Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Tutto quello che devi sapere sul beta carotene

Il beta carotene è un pigmento rosso-arancio che si trova nelle piante e nei frutti, in particolare le carote e le verdure colorate.

Il nome beta carotene deriva dal greco “beta” e dal latino “carota” (carota). È il pigmento giallo / arancio che conferisce alle verdure e ai frutti i loro ricchi colori. H. Wachenroder ha cristallizzato il beta carotene dalle radici di carote nel 1831 e ha inventato il nome di “carotene”.

In questo articolo, spieghiamo tutto sul beta carotene, su ciò che fa nel corpo e su quali alimenti si trova. Copriremo anche tutti i rischi associati.

Fatti veloci sul beta-carotene

Ecco alcuni punti chiave sul beta carotene. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • Il beta carotene è un pigmento rosso / arancione che si trova in molte frutta e verdura fresche
  • Il beta carotene viene convertito in vitamina A, una vitamina essenziale
  • La vitamina A è tossica ad alti livelli
  • Il beta carotene è un carotenoide e un antiossidante
  • Gli alimenti ricchi di vitamina A includono cipolle, carote, piselli, spinaci e zucca
  • Uno studio ha dimostrato che i fumatori con assunzione di carotene beta elevato potrebbero avere un aumentato rischio di cancro ai polmoni
  • Alcune prove suggeriscono che il beta carotene potrebbe rallentare il declino cognitivo
  • I supplementi di beta carotene interagiscono con alcuni farmaci, tra cui statine e olio minerale
  • Il beta carotene potrebbe aiutare le persone anziane a mantenere la loro forza polmonare con l’età.

Cos’è il beta carotene?

Il corpo umano converte il beta carotene in vitamina A (retinolo) – il beta carotene è un precursore della vitamina A. Abbiamo bisogno di vitamina A per la salute della pelle e delle membrane mucose, del nostro sistema immunitario e della buona salute e visione degli occhi.

Il beta-carotene in sé non è un nutriente essenziale, ma la vitamina A lo è. La formula chimica del beta carotene – C40H56 – fu scoperta nel 1907

La vitamina A può essere ricavata dal cibo che mangiamo, per esempio attraverso il beta carotene, o in forma di supplemento. Il vantaggio del beta-carotene alimentare è che il corpo converte solo quanto ha bisogno.

L’eccesso di vitamina A è tossico. Livelli di vitamina A tossici possono verificarsi se si consumano troppi integratori.

Usi e benefici del beta carotene

Esistono diversi modi in cui il beta carotene può essere di beneficio per la salute umana. Di seguito, diamo alcuni esempi:

Il beta carotene è un antiossidante

Un fenicottero
Il caratteristico colore rosso-arancione del fenicottero è causato dal beta carotene nella loro dieta.

Il beta carotene, come tutti i carotenoidi, è un antiossidante. Un antiossidante è una sostanza che inibisce l’ossidazione di altre molecole; protegge il corpo dai radicali liberi.

I radicali liberi danneggiano le cellule attraverso l’ossidazione. Alla fine, il danno causato dai radicali liberi può causare diverse malattie croniche.

Diversi studi hanno dimostrato che gli antiossidanti attraverso la dieta aiutano il sistema immunitario delle persone, proteggono dai radicali liberi e riducono il rischio di sviluppare cancro e malattie cardiache.

Alcuni studi hanno suggerito che coloro che consumano almeno quattro porzioni al giorno di beta carotene ricchi di frutta e / o verdura hanno un rischio inferiore di sviluppare cancro o malattie cardiache.

Il beta carotene può rallentare il declino cognitivo

Bicchiere di succo di carote e carote
Le carote sono un’ottima fonte di beta carotene.

Gli uomini che assumono integratori di beta carotene per 15 o più anni hanno una probabilità molto minore di sperimentare un declino cognitivo rispetto ad altri maschi, i ricercatori della Harvard Medical School hanno riferito in (numero di novembre 2007).

Lo stress ossidativo è pensato per essere un fattore chiave nel declino cognitivo, hanno spiegato i ricercatori. Gli studi hanno dimostrato che i supplementi antiossidanti possono aiutare a prevenire il deterioramento della cognizione.

Il loro studio, che ha coinvolto 4052 uomini, ha confrontato quelli con gli integratori di beta carotene per una media di 18 anni ad altri a cui è stato somministrato il placebo. Nel breve termine, non hanno riscontrato differenze nel rischio di declino cognitivo tra i due gruppi di uomini, ma nel lungo periodo è stato chiaro che gli integratori di beta carotene hanno fatto una differenza significativa.

I ricercatori hanno sottolineato che potrebbero esserci stati altri fattori che hanno contribuito al declino più lento delle capacità cognitive tra gli uomini nel gruppo del beta-carotene.

Il beta carotene mantiene sani i polmoni quando le persone invecchiano

ha pubblicato un rapporto nel marzo 2006 che ha dimostrato che livelli elevati di beta-carotene nel sangue compensano parte del danno ai polmoni causato dai radicali liberi dell’ossigeno.

Hanno misurato il FEV1 di 535 partecipanti e misurato i loro livelli di beta carotene nel sangue. FEV1 misura quanta aria puoi espirare in una volta sola. Hanno scoperto che quelli con alti livelli di beta carotene avevano un declino molto più lento nelle misure del FEV1.

Quali alimenti sono ricchi di beta carotene?

I seguenti alimenti sono ricchi di beta carotene:

  • albicocche
  • Asparago
  • broccoli
  • Carote
  • cavolo cinese
  • Erba cipollina
  • Foglie di tarassaco
  • Pompelmo
  • Erbe e spezie – peperoncino in polvere, origano, paprika, prezzemolo
  • cavolo
  • Ketchup
  • Molte margarine
  • Cipolle
  • Piselli
  • Peperoni
  • Prugne
  • Zucca
  • Spinaci
  • Schiacciare
  • Patate dolci.

Se segui una dieta sana ricca di beta carotene non hai bisogno di integratori. Come accennato in precedenza, gli integratori possono portare a eccessi indesiderati nei livelli di beta carotene – questo non può accadere se la fonte proviene dal cibo che mangi.

Effetti collaterali

Uno studio francese su donne adulte pubblicato nel numero di settembre 2005 ha rilevato che i fumatori con livelli di beta-carotene hanno un rischio più elevato di cancro ai polmoni e di altri tumori correlati al fumo rispetto ad altri fumatori. Hanno anche scoperto che i non fumatori con assunzione di carotene beta hanno un rischio più basso di cancro ai polmoni.

Hanno scoperto che il rischio di cancro ai polmoni per un periodo di dieci anni era:

  • 181,8 per 10.000 donne per non fumatori con assunzione di carotene a beta ridotto
  • 81,7 per 10.000 donne per non fumatori con assunzione di carotene ad alto beta
  • 174 per 10.000 donne per i fumatori con carotene a basso contenuto di beta
  • 368,3 per 10.000 donne per i fumatori con assunzione di carotene ad alto beta.

Ulteriori ricerche hanno suggerito che l’assunzione elevata tra i fumatori è quasi sempre dovuta agli integratori e non all’assunzione di cibo.

Interazioni con beta-carotene

L’interazione farmacologica si riferisce a una sostanza che interferisce nel modo in cui un farmaco funziona, rendendolo meno efficace, aumentando la sua potenza o modificando ciò che si suppone faccia.

I seguenti farmaci possono essere influenzati dagli integratori di beta carotene:

  • Statine – l’efficacia di simvastatina (Zocor) e niacina può essere ridotta se il paziente sta assumendo beta carotene con selenio e vitamine E e C.
  • Alcuni farmaci che abbassano il colesterolo – colestiramina e colestipolo possono ridurre i livelli ematici di beta-carotene nella dieta dal trenta al quaranta percento.
  • Orlistat (Xenical, Alli) – questo è un farmaco per il controllo del peso. Può minare l’assorbimento di beta-carotene fino al 30 percento, con conseguente abbassamento dei livelli di beta-carotene nel sangue. Chi sceglie di assumere un multivitaminico mentre è in orlistat deve prenderli almeno due ore prima di assumere il farmaco.
  • Olio minerale – usato per il trattamento della stitichezza può abbassare i livelli ematici di beta carotene.

Il consumo di alcol a lungo termine può interagire con il beta carotene, aumentando le possibilità di sviluppare problemi al fegato.

Like this post? Please share to your friends: