Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Tutto ciò che devi sapere sulla preeclampsia

La preeclampsia è una condizione durante la gravidanza in cui vi è un improvviso aumento della pressione sanguigna e gonfiore, soprattutto nella faccia, nelle mani e nei piedi.

La preeclampsia è la complicanza più comune che si verifica durante la gravidanza. Si sviluppa generalmente durante il terzo trimestre e colpisce circa 1 su 20 gravidanze.

Se la preeclampsia non viene trattata, può svilupparsi in eclampsia, in cui la madre può sperimentare convulsioni, coma e persino morire. Tuttavia, le complicazioni da preeclampsia sono estremamente rare se la madre frequenta i suoi appuntamenti prenatali.

Fatti veloci su preeclampsia

Ecco alcuni punti chiave sulla preeclampsia. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • La preeclampsia colpisce circa il 5% delle gravidanze.
  • Se la preeclampsia non viene trattata, può svilupparsi in eclampsia, una condizione potenzialmente pericolosa per la vita.
  • Le cause esatte della preeclampsia non sono note ma possono coinvolgere i vasi sanguigni nella placenta.
  • Alcune ricerche implicano che esiste una componente genetica della preeclampsia.
  • Secondo uno studio, l’inquinamento del traffico potrebbe essere collegato alla preeclampsia.

Sintomi

[Donna incinta che riceve il check-up]

Inizialmente, la preeclampsia potrebbe non presentare sintomi; tuttavia, i primi segni includono:

  • pressione alta (ipertensione)
  • proteina nelle urine (proteinuria)

Nella maggior parte dei casi, la donna non sarà a conoscenza di questi due segni e scoprirà solo quando un medico la osserverà durante una visita prenatale.

Sebbene il 6-8% delle donne in gravidanza soffra di pressione alta, non significa necessariamente che abbia una preeclampsia. Il segno più significativo è la presenza di proteine ​​nelle urine.

Con il progredire della preeclampsia, la donna può avvertire ritenzione di liquidi (edema), con gonfiore alle mani, ai piedi, alle caviglie e al viso.

Il gonfiore è una parte comune della gravidanza, specialmente durante il terzo trimestre, e tende a verificarsi nelle parti inferiori del corpo, come caviglie e piedi. I sintomi sono in genere più miti di prima mattina e si accumulano durante il giorno. Questa non è preeclampsia, in cui l’edema si manifesta improvvisamente e tende ad essere molto più grave.

Successivamente, potrebbero svilupparsi i seguenti segni e sintomi:

  • visione sfocata, a volte vedere luci lampeggianti
  • mal di testa, spesso grave
  • malessere
  • mancanza di respiro
  • dolore appena sotto le costole sul lato destro
  • aumento di peso rapido (causato dalla ritenzione di liquidi)
  • vomito
  • diminuzione della produzione di urina
  • diminuzione delle piastrine nel sangue
  • compromissione della funzionalità epatica

Il principale segno di preeclampsia nel feto è la restrizione della crescita dovuta alla diminuzione dell’apporto di sangue alla placenta.

Le cause

[Feto a 8 settimane]

Gli esperti non sono sicuri del perché avvenga la preeclampsia. Molti dicono che c’è un problema con lo sviluppo della placenta perché i vasi sanguigni che lo forniscono sono più stretti del normale e rispondono in modo diverso ai segnali ormonali.

Poiché i vasi sanguigni sono più stretti del normale, il flusso sanguigno è limitato.

Perché i vasi sanguigni si sviluppano in modo diverso non è completamente compreso, ma un certo numero di fattori può avere un ruolo; Compreso:

  • danno ai vasi sanguigni
  • insufficiente flusso di sangue verso l’utero
  • problemi del sistema immunitario
  • fattori genetici

Trattamento

La preeclampsia non viene curata fino alla consegna del bambino.

Fino a quando la pressione del sangue della madre scende, lei è a maggior rischio di ictus, gravi emorragie, separazione della placenta separata dall’utero e convulsioni. In alcuni casi, soprattutto se la preeclampsia è iniziata in anticipo, la consegna potrebbe non essere l’opzione migliore per il feto.

Alle donne che hanno avuto preeclampsia in precedenti gravidanze si consiglia di frequentare più spesso le sessioni prenatali. I seguenti farmaci possono essere raccomandati:

  • Antipertensivi: questi sono usati per abbassare la pressione sanguigna.
  • Anticonvulsivi: nei casi gravi questi farmaci vengono utilizzati per prevenire un primo attacco. Il medico può prescrivere solfato di magnesio.
  • Corticosteroidi: se la madre ha la preeclampsia o la sindrome HELLP (vedi sotto) questi farmaci possono migliorare il funzionamento delle piastrine e del fegato. Questo può prolungare la gravidanza.

Inoltre accelerano lo sviluppo dei polmoni del bambino, che è importante se nasceranno prematuramente. Il miglior trattamento per la sindrome HELLP è di solito consegnare il prima possibile.

riposo

Se la donna è lontana dalla fine della gravidanza e i suoi sintomi sono lievi, il medico può consigliarle di riposare a letto. Il riposo aiuta a far scendere la pressione del sangue, che a sua volta aumenta il flusso di sangue alla placenta, a vantaggio del bambino.

Ad alcune donne è consigliato semplicemente sdraiarsi sul letto e stare seduti o alzati quando devono. Altri possono essere autorizzati a sedersi su una poltrona, divano o letto, ma avranno le loro attività fisiche rigorosamente limitate. I test della pressione arteriosa e delle urine verranno eseguiti regolarmente. Il bambino sarà anche monitorato da vicino.

Nei casi più gravi, la donna può dover essere ricoverata in ospedale e sottoposta a riposo continuo a letto, dove verrà monitorata attentamente.

Indurre il travaglio

Se la preeclampsia viene diagnosticata vicino alla fine della gravidanza, i medici possono consigliare di consegnare il bambino il prima possibile.

In casi molto gravi, potrebbe non esserci scelta e il travaglio è indotto o un parto cesareo viene eseguito il prima possibile. Durante il parto, alla madre può essere dato solfato di magnesio per migliorare il flusso di sangue uterino e prevenire le convulsioni.

I sintomi della preeclampsia dovrebbero scomparire entro poche settimane dalla consegna.

Diagnosi

[Campione di sangue]

Per una diagnosi di preeclampsia da effettuare, entrambi i seguenti test devono tornare positivi:

Ipertensione

La pressione sanguigna della donna è troppo alta. Una lettura della pressione sanguigna sopra 140/90 millimetri di mercurio è anormale in gravidanza.

La proteinuria

Le proteine ​​sono rilevate nelle urine.I campioni di urina vengono raccolti nell’arco di 12 ore o più e viene valutata la quantità di proteine. Questo può indicare la gravità della condizione.

Il medico può anche ordinare ulteriori test diagnostici:

  • Esami del sangue – per vedere se i reni e il fegato funzionano correttamente e se il sangue si coagula correttamente.
  • Ultrasuono fetale: i progressi del bambino saranno attentamente monitorati per assicurarsi che stiano crescendo correttamente.
  • Test senza stress: il medico controlla come il battito del cuore del bambino reagisce quando si muove. Se il battito cardiaco aumenta di 15 battiti o più al minuto per almeno 15 secondi due volte ogni 20 minuti, è un’indicazione che tutto è normale.

Fattori di rischio

I fattori di rischio associati alla preeclampsia includono:

  • Prime gravidanze: le probabilità di preeclampsia durante una prima gravidanza sono considerevolmente più alte di quelle successive.
  • Disturbi della gravidanza: se la seconda gravidanza si verifica almeno 10 anni dopo la prima, la seconda gravidanza ha un aumentato rischio di preeclampsia.
  • Nuova paternità: ogni gravidanza con un nuovo partner aumenta il rischio di preeclampsia rispetto a una seconda o terza gravidanza con lo stesso partner.
  • Storia familiare: una donna la cui madre o sorella aveva la preeclampsia ha un rischio maggiore di svilupparla autonomamente.
  • Storia personale della preeclampsia: una donna che ha avuto una preeclampsia nella prima gravidanza ha un rischio molto maggiore di avere la stessa condizione nelle successive gravidanze.
  • Età: le donne over 40 e gli adolescenti hanno maggiori probabilità di sviluppare preeclampsia rispetto alle donne di altre età.
  • Alcune condizioni e malattie: le donne con diabete, ipertensione, emicrania e malattie renali hanno maggiori probabilità di sviluppare preeclampsia.
  • Obesità: le percentuali preeclampsia sono molto più alte tra le donne obese.
  • Gravidanze multiple: se una donna si aspetta due o più bambini, il rischio è più alto.

Prevenzione

Mentre la preeclampsia non può essere completamente prevenuta, ci sono un certo numero di passaggi che una donna può prendere per moderare alcuni fattori che contribuiscono all’ipertensione arteriosa.

Questi possono includere:

  • bere da 6 a 8 bicchieri d’acqua ogni giorno
  • evitando cibi fritti o trasformati
  • escluso il sale aggiunto dalla dieta
  • esercizio regolare
  • evitare l’assunzione di alcool e caffeina
  • mantenendo i piedi sollevati un paio di volte al giorno
  • riposo
  • integratori e farmaci come prescritto dal medico

Questo può aiutare a mantenere la pressione sanguigna sana e ridurre il rischio di preeclampsia.

Dopo la nascita

In rari casi, una donna potrebbe soffrire di pressione alta dopo il parto. Questo è noto come preeclampsia postpartum.

Questo può accadere tra alcuni giorni e alcune settimane dopo aver avuto il bambino. I sintomi principali sono l’ipertensione e le proteine ​​nelle urine. Possono anche verificarsi i normali sintomi di accompagnamento della preeclampsia, come forti mal di testa e una faccia gonfia.

È facilmente trattato con farmaci per la pressione sanguigna e farmaci che riducono e prevengono le convulsioni. I medici sono sicuri di prescrivere farmaci che non influenzano la capacità di allattare al seno.

complicazioni

Se la preeclampsia non viene trattata, c’è il rischio di gravi complicanze. Le complicanze sono rare se la donna va agli appuntamenti prenatali. Tuttavia, se la condizione non viene diagnosticata per qualche motivo, i rischi sono considerevolmente maggiori.

Le seguenti complicanze possono svilupparsi dalla preeclampsia:

Sindrome HELLP: HELLP può diventare molto pericolosa per la vita, sia per la madre che per il bambino. Sta per emolisi, elevati enzimi epatici e basso numero di piastrine. Si tratta di un disturbo combinato della coagulazione del fegato e del sangue che si verifica più comunemente subito dopo il parto, ma può comparire in qualsiasi momento dopo la 20a settimana di gravidanza. Molto raramente, può verificarsi in anticipo. L’unico modo per trattare la sindrome HELLP in modo efficace è consegnare il bambino il prima possibile.

Flusso sanguigno verso la placenta: se il flusso sanguigno verso la placenta è limitato, il bambino potrebbe non ricevere ossigeno e sostanze nutritive, il che può portare a una crescita più lenta, difficoltà respiratorie e parto prematuro.

Distacco della placenta: la placenta si separa dalla parete interna dell’utero. Nei casi più gravi, possono esserci forti emorragie che possono danneggiare la placenta. Qualsiasi danno alla placenta può mettere a rischio la vita del bambino e della madre.

Eclampsia: questa è una combinazione di preeclampsia e convulsioni. La donna può provare dolore sotto le costole sul lato destro del corpo, intenso mal di testa, visione offuscata, confusione e diminuzione della vigilanza. Se non trattata, la donna è a rischio di entrare in coma, subendo danni cerebrali permanenti e morendo. La condizione è pericolosa per la vita anche per il bambino.

Malattie cardiovascolari: le donne che hanno una preeclampsia hanno un rischio più elevato di sviluppare malattie cardiovascolari più avanti nella vita.

La preeclampsia può avere delle conseguenze a lungo termine per il bambino in via di sviluppo. La ricerca ha dimostrato che l’alta pressione sanguigna nelle donne in gravidanza può influenzare le capacità cognitive del bambino, che possono portare fino alla vita successiva.

Like this post? Please share to your friends: