Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Tutto quello che devi sapere sulla riparazione dell’ernia

L’ernia si verifica quando un organo o un tessuto interno si rompono attraverso un foro nei muscoli. La chirurgia per la riparazione dell’ernia o l’herniorrafia comportano il ritorno dei tessuti spostati nella posizione corretta.

L’ernioplastica è un tipo di intervento chirurgico di riparazione dell’ernia in cui viene cucito un cerotto a rete sulla regione indebolita del tessuto.

La chirurgia per la riparazione dell’ernia è uno degli interventi chirurgici più comuni da eseguire. Secondo uno studio del 2014 dell’Associazione dei chirurghi VA, oltre 350.000 ernie ventrale o quelle nella regione addominale vengono riparate ogni anno negli Stati Uniti.

Fatti veloci sulla riparazione dell’ernia:

  • Le piccole ernie non possono causare alcun sintomo
  • In generale, gli ambulatori di ernia sono classificati come herniorrhaphy o hernioplasty.
  • Le riparazioni dell’ernia sono interventi diurni, quindi le persone tornano a casa poche ore dopo.
  • Gli interventi di ernia sono considerati abbastanza sicuri ed efficaci.

Chirurgia

Chirurghi che lavorano in sala operatoria, con attrezzature e macchine in background.

Spesso occorrono da 1 a 2 anni prima che le ernie inizino a causare sintomi evidenti, irritanti o dolorosi. Alcune persone possono solo notare sintomi di ernia quando fanno attività, come ad esempio un intenso esercizio fisico, per esempio.

I sintomi e i sintomi dell’ernia che indicano che la chirurgia potrebbe essere necessaria includono:

  • dolore o disagio ernia a lungo termine
  • dolore o disagio che interferisce con le attività quotidiane
  • dolore o disagio che si intensificano o peggiorano nel tempo
  • grandi ernie
  • ernie a crescita rapida
  • ernie in luoghi dove potrebbero peggiorare o allargarsi, come l’inguine
  • forte dolore addominale e vomito
  • ernie che fanno pressione sui nervi per causare irritazione e intorpidimento

In alcuni casi, le ernie non finiscono mai per causare sintomi sufficienti a giustificare un intervento medico. Ma le ernie non possono risolversi o guarire senza un intervento chirurgico, quindi quando si manifestano sintomi negativi è necessario un intervento chirurgico.

Tipi di riparazione

I diversi tipi di chirurgia dell’ernia includono:

Herniorrhaphy (riparazione dei tessuti)

Letto d'ospedale.

L’herniorrafia è il più antico tipo di chirurgia dell’ernia e viene ancora utilizzata. Coinvolge un chirurgo che effettua una lunga incisione direttamente sopra l’ernia, quindi usando strumenti chirurgici per aprire il taglio abbastanza per accedervi.

I tessuti o un organo spostato vengono quindi riportati nella loro posizione originale e il sacco erniario viene rimosso.

Il chirurgo ricuce i lati dell’apertura o foro del muscolo attraverso il quale sporgeva l’ernia. Una volta che la ferita è stata sterilizzata, viene cucita chiusa.

Hernioplasty (riparazione delle maglie)

Nell’ernioplastica, invece di cucire l’apertura del muscolo chiusa, il chirurgo lo copre con una maglia piatta e sterile, solitamente fatta di plastica flessibile, come il polipropilene o il tessuto animale.

Il chirurgo esegue piccoli tagli attorno al foro nella forma della rete e poi ricuce il cerotto nei tessuti circostanti sani e intatti.

I tessuti danneggiati o deboli che circondano l’ernia useranno la rete, come supporto, rinforzando l’impalcatura mentre ricrescono.

L’hernioplastica è meglio conosciuta come la riparazione dell’ernia senza tensioni.

Tipi di ernia

Il tipo di riparazione può dipendere dalla natura dell’ernia. Tre tipi di ernie sono più comuni, tra cui:

  • Ernia riducibile: quando l’ernia può essere spinta all’indietro nell’apertura, è passata attraverso.
  • Ernia irriducibile o incarcerata: quando l’organo o i tessuti addominali hanno riempito il sacco erniario, e non può essere spinto indietro attraverso il foro che ha attraversato.
  • Ernia strangolata: quando una parte di un organo o di un tessuto si blocca all’interno dell’ernia con il suo apporto di sangue, spesso viene interrotta.

Entrambe le tecniche di chirurgia dell’ernia possono essere eseguite attraverso una grande incisione o laparoscopica, che comporta l’accesso ai tessuti malriposti attraverso tre o quattro piccoli tagli fatti adiacenti all’ernia.

Gli interventi di chirurgia laparoscopica vengono eseguiti con un cavo in fibra ottica illuminato chiamato laparoscopio che funziona come una videocamera. Inserendo il laparoscopio attraverso i piccoli tagli, i chirurghi possono vedere cosa stanno facendo all’interno del corpo di qualcuno.

Recupero

Prima che una persona venga dimessa dall’ospedale, il chirurgo spiegherà quali attività dovrebbero essere evitate e per quanto tempo.

Di solito ci vogliono da 3 a 6 settimane per un recupero completo dopo interventi di ernia. Di solito, occorrono da 1 a 2 settimane prima che una persona possa tornare alle attività quotidiane e al lavoro.

complicazioni

Come con tutti gli interventi chirurgici, ci sono alcuni effetti collaterali associati a interventi chirurgici di riparazione di ernia.

Il sito o la ferita dell’incisione apparirà probabilmente notevolmente gonfio e rosso. Di solito sarà anche doloroso, soprattutto al tatto.

Il dolore da banco o i farmaci antinfiammatori possono aiutare a ridurre l’infiammazione e i sintomi associati. L’infiammazione può anche essere ridotta più immediatamente applicando ghiaccio nell’area per intervalli di 10 minuti una volta ogni ora.

Meno comuni, ma possibili complicazioni e rischi associati agli interventi di riparazione dell’ernia includono:

  • infezione
  • danno di organi o tessuti
  • ricorrenza o ritorno dell’ernia
  • sieroma o un sacco pieno di liquido sotto la superficie della pelle
  • danno nervoso e nevralgia o dolore nervoso che provoca formicolio o intorpidimento
  • costipazione o movimenti intestinali lenti
  • incapacità o difficoltà a urinare
  • incontinenza o perdite di urina
  • emorragia o emorragia interna ed ematoma o accumulo di sangue sulla ferita
  • ampie cicatrici o adesioni
  • ernia incisionale che si sviluppa attraverso un taglio chirurgico
  • fistola o un’apertura anormale tra due organi
  • infezione del tratto urinario
  • coagulo di sangue
  • polmonite, infezione polmonare o difficoltà respiratorie
  • complicazioni o insufficienza renale
  • dolore alla rete

Quando vedere un dottore

Medico che spiega qualcosa a un paziente.

Segni e sintomi che dovrebbero essere valutati da un medico includono:

  • l’incisione rimane infiammata e dolorosa per più di pochi giorni dopo l’intervento, soprattutto se i sintomi peggiorano o diventano più intensi
  • si sviluppano nuovi sintomi che non erano presenti nelle ore immediatamente successive all’intervento
  • febbre
  • rigonfiamento dell’ernia cambia colore, in particolare una tonalità scura di rosso o viola
  • pallore o cambiamento nella tonalità della pelle
  • odore o scarico dall’incisione, sangue, micio o liquido limpido
  • la ferita dell’incisione non guarirà
  • testicoli duri e rigonfi
  • infiammazione e dolore che non risponde ai farmaci per il dolore o al ghiaccio
  • crampi allo stomaco
  • nessun movimento intestinale per 3 o più giorni
  • forte dolore addominale e vomito

Complicanze più gravi che richiedono l’intervento medico immediato, più comunemente infezioni, possono verificarsi nei giorni e nelle settimane successive all’intervento.

Fattori di rischio

Alcuni fattori possono complicare gli interventi chirurgici per la riparazione dell’ernia e aumentare il rischio di effetti collaterali negativi o il fallimento della chirurgia.

I fattori di rischio comuni per le ernie e in fase di riparazione dell’ernia includono:

  • età
  • obesità
  • gravidanza
  • storia famigliare
  • occupazione
  • stipsi
  • fumo
  • alta pressione sanguigna
  • disturbi del tessuto connettivo
  • malnutrizione

Nel caso della gravidanza, circa 1 su 2.000 donne americane sviluppano un’ernia durante le loro gravidanze, secondo l’American College of Surgeons.

I fattori di rischio per lo sviluppo di un’ernia sono gli stessi di quelli che tendono ad aumentare il rischio di sviluppare o di avere ernie ricorrenti.

Like this post? Please share to your friends: