorna a una forma pericolosa di poliovirus, che è in grado di provocare la paralisi.

Le vaccinazioni contro la polio, o booster, sono altamente raccomandate per chi non è vaccinato o non è sicuro se lo sia.

Perché non esiste una cura per la polio una volta che una persona sviluppa il virus, i trattamenti sono focalizzati sull’aumento del comfort, la gestione dei sintomi e la prevenzione delle complicanze. Questo può includere riposo a letto, antibiotici per infezioni aggiuntive, antidolorifici, ventilatori per aiutare la respirazione, fisioterapia, esercizio moderato e una dieta corretta.

Storicamente, una persona che ha sviluppato la paralisi polmonare dovuta alla polio è stata messa in un polmone di ferro, un dispositivo che spingerebbe e tirerebbe i muscoli del torace per farli funzionare. Tuttavia, ora vengono utilizzati ventilatori portatili più moderni e ventilatori a giacca.

Storia

Gli umani hanno osservato gli effetti della polio per centinaia di anni, se non migliaia. La storia relativamente recente di epidemie negli Stati Uniti e in Europa ha portato a uno stanziamento di risorse con cui combattere la malattia.

Nel corso della storia, le epidemie di polio hanno causato la morte di molte migliaia di persone in tutto il mondo. Nel 1916, ad esempio, oltre 6.000 persone morirono di polio negli Stati Uniti.

Tuttavia, non fu fino al 1953 che Jonas Salk sviluppò il primo vaccino antipolio, che ha portato alla prevenzione diffusa della poliomielite.

Sebbene la poliomielite sia stata debellata essenzialmente negli Stati Uniti dal 1979 e nell’emisfero occidentale dal 1991, bambini e adulti in Afghanistan e Pakistan stanno ancora combattendo la malattia.

Le cause

[Virus polio rosa]

Il virus della polio di solito entra nell’ambiente nelle feci di qualcuno che è infetto. Nelle aree con scarsa igiene, il virus si diffonde facilmente dalle feci nella riserva idrica o, al tatto, nel cibo.

Inoltre, poiché la polio è così contagiosa, il contatto diretto con una persona infetta dal virus può causare la polio.

Gli individui che portano il poliovirus possono diffonderlo attraverso le loro feci per settimane, anche se non hanno mostrato alcun sintomo.

Una volta che il virus è entrato in un individuo, infetta le cellule della gola e dell’intestino.

Il virus rimane all’interno dell’intestino, prima di diffondersi in altre parti del corpo. Alla fine, il virus si sposta nel flusso sanguigno dove può diffondersi a tutto il corpo.

Fattori di rischio

Come nel caso di molte altre malattie infettive, le persone che hanno la polio tendono ad essere alcuni dei membri più vulnerabili della popolazione. Ciò include le giovanissime, le donne incinte e quelle con sistema immunitario che sono sostanzialmente indebolite da altre condizioni mediche.

Chiunque non sia stato immunizzato contro la polio è particolarmente suscettibile a contrarre l’infezione.

Ulteriori fattori di rischio per la polio includono:

  • viaggiare verso luoghi in cui la poliomielite è endemica o diffusa, in particolare il Pakistan e l’Afghanistan
  • vivere con qualcuno infetto da poliomelite
  • avere un sistema immunitario debole
  • le donne incinte sono più sensibili alla poliomelite, ma non sembra influenzare il nascituro
  • lavorare in un laboratorio in cui viene mantenuto il poliovirus vivo

Prevenzione

I vaccini sono il modo principale per prevenire la polio.

Tuttavia, altri metodi per limitare la diffusione di questa malattia potenzialmente fatale includono:

  • evitando cibi o bevande che potrebbero essere stati contaminati da una persona con poliovirus
  • verifica con un medico che le tue vaccinazioni siano attuali
  • essere sicuri di ricevere eventuali dosi di richiamo richieste del vaccino
  • lavarsi le mani frequentemente
  • usando un disinfettante per le mani quando il sapone non è disponibile
  • assicurandosi di toccare solo gli occhi, il naso o la bocca con le mani pulite
  • coprendo la bocca mentre si starnutisce o si tossisce
  • evitare lo stretto contatto con persone malate, tra cui baciare, abbracciare e condividere utensili

Assicurati di ricevere una vaccinazione prima di recarti in una zona soggetta a rotture di poliomielite. È possibile verificare la presenza di informazioni aggiornate su tali aree nel sito Web di Centers for Disease Prevention and Control (CDC).

Like this post? Please share to your friends: