Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Tutto quello che devi sapere su MRSA

L’MRSA, (staphylococcus aureus meticillino-resistente), è una forma di infezione batterica contagiosa che è resistente a numerosi antibiotici tra cui meticillina, amoxicillina, penicillina e oxacillina. Questa resistenza lo rende difficile da trattare.

Spesso indicato come superbatterio, l’infezione da MRSA può iniziare come una pelle dolente, un brufolo o un punto di ebollizione, prima di diventare grave, potenzialmente dannosa e talvolta fatale.

Fatti veloci su MRSA

Ecco alcuni fatti chiave su MRSA. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • L’MRSA è una forma di infezione batterica resistente a numerosi antibiotici.
  • “” si riferisce a un batterio che risiede comunemente all’interno del naso e sulla pelle umana.
  • Circa una persona su tre porta al naso staph, di solito senza alcuna malattia. Due su 100 persone portano MRSA.
  • La maggior parte delle infezioni invasive da MRSA sono contratte con le strutture sanitarie.
  • Si è scoperto che i saponi e gli unguidi che uccidono i germi usati nelle unità di terapia intensiva riducono significativamente i casi di MRSA.

MRSA: significato e definizione

“La meticillina” è un antibiotico correlato alla penicillina; una volta era efficace contro (stafilococco), un tipo di batteri. Da allora i batteri Staph hanno sviluppato una resistenza agli antibiotici correlati alla penicillina, inclusa la meticillina – questi batteri resistenti sono chiamati staphylococcus aureus meticillino-resistenti o MRSA.

Batteri MRSA

Negli Stati Uniti, i batteri dello stafilococco sono una delle cause più comuni di infezioni della pelle, tra cui:

  • foruncoli
  • brufoli
  • impetigine
  • ascessi
  • infezioni della ferita

I batteri staph possono causare infezioni e le condizioni risultanti vanno da lievi a potenzialmente letali. Queste condizioni includono:

  • setticemia (avvelenamento del sangue)
  • polmonite (infezione polmonare)
  • osteomielite (infezione ossea)
  • endocardite (infezione della valvola cardiaca)
  • infezione del tratto urinario (ad esempio infezione della vescica)
  • borsite settica (piccole sacche piene di liquido sotto la pelle)

Circa 94.360 infezioni da MRSA invasive sono diagnosticate annualmente negli Stati Uniti, con 18.650 decessi associati. Le infezioni da MRSA sono generalmente classificate come associate all’assistenza sanitaria o associate alla comunità; circa l’86% di tutte le infezioni invasive da MRSA sono associate all’assistenza sanitaria.

Trattamento di MRSA

Se viene diagnosticato un MRSA, il trattamento varierà in base ai seguenti fattori:

  • tipo di infezione
  • posizione dell’infezione
  • gravità dei sintomi
  • antibiotici a cui risponde il ceppo di MRSA

La gestione delle infezioni da MRSA può includere:

  • drenaggio del pus dalla lesione
  • test di coltura e suscettibilità del materiale drenato
  • cura delle ferite e igiene
  • terapia antimicrobica (in caso di possibile cellulite senza ascesso)

Le opzioni terapeutiche per la cute da MRSA e le infezioni dei tessuti molli possono includere:

  • clindamicina
  • farmaci tetracicline – doxiciclina e minociclina
  • trimetoprim e sulfametossazolo
  • rifampicina
  • Linezolid

Cause di MRSA

In definitiva, l’MRSA è causato da ceppi di batteri che hanno acquisito resistenza a particolari antibiotici.

MRSA è contagioso

L’MRSA può diffondersi da persona a persona (contatto pelle a pelle) e da persona a oggetto a persona quando un individuo ha MRSA attivo o è colonizzato dai batteri.

Il contatto pelle a pelle con qualcuno che porta MRSA non è necessario per la diffusione dell’infezione. I batteri MRSA sono anche in grado di sopravvivere per lunghi periodi su superfici e oggetti, tra cui maniglie delle porte, pavimenti, lavandini, rubinetti, attrezzature per la pulizia e tessuti.

MRSA longevità superficiale

Ospedale

Uno studio per determinare la sopravvivenza di stafilococco resistente su superfici ospedaliere comuni ha esaminato la sopravvivenza dello stafilococco su cinque materiali comunemente trovati in un ospedale:

  • 100% cotone liscio (abbigliamento)
  • 100% cotone spugna (asciugamani e strofinacci)
  • 60% di cotone, 40% di misto poliestere (tute, camice da laboratorio e abbigliamento)
  • 100% poliestere (tende per la privacy, tende e abbigliamento)
  • Plastica 100% polipropilene (grembiuli)

Campioni di tessuto sono stati iniettati con 10.000-100.000 unità formanti colonia (CFU) del microrganismo e osservati quotidianamente. Hanno scoperto che è sopravvissuto sui materiali per il seguente numero di giorni:

  • cotone – 4-21 giorni
  • spugna – 2-14 giorni
  • miscela di poliestere – 1-3 giorni
  • poliestere – 1-40 giorni
  • polipropilene – 40-maggiore di 51

Questi risultati dimostrano la necessità di un controllo accurato del contatto e di procedure di disinfezione meticolose per limitare la diffusione dei batteri.

MRSA associato all’assistenza sanitaria

L’MRSA spesso causa malattie in persone con un sistema immunitario compromesso che interagisce con o risiede negli ospedali e nelle strutture sanitarie.

Questo è indicato come MRSA associato all’assistenza sanitaria (o MRSA acquisito in ospedale) e spesso si verifica per uno dei seguenti motivi:

  • Una rottura della barriera cutanea – come una ferita chirurgica, una bruciatura, un catetere o una linea endovenosa che consente ai batteri di entrare nel corpo.
  • Età avanzata – Comorbidità o problemi di salute complessi, e indebolimento del sistema immunitario a causa di una specifica condizione di salute, o l’uso di farmaci che riducono la funzione immunitaria.
  • Un gran numero di persone – il semplice fatto che gli ospedali e le strutture sanitarie sono visitati da molte persone diverse fornisce un ambiente in cui i batteri possono diffondersi facilmente.

Quelli con un sistema immunitario indebolito possono includere:

  • pazienti in ospedale per un lungo periodo di tempo
  • pazienti in dialisi renale
  • pazienti che ricevono un trattamento per il cancro o farmaci specifici che influenzano la funzione immunitaria
  • quelli che iniettano droghe illegali
  • persone che hanno avuto un intervento chirurgico entro un anno dal ritorno in ospedale

Secondo lo studio dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), le infezioni invasive da MRSA correlate all’assistenza sanitaria sono diminuite del 54% tra il 2005 e il 2011, con 30.800 meno gravi infezioni da MRSA e 9.000 decessi in meno.

Uno studio simile condotto dal National Healthcare Safety Network (NHSN) ha rilevato che le percentuali di infezioni del flusso sanguigno MRSA associate all’assistenza sanitaria sono diminuite di quasi il 50% dal 1997 al 2007.

L’età media di una persona con MRSA associato all’assistenza sanitaria era di 68 anni.

Chi è a rischio di MRSA

Le persone maggiormente a rischio di sviluppare un MRSA associato all’assistenza sanitaria nell’ospedale includono quelle che hanno:

  • sistema immunitario indebolito
  • ferite aperte
  • inserito un catetere o una flebo endovenosa
  • brucia o taglia sulla superficie della pelle
  • condizioni di pelle severe
  • avuto un intervento chirurgico
  • antibiotici frequenti come parte del loro trattamento

MRSA associato alla comunità

Mischia di rugby

L’MRSA associato alla comunità viene contratto fuori dall’ambito ospedaliero; è meno comune di MRSA associato all’assistenza sanitaria. I fattori che causano un aumento del rischio di sviluppare MRSA associato alla comunità includono:

  • vivere in un ambiente con molte persone; basi militari, prigione, alloggi nel campus
  • regolare interazione pelle-pelle, ad esempio in sport di contatto o di collisione come rugby, hockey su ghiaccio, calcio e pallacanestro
  • taglia o sfiora la pelle o l’iniezione regolare di droghe
  • superfici contaminate
  • strutture antigieniche o mancanza di igiene personale
  • uso di antibiotici precedenti

Il CDC riferisce che il 14% delle persone con infezioni da MRSA le ha contratte al di fuori dell’assetto sanitario.

L’età media di una persona con MRSA associato alla comunità era 23 anni.

Le 5 C possono essere utilizzate per ricordare quali fattori rendono più semplice la trasmissione di MRSA:

  • affollamento
  • contatto (pelle a pelle)
  • pelle compromessa (ferite aperte)
  • contaminato (oggetti e superfici)
  • pulizia (mancanza di)

Sintomi di infezione da MRSA

I sintomi di MRSA dipendono da quale area del corpo è infetto. Sebbene molte persone portino i batteri MRSA nella loro mucosa (ad esempio, la membrana all’interno del naso), potrebbero non mostrare mai sintomi di infezione attiva.

Le infezioni della pelle di Staph, incluso l’MRSA, appaiono come un rigonfiamento o area irritata della pelle che potrebbe essere scambiata per una puntura d’insetto. L’area infetta potrebbe essere:

  • rosso
  • infiammata
  • doloroso
  • caldo al tatto
  • pieno di pus o altro liquido
  • accompagnato da una febbre

I sintomi di una grave infezione da MRSA nel sangue o nei tessuti profondi includono:

  • febbre di 100.4 ° F o superiore
  • brividi
  • malessere
  • vertigini
  • confusione
  • dolori e dolori muscolari
  • gonfiore e tenerezza nella parte del corpo interessata
  • dolore al petto
  • tosse
  • mancanza di respiro (dispnea)
  • mal di testa
  • eruzione cutanea
  • ferite che non guariscono

MRSA: suggerimenti per la prevenzione

I suggerimenti per prevenire l’MRSA dipendono dal fatto che sia associato all’assistenza sanitaria o associato alla comunità:

Prevenire l’infezione da MRSA associata all’assistenza sanitaria

Lavarsi le mani

Medici, infermieri e altri operatori sanitari adottano le seguenti misure per prevenire le infezioni da MRSA:

  • Pulizia delle mani: uso di sapone e acqua o strofinamento a base di alcol tra la cura dei pazienti.
  • Sale e attrezzature ospedaliere – assicurando una pulizia accurata.
  • Mantenere i pazienti con MRSA separati dagli altri pazienti – in una stanza singola o condivisi con un’altra persona che ha MRSA.
  • Abbigliamento per i fornitori di servizi sanitari – indossa guanti e camice per vestirsi mentre si prende cura dei pazienti affetti da MRSA.
  • Abbigliamento da visitatore – indossare guanti e abiti.
  • Smaltimento e pulizia: i visitatori e gli operatori ospedalieri rimuovono e smaltiscono abiti e guanti dopo essere usciti dalla stanza del paziente e lavarsi accuratamente le mani.
  • Accesso alle aree comuni – ai pazienti con MRSA verrà chiesto di limitare i movimenti intorno all’ospedale, evitare negozi di souvenir o mense e soggiornare nelle loro stanze.
  • Tampone MRSA – per identificare se alcuni pazienti non affetti da MRSA hanno MRSA sulla loro pelle.

Prevenire l’infezione MRSA associata alla comunità

Le seguenti azioni possono ridurre il rischio di MRSA associato alla comunità al di fuori degli ospedali:

  • lavaggio a mano regolare
  • tenere le unghie corte
  • evitando di condividere prodotti come saponi, lozioni, creme e cosmetici con altri
  • evitando di condividere gli asciugamani non lavati
  • evitando di condividere oggetti personali come rasoi, lime per unghie, spazzolini da denti, pettini o spazzole per capelli

Test e diagnosi di MRSA

Le persone sane sono a volte testate per identificare se hanno MRSA sulla loro pelle prima di essere ricoverate in ospedale. Il test prevede di tamponare l’interno delle narici o della pelle del paziente.

Se si scopre che la persona è colonizzata con MRSA, è possibile rimuovere (decolonizzare) i batteri usando:

  • lavaggio del corpo antibatterico o polvere per la pelle (bagni di clorexidina)
  • crema per l’interno del naso (mupirocina intranasale)
  • shampoo antibatterico per il cuoio capelluto (doccia con clorexidina / procedura bagno)

Saponi e pomate che uccidono i germi usati nelle unità di terapia intensiva (ICU) sono stati trovati per ridurre i casi di MRSA del 40 per cento.

Like this post? Please share to your friends: