Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Tutto su dieta, colesterolo e lipoproteine

Poche cose nella nutrizione e nella salute pubblica sono controverse come il rischio di colesterolo e malattie cardiache, così come i due sono influenzati dalla dieta.

C’è un’enorme quantità di ricerche su questo argomento, ma molte di esse sono macchiate da pregiudizi e influenze commerciali.

Inoltre, una grande percentuale di professionisti della salute sembra basare le loro raccomandazioni sulla conoscenza che è diventata obsoleta molti anni fa.

Aterosclerosi e malattie cardiache

Molecola di colesterolo

Quando si parla di malattie cardiache, è importante capire esattamente cosa ciò significhi.

Il cuore è un muscolo che genera la forza che spinge il sangue attraverso il nostro sistema vascolare.

Il cuore richiede un rifornimento costante di ossigeno e carburante e ha il proprio apporto di sangue privato … le arterie coronarie, che circolano nel cuore.

L’aterosclerosi è il termine tecnico per ciò che guida la malattia cardiaca. Coinvolge strutture piene di colesterolo chiamate “placche” che si accumulano all’interno della parete arteriosa.

Questa placca diventa sempre più grande, colmando colesterolo, cellule infiammatorie e ogni sorta di danno tissutale.

Alla fine, quando questo processo progredisce da decenni, questa placca può rompersi. Quando ciò accade, il sangue nei coaguli dell’arteria.

Questo coagulo di sangue può ostruire l’arteria coronaria e bloccare il flusso di sangue, parzialmente o completamente, che priva il cuore dell’ossigeno.

A meno che il coagulo non sia sciolto o rimosso molto rapidamente (come per via di un intervento chirurgico di emergenza), una parte del muscolo cardiaco morirà, non si riprenderà mai completamente. Questo è quello che viene chiamato un attacco di cuore, e se abbastanza grave, può causare la morte.

Questa malattia è in realtà la causa più comune di morte nel mondo e lo è stata per il secolo scorso (1). Per questo motivo, l’importanza di capire come prevenirlo non può essere sopravvalutata.

Un passo fondamentale nel processo di malattia del cuore è uno sterolo (principalmente colesterolo) che trova la sua strada all’interno della parete arteriosa, quindi viene mangiato da una cellula chiamata macrofago.

I macrofagi sono cellule che “mangiano” altre molecole, batteri e persino altre cellule. Fanno parte del sistema immunitario e si trovano ovunque nel corpo.

Quando il colesterolo supera la parete arteriosa e viene mangiato da un macrofago, inizia una reazione infiammatoria che esacerba ulteriormente la condizione e può portare a un circolo vizioso.

Le malattie cardiache sono in realtà un processo molto complicato e coinvolgono vari altri fattori … tra cui l’infiammazione e lo stress ossidativo.

Ma il punto più importante di questa discussione è che senza il colesterolo oltrepassato il muro arterioso e mangiato da un macrofago, la malattia cardiaca non accadrà.

Perché abbiamo il colesterolo?

Il colesterolo è una molecola organica di cui gli esseri umani non possono vivere senza.

Si trova nella membrana di ogni singola cellula del corpo, aiutando a regolare la fluidità e la struttura.

Il colesterolo è anche usato per produrre steroidi come il testosterone, il cortisolo, gli estrogeni e la forma attiva della vitamina D.

La verità è che il colesterolo è così importante che il corpo ha sviluppato molti meccanismi incredibilmente complessi per assicurarci di averne sempre abbastanza.

La maggior parte del colesterolo nel nostro corpo è in realtà prodotto dalle nostre stesse cellule e ogni cellula del corpo può produrre colesterolo. Il colesterolo che mangiamo è di solito una fonte minore rispetto alla quantità che produciamo.

Senza colesterolo, l’uomo (e altri animali) non esisterebbe. Chiaro e semplice.

Cos’è il colesterolo?

Quando la gente parla di “colesterolo” per quanto riguarda la salute del cuore, di solito non sta parlando di colesterolo stesso.

Dottore maschio

Invece, si riferiscono alle strutture che trasportano il colesterolo in giro, chiamate lipoproteine.

Perché il colesterolo è liposolubile, non può viaggiare attraverso il flusso sanguigno da solo. È come una goccia d’olio in un bicchiere d’acqua, semplicemente non si mescolerà.

Per questo motivo, il colesterolo viene trasportato intorno al flusso sanguigno in lipoproteine, che funzionano come veicoli portanti.

Le lipoproteine ​​trasportano anche altre molecole, come i trigliceridi (grassi), i fosfolipidi e le vitamine liposolubili.

Le lipoproteine ​​sono fondamentalmente un nucleo pieno di grassi e colesterolo, insieme a una membrana lipidica che contiene proteine ​​chiamate apolipoproteine.

Esistono molti tipi di lipoproteine, ma i due più importanti sono chiamati LDL (Low Density Lipoprotein) e HDL (High Lipens Lipoprotein).

Questi sono comunemente chiamati colesterolo “cattivo” e “buono”, ma questo è in realtà inaccurato. Tutto il colesterolo è lo stesso, sono le lipoproteine ​​che sono diverse.

Quello che i medici misurano abitualmente, il colesterolo totale, l’LDL-c e l’HDL-c, si riferisce alla quantità di colesterolo trasportato all’interno di diversi tipi di lipoproteine.

Avere un alto colesterolo “totale” significa che hai molto “colesterolo” nel sangue, ma non dice nulla su quali lipoproteine ​​sia presente.

Avere un alto livello di LDL significa che molto del colesterolo nel sangue è confezionato nelle lipoproteine ​​LDL. Avere un HDL alto significa che molto di esso è confezionato in lipoproteine ​​HDL.

Il colesterolo “totale” è in realtà un indicatore piuttosto inutile, perché avere un elevato HDL (protettivo) contribuisce a un alto colesterolo totale.

Quindi … è fondamentale capire che la cardiopatia NON è una malattia da colesterolo, è una malattia da lipoproteina.

Avere un sacco di “colesterolo” nel sangue non è una brutta cosa, a meno che questo colesterolo non venga portato in giro con le lipoproteine ​​sbagliate.

È risaputo che avere un sacco di colesterolo nelle lipoproteine ​​LDL è associato a malattie cardiache, mentre il fatto di averlo trasportato dalle lipoproteine ​​HDL è associato a un rischio ridotto (2, 3).

Questo è un esempio di dove “saggezza convenzionale” è giusto … ma questa è ancora una drastica semplificazione che spesso porta a conclusioni sbagliate.

Per capire che cosa le lipoproteine ​​hanno davvero a che fare con le malattie cardiache, allora dobbiamo iniziare a guardare più marcatori “avanzati” come il numero di particelle LDL.

colesterolo LDL

Quando si tratta di rischio di malattie cardiache, le lipoproteine ​​LDL sono le più importanti.

Tuttavia … l’immagine è molto più complicata del semplice “LDL = cattivo”.

Esistono sottotipi di LDL, principalmente a seconda delle dimensioni.

La loro taglia è spesso classificata come “LDL piccolo, denso” o “LDL grande” (4, 5, 6).

Gli studi dimostrano che le persone che hanno per lo più piccole particelle, chiamate Pattern B, hanno un rischio fino a tre volte maggiore rispetto alle persone con particelle per lo più grandi, chiamate Pattern A (7).

Tuttavia, il marker più importante di tutte è il numero di particelle LDL (chiamate LDL Particle Number o LDL-p).

La loro dimensione, così come la quantità di colesterolo (LDL-c) che trasportano, diventa priva di significato quando si conta per il numero di particelle LDL.

Per capire come LDL-c, LDL size e LDL-p sono correlati, immagina di riempire un secchio con palline da golf e palline da tennis.

Il secchio è la quantità totale di colesterolo contenuta all’interno di LDL (LDL-c). Le palline da golf sono piccole LDL, mentre le palline da tennis sono grandi LDL.

Il numero totale di palline è il numero di particelle LDL.

Puoi riempire il secchio con palline da tennis o palline da golf. Il secchio sarà altrettanto pieno, ma se usi palline da golf il numero di palline nel secchio sarà molto maggiore.

LDL “colesterolo” è lo stesso … per un dato livello di LDL, avere più piccole particelle significherà che avrete un numero molto più alto di particelle, portando la stessa quantità di colesterolo.

È possibile trasportare una certa quantità di colesterolo in un numero elevato di LDL di piccole dimensioni oppure è possibile trasportare la stessa quantità in un numero basso di LDL di grandi dimensioni.

Secondo Peter, il motivo principale per cui il piccolo LDL è cattivo, è perché le persone che hanno LDL per lo più piccole hanno maggiori probabilità di avere un numero totale maggiore di particelle.

Non è la piccola dimensione che guida le malattie cardiache, ma il fatto che le persone con piccole particelle tendono ad avere un numero maggiore di particelle.

In altre parole, avere un sacco di piccole LDL è un marker per un altro problema più importante.

Secondo lo studio del cuore del Quebec, di cui Peter parla nel video, le dimensioni LDL non sono importanti quando il numero di particelle LDL è controllato per (7)).

Un grosso problema quando si usa LDL-c per determinare il rischio di malattie cardiache, è che è possibile avere LDL-c normale o scadente, pur avendo un alto LDL-p.

Sebbene LDL-c e LDL-p siano di solito correlati, a volte non lo sono. Questo è chiamato discordance (8).

La verità è che LDL-p è ciò che conta davvero qui. Misurare solo LDL-c può essere fuorviante, perché è irrilevante a meno che LDL-p non sia elevato.

LDL-p può anche essere stimato misurando un altro marker chiamato ApoB. Ogni particella di lipoproteina LDL ha una proteina ApoB (Apoproteina B), quindi più alto è il numero, più alto è il numero di particelle LDL.

Il numero di particelle LDL è un fattore di rischio “avanzato” che molti operatori sanitari non conoscono e viene raramente misurato.

Tuttavia, potrebbe essere solo il fattore di rischio più forte e più importante che ci sia per le malattie cardiache. Ha un ruolo diretto da svolgere nel processo patologico.

Cosa aumenta il colesterolo LDL?

Bicchiere pieno di zucchero.

Di nuovo … le malattie cardiache non avvengono senza che il colesterolo raggiunga la parete dell’arteria.

Il colesterolo è il “carico” mentre le lipoproteine ​​sono le “barche”.

Più barche hai, maggiori sono le probabilità che alcune di queste lipoproteine ​​penetrino nella parete arteriosa.

Pertanto, qualsiasi cosa aumenti il ​​numero di particelle LDL nel sangue aumenterà il rischio di malattie cardiache.

È interessante notare che carboidrati raffinati e zucchero sembrano essere i principali colpevoli qui.

Uno studio di cui parla Peter ha dimostrato che fruttosio e HFC aumentano drasticamente i trigliceridi e l’ApoB (un marcatore per LDL-p) nel sangue di soggetti sani (9).

Questo è accaduto in meno di 2 settimane, usando quantità di zucchero che sono simili al consumo medio delle persone.

Un altro fatto interessante è che le diete a basso contenuto di carboidrati tendono a ridurre ApoB / LDL-p, indicando che anche se possono lievemente aumentare LDL-c (che di solito non si verifica nemmeno, in media), dovrebbero portare a un rischio ridotto di malattie cardiache (10, 11).

Se guardiamo LDL-p o ApoB invece di LDL-c, l’immagine della dieta e del rischio di malattie cardiache cambia drasticamente.

Se prendiamo in considerazione questi indicatori, allora le malattie cardiache sono guidate principalmente dallo zucchero e dai carboidrati raffinati, mentre una dieta povera di carboidrati dovrebbe ridurre direttamente il rischio.

Tuttavia … come ho detto prima, un sottoinsieme di individui sperimenta un aumento del LDL-p su una dieta a basso contenuto di carboidrati, quindi potrebbe non funzionare in questo modo per tutti.

Non è noto se ciò sia importante nel contesto di miglioramenti in altri marcatori (pressione sanguigna, infiammazione, glicemia, trigliceridi, HDL, ad esempio).

Ulteriori letture

Se vuoi approfondire ulteriormente la scienza alla base di tutto questo, allora Peter ha scritto una serie completa in 9 parti sul suo blog, The Eating Academy.

La serie si chiama “The Straight Dope on Colesterolo”: Parti I, II, III, IV, V, VI, VII, VIII, IX.

Naturalmente, anche la lunga serie di Peter è una grande semplificazione di un argomento molto complicato.

Ci sono molti altri fattori coinvolti, tra cui la pressione sanguigna, l’infiammazione e lo stress ossidativo, e la maggior parte di queste cose sono ancora oggetto di discussione da parte degli scienziati.

Il colesterolo è cattivo?

Mi riferisco spesso a HDL e LDL come colesterolo “buono” e “cattivo” nei miei articoli.

La ragione principale è che cerco di scrivere articoli comprensibili da un pubblico laico e la maggior parte delle persone ha familiarità con questi termini.

Tuttavia … potrei contribuire alla confusione e alla disinformazione facendo così e considererò attentamente la mia scelta di parole in futuro.

Osservando lo stato attuale delle prove, diventa molto chiaro che il “colesterolo” NON è il nemico.

La malattia cardiaca non è una malattia del colesterolo, è guidata dalle lipoproteine ​​che trasportano il colesterolo in giro.

video

Nel video qui sotto, il Dr. Peter Attia, un medico e uno dei fondatori della Nutrition Science Initiative, spiega tutto ciò che è necessario sapere su dieta, colesterolo e lipoproteine.

Se sei un appassionato di nutrizione (probabilmente se stai leggendo questo), ti consiglio vivamente di guardare questo video, anche più di una volta.

Questo video spiega meglio di qualsiasi cosa abbia mai visto in che modo tutte queste cose sono correlate alla dieta e al modo in cui influiscono sul nostro rischio di malattie cardiache.

Tutto questo è un pezzo fondamentale del puzzle se vuoi capire le complesse interazioni tra grasso, carboidrati, dieta e salute.

Like this post? Please share to your friends: